La Cia ai Sindaci. La Tares mette a rischio il futuro delle Imprese Agricole

Timore per l’applicazione indifferenziata del nuovo tributo, un ulteriore aggravio impositivo che mette a repentaglio il futuro delle imprese agricole.

La Confederazione Italiana Agricoltori scrive ai Sindaci della provincia di Salerno per sensibilizzarli circa l’applicazione della Tares al settore agricolo. La preoccupazione è che l’applicazione indifferenziata sottovaluti la peculiarità del settore primario.

Antonio Orlotti

Antonio Orlotti

SALERNO – La CIA Confederazione Italiana Agricoltori di Salerno scrive a tutti i Sindaci della provincia di Salerno, per sensibilizzarli su alcune questioni che stanno a cuore al mondo agricolo, relative all’applicazione del nuovo tributo comunale Tares (Tassa sui rifiuti e servizi).

La CIA paventa un ulteriore e insostenibile aggravio impositivo che metterebbe a repentaglio il futuro di molte imprese agricole, con il timore che un’applicazione indifferenziata del nuovo tributo sottovaluti la peculiarità del settore primario. Le imprese agricole sono quindi fortemente interessate al comportamento che l’ente locale intende conseguire nel trattare nel proprio Regolamento le esenzioni, le riduzioni e le esclusioni per i fabbricati rurali abitativi e strumentali e per le aree scoperte esistenti nei siti agricoli.

L’appello che la CIA rivolge ai sindaci, è quello di definire i parametri impositivi della nuova tassa che preveda una riduzione tariffaria maggiore di quella del 30% prevista dall’articolo 14 comma 15 del dl 201 /2011, e l’esenzione totale sui fabbricati strumentali destinati ad attività agricole(rimesse, attrezzi, cantine, magazzini, fienili, serre) in quanto non generatori di rifiuti urbani.

La Cia, fa presente, inoltre, che le imprese agricole sono già oberate in termini finanziari e burocratici dagli adempimenti previsti dalla normativa sullo smaltimento dei rifiuti speciali.

La Confederazione Italiana Agricoltori di Salerno – dichiara il Presidente Antonio Orlottiè quindi disponibile ad un confronto costruttivo con gli enti locali per una giusta definizione dei parametri impositivi per la nuova tassa”.

Salerno, 12 aprile 2013

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente