“Eboli Mare sicuro 2015”: 4 domande a Cariello dalla Lista 3.0

4 domande al Sindaco di Eboli Massimo Cariello sull’operazione “Mare sicuro 2015”, dal Coordinamento della Lista Eboli 3.0.

Coordinamento Lista 3.0: Perchè contestò dall’opposizione quell’affidamento nel 2014? Cosa è cambiato? E’ possibile affidare ad una Società in liquidazione un servizio? Si è parlato di proroga, risponde al vero?

Adelizzi-Consalvo

Altieri-Consalvo

da (POLITICAdeMENTE) il Blog di Massimo Del Mese

EBOLI – L’affidamento del servizio Spiaggia, Salvamento e Parcheggi, alla Eboli Multiservizi, la Società in house messa recentemente in liquidazione dalla Commissaria Prefettizia Vincenza Filippi, che a sua volta si è servita come l’anno scorso della Società di Vigilanza privata Security Point, senza effettuare una regolare gara, tiene ancora banco, e dopo l’intervento sia di Forza Italia e del suo Gruppo Consiliare e l’interrogazione del Sen. Franco Cardiello, ecco che giunge anche l’intervento da parte del Coordinamento della Lista “Eboli 3.0“, attraverso una lettera aperta rivolta al Sindaco di Eboli Massimo Cariello attraverso la quale formulano 4 precise domande per fare chiarezza su quell’affidamento.

«Gentile Sindaco, – si legge da una nota del coordinamento della Lista “Eboli 3.0” – da qualche settimana Lei è stato eletto “primo cittadino” di Eboli; è stato eletto al secondo turno e con un risultato netto ed inequivocabile. Lei ora deve governare, trasformare in provvedimenti esecutivi le idee che ha e realizzarle ­‐ si presume ‐ in favore della città che le aspetta, ansiosa di poter voltare pagina. Invece, in questi giorni, occupiamo le pagine dei giornali locali con un “botta e risposta” che viene intrattenuto tra Lei e una parte dell’opposizione sulla delicata vicenda di assegnazione di un servizio pubblico alla Multiservizi prima e poi da questa ad una società privata.

La delusione e lo sconcerto – si aggiunge nella nota – che l’accompagnano devono far posto al senso di responsabilità che Le deriva dalla Sua funzione ed accettare anche una diversa e non condivisa, a quanto pare, tipologia di opposizione che una parte politica ha liberamente scelto non per ostacolare il Suo fare ma per contestarlo, nella fattispecie, nelle sedi ritenute idonee per appurarne i profili di legittimità.

Nella delicata vicenda denominata “Mare sicuro 2015“, – prosege la nota di “Eboli 3.0” che formula anche celle domande a chiarimento – noi Le suggeriamo di rispondere a una serie di domande in modo che l’intera città prenderà atto della correttezza procedurale applicata e sgomberare i dubbi generati:

  1. Perchè nell’anno 2014 Lei in qualità di Capo di una parte importante dell’opposizione contestò quell’affidamento?
  2. In cosa si differenzia l’attuale affidamento rispetto a quello contestato nell’anno 2014?
  3. La Multiservizi -­ società interamente partecipata dal Comune di Eboli ‐ risulta essere in liquidazione ed è possibile affidare un servizio pubblico ad una società in liquidazione?
  4. Si è parlato di proroga del servizio assegnato l’anno scorso, Le risulta corrispondente al vero?

Ne consegue che qualora la Multiservizi fosse in liquidazione – si deduce dalla nota di 3.0 ma che ricorda anche l’impegno della Lista e il successo della stessa che ha portato all’elezione di Rosa Altieri –  -­ forse ‐ non avrebbe potuto assegnare alcuni servizi ad altro soggetto privato. Anche noi, che pure abbiamo partecipato alla competizione elettorale in uno schieramento opposto al Suo, dobbiamo rendere conto, per i voti che lo schieramento stesso ha avuto e, nello specifico, la rilevante affermazione della lista “Eboli 3.0, dell’operato della Sua Amministrazione se non altro, per un comune intento che vale e varrà sempre anche per noi, che “Eboli è al centro dei nostri pensieri.

In ultimo Le ricordiamo della inopportunità che vi sia interlocuzione a mezzo stampa “La Città del 12/07/2015” della società privata affidataria di una parte del servizio in parola che interviene in un contesto meramente politico; noi manifestiamo anche solidarietà ad eventuali crediti da essa vantati ma riteniamo che non sia lo strumento “giornale” a dover dare eco a queste richieste.

Eboli, 13 luglio 2015

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente