EBOLI- La Lega Sud Ausonia interviene su segnaletica e invasione delle mosche

Ippolito: “Chi gestisce l’Assessorato all’Ambiente e che ruolo ha la Sarim nella raccolta differenziata su tutto il territorio” -. E sulla segnaletica: “Rimuovete immediatamente quei dissuasori di via Cervi” -.

Basta con semafori e telecamere “intelligenti”.

Discarica abusiva via tini

Discarica abusiva via tini

EBOLI – Riceviamo e pubblichiamo il contenuto di due Comunicati Stampa del Coordinatore cittadino della Lega Sud Ausonia, Vincenzo Ippolito, su due argomenti ben precisi che riguardano la segnaletica stradale, cumuli di immondizia disseminati ovunque e il ritardo della disinfezione-disinfestazione ch ha causato l’invasione delle mosche.

Entrambi le segnalazioni rappresentano un vero e proprio problema per i cittadini ebolitani. In questi giorni la Città è stata invasa letteralmente dalle mosche. Mai se ne sono viste così tante e così fastidiosamente aggressive. Evidentemente la disinfestazione non è stata efficace, perché effettuata notevolmente in ritardo e quindi il combinato disinfettante che doveva intervenire sulle uova o sulle larve, non è riuscito affatto ad incidere sulle mosche, con il risultato fastidiosissimo che ci troveremo a dover subire ancora per molto tempo, l’invasione delle fastidiosissime mosche, almeno fino a quando non verrà il freddo.

Dissuasore Via Cervi

Dissuasore Via Cervi

Altro problema che pure ha sollevato Ippolito altrettanto importante e sentito, l’apposizione dei dissuasori di velocità allo stop di Via Cervi, in prossimità della Scuola Media M. Ripa. La tragedia più grande è che di volta in volta c’è sempre qualcuno che vuole per forza lasciare un segno all’Assessorato alla Viabilità e Sicurezza Stradale. Ci pensò prima Arturo Marra, con i semafori “intelligenti”, riempendone la Città e anche il Centro Storico (tra l’altro mai messi in funzione), per poi essere sostituiti ad opera di Luigi Morena, che con banalissime rotatorie risolse alla grande il problema, nel frattempo costato centinaia di migliaia di euro. Ci riprova Carlo Moscariello, il quale fresco di nomina annunciò con manifesti volantini e una informazione capillarissima, una vera e propria rivoluzione della mobilità stradale cittadina con un articolato piano traffico, che dovette poi rivedere a seguito di tantissime proteste. Ora i dissuasori, vietati dal Codice, e come se non bastasse si appresta a varare una serie di provvedimenti con la posa in opera anche di telecamere “intelligenti”, per “blindare” il centro storico, e così renderlo inaccessibile per sempre, finendolo di farlo diventare un ghetto irraggiungibile.

A tale proposito, in un incontro il Sindaco Melchionda, ha reso pubblica una lettera che l’Ing. Gabriele Del Mese gli ha scritto proprio per scongiurare questa ipotesi di “barricare” negativamente il Centro storico. Questa lettera, sarà pubblicata a parte, perché ne faccia ammenda anche l’Assessore Moscariello e non spenda soldi pubblici inutilmente.

E’ superfluo fare altre considerazioni, anche in relazione a soldi che sicuramente saranno spesi senza sortire un effetto utile sui cittadini e per cose che vengono invece percepite come fatte contro i cittadini, si vuole sperare in un ravvedimento. Lasciate stare i semafori e le telecamere “intelligenti”, per favore e se controlli vanno fatti non si sostituiscano gli uomini alle macchine, anche per evitare di pensare che ci si vuole affidare a strumenti “intelligenti” solo perché magari ci vuole poco ad essere più intelligenti di chi li propone.

…………………..  …  ……………………

COMUNICATO
Sulle discariche di immondizia e l’invasione di mosche.

Anche se il calendario segna 9 Ottobre 2009 Eboli è ancora invasa da mosche e zanzare. Assurdo non si riesce a capire come mai o a cosa sia dovuta questa invasione di mosche e zanzare in città, in giro per si continuano a vedere micro discariche vedi: Borgo, Rione Pescara e zone periferiche e rurali, stamane mi hanno chiamato gli abitanti di via dei Tini una zona dove ci sono per la maggior parte ettari di Uliveti e una vegetazione abbastanza stabile ma invasa da “Munnezza” a volte anche nociva alla salute e all’Ambiente…… Non comprendo come mai l’amministrazione non si mobiliti con una task force di uomini e mezzi per contrastare tutto questo. Chi gestisce l’Assessorato all’Ambiente? e che ruolo ha la Sarim che gestisce la Differenziata? Ormai 17 mesi sono passati dall’inizio della differenziata ma a Eboli si continua a non differenziare e creare micro discariche che aumentano la proliferazione di insetti. Chiediamo una disinfestazione e Disinfezione Urgente in tutta la città comprese periferie e zone rurali e se possibile al piu’ presto la rimozione di tutte le micro discariche in città….

“Lega Sud Ausonia”
Il Coordinatore Cittadino
Vincenzo Ippolito

………..  …  ………..

COMUNICATO
sulla segnaletica stradale e i dissuasori di velocità

Eboli anarchica questa è la frase che andrebbe esposta all’entrata di Eboli, non è possibile che in questa città si possano vedere delle cose che sinceramente mi preoccupano. Da 3 giorni in via Fratelli Cervi in pieno centro cittadino è stato posto all’altezza dell’incrocio – STOP – un Dosso Artificiale. Un dosso stradale artificiale, o dosso rallentatore, a volte chiamato dissuasore di velocità è uno strumento progettato per rallentare la velocità dei veicoli nei centri abitati, tramite gli scossoni che provoca nei veicoli, che lo scavalcano ad una velocità superiore a quella consentita in quel tratto stradale ma non in prossimità di incroci a raso. Anche se i dossi rallentatori sono molto efficaci nel mantenere la velocità dei veicoli bassa, il loro uso è in qualche modo considerato controverso dal momento che possono provocare rumori e danni ai veicoli se presi a troppo grande velocità. I dossi stradali malamente disegnati che spesso si trovano in parcheggi privati (troppo alti, troppo ampio l’angolo d’inerpicata per la velocità consentita) possono essere difficili da sormontare per i veicoli col pianale troppo basso dal suolo, come per esempio le auto sportive, anche a velocità molto basse. Il punto è che questo dosso è stato autorizzato dal Comandante della Municipale e non vie in quella via nessuna segnaletica verticale che segnala la sua presenza, credo che questo comandante adesso stia esagerando e che non possa intraprendere spontaee iniziative. Dopo una mia segnalazione al Comando Vigili mi è stato riferito da un tenente che il dosso è stato fatto istallare dal comandante Gallo e che la motivazione è la presenza di una scuola, andrebbe anche bene ma ricordo al comandante che quella scuola si trova la da almeno 50 anni e che il dosso non va istallato in presenza di un incrocio. Voglio ricordare che la motivazione per quali i dossi non si possono più installare nei centri urbani è quella che provoca danni a persone politraumatizzate trasportate in ambulanze. L’assessore al lavori pubblici come mai non interviene su questo fatto e ancora come mai lascia fare tutto questo a un Comandante della Municipale……..!!! Lega Sud chiede l’immediata rimozione di quel dosso e che l’amministrazione prenda provvedimenti in materia disciplinare nei confronti del Comandante Gallo.

“Lega Sud Ausonia”
Il Coordinatore Cittadino
Vincenzo Ippolito

5 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente