Arrivano i contagi di “ritorno” e il Covid Center di Eboli? Meno male è vuoto

Tregua di ferragosto: Solo 18 i contagi in Campania. Altri 2 ebolitani positivi e salgono a 5, più 2 a Bellizzesi, 1 a Campagna e 2 a Battipaglia.

E nonostante tutto i pazienti covid vengono dirottati tra Napoli e Scafati. E il Covid Center di Eboli? Meno male è vuoto. Sono diventati come le Stanze da Pranzo degli italiani, bisogna averli ma assolutamente non usarli, perché? “non sia mai arrivi un ospite”. Comunque meglio che i covid center siano vuoti piuttosto che Pieni. E mo? Tutti ad aspettare la 2^ ondata di contagio, e il terrorismo continua. 

Covid-Center Eboli

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Il coronavirus ha concesso la tregua di ferragosto sono stati solo 18 i contagi in Campania, 26 meno di ieri, su 1723 tamponi processati. Altri 2 ebolitani positivi e salgono a 5, più 2 a Bellizzi, 1 a Campagna e 2 a Battipaglia. In Italia come in Campania continua a salire il numero dei contagiati giornalieri da Coronavirus: nelle ultime 24 ore se ne sono registrati 629, contro i 574 di ieri, con quattro morti.  A guidare la triste classifica dei contagi sono le solite tre Regioni: Venetro, Emilia e Romagna e Lombardia; loro per “legge”, nonostante i contagi sono diventati immuni. Insomma, tutto sommato è andata abbastanza bene la percentuale tra Tamponi processati e contagi è dell’1.18%. Basterebbe solo questa informazione per incoraggiare gli italiani se non fosse che ora dopo ora infettivologi e immunologi pontificano con i loro pareri divergenti e scoraggianti che aggiunte ormai alle quotidiane minacce di “chiudere tutto” proveniente dal Governo e i Presidenti di Regione De Luca in testa, trasmettono ansie e paure.

Vincenzo De Luca

E così tornando a noi, mentre il Sindaco di Eboli Massimo Cariello ci comunicava il rapporto covid e ci informava che i due cittadini ebolitani contagiati appartenevano allo stesso nucleo familiare all’interno del quale pochi giorni fa sono stati individuati tre casi positivi e che gli stessi erano anch’essi già in isolamento precauzionale da diversi giorni e che appena ricevuta la comunicazione da parte del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL guidato dalla Dott.ssa Annamaria Nobile, si è attivato immediatamente anche il Centro Operativo Comunale che insieme alla Croce Rossa Italiana ha predisposto la consegna di generi alimentari, arrivavano continue notizie di ulteriori casi:

  • 1 di Eboli
  • 1 di Battipaglia che si aggiungevano ai 5 indiani di Eboli di cui due ricoverati a Napoli
  • 1 ragazza bellizzese positiva ma domiciliata a Napoli, ricoverata a Scafati, che portava  a due i casi nella cittadina di Bellizzi e una di Campagna.
  • 1 a Scafati
  • 2 Moldavi a Battipaglia

Fatta la comunicazione, il Sindaco Cariello ha invitato la popolazione ad evitare assembramenti e indossare le mascherine nei luoghi pubblici e negli spazi che non consentono il distanziamento, ricordando a tutti coloro che rientrano dall’estero, che hanno l’obbligo di segnalarsi presso il Dipartimento ASL di Salerno (089 693960 dal lunedì alla domenica 8.00 – 20.00) osservare l’isolamento fiduciario e sottoporsi a tampone.

Ospedale-di-Eboli1-640×480

Di qui guardando il numero dei positivi e sapendo poi dove sono stati ricoverati tra Scafati e Napoli, ci chiediamo e il Covid Center dell’Ospedale di Eboli che fine ha fatto insieme a quello di Salerno? Chiedendo qua e la ci dicono che queste sono le disposizioni e che ormai i Covid Center, ringraziando sempre il cielo siano vuoti, hanno fatto la fine delle Stanze da Pranzo della maggior parte degli italiani, che ce l’hanno ma che non si usano e guai ad entrarci, perché altrimenti si potrebbero sporcare o mettere in disordine e… “non sia mai arrivi qualche ospite” si fa una brutta figura. Intanto il Covid Center di Eboli, meno male è vuoto, tuttavia per ben 5 mesi quella sua presenza, se da una parte ha procurato un senso di sicurezza, dall’altra ha “bloccato” le ordinarieta’ e aggiunta alle paure di possibili contagi, i cittadini si sono guardati bene dal frequentarlo, fina a che ad un certo punto i reparti erano semivuoti, ripiegando sugli Ospedali vicini o addirittura rinunciando a curarsi. Questo è stato l’orientamento degli utenti talvolta accompagnati anche da decisioni dello stesso Ospedale di Eboli, che ha “dirottato” i pazienti, che ivi si ricoveravano per urgenza, verso altri Nosocomi.

Macchina processazione tamponi

E qui come per la storia del Salotto degli italiani, si ritorna al fatto che: Non è importante che si usi l’importante è che ci sia; Anche perché nei mesi del lockdown vi è stata una vera e propria corsa ad avere i Centri Covid, a sollecitarli erano oltre che i Direttori Sanitari addirittura le Opposizioni, poi non importava se a Eboli, non vi fosse il personale e che i medici erano solo tre. Intanto nonostante un fottio di soldi che si sono spesi in Campania per l’emergenza Covid, per comprare una macchina di ultima generazione per la processazione dei Tamponi che porterebbe ad eseguirne 700 al giorno, che costa 60mila euro è stata avviata una raccolta di fondi. Possibile? Ma è stata mai avanzata una richiesta all’ASL Salerno? Non lo sapremo mai. Forse è megkio non saperlo mai, altrimenti ci incazziamo.

Campania_dati_covid_15agosto2020

15/08/2020 – Questo il bollettino di oggi:

Positivi del giorno: 18 (*)
Tamponi del giorno: 1.723

Totale positivi: 5.232
Totale tamponi: 358.504

​Deceduti del giorno: 0
Totale deceduti: 440

Guariti del giorno: 16
Totale guariti: 4.303

* Di cui 7 provenienti dall’estero, o contatti di precedenti casi di rientro.

Il Comune di Eboli già dallo scorso mese di febbraio ha predisposto la email emergenzacovid19@comune.eboli.sa.it per tutte le segnalazioni.

Bisogna essere prudenti!

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente