Dipendenti non collocati al Consorzio di Bacino: Allarme Fiadel

Consorzio di Bacino: Stato di agitazione dei lavoratori e appello alla Prefettura della Fiadel. 

Angelo Rispoli segretario Csa-Fiadel interviene a sostegno dei dipendenti non collocati: «Subito un confronto per chiarire la situazione dei lavoratori». 

Consorzio bacino-Angelo Rispoli

Consorzio bacino-Angelo Rispoli

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Dipendenti del Consorzio di Bacino non collocati, chiesto un tavolo alla prefettura per la procedura di raffreddamento e conciliazione. I sindacati lanciano un appello proclamando lo stato di agitazione, sottolineando le gravi condizioni in cui versano gli operatori delsettore rifiuti in provincia di Salerno. Una situazione legata all’attuazione della legge regionale 14 del 2016.

«I Comuni interessati ad indire procedure di gare di evidenza pubblica per l’affidamentodel servizio di igiene urbana, non procedono nel rispetto della stessa in merito alla garanzia occupazionale di tutti i lavoratori aventi diritto al passaggio di gestione, in quanto non prevedono e non procedono ad assorbire le unità lavorative che sono da sempre impegnati a garantire i servizi espletati sui diversi cantieri dei comuni appartenenti ai Consorzi di Bacino, e per cui obbligatoriamente una quota percentuale degli stessi dovrebbe ricadere sul singolo cantiere insieme al personale effettivamente cantierizzato – ricorda Angelo Rispoli, segretario della Csa Fiadel – Questa problematica è caratterizzata dal fatto che iConsorzi di Bacino hanno avuto in gestione il servizio per i Comuni associati e quando uno di essi “esce” dal Consorzio facendo una propria gara di affidamento e assorbe (quando va bene) i lavoratori che operano sul cantiere, lascia quasi sempre al Consorzio il personale “intercantiere/indiretto” necessario ad assicurare le attività collettive per tutti iComuni. Questo fatto ha determinato un grave emergenza sociale per questi lavoratori, lasciati inattivi in capo al Consorzio».

Un’emergenza che ha spinto le parti sociali a rivolgersi nuovamente al prefetto Francesco Russo, con la richiesta di un summit: «Viste le ultime note del Consorzio di Bacino SA2, con cui si comunica lacessazione dei servizi su quei Comuni ad oggi ancora serviti e la collocazione in disponibilità dei lavoratori non cantierizzati, mentre per i Consorzi di Bacino SA1 e SA4 la situazione è già da tempo caratterizzata da una situazione sociale estremamente grave, chiediamo al prefetto di convocare un tavolo monotematico sulla problematica dei lavoratori ad oggi ancora non cantierizzati con tutte le parti in indirizzo, utilizzando quanto nei propri poteri affinché nessuno risulti assente». Conclude Rispoli.

Salerno, 3 maggio 2019

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente