FINALMENTE ERA ORA. Consegnato dall’ANAS lo svincolo autostradale di Battipaglia

38 milioni di Euro, 28 anni per la ultimazione dello svincolo. Una soluzione tecnica che impatta in maniera invasiva quell’area, già compromesse dal suo disordine urbanistico.

Mentre si cercano i meriti il Ministro Matteoli, il presidente dell’ANAS Ciucci e il Sindaco Santomauro tagliano il nastro del nuovo svincolo di Battipaglia.

Svincolo di Battipaglia Taglio del Nastro_Altero Matteoli

BATTIPAGLIA – In un tempo straordinariamente “breve”, FINALMENTE, è stato ultimato lo svincolo autostradale di Battipaglia, dopo 28 anni dalla posa della prima pietra.

Tempi veramente biblici, ma per l’ANAS diventano accettabili, se si considerano i circa 50 anni della Salerno-Reggio Calabria, senza che i lavori siano ancora ultimati, e senza riflettere, che in questi 50 anni non si è mai pensato a soluzioni alternative. Soluzioni che avrebbero migliorato le comunicazioni Nord-Centro-Sud e Sud-Est, per intenderci il corridoio per le Puglie, al momento affidate ad una viabilità provinciale e regionale, ma che non favoriscono gli scambi commerciali da e verso quelle direzioni.

Ma l’inaugurazione della nuova Uscita autostradale di Battipaglia, indipendentemente da ogni valutazioni è un risultato, e quindi è una grande festa, e come tutte le occasioni “terribili” si pensa al risultato e si festeggia.

Risultato, preceduto anche da polemiche sui meriti e su chi se li vuole attribuire, come per esempio, ha tentato di fare il PdL battipagiese, magnificando con un manifesto il suo leader provinciale Edmondo Cirielli, che di meriti oggettivamente non ne ha e per trovarli bisognerebbe affidarsi al Mago Otelma.

L’occasione, come nelle migliori cerimonie, vede in prima fila tutte le autorità nazionali, provinciali e locali: Il Ministro dei Trasporti Altero Matteoli; Il Presidente dell’ANAS Pietro Ciucci; il Vice Presidente della Provincia, Anna Ferrazzano; l’Assessore Provinciale Sebastiano Odierna; il Sindaco di Eboli, Martino Melchionda; di Pontecagnano, Ernesto Sica; di Bellizzi, Giuseppe Salvioli; di Capaccio Pasquale Marino; vari amministratori dei Comuni vicini e Amministratori di Battipaglia, di maggioranza e di opposizione, Lascaleia, Mirra, Motta, Campione ecc. ecc.; e in ultimo, ma non per importanza, ma solo per doveri di ospitalità, il Sindaco di Battipaglia Giovanni Santomauro.

POLITICAdeMENTE non ha voluto fare la cronaca dell’ “avvenimento” lasciandola affrontare alla stampa, alle TV e le Radio, nazionali e locali, che analizzeranno trent’anni di lavori e snocciolando cifre, dati tecnici, tempi, ivi compreso le cronache giudiziarie, che hanno rallentato i lavori, fornendo anche un alibi sostanzioso alla stessa ANAS colpevole, come al solito di piani eterni e di essere una idrovora di risorse, ma vuole analizzarne gli effetti.

A tale proposito mi piace ricordare il mio caro amico Francesco Curci, all’epoca Sottosegretario di Stato ai Lavori Pubblici, che diede una grande spinta a quei lavori, avviandoli con un poderoso finanziandone. Francesco, persona seria, onesta e perbene, a quel tempo, finì nel tritacarne mediatico-giudiziario e non resse a quella prova, rimettendoci la vita.

Ritornando alla cronaca, come al solito, e non poteva essere diversamente, l’avvenimento è stato presentato come un successo.  Diciamola tutta si tratta comunque di un successo: di fronte al nulla, obiettivamente lo è.

Un successo senza tempi, o meglio a tempi differiti, e per fare un paragone: è come se noi comprassimo un triciclo a nostro figlio che oggi compie 28 anni.

Svincolo Battipaglia Sindaco Giovanni Santomauro

La sensazione del successo viene dalle dichiarazioni delle varie autorità, come quella del Sindaco Santomauro, soddisfatto per il suo primo e concreto risultato e visibilmente emozionato, consapevole dell’importanza del momento, ha dichiarato: “E’ cambiata un’epoca. Siamo entrati in una nuova era e la mia Amministrazione e Battipapaglia saranno protagoniste di questo nuovo percorso, fatto di realizzazioni di opere essenziali come questa, come l’ultimazione e la consegna della stazione Ferroviaria di Battipaglia, l’ultimazione dei lavori della riqualificazione e sistemazione della viabilità nella zona Industriale, e tutte le altre varie opere programmate ed in itinere”.

Ha ragione Santomauro, siamo in un’altra epoca, l’unico che non se ne è accorto è il Presidente dell’ANAS Ciucci, che in tutte le sue uscite pubbliche come in quella dell’inaugurazione della nuova Uscita autostradale, si ostina a presentare l’Autostrada del Sole, quella di Salerno-Reggio Calabria e i lavori appena ultimati dalla Tecnic, la società che ha eseguito i lavori, come un esempio di applicazioni di tecnologie avanzatissime, e come soluzioni avveniristiche legate a quelle innovazioni compiutamente messe in atto, ignorando tempi, denaro impiegato, disagi quotidiani per 48 anni, e soluzioni, spesso superate dai tempi e non più rispondenti rispetto alle necessità insorgenti.

Il Manzoni nei Promessi Sposi diceva “spesso il nome si burla delle persone”, nel caso del Presidente “Ciucci”, sembrerebbe, che a prendersi burla sia lui, e non del suo nome, ma degli italiani. Forse Ciucci vive blindato nei suoi uffici e non vive quotidianamente i cantieri disseminati lungo il nastro autostradale che da Salerno va fino a Reggio Calabria.

Cantieri aperti, nel senso che si lavora mentre il traffico defluisce normalmente, tra strettoie, deviazioni, interruzioni, limiti, manto stradale dissestato e nel maggiore dei casi non in sicurezza, come la stessa segnaletica orizzontale o verticale che sia, spesso in contraddizione e causa di indecisioni e spesso incidenti.

Incidenti. Ha mai fatto il conto Ciucci quanti incidenti ci sono stati e quanti di questi sono stati causati da cantieri o deviazioni o situazioni di pericolo estranee al normale fascio autostradale? Quante vite è costata quest’Autostrada? e quante se ne sarebbero potute risparmiare se vi fosse stata più attenzione verso quest’opera e se gli stessi governi avessero pensato in maniera più moderna ed adeguata ad una nuova rete stradale che compendiasse anche l’Autostrada?

Non lo sapremo mai. Quello che invece è sotto gli occhi di tutti è che avevo 13 anni quando iniziarono i lavori e adesso ne ho 61 e non sono ancora ultimati, spero di vivere abbastanza per assistere alla sua inaugurazione definitiva.

348 Km che saranno ultimati entro il 2013? Speriamo. Quello che non può nascondersi è che i lavori della variante Salerno-Mercato S. Severino, sono iniziati nel 1998 e ancora non sono ultimati.; come nel caso dello svincolo di Battipaglia consegnato solo il 23 giugno del 2011, dopo ben 28 anni di tribolazione.

Un giorno di festa per Battipaglia, i battipagliesi e per gli automobilisti che non si vedranno più costretti a lunghe ed estenuanti code, per raggiungere il Cilento e le Calabrie. Magari si ingorgheranno più avanti, almeno ne sarà esclusa Battipaglia.

Uscita autostradale Battipaglia Area Svincolo LE Montagne russe

38 milioni di euro. Tanto è costato lo Svincolo di Battipaglia. Quanto costerà in termini urbanistici e di prospettive alla Città di Battipaglia, non lo sapremo mai.

Ciucci, Ciucci, ma da chi si serve Ciucci e l’ANAS per i progetti? Chi sono questi scienziati che pensano queste soluzioni progettuali come quella dell’Uscita Autostradale di Battipaglia? Chi è che ha visionato quel progetto?

Quanto costa alla Città di Battipaglia questo svincolo?

Questo interrogativo avrà una sua risposta solo negli anni successivi per chi non ha visione del futuro.

Ce ne accorgeremo quando i battipagliesi si renderanno conto di questa frattura permanete che attraversa quel territorio. Una muraglia stradale che dividerà per sempre la città dalla sua periferia nord, il popoloso quartiere Belvedere, che con quest’opera è condannato ad essere per sempre una strada urbanizzata senza nessuna relazione con il Centro cittadino. Una precarietà urbana permanete.

Quella dello svincolo di Battipaglia è una soluzione tecnica che impatta in maniera invasiva le realtà circostanti, già compromesse dal loro disordine urbanistico. Peccato, poteva essere un occasione per operare una ricucitura e ammagliare l’intera area al resto della Città.

Pare che l’ANAS si sia impegnata a realizzare anche un raccordo tra Battipaglia e Bellizzi passando per Belvedere. Grazie direbbe Paolo Villaggio nelle vesti del suo personaggio Fracchia: come è buono lei.

Battipaglia, 24 giugno 2011

……………  …  …………….

Foto Gallery

Svincolo Autostradale le autorità

Svincolo Battipaglia La Cerimonia Autorità

Svincolo Battipaglia Striscione di protesta dei forestali

Svincolo di Battipaglia

Svincolo Autostradale Striscione ANAS

Martino Melchionda Sindaco di Eboli_Giovanni santomauro Sindaco di Battipaglia

Battipaglia, 24 giugno 2011

7 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente