Comunali di Napoli – Le Primarie del centrosinistra: 4 i candidati, Sorbillo si ritira

Finalmente ci saranno le Primarie o “continuarie” del centro-sinistra. Sono 4 i candidati dopo il ritiro di Sorbillo: Ecco tutti i seggi quartiere per quartiere.

Domenica prossima 23 gennaio a Napoli  apertura dei cento seggi, per scegliere con le primarie il candidato sindaco del centrosinistra. In corsa Oddati, Ranieri, Cozzolino, Mancuso.

Comune di Napoli Palazzo S. Giacomo

NAPOLI – Finalmente volge al termine questo confronto infinito. Le primarie che non finiscono mai: le “continuarie”. Il popolo del centro-sinistra nonostante sia frastornato e confuso risponde sempre a queste sfide che i suoi dirigenti gli propinano.

Visti i risultati politici molto deludenti, della classe dirigente del PD in particolare e del centro-sinistra più in generale, rispetto al modo di rapportarsi con il centro destra e con il suo unico ed inossidabile Leader Silvio Berlusconi, forse e meglio che si è inventato questo marchingegno.

Le Primarie o le “continuarie” distraggono gli elettori, protesi a concentrarsi sulle questioni interne, facendo passare in second’ordine gli insuccessi della sua classe dirigente, ma occultando anche l’incapacità a saper contrapporsi al “drago” Berlusconi.

Per un momento si è temuto che le primarie si sarebbero archiviate ponendole in soffitta, poi evidentemente campioni delle indecisioni, nessuno ha saputo prendere la decisione e ormai si è arrivati all’appuntamento.

Cinque candidati fino a poche ore fa, dopo il ritiro dalla competizione di Sorbillo che si schiera a sostegno di Umberto Ranieri. Modi diversi di approcciarsi alla politica della città, tutti a raccogliere un’eredità difficile, e come dicono alcuni già destinata, e senza appello, ad una clamorosa sconfitta. Cinque candidati che nonostante la strada si presenti in salita, si sono buttati in questa avventura e si stanno girando la Città in lungo e in largo per candidarsi a Sindaco di Napoli nelle prossime elezioni amministrative di primavera.

Dietro il tramonto definitivo di Rosa Russo Iervolino e del Bassolinismo e nonostante la “salita” e la pesante eredità, c’è sempre qualcuno pronto a raccoglierla, nel caso specifico sono l’Assessore alla Cultura e Presidente della Fondazione “Forum delle Culture 2013″  Nicola Oddati; l’Onorevole Umberto Ranieri già Sottosegretario agli interni con Delega ai Servizi Segreti. Entrambi del Partito Democratico, entrambi provenienti dal PCI-PDS-DS. Entrambi politici di lungo corso, che si sono cimentati in campi diversi: il primo nella difficile gestione amministrativa del Comune di Napoli; il secondo nei meandri parlamentari e dei palazzi grigi romani.

A questi si è aggiunto poi Andrea Cozzolino, già Assessore nella Giunta Bassolino e poi traghettato dall’ex Governatore al Parlamento europeo, anch’egli esponente di primo piano del PD. Tutti e tre eredi di una stagione politica che anche se rovinosamente caduta addosso a loro stessi, sono stati comunque interpreti di una speranza politica feconda e per certi versi eccezionale, finita poi come sempre accade quando non ci sono alternative in una oppressione, in quel bassolinismo che poi è diventato opprimente, scomodo e ingombrante anche per gli stessi interpreti.

La corsa era incompleta e fortunatamente si sono aggiunti anche Libero Mancuso e Gino Sorbillo: il primo sostenuto da SEL e Nichi Vendola, pensando di replicare i successi di Bari, di Milano e di altre realtà; il secondo, da poche ore ritiratosi dalla competizione per schierarsi a favore di Ranieri, proveniente dal mondo dei verdi ambientalisti, che mettendo al centro delle questioni politiche l’ambiente e la tutela dell’ambiente, tenuto conto della situazione in cui si trova Napoli per via dei rifiuti, pensa di raggiungere un risultato utile.

Ognuno di loro rappresenta un suo modo di fare politica e nessuno si può chiamare fuori dalle responsabilità generali e complesse che ha una classe dirigente di Centro-sinistra incapace di continuare a recepire le ansie, i bisogni, le aspettative, dei giovani, degli uomini, delle donne. Ansie, bisogni e aspettative che nessuno ha saputo più intercettare, ma costringendo gli elettori, pur di sperare in un cambiamento, di fare un salto nel buio affidando, ad un centro-destra assente ed incapace, le proprie speranze.

Domenica prossima 23 gennaio a Napoli  si apriranno i cento seggi per scegliere con le primarie il candidato sindaco del centrosinistra. Gli sfidanti sono Umberto Ranieri (Pd), Nicola Oddati (Pd), Andrea Cozzolino (Od), Libero Mancuso (Sel) e Gino Sorbillo (Verdi) ritiratosi da poche ore, per schierarsi al fianco di Umberto Ranieri..

I seggi saranno aperti dalle 8 alle 21 di domenica. Lo spoglio delle schede inizierà immediatamente dopo la chiusura delle operazioni di voto. Il vincitore della consultazione sarà il candidato sindaco della coalizione di centrosinistra.

……………………  …  …………………..

I CANDIDATI alle Primarie del Centro-sinistra

G. Sorbillo Ritirato
Umberto Ranieri
Nicola Oddati
Andrea Cozzolino
Libero Mancuso

…………………..  …  …………………….

ECCO TUTTI I SEGGI QUARTIERE PER QUARTIERE

SCAMPIA Sede Pd (Micheluzzi), Municipalità, Arci People (via Verbano, 4).
SAN PIETRO A PATIERNO – Associazione ‘San Pietrini democratici’ (via Casoria, 19/21), sede Sel (via Principe di Napoli, 10), sede Pd (via Paternum, 181).
SECONDIGLIANO – Sede Pd (corso Secondigliano, 236), Associazione ‘Camminiamo Insieme’ (via delle Dolomiti, 23), sede di Prc ‘Vera Lombardi’ (via Fosso del Lupo).
CHIAIANO – ‘Architetti 99’ (via XX Settembre), Associazione ‘Casa dei Diritti’ (corso Chiaiano, 53), Associazione ‘Santacroce’ (via Chiesa Vecchia, 38), Centro collinare (via Bianchi, 3).
PISCINOLA-MARIANELLA –  Ex sede Ds (piazza Marianella, 17), Associazione ‘La Frontiera’ (via Vittorio Veneto) 313, Caf (via S. Rocco, 61), sede Pd (via Monterosa, 111).
MIANO – Sede Pd (via Cupa Capodichino, 85), Caf (via Ianfolla, 554), Agorà (via Mianella, 25), Associazione ‘Picardi’ (via Vittorio Veneto, 3).
SAN CARLO ALL’ARENA – sede del Pd, Associazione ‘Rosso democratico’, Associazione ‘Pensiero democratico’ (viale delle Porcellane, 22), Associazione ‘Tempi nuovi’ (calata Capodichino, 154), Centro Studi Cilenti (Calata Capodichino, 179), Associazione ”Miracoli futura’ (Salita Miradois, 82), Caf (via S. Antonio a Capodimonte, 16).
POGGIOREALE – Sede del Pd (via Murialdo, 22), sede Comunisti Italiani (piazzetta Sant’Erasmo), sede Sel (via Stadera, 86).
VICARIA – Associazione ‘La voce del quartiere’ (via Pinto, 46), Centro Servizi (via Pavia, 134).
QUARTIERE STELLA – sede del Pd, Centro Servizi (Corso Amedeo di Savoia, 199), sede Prc (vico Lammatari). Poggioreale: sede del Pd (via Murialdo, 22), sede Comunisti Italiani (piazzetta Sant’Erasmo), sede Sel (via Stadera, 86).
ARENELLA – Centro culturale (via Caruso Rione Alto, 4), Sala ‘La Collinare’ (via Fontana, 25), sede Prc (via Annella di Massimo, 16), Centro Servizi (via Pigna, 16), Associazione ‘Alqali’ (via Gigante, 45), Salone pubblico di via Freud, Artigianato Ceramiche (via Sergio Abate).
AVVOCATA – Sede Pd, «Rocky Bulls» (via Malaterra, 8/10), Teatro De Poche (via S.Tommaso, 15), sede Sel, (piazza De Leva), Caffè del Professore (piazza Dante).
PIANURA – Sede Pd (via Provinciale), sede Pd (via Comunale Vecchia, 35), Arci (via Carrà, 10), Associazione ‘Incontro’ (via Empedocle, 6).
SOCCAVO – Sede Pd e Prc (via Adriano, 86), Associazione Evangelici (via Scherillo), Arci (via E. Ricci, 1), Associazione ‘Noi per voi’ (via Ofanto, 6), Trattoria ‘Quadrifoglio’ (Parco Quadrifoglio).
PENDINO – Sede del Pd, sede Sel, locale pubblico (via Tribunali).
SAN GIUSEPPE – Sede del Pd, Federazione Verdi, locale pubblico (via Benedetto Croce, 8).
SAN GIUSEPPE – Sede del Pd, Federazione Verdi, locale pubblico (via Benedetto Croce, 8).
MERCATO – Centro Servizi (via Ferraris, 9), sede di via della Maddalena, 40.
VOMERO – Idea Neapolis’ (via Sacchini, 2), Centro Servizi (via De Mura, 10), Associazione ‘Acssa’ (via Bonito, 6), Associazione di via A. Alvini, 12, Associazione ’23’ (via Lordi, 7), Sala ‘La spaghettata’ (via Doria, 81).
MONTECALVARIO – Centro Servizi (via dei Fiorentini, 61), Associazione di via San Nicola, 7.
PORTO – Centro Servizi (piazza Immacolatella Nuova, 5, interno del molo).
BARRA – sede Pd, Centro Sportivo ‘Olimpia 71’ (via Mercalli, 21), sede Sel e sede Sel (via Figurelle, 101).
PONTICELLI – Associazione Incis Porchiano, Sala pubblica (via Bartolo Longo), Casa del Popolo (corso Ponticelli), Associazione di via Miranda(123/125), sede Prc (via Crisconio, 10), sede Uil (corso Ponticelli, 5), sede Pd (via Napoli, 43).
ZONA CHIAIA – Galleria Cinema Martos, Associazione di vico Santa Maria della Neve, sede Giovani democratici di vico Belledonne, Caf, via G. Bruno, 63, locale di via Alvini.
ZONA CHIAIA – Galleria Cinema Martos, Associazione di vico Santa Maria della Neve, sede Giovani democratici di vico Belledonne, Caf, via G. Bruno, 63, locale di via Alvini.
FUORIGROTTA – Sede Pd (via Cariteo, 59), Circolo Arci (Cavallegeri d’Aosta), Dopolavoro Ferroviario (corso Metropolitana Campi Flegrei), Centro Sociale (via Petruzzelli, 23), ‘Riformismo flegreo’ (via Wisper, 75), Centro Servizi (via Doria 22).
SAN GIOVANNI – Sala pubblica di via D. Atripaldi.
BAGNOLI – Sede Pd (via Prolungamento Ascanio, 3), sede Sel (via Plinio, 21), Centro Servizi (via Capuano, 16), Associazione ‘Amicizia’ (via Beccadelli, 99), sede Prc (via Carafa, 58).
POSILLIPO – Posillipo: «Il casale» (via Nicola Ricciardi), Associazione di via Posillipo (n°317).

………………………….  …  …………………………….

Il Profilo di Nicola Oddati

Nicola Oddati

Nicola Oddati, nato a Salerno il 31 agosto del 1964, ha deciso di candidarsi alle primarie del comune di Napoli perché innamorato della città e desideroso di far fruttare la sua esperienza amministrativa. Napoletano di adozione, si definisce un eretico che fa politica per passione. Ha vissuto la sua infanzia a Serre, un piccolo paese alle pendici degli Alburni. Appassionato di musica e di politica, ha partecipato all’ultima battaglia contadina del Mezzogiorno, a Persano, dove il Pci e il sindacato sostenevano la rivendicazione dei contadini di mettere a reddito 253 ettari di terre fertilissime, allora in dotazione al demanio militare. Ha costituito a Serre, nel ’79, il circolo della Federazione Giovani Comunisti Italiani.

Laureato in Scienze Economiche a Napoli, è stato segretario della Fgci di Campania e Basilicata. Nel 1991 ha partecipato al Congresso fondativo della sinistra giovanile ed è stato eletto segretario nazionale della Lega per il Lavoro. Nel 1993 con Enza Petti ha ricevuto la più grande gioia della sua vita: hanno avuto un figlio, Marcello, che per dodici anni ha riempito le loro vite di felicità. Nello stesso anno ha partecipato alla fondazione, assumendone anche la presidenza nazionale, dell’associazione giovanile della Cgil “Tempi Moderni” per rappresentare i giovani lavoratori e le diverse fasce di disagio e precariato. Dopo un’esperienza nel dipartimento organizzativo della Funzione Pubblica della Cgil, è tornato a Napoli e dal ’99 al 2001 è stato segretario della Federazione provinciale dei Ds.

Eletto in Consiglio Comunale nel 2001, è poi entrato a far parte della Giunta Iervolino assumendo le deleghe allo Sviluppo, al Lavoro e al Turismo. Successivamente anche alle Pari Opportunità e, nel febbraio 2005, alla Mobilità. Nel 2006 è stato rieletto assessore del Comune di Napoli e attualmente ricopre le deleghe alla Cultura, al Centro Storico ed edifici storici, al Forum Universale delle Culture e relativi rapporti internazionali, al Piano Strategico di Sviluppo ed alle Risorse Europee. Ha tante passioni. Nelle sue letture spazia dai saggi di storia alla filosofia, dall’economia alla politica, fino alla letteratura contemporanea e ai thriller. Ascolta il jazz di Coltrane e Davis, degli artisti napoletani Onorato, Zurzolo e Condorelli, il rock latino di Santana. Ama suonare la chitarra elettrica. Calcio, basket e tennis sono i suoi sport preferiti.

…………………………..  …  ………………………..

Il Profilo di Umberto Ranieri

Umberto Ranieri

Umberto Ranieri è nato a Napoli il 24 novembre 1947. É stato consigliere comunale a Napoli negli anni ’80, poi senatore e deputato, sottosegretario al Ministero degli affari esteri e presidente della Commissione esteri della Camera.

Dal 2008 non ricopre più cariche elettive e si dedica all’Università, insegnando “Storia dell’Europa” a Roma la Sapienza e “Economia dei paesi in via di sviluppo” al Suor Orsola Benincasa di Napoli. Ha pubblicato molti saggi, tra cui: ‘Battaglie riformiste a Napoli’ e ‘L’Europa e gli altri’.

E’ Presidente del Forum Progetto Mezzogiorno.

…………………………….  …  ……………………………..

Il Profilo di Andrea Cozzolino

Andrea Cozzolino

Quarantasette anni, è sposato con Anna e ha tre figli. È cresciuto nel cuore della provincia napoletana, una scuola di vita che mi ha permesso di osservare con occhio attento e spirito critico le cose del mondo e i fatti della vita.La passione politica e l’impegno civile e democratico hanno animato le mie scelte a partire dalle esperienze giovanili.È stato sul finire degli anni ’70, tra i fondatori dell’Associazione degli studenti napoletani contro la camorra. Ha iniziato l’attività politica nella Fgci, di cui è stato segretario della Federazione di Napoli dal 1983 al 1986 e successivamente responsabile per il Mezzogiorno.

All’inizio degli anni ’90, ha partecipato, da dirigente del Pci, al processo che ha portato alla fondazione prima del Pds e successivamente dei Democratici di Sinistra. In questa fase, dal 1994 al 1999, sono stato segretario della Federazione di Napoli del Pds.Nel 2000 è stato eletto al Consiglio regionale della Campania nella lista dei Democratici di Sinistra e riconfermato, con un ampio consenso, nella consultazione dell’aprile del 2005. Dal 2005 al 2009 ha ricoperto la carica di assessore regionale all’Agricoltura e alle Attività Produttive.

Alle elezioni del 6 e 7 giugno 2009 è stato eletto al Parlamento Europeo; è impegnato nelle commissioni bilanci, controllo di bilancio, politiche regionali e pesca.Negli ultimi cinque anni, unitamente all’impegno istituzionale, si è dedicato alla costruzione e al radicamento del Partito Democratico. Alle primarie del 14 ottobre 2007 è stato eletto nel collegio di Scampia all’assemblea costituente nazionale del Pd. Nel novembre 2009 sono stato eletto nella Direzione Nazionale.

……………………………….  …  …………………………….

Il Profilo di Libero Mancuso

Libero Mancuso

Libero Mancuso è nato a Napoli il 28 aprile 1941. Lascia la magistratura per accedere alla pensione dopo una lunga carriera, conclusa con la carica di Presidente della Corte d’assise di Bologna, sezione unica, nonché di Presidente della Sezione del Riesame. Si è occupato di eversione e terrorismo di sinistra, del sequestro dell’onorevole Ciro Cirillo e di criminalità organizzata, della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 e di quella dell’Italicus.

Durante la sua attività ha indagato sugli intrecci tra politica e affari e sui reati di mafia. E’ stato impegnato, tra gli altri, nei processi alla banda della Uno Bianca e per l’omicidio del professor Marco Biagi. Autore di numerose pubblicazioni, alcune delle quali strumenti indispensabili di studio e lavoro, è stato consulente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle stragi e l’eversione, e della Commissione sui problemi e sul sostegno delle vittime dei reati.

All’Assessore Libero Mancuso viene in particolare assegnata la sovrintendenza dei programmi di intervento afferenti alle aree di propria competenza, con particolare riferimento alle tematiche del decentramento e della Città metropolitana, dei diritti di partecipazione e di cittadinanza nonché della tutela della privacy e le Politiche per la sicurezza.

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Credo che Oddati è il migliore dei quattro, rappresenta se stesso e non apparati, così come è quello più vicino ai miseri mortali.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente