Eboli, “O’ maccatur di Briganti”: Mostra sul “Brigantaggio meridionale”

1/4 dicembre, ore 18.00/22.00, Chiesa di S. Lorenzo, Eboli, “O’ maccatur di Briganti”, Una Mostra sul “Brigantaggio meridionale”.

La manifestazione, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Eboli, è stata organizzata dal Centro Studi Storici il Saggio, dall’Associazione “Je, Jevule e tu?” ed ha come partner l’Associazione “I Briganti dell’Ermice”. Il ricavato dell’evento sarà devoluto in beneficenza.

Eboli-Mostra-Brigantaggio meridionale

Eboli-Mostra-Brigantaggio meridionale

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – dall’1 al 4 di dicembre, dalle ore 18.00 alle 22.00, nella Chiesa di S. Lorenzo, nel cuore del Centro Storico di Eboli, si svolgerà l’evento: “O’ maccatur di Briganti“; una Mostra sul “Brigantaggio meridionale”.

La manifestazione, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Eboli, è stata organizzata dal Centro Studi Storici il Saggio, dall’Associazione “Je, Jevule e tu?” ed ha come partner l’Associazione “I Briganti dell’Ermice“. Alla presentazione della Mostra, che avverrà il 1 dicembre allo ore 18.00, interverrano: Il Sindaco di Eboli Massimo Cariello; L’Assessore alla cultura Angela Lamonica; Carmine Di Michele a cui è affidata la relazione; Giuseppe Barra, Annaserena Spiotta ne discuteranno; mentre Noemi Manna modererá gli interventi.

La mostra, con tantissime illustrazioni sul Brigantaggio, racconta tantissime storie sui Briganti, e se la “storia”: scritta dopo l’Unità d’Italia dai piemontesi, li raffigura come loschi figuri, banditi, rapinatori ed assassini, ed individui pericolosi per i cittadini e nemici, che a seguito delle loro scorrerie seminavano morte; Quella tramandata dai racconti e dalle gesta di questi uomini forti, rudi e coraggiosi, invece è romanzata dalle loro gesta, che al contrario li elevava ad eroi, a partigiani, a difensori dei deboli e contro l’arroganza e la prepotenza di una operazione politico-militare, difensori della loro terra, non capita e non voluta di uno stato Piemontese che si annetteva insieme al territorio ricchezze e tradizioni per sopprimerle con il nuovo ordinamento, appunto contestato e ritenuto ingiusto.

Ed  è proprio in questa dicotomia che si nasconde il fascino di quegli uomini e di quelle gesta che solo da poco possono essere raccontate senza commettere un “reato”. Belle gesta e racconti appassionati che proietteranno i visitatori in quell’epoca, anche attraverso i balli e i canti, ma anche le raffigurazioni “brigantesche“, viste con l’occhio libero di chi sa accettare, sa dimenticare e sa rivalutare quella storia e quei personaggi, restituendo loro l’onore rubato anche attraverso un tentativo “parascentifico” di un personaggio come Lombroso, il quale, per giustificare le razzie e la soppressione di quei rigurgiti patriottici semplici li definiva, brutti, sporchi e cattivi e quindi “geneticamente” colpevoli.

Eboli-brigantaggio Meridionale

Eboli-brigantaggio Meridionale

Eboli, 22 novembre 2016

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente