Due poli didattici a Eboli: Liceale e Tecnico

La giunta approva la proposta di costituire due Poli didattici: Liceale e Tecnico. I gloriosi Liceo e Istituto Agrario saranno accorpati.

Il Piano regionale della rete scolastica pensa i numeri e non alla qualità. Caldoro chiuderebbe anche l’Harvadr University. Melchionda: “non si tratta solo di un provvedimento di contenimento della spesa, e’ un’opportunita’ di riorganizzazione e arricchimento dell’offerta formativa”.

Martino Melchionda

EBOLI – La Regione Campania, con deliberazione di Giunta Regionale N° 435 del 9 Agosto 2011, ha approvato le linee guida di dimensionamento della rete scolastica e programmazione dell’offerta formativa. E naturalmente in queste linee guida anziché cercare di parlare di contenuti, di programmi, di falicitazione alla ricerca e di assegnare più fondi alle scuole di ogni ordine e grado se non il solo tetto, le sedie, le lavagne e gli insegnanti, si pensa come risparmiare togliendo in primo luogo il “tetto” e poi tutto il resto.

Le linee guida della Giunta regionale prevedono, almeno nella volontà dichiarata, un graduale ed organico piano di modernizzazione e razionalizzazione della rete dell’offerta formativa, finalizzata al contemperamento delle spese rispetto ai fabbisogni professionali delle istituzioni scolastiche.

Province e Comuni, quindi sulla base di queste linee guida, si fa per dire, devono, dunque, attenersi a tali disposizioni, al fine di ridefinire la distribuzione territoriale della rete scolastica e la  programmazione dell’offerta formativa.

Liceo Classico E. Perito Eboli

In particolare, la spending review prevede per le scuole con meno di seicento alunni l’accorpamento dirigenziale con altri istituti. Dando l’impulso a questo provvedimento basandolo solo ed wsclusivamente suo valore numerico dei singoli Istituti o scuole, incuranti dei territori, incuranti dei servizi che dovranno poi accompagnare questi provvedimenti, tipo il trasporto, incuranti del valore delle singole Istituzioni scolastiche.

Secondo lo Spending Review del Governo Nazionale e della Regione Campania, se le più famose università del mondo si trovassero in Italia e in Campania,e non raggiungerebbero il numero previsto per legge perché una scuola possa continuare ad esistere, verrebbero tutte soppresse e accorpate. Non ci sarebbe scampo per l’Harvard University, o la Massachusetts Institute of Technology, o l’University of Cambridge, quella di Stanford University, o l‘University of California Berkeley e la famosa University of Oxford.

Allo stato, tutti gli Istituti d’istruzione secondaria di secondo grado presenti sul territorio comunale, ad esclusione del liceo scientifico “A. Gallotta”, risultano sottodimensionati rispetto ai parametri numerici vigenti.

Pertanto, l’Amministrazione Comunale, dopo essersi confrontata con i dirigenti del secondo ciclo d’istruzione presenti sul territorio, propone la costituzione di due poli didattici: liceale e tecnico.

Il primo prevede l’accorpamento del Liceo Classico “ E. Perito”  e del Liceo Artistico “C. Levi”; in quanto rispondenti alle prescrizioni di riorganizzazione, sia sotto il profilo numerico che per finalità didattiche. Intanto mentre si accorpa il Liceo Classico di Eboli, a Battipaglia Comune, Liceo Scientifico Medi e la Provincia di Salerno siglano un protocollo d’intesa per far partire una sezione del liceo Classico.

Il polo tecnico, secondo il Comune invece, verrà costituito attraverso la fusione dell’Istituto d’Istruzione Secondaria “E. Mattei” e dell’Istituto Agrario “G. Fortunato”.

Stefania Cardiello

Tale proposta di riorganizzazione della rete scolastica, da sottoporre all’attenzione della Provincia di Salerno, mira a garantire lo sviluppo dell’offerta didattica delle istituzioni presenti sul territorio comunale e a conservare l’autonomia delle scuole più significative; ma soprattutto, scongiura la possibilità che la dirigenza di uno degli istituti ebolitani venga attribuita ad una scuola che ricade in un’altra città.

Sono favorevole – dichiara l’assessore alle Politiche per la scuola e la formazione Stefania Cardielloalla proposta di accorpamento degli istituti secondari del nostro territorio, attraverso la costituzione di due poli didattici, che arricchiscono notevolmente l’offerta formativa.

Tra l’altro, mi preme sottolineare, che questo nuovo piano di dimensionamento scolastico, alla cui definizione si è giunti attraverso il confronto e la condivisione con i dirigenti scolastici, ha permesso di scongiurare il rischio che l’agrario, un istituto storico del nostro territorio, fosse aggregato ad una scuola superiore di un’altra città.

A riguardo interviene il Sindaco di Eboli Martino Melchionda: Il piano di riorganizzazione delle istituzioni scolastiche non rappresenta soltanto un provvedimento di contenimento delle spese, come imposto dal decreto Monti sulla spending review.

Esso, piuttosto, è una opportunità per rafforzare e l’offerta didattica delle scuole superiori presenti sul nostro territorio e ridisegnare nuovi e più moderni percorsi scolastici.

La nostra proposta, che ci auguriamo venga recepita, prevede l’accorpamento di indirizzi scolastici che presentano affinità dal punto di vista didattico, al fine di favorire una maggiore sinergia tra di esse e, soprattutto, l’acquisizione da parte degli studenti di competenze  più ricche ed ampie”.

Eboli, 9 dicembre 2012

2 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente