L’Associazione “InMovimento” esulta per De Magistris candidato Sindaco di Napoli

De Magistris a Napoli si propone anche come candidato del PD. Ma se la coalizione non lo sceglie, va da solo.

C’è ancora l’eco dei no di De Magistris, sulle alleanze e sui candidati. E’ singolare come i “no” verrebbero abbattuti rispetto ad una convergenza sul suo nome.

Luigi De Magistris Assunta Nigro

EBOLI – La vicinanza delle elezioni amministrative del prossimo 15 e 16 maggio, spinge i partiti a trovare le alleanze e gli uomini giusti per guidarle. A Napoli più di tutte le altre realtà politiche del paese, regna un caos indescrivibile. Il Centro-sinistra vive una grande difficoltà, dovuta essenzialmente alla questione dell’emergenza rifiuti e prima ancora da diversi scandali tra cui quello del caso “Global Service” che coinvolse alcuni assessori della Giunta Iervolino e l‘immobiliarista Romeo, che portò al suicidio dell’Assessore Giorgio Nugnes. Il centro-destra soffre la presenza ingombrante del suo chiacchierato coordinatore regionale Nicola Cosentino.

Nei giorni scorsi, tra l’altro, ad opera di alcuni trasformisti, quelli dell’ultima ora, che non cambiano mai, che riescono ad annusare vittoria e sconfitta e a secondo dell’odore si schierano, sotto la Regia del PDL, avevano sfiduciato, con due mesi di anticipo, rispetto alla sua normale scadenza, il Sindaco uscente Rosa Russo Iervolino. Fortunatamente per diversi vizi di forma l’operazione non è andata in porto, anche perché i 31 voti reperiti successivamente non hanno riconfermato le loro precedenti intenzioni, mettendo in evidenza la inesistenza di qualsivoglia convinzione politica.

Il tentativo di Golpe, in ogni caso, ha impresso una accelerata e mentre: il Terzo Polo ha proposto come candidato a Sindaco di Napoli, il Rettore dell’Università di Salerno Raimondo Pasquino; il PdL attraverso il suo segretario Regionale Nicola Cosentino, ha scoperto le sue carte e ha candida il capo degli industriali campani Gianni Lettieri, mettendo all’angolo quella del Ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna e stroncando le aspettative di Marcello Taglialatela, Raffaele Calabrò, Fulvio Martusciello; Il PD impantanatosi prima con le primarie e poi per la sfiducia, sembra essere un miglio distante dal problema Candidato Sindaco; Italia dei Valori, che in precedenza aveva già candidato l’europarlamentare Luigi De Magistris, ha rotto ogni indugio e ha proposto una coalizione allargata anche al PD con candidato De Magistris. La proposta è venuta dallo stesso candidato.

Senza nulla togliere a Luigi De Magistris, il problema più che il candidato è un problema politico ed è un problema di programma credibile, capace di riscattare le ombre e gli insuccessi del Centro-sinistra, e capace di dare speranza ad una città ferita a morte dal perdurare dell’emergenza rifiuti. Quindi sarebbe il caso che, osservando i canoni della coerenza, bisognerebbe prima essere d’accordo su un programma, poi sull’alleanza e successivamente sulla persona capace di portarla avanti.

Purtroppo c’è ancora l’eco dei molti no di De Magistris, rispetto alle alleanze e rispetto ai candidati, ed è singolare come questi “no” verrebbero abbattuti in un attimo solo se si dovesse realizzare una convergenza sul suo nome. Quella dell’ex Magistrato e di Italia dei Valori, sembrano essere posizioni politiche “assolutistiche” ritenendo di essere gli unici detentori del “Santo Graal” della politica.

Ma se De Magistris dovesse accettare un’alleanza che comprenda il PD ed il resto della coalizione di Centro-sinistra, deve essere anche pronto, atteso le motivazioni politiche, ad accettare anche un nome diverso dal suo.

Su questa base, non si alimenterebbe nessun equivoco e sarebbe una buona partenza per l’intera alleanza di centro-sinistra. Ma queste considerazioni, in ogni caso, non sminuiscono l’entusiasmo che manifesta l’Associazione vicina a De Magistris, InMovimento, che attraverso la sua porta voce Assunta Nigro manifesta tutto il suo orgoglio e tutto il suo appoggio alla candidatura dell’ex pm dell’inchiesta “Uai ‘e not“.

………………  …  ………………..

di Assunta Nigro
Associazione InMovimento Eboli

Il nostro “ Se non ora quando?”

Lo rivolgo a tutte le persone che si sentono oneste e desiderose di poter dare un contributo affinché Napoli e la Campania possano orgogliosamente alzare la testa e dire: ”Voglio vivere con la consapevolezza di  avere un futuro migliore”.

Napoli è veramente la città più della del mondo, come spesso viene definita, ma questo non può essere una consolazione, ma  deve essere di sprono a sentirsi degni di tale patrimonio che la natura e i nostri padri ci hanno affidato. Perché ci sono saperi che ci appartengono, bellezze che nessuno potrà imitare, splendori che non potranno mai portarci via.

Da troppi anni il bene comune è stato messo a dura prova, quando oramai  si è  toccato il fondo, si può solo risalire, faticosamente si può uscire da questo pantano che vive la città di Napoli e tutto il meridione, come?

Occorre una politica che avvicini di nuovo il cittadino alle istituzioni, la cultura della legalità e del rispetto questo principio, è la condizione primaria ed indispensabile per lo sviluppo del sud.

In un momento di crisi cosi grande che sta vivendo il meridione (anzi l’Italia intera) dobbiamo effettuare un grande cambiamento culturale, dobbiamo gettare le basi per il futuro sviluppo del sud iniziando da una delle maggiori città meridionali, che è Napoli.

Luigi de Magistris è lo strumento che romperà  questa politica camorristica,  partitistica, e affaristica .

Luigi de Magistris è lo strumento giusto per unire tutte le persone stanche di tutta questa immondizia, vogliamo la città del sole che riprenda il ruolo che gli spetta da 150 anni.

Gente del sud siamo orgogliosi di noi stessi, uniamo le forze, appropriamoci della nostra libertà di voto perché solo in questo modo avremo la forza  tutti insieme di cambiare le cose, lo strumento giusto c’è, forza, coraggio, e sostegno a un napoletano verace che ama  la sua città, ripuliamo Napoli e riportiamola allo splendore che ha sempre avuto.

L’associazione inMovimento Eboli è orgogliosa di appoggiare e sostenere il suo presidente e candidato Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, invita a quanti credono che una società diversa per una giustizia sociale, di uguaglianza, solidarietà e libertà è possibile.

Diamogli forza,  sosteniamo una politica vera  per la nostra Napoli ed per la Campania

“Uniti vinceremo”.

Assunta Nigro  “inMovimento” Eboli

EBOLI, 8 marzo 2011

8 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Questo è un altro presuntuoso. Per colpa sua e di quelli come lui che vogliono fare carriera utilizzando la magistratura Berlusconi fa la vittima e vince.

  2. Se mantenesse un impegno nella sua vita potrebbe anche essere un candidato credibile. Prima si è candidato come indipendente al Parlamento Europeo nelle liste di Italia dei Valori, facendosi votare da gran parte della società civile, per poi tradire il suo impegno prendendo la tessera del partito. Si dimette dalla magistratura perchè non gli permettono di fare il mestiere che gli piace, e scambia subito la politica come un altro mestiere, come se la politica, invece che servizio al cittadino, fosse un impiego lavorativo a tempo indeterminato. Oggi, come Vendola per la Puglia, mette in ipotesi l’abbandono dell’incarico che i cittadini italiani gli hanno affidato di rappresentanza al Parlamento Europeo per candidarsi a fare il sindaco di Napoli? E l’altro incarico che fine fa? E chi glielo spiega a chi lo ha votato perchè fa questa scelta? E che fine fa l’incarico più prestigioso nel caso venisse eletto? E nel caso non venisse eletto? Troppo facile sostenere una persona in quanto tale. Il soggetto deve dimostrare prima coerenza con il proprio datore di lavoro (i cittadini), poi spiegare che cosa vorrebbe fare nella vita, soprattutto dopo un incarico a termine di rappresentanza. La politica non è un posto di lavoro a tempo indeterminato pagato dai cittadini, e non potrebbe essere tale.

  3. FORZA DE MAGISTRIS !!!

    Devi correre da solo , liberati della zavorra clientelare pronta solo a rubare il pane alle famiglie disagiate , le case ai senzatetto , il lavoro ai disoccupati per poi dare il pane , la casa ed il lavoro solo a chi li ricambia con il voto e Dio solo sa con cas’altro.

    I partiti putroppo sono ormai diventati una squallida copertura del MALAFFARE !

    Se ” presuntuoso ” significa fare il proprio dovere senza guardare in faccia a nessuno allora condivido ed urlo a De Magistris : SEI UN GRAN PRENTUOSO .

    Mi auguro e spero che non riusciranno a fermarlo e finalmente i Napoletani avranno la possibilità di dare il proprio consenso , se lo riterranno , ad una persona PULITA .

    UN ABBRACCIO da un inguaribile sognatrice . ( TREMATE , TREMATE LE STREGHE SON TORNATE !!! )

  4. UNO – CENTO – MILLE DE MAGISTRIS

  5. Giuseppe, la peperonata la sera fa male e poi vedi cosa ti esce dalla bocca? Ma come fai a paragonare la figura di De Magistris, una persona onesta che ha rischiato di essere ucciso per aver scoperto affari troppo grandi per essere capiti da noi comuni mortali ma che invece hanno “graziato” solo per non creare un altro martire. Quando un paziente è moribondo non basta un’aspirina, occorre una medicina forte “O il malato si salva o muore”. Questo paese, visto il livello da fogna in cui è piombato, dovrebbe essere amministrato per qualche decennio dalla magistratura (quella non politicizzata) per tornare a far capire ai suoi cittadini cosa significhi realmente il rispetto della legge e delle regole. Ma nell’anarchia si vive meglio e allora a mare tutti quelli come De Magistris, Di Pietro sbeffeggiandoli, ridicolizzandoli, accusandoli di essere passati dalla magistratura alla politica solo per assicurarsi un buon stipendio: mettendoli allo stesso livello di quella vergogna che attualmente ci amministra. Visto chi ci governa (che percepiscono stipendi di analogo livello di De Magistris e Di Pietro) e visto con quale spirito queste persona affrontano i problemi reali della gente e la considerazione vera che hanno di noi io continuo e continuerò a gridare 10 100 1000 De Magistris!!! Se voi vi accontentate di questo baraccone, io no!!

  6. Se uno si deve turare il naso e scegliere il meno peggio, allora, evviva l’Italia, anche io urlo a squarciagola 10, 100, 1000 DE MAGISTRIS!!!. Da uno che l’ha sostenuto e che l’ha votato convintamente.
    Osservo solo che nelle passate elezioni politiche milioni di elettori si sono turati il naso e hanno votato il meno peggio, ossia SILVIO BERLUSCONI. Così come nelle scorse regionali centinaia di migliaia di campani si sono turati il naso e hanno votato il meno peggio. Sicuramente di questo passo io non vedo grandi progressi. Io ho votato de Magistris per rappresentarmi al parlamento europeo. Cosa ostava invece a candidare Cantone, anche solo nell’ambito di IdV, visto che il PD ne ha troppa paura? Io non credo nell’uomo magico per tutte le stagioni, ci hanno creduto gli italiani negli ultimi 16 anni ma non mi sembra si siano ottenuti grandi risultati. Sarà che mi rimane ancora qualche ideale, ma per me la coerenza viaggia a braccetto col profondo valore e significato delle parole. Comunque la cosa ci riguarda solo marginalmente, visto che non votiamo nel comune di Napoli, quindi lascio libertà ai Napoletani di scegliersi il migliore rappresentante, se sceglieranno De Magistris come rappresentante, ne sarò contento anch’io, soprattutto dopo una valutazione di due anni di governo per vedere cosa ne esce fuori. Resta comunque la domanda, cui spero prima o poi di avere una risposta, ossia di sapere quale mestiere vuole tornare a fare dopo la sua esperienza politica, avendo rinunciato al suo ruolo di magistrato. Se poi il suo obiettivo è fare il politico a vita stipendiato dai cittadini, beh, non penso proprio di poter accettare, mi dispiace.
    Torno ai miei peperoni.

  7. E’ proprio vero, il popolo italiano è unico al mondo, o meglio la civiltà italica è unica al mondo, governati per secoli da re, imperatori, papi più o meno degni, adesso si sente dai giornali e mass media fermate de Magistris come mai?…………….non credo che un ex magistrato possa incidere tanto da far paura, credo invece, come sempre, la politica nei grandi cambiamenti, non è in grado di gestire la novità; ecco, de Magistris potrebbe essere la grande novità di rinascita non solo per Napoli ma per l’intero mezzogiorno.

  8. Comprereste un voto usato da quest’uomo?

    “Quando sbaglio lo faccio in buona fede, ma subito dopo mi incazzo con me stesso. Di errori ne ho commessi molti e purtroppo ne commetterò altri, uno dei più imbarazzanti è stato Luigi de Magistris, eurodeputato grazie (anche) ai voti del blog come indipendente che subito dopo si è iscritto per coerenza a un partito. Sulla sua attività europarlamentare tantissimi contavano, io per primo, per contrastare i fondi europei destinati alle mafie. In questi mesi è stato forse più presente sui giornali e in televisione che nei banchi di Bruxelles. L’europarlamento è un passaggio per traguardi più importanti e di grande visibilità. Ah, la visibilità. Ah, la coerenza.
    De Magistris si è candidato a sindaco di Napoli, ma solo lo scorso anno diceva in un’intervista al Fatto Quotidiano: “Ringrazio chi, tra partiti e società civile, vede in me un’alternativa a un quadro politico moribondo, crollato sulla questione morale. Tocca a me? Certo, tocca a me ogni giorno, da quando ho deciso di impegnarmi in politica… da europarlamentare e presidente della commissione di controllo sui bilanci mi sto occupando in Europa di dimostrare che l’immagine dell’Italia non è solo quella di Berlusconi, e di impiegare al meglio i fondi europei, spezzando ogni legame tra le risorse Ue e la criminalità organizzata… dovrei dimettermi dal Parlamento europeo. E in politica c’è un valore che pochi ricordano, specie in questi giorni: la coerenza. Ho fatto campagna elettorale in tutta Italia raccogliendo consensi ovunque per dedicarmi ai temi dell’Europa. Lasciare il lavoro incompiuto non sarebbe un bel segnale.”
    Dal blog di Antonio Borghesi, suo compagno di partito: “ho appreso che saresti stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Salerno perché, quale sostituto procuratore in servizio presso la Procura della Repubblica di Catanzaro ed assegnatario del procedimento penale n.2552/05/Mod.21 a carico dei magistrati di Potenza, omettendo di procedere alle indagini ordinate … dal GIP presso il Tribunale di Catanzaro…indebitamente rifiutava di compiere un atto del suo ufficio”. “I fatti sarebbero i seguenti: un commerciante salentino, ridotto sul lastrico, nel vero senso della parola perché da una posizione florida ora è un senza tetto, denunciò alcuni magistrati per favoreggiamento con banche usuraie”. De Magistris si sarebbe “rifiutato d’indagare, come ordinato dal GIP, su collusione fra magistrati di Lecce e magistrati di Potenza con ipotesi di reato gravissime che vanno dall’associazione per delinquere, all’estorsione, al favoreggiamento di banche che applicano tassi usurari”.
    De Magistris, intervistato in merito ha risposto: “…..bisogna guardare ai reati. Una cosa è la corruzione e l’associazione mafiosa, un’altra l’omissione o altre vicende minori. E che facciamo, lasciamo che ogni denuncia blocchi l’attività di un politico? E’ un clamoroso errore giudiziario… I magistrati possono commettere errori…”. Una risposta all’altezza di Berlusconi, ma anche di Mastella da Ceppaloni che vorrebbe candidarsi pure lui a Napoli. Mastellone ha presentato al Tribunale di Benevento un atto di citazione contro de Magistris per diffamazione. Per chiunque sarebbe una medaglia al valore una denuncia da parte del ceppalonico con la possibilità di inchiodarlo in tribunale, ma non per de Magistris che ha richiesto alla presidenza dell’assemblea UE di far valere la sua immunità parlamentare. Amen.

    http://www.beppegrillo.it/2011/03/comprereste_un/index.html

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente