FestAmbiente Paestumanità di Paestum: Il Festival del Paesaggio e del territorio

Dal 27  fino a domenica 29 giugno “FestAmbiente  Paestumanità”: Paestum capitale dell’ecologia, della cultura, dell’arte e della solidarietà.

E’ la prima edizione di un festival dell’ecologia che si mescola con l’arte e il territorio, investendo sulla creatività e l’innovazione. Tre giorni dedicati per riscoprire bellezza dell’antica città di Paestum….. sul sentiero degli Argonauti.

capaccio-paestum-

capaccio-paestum-

di Annamaria Forte

per (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

PAESTUM – Da Porta Marina al mare: sentiero per riscoprire bellezza dei nostri territori, non solo come opera di recupero, ma per restituire speranza e visione di futuro. Tre giorni dedicati alla presentazione del  progetto in occasione dell’inaugurazione di FestAmbiente Paestumanità – Paesaggio e territorio, il nuovo festival di Legambiente a partire dal 27  fino a domenica 29 giugno con l’alternarsi di artisti internazionali,  tra scrittori, registi e musicisti.

L’opening  si è consumato il 27 alle ore 17,00 presso il Giardino del museo dell’area archeologica, alla presenza di Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente; Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania; Italo Voza, sindaco Comune di Capaccio; Marina Cipriani, direttrice Museo archeologico nazionale di Paestum e Pasquale Longo, presidente circolo Freewheeling Paestum e Marisa Parmigiani, responsabile sostenibilità del Gruppo Unipol.

Annamaria Forte

Annamaria Forte

Paestum: «Ho inteso dire che in la insola di Capre adhuc exstent vestigia delli edifici di Tiberio. In Pesto overo Possidonia, città rovinata, le mura antique sono intiere,  per una gran parte con le torri, e dentro sono tre templi, di opera dorica, di pietra viva e tiburtina in quadroni grandi. Vedesi poco lontano da Pesto la vetusta città Velia, dove ancora sono di molte rovine. Ma che bisogna immorare in queste  particolarità? Conciosiaché avemo in Baia, Cuma e Pezòlo tanti antiqui edifici rovinati che impieriano il mondo» [*]

Ripartiamo da Paestum per restituire bellezza ai nostri territori , non  solo perché è una sacrosanta opera di recupero, ma perché è soprattutto la migliore azione per restituire speranza e visione di futuro, verso uno sviluppo possibile  – ha dichiarato il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza – La nostra campagna “Bellezza Italia”, realizzata insieme al Gruppo Unipol, ha come obiettivo quello di valorizzare i luoghi e le esperienze più qualificanti del Paese dal punto di vista ambientale e sociale, quei luoghi di inestimabile valore per bellezza, ricchezza storica e artistica, ma anche complessità ambientale e sociale che rendono unico il nostro Paese, qualificandone l’identità. Siamo partiti non a caso da Paestum, perché parliamo di un sito archeologico importantissimo, una testimonianza del passato che appartiene all’umanità e che deve poter essere visitato e fruito finalmente da tutti”.

festambiente-Paestum-Legambiente

festambiente-Paestum-Legambiente

E’ la prima edizione di un festival di ecologia che si mescola con l’arte investendo sulla creatività, e l’innovazione. L’intento è quello di contribuire a sviluppare il senso di responsabilità per il nostro patrimonio culturale e ambientale, incentivando alla salvaguardia che miri al  benessere degli abitanti. La kermesse si consuma sulla base di un solo denominatore comune: diffusione su tutto il territorio di  Paestum di  storia, cultura e tradizione.

Il progetto si estende su un vasto territorio, compresi i siti fuori le mura, come l’Heraion di Hera Argiva, incentivando l’azionariato ambientale promosso da Legambiente per acquistare i terreni privati dell’area archeologica ripristinando il contesto paesaggistico nella sua interezza. Una  prima azione prevede proprio la realizzazione del “Sentiero degli argonauti”, un percorso che collega il decumano dell’antica città di Paestum e Porta Marina all’Oasi dunale di Torre di Mare,

È questo, in sintesi, l’idea alla base del primo intervento che il Gruppo Unipol e Legambiente realizzeranno in Italia nell’ambito di “Bellezza Italia, nel contempo si svilupperà un’altra realtà che vedrà l’attuazione di  azioni di recupero e riqualificazione di aree degradate, per restituirle alla fruizione dei cittadini.

Ovviamente il nuovo percorso andrà a ricongiungersi  con quello già esistente, migliorato e reso accessibile a disabili e non vedenti, fino alla spiaggia con un’adeguata segnaletica. Il tutto arredato con info point, dedicato all’informazione e alla scoperta degli elementi ambientali, storici e culturali presenti nell’area. Quest’azione di recupero permetterà, attraverso una vera e propria passerella,  di  visitare tutta questa affascinante zona a piedi, in piena sicurezza, passando per una suggestiva promenade che fu l’approdo dei coloni greci che fondarono la città, potendo così immergersi in una metamorfosi ambientale tra mare e città, fino ad oggi impossibile, creando un nuovo rapporto con la città.

Nel foglio accluso alcune notizie del percorso fino a Salerno, e anche su Paestum; è l’ultima e, starei per dire, la più splendida immagine che porterò meco integra al nord” J. W. Goethe


* In alcuni scritti compaiono le prime descrizioni della città e dei suoi templi, come nella lettera di Pietro Summonte a Marcantonio Michiel sull’arte napoletana, del 1524.

………………………………..  …  ……………………………………

PROGRAMMA

FestAmbiente Paestumanità

venerdì 27 giugno 2014• h. 10:00/ Oasi dunale Torre di mare

Start Land Art – L’arte realizzata con la natura. Per tutta la durata del festival.A cura di Cosimina Capo, Legambiente Freewheeling Paestum

  • h. 10:00/ Paestum, via Magna Grecia: Apertura stand artigianato artistico locale. Per tutta la durata del festival.
  • h. 10:00/ Paestum, via Magna Grecia, ingresso Museo: Esposizione prototipi di compostiere artistiche realizzate da Gabriele Fiocco. Per tutta la durata del festival.
  • h. 11:00/ Oasi dunale Torre di mare: Seminario Giglio di mare ed eco-sistemi costieri: alcune esperienze di tutela.

Il punto di vista degli esperti sul paesaggio costiero, le sue specificità vegetazionali e le forme di tutela a partire dall’esperienza di Legambiente e dell’Oasi dunale di Torre di Mare e della Riserva Riserva Naturale Foce Sele e Tanagro e Monti Eremita-Marzano

Ne discutono:Maria Gabriella Alfano, presidente Riserva Naturale Foce Sele e Tanagro e Monti Eremita-MarzanoStefania De Pascale, docente di orticoltura e floricoltura Università di Napoli Federico IIDionisia De Santis, naturalista, autrice di Le piante spontanee alimentari nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di DianoModera:Lucio Capo, direttore Legambiente Oasi dunaleAl termine:Passeggiata a cura di Dionisia De Santis alla scoperta della vegetazione dell’Oasi dunale.

  • h. 17:00/ Area archeologica/ via Magna Grecia, ingresso Museo: Festambiente Paestumanità – Paesaggio e territorio, Inaugurazione del festival.

Partecipano: Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente, Michele Buonomo, presidente Legambiente CampaniaItalo Voza, sindaco Comune di Capaccio, Marina Cipriani, direttrice Museo archeologico nazionale di Paestum, Pasquale Longo, presidente circolo Freewheeling Paestum Presentazione de Il sentiero dell’argonauta – Progetto Bellezza Italia con Marisa Parmigiani, responsabile sostenibilità del Gruppo Unipol

  • h. 18:30 Apertura di Come nelle fiabe: Laboratorio creativo di Riccardo Dalisi. Presenta Gabriella Paolucci, Legambiente Freewheeling Paestum
  • h. 21:00/ Oasi dunale Torre di mare: Un casotto di libri. Presentazione di Alberi, di e con Annamaria Laville. Presenta Bruna Alfieri, Legambiente Freewheeling Paestum
  • h. 23:00/ Oasi dunale Torre di mare: Silent disco con dj Faber De Vita, ballare in cuffia tutti insieme, rispettando chi e cosa sta intorno: uno spettacolo quasi surreale

sabato 28 giugno 2014

  • h. 11:00/ Oasi dunale Torre di mare: I assemblea azionisti Paestumanità
  • h. 18:00/ Area archeologica/ Giardino del Museo: Convegno Sud come ricchezza: tra vecchi stereotipi e la cultura del bello.

Riflessione sul Sud, la sua vivacità culturale e le risorse materiali e immateriali. Testimonianze di chi al Sud ha avuto il coraggio di investire nella cultura, nei beni culturali, nei valori ambientali e paesaggistici.

Ne discutono:Sergio Rizzo, co-autore di Se muore il Sud Alessandro Rak, regista del film L’arte della felicità Rossella Muroni, direttrice nazionale LegambienteMarina Cipriani, direttrice Museo Archeologico Nazionale di PaestumAlessio D’Auria, docente di Economia dei beni culturali e ambientali, UniSOBSalvatore Esposito, psicologo, presidente Mediterraneo Sociale – NapoliEnzo Pranzini, Università degli Studi di Firenze, Dipartimento di Scienze della TerraModera:Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania

  • h. 21:00/ Oasi dunale Torre di mare: Proiezione del film di animazione L’arte della felicità, di e con il regista Alessandro Rak. PresentaCLegambiente Freewheeling Paestum
  • h. 23:00/ Casa Rubini a Paestum – in via Tavernelle: Silent disco con dj Faber De Vita

Domenica 29 giugno 2014

  • h. 9:30/ Area archeologica/ via Magna Grecia, ingresso Museo: Partenza Bell’Era in bicicletta.. Ciclo escursione alla scoperta del territorio di Capaccio-Paestum. A cura di Pasquale Longo, Legambiente Freewheeling Paestum, in collaborazione con FIAB Salerno
  • h. 18:00/ Oasi dunale Torre di mare: Convegno Paestumanità e la Piana del Sele: esigenze di tutela e potenzialità turistiche.

Le dinamiche di gestione della Piana del Sele tra abusivismo, dissesto idrogeologico, esigenze del comparto agricolo e zootecnico, erosione costiera, emergenze archeologiche e paesaggistiche, rilancio turistico.

Ne discutono: Rossella Muroni, direttrice nazionale LegambienteGiancarlo Chiavazzo, responsabile scientifico Legambiente CampaniaNabil Pulita, Segreteria regionale Legambiente CampaniaDomenico Nicoletti, docente Università degli studi di SalernoAdele Campanelli, Soprintendenza Archeologica SA, AV, BN, CEDomenico Moccia, urbanista, Università degli studi di Napoli Federico IIMaria Gabriella Alfano, presidente Riserva Foce Sele Tanagro- Monti Marzano EremitaModera:Valentina Del Pizzo, responsabile progetto Paestumanità

  • h. 20/Oasi dunale Torre di mare (al termine del convegno): Premio PaestUmanità e PaestOscenità.. Prima edizione del premio, rispettivamente alle buone pratiche e alle cattive pratiche della gestione del territorio.
  • h. 21:00/ Oasi dunale Torre di mare: Dalla Terra dei Fuochi alla Terra dei Cuochi – assaggi d’autore.

Incontro dei circoli campani impegnati nella gestione di aree di interesse culturale e/o ambientale (Legambiente Succivo, Pontecagnano, Valle dell’Irno, Eboli, Castellammare di Stabia).

Presenta Mario Bove, giornalista Legambiente Vento in faccia Battipaglia

• h. 23:00/ Oasi dunale Torre di mare

Silent disco con dj Faber De Vita

…………………………….  …  ……………………………….

Paestum, 28 giugno 2014

2 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente