Metalmeccanici contro il Governo e si riprendono le Piazze

Bentivogli Cisl: “Il Governo come Schettino: si avvicina alla scogliera per prendere applausi ma sta facendo affondare la nave?”

Milano, Firenze e Napoli: metalmeccanici contro il Governo. Landini CGIL e Bentivogli Fim a Milano; Furlan Cisl e Palombella Uilm a Firenze; Barbagallo Uil e Re David a Napoli con in testa al corteo i lavoratori Whirpool. I sindacati chiedono: il rilancio degli investimenti pubblici e privati; sostegno all’occupazione, salute, sicurezza. Si va verso lo sciopero generale.

Corteo metalmeccanici Milano-Bentivogli-Landini

Corteo metalmeccanici Milano-Bentivogli-Landini

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

MILANO – È mentre il PD è preso dal caso Luca Lotti e il CSM; Matteo Salvini ha preso di mira le Cassette di Sicurezza per “svuotarle” e finanziare la Flat Tax; Luigi Di Maio da ottobre a oggi, dopo tanti tentennamenti sul caso Whirpull e non di meno sulla Treofan, finalmente caccia fuori le “palline” e scrive tre lettere di minaccia alla proprietà, peccato che non si accorge che due le manda a se stesso (Ministero del Lavoro e Ministero dello Sviluppo economico) e l’altra ad Invitalia. Che paraculo; I metalmeccanici della Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil, oggi (ieri per chi legge), hanno scioperato otto ore, e hanno sfilato in tre manifestazioni indette in contemporanea a Milano, Firenze e Napoli, per chiedere al Governo ma non solo, anche agli industriali, di mettere al centro dell’agenda politica, di governo, di strategia delle imprese: il lavoro, l’industria, i salari, i diritti.

Bentivogli-Landini-Corteo Milano

Bentivogli-Landini-Corteo Milano

Una prova di forza quella del Sindacato, che con lo slogan che accompagna la campagna: “Futuro per l’industria“; finalmente si riprende la Piazza e si riappropria del suo ruolo, togliendo la scena a Lega e M5S, i quali, con la scusa del “Contratto di Governo“, a giorni alterni si scambiano i ruoli e a turno dopo che hanno lasciato la “stanza” del Governo, si cambiano il giubbino, scendono in piazza e protestano contro se stessi prendendo per culo gli italiani.

E tra un si e un no, una minaccia e un accordo, una cosa a me e una a te, fanno talmente pena che sono riusciti a “riesumare” il Sindacato, che dopo le riuscitissime manifestazioni di protesta hanno minacciato uno sciopero generale. Una riesumazione che fa trovare a Marco Bentivogli, segretario Fim-cisl intervistato nel corso della manifestazione di Milano una similitudine più che appropriata che addirittura rende più delle manifestazione stessa nel momento in cui dichiara: “Il Governo in questa permanente campagna elettorale fa un po’ come Schettino: si avvicina alla scogliera per prendere applausi ma sta facendo affondare la nave?” E giù di lì sono state subito riprese da giornali, siti web, TV e Radio, diventando virale sui social.

Salvini-Conte-Di Maio

Salvini-Conte-Di Maio

La mobilitazione delle tute blu farà parlare di sé e si va ad inserire in un momento di particolare confusione politica, ma anche di una forte crisi industriali fatta di decine di vertenze mal gestite dal Governo e da Di Maio, e un esempio eclatante è rappresentato dall’ex ILVA, dalla Treofan Italia, e in ultime dalla Whirlpool e tante altre in Italia: Vertenze portate alla lunga, sottovalutate, non affrontate, che però mettono a rischio un gran numero di lavoratori che “va dagli 80.000 ai 280.000″, così come ha stimato la Fim.

La denuncia in soldoni è “la mancanza di una qualsiasi idea credibile di politica industriale“, conseguenza che indebolisce il Paese divenuto terreno di conquista delle multinazionali fino ad insidiare distruggere anche la sua ricchezza manifatturiera. E con questi chiari di luna i sindacati chiedono il rilancio degli investimenti pubblici e privati ed il sostegno all’occupazione, chiedono più salute e sicurezza, un basta agli incidenti ed alle vittime sul lavoro:  tutti temi che devono essere rimessi al centro dell’agenda politica.

Corteo Napoli Whirlpool

Corteo Napoli Whirlpool

Più che il giorno dei Sindacati è stato il giorno dei metalmeccanici delle tre sigle sindacali che: a Milano ha visto in corteo i segretari generali della Cgil Maurizio Landini e della Fim Marco Bentivogli; a Firenze i segretari generali della Cisl Annamaria Furlan e della Uilm Rocco Palombella; A Napoli i segretari generali della Uil Carmelo Barbagallo e della Fiom Francesca Re David. A Napoli  poi hanno partecipato massicciamente i lavoratori della Whirpooll i quali dalla testa del corteo hanno guidato la manifestazione.

Milano, 15 giugno 2019

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente