“Area non idonea” & Rifiuti: Per “Muoviamoci” una opportunità per Battipaglia

Ail Gruppo “Muoviamoci per Battipaglia” la dichiarazione di “Area non idonea” e satura è una opportunità per la Città. 

Cappuccio e Zaccaria (Muoviamoci per Battipaglia) rispondono alle polemiche: “Battipaglia dichiarata area non idonea per l’insediamento e l’ampliamento delle aziende di rifiuti. E’ un risultato storico per Battipaglia, senza se e senza ma, chi fa polemiche dimostra di non aver capito l’importanza di un atto del genere“.

Davide Bruno Assessore Battipaglia

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Le polemiche sono intempestive e sterili. Battipaglia ha bisogno di rinascere dalle macerie lasciate da altri e ha la necessità di non diventare il museo delle attività/opere chiuse ed inutilizzabili. – dichiaravano qualche mese fa i Consiglieri Comunali Roberto Cappuccio, Gerardo Zaccaria del Gruppo “Muoviamoci per Battipaglia” in difesa dell’Assessore Davide Bruno riconoscendogli impegno e valore dal momento in cui aveva sbloccato decine di provvedimenti e ne aveva proposto e portati a conclusione altri come nel caso del “fattore di Pressione“.

Lo faceva allora e lo fa oggi all’indomani del risultato ottenuto l’altro ieri, dal momento in cui con un deliberato della Provincia di Salerno, la Città di Battipaglia è stata dichiarata “area non idonea, rispetto a nuovi insediamenti che a vario titolo trattano immondizia, mettendo un punto fermo a questo capitolo, aprendo e uno completamente nuovo che sicuramente vedrà gli Enti Comune, Provincia, Regione impegnarsi a ricostruire la vivibilità, mettendo in atto tutte le misure per recuperare l’ambiente.

Cappuccio_Zaccaria

Eppure, anche questo alle opposizioni istituzionali e politiche e a quelle spontanee e civiche, non va bene, equesto provvedimento è ancora motivo di scontro, ritenendo si potesse ottenere di più, di qui la difesa del gruppo “Muoviamoci per Battipaglia” che risponde alle polemiche in difesa dell’amministrazione Francese e soprattutto dell’Assessore Davide Bruno.

«Battipaglia dichiarata area non idonea per l’insediamento e l’ampliamento delle aziende di rifiuti. E’ un risultato storico per Battipaglia, senza se e senza ma, chi fa polemiche dimostra di non aver capito l’importanza di un atto del genere. Fin ad oggi nessun atto amministrativo era stato deliberato in tal senso finalmente su impulso della delibera del Comune di Battipaglia, voluta dall’assessore allo sviluppo urbano Davide Bruno e sostenuta dall’intera amministrazione, e considerato l’art.197 del d.lgs. 152/2006, l’Amministrazione Provinciale ha individuato due indicatori per mappare tutti i Comuni della Provincia che hanno permesso di considerare saturi i territori di Sarno e Battipaglia. Il percorso amministrativo tracciato è l’unica risposta alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica, il presidente Strianese, inoltre, a sostegno della nostra tesi ha con un emendamento finale reso da subito efficace il blocco degli insediamenti e degli ampliamenti delle aziende di rifiuti.

Nel merito di chi vuole svilire il risultato politico ottenuto da questa amministrazione potremmo dire o che non sa di cosa parla o meglio ancora che volutamente getta fumo negli occhi dei cittadini per intestarsi una “battaglia politica” alle porte delle elezioni regionali.

La battaglia l’ha fatta questa amministrazione ed è il risultato di tutti. Far credere che nella delibera si potesse inserire una “mozione retroattiva” che bloccava un ampliamento deciso 4 anni fa e una gara assegnata due anni fa significa non solo svilire un risultato, ma prendere in giro una cittadina intera.

Andrebbe piuttosto spiegato che nessun quantitativo di rifiuti aumenterà e che questa amministrazione ha bloccato i nuovi insediamenti e gli ampliamenti che molto spesso senza il “parere” del Comune si procedeva.

Abbiamo tracciato un solco in una normativa assente a livello nazionale e tentare di svilire un risultato del genere appartiene alla politica di chi si sente sempre in campagna elettorale, chi si è astenuto nella votazione del blocco dei nuovi insediamenti e degli ampliamenti di fatto ha dimostrato la propria confusione. Nessuno ha abbandonato la partita del sito di compostaggio, ma parliamo di due partite diverse, chi dice altro mente ai cittadini».

Battipaglia, 27 maggio 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente