L’Italia va a “Puttana”, il PD fa sciopero della fame per lo Ius Soli

12 milioni di poveri. L’Italia va a puttana. Il PD organizza lo sciopero della fame sullo “Ius Soli” e fa pressione sul Parlamento.

Vergogna” dicono i salviniani e Mariano Falcone, segretario provinciale salernitano del movimento “Noi con Salvini”, sullo sciopero della fame dei parlamentari PD aggiunge: “Noi continuiamo a difendere i diritti degli italiani. Ricordiamocene nelle urne di questa gente”.

Matteo Salvini-Mariano Falcone

Matteo Salvini-Mariano Falcone

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – E questo è. Questo è il PD, una brodaglia di principi e di valori , giusti, ma portati avanti in maniera sbagliata e distorta rispetto ad una realtà che dice altro, ma molto altro. Ma è mai possibile che con tutti i problemi che ci sono in Italia, fino al punto che gli italiani, pur di liberarsi di questi sfessati del PD, voterebbero un altro sfessato, come dice Vincenzo De Luca, come Luigino Di Maio, un nulla incartato e infiocchettato bene, candidato fin da ora a fare il mestierante della politica, e questi fanno il braccio di ferro sullo Ius soli, facendo imbestialire ancora di più i loro più convinti sostenitori.

L’Italia va a puttana e il il PD organizza lo sciopero della fame sullo “Ius Soli” per forzare sul Parlamento perché se ne discuta e si approvi. Perché il Ministro Graziano Del Rio non ha organizzato lo stesso sciopero per accellerare su una Legge elettorale che dia agli elettori la facoltà di votare i loro rappresentanti da mandare al Parlamento mettendo fine alle Camere dei nominati; Perché non ha organizzato lo stesso sciopero quando si è parlato dei benefici dei Parlamentari per eliminarli, e perché non ha forzato perché gli stessi non prendessero pensioni alla pari di chi si fa un mazzo così, dimenticando che la carica di Deputato o Senatore è una carica onorifica e non un lavoro o mestiere. Perché Del Rio e il PD non hanno fatto lo stesso sciopero e innalzato le barricate per le liquidazioni milionarie dei boiardi di Stato, per i Magistrati, per i Generali e per tutti quei papponi che nel corso degli anni hanno accumulato privilegi da schifo e da vergogna. La lista sarebbe lunga per tutti i diritti violati e a fronte di quei privilegi che turbano gli italiani, specie chi combatte con stipendi e pensioni da fame, per tutti gli sprechi e tutte le ruberie che angustiano la nostra vita e che ci hanno fatto giungere al capolinea al punto in cui abbiamo messo in discussione anche la nostra proverbiale generosità e accoglienza rispetto ad un quadro distorto di pseudo-diritti assurdi, nascosti dietro affari miliardari che alimentano l’industria dell’accoglienza, favorendo una finta immigrazione fatta da una marea umana che nulla ha a che vedere con la volontà di voler cambiare vita.

Un invito a nozze per Matteo Salvini e per tutti i partiti che si oppongono ad una indiscriminata politica dell’accoglienza. Un suicidio per il PD e per il Governo e tutti i suoi alleati. Un regalo alla Lega e a Salvini, un ulteriore chiarimento dell’ipocrisia convenientista del M5S che protesta si tutto ma non dice mai da che parte sta.  Un invito che si concretizza in un una nota dei salviniani salernitani che elencano tutti i problemi per i quali sarebbe giusto gare lunghissini scioperi della fame.

Vergogna. – scrive in una nota il segretario provinciale salernitano di con Salvini” Mariano Falconeper Decine di parlamentari del PD ed insegnanti fanno lo sciopero della fame per lo Ius Soli. Cioè per regalare la cittadinanza italiana a migliaia di stranieri. E lo sciopero della fame per i milioni di disoccupati italiani? Per i giovani senza futuro? Per gli italiani che non hanno la casa? Per i nostri anziani che vivono con pensioni da fame? Per i padri di famiglia che si suicidano per colpa di equitalia? Per imprenditori e commercianti che falliscono per colpa di un fisco vampiro? Per le forze dell’ordine deleggittimate? Per i precari? Per gli italiani truffati dalle banche che loro hanno salvato? Per le migliaia di italiani che non possono avere accesso al credito per non aver pagato una rata del prestito e finiscono nelle mani degli usurai? Per tutti quegli italiani costretti a razzolare nella spazzatura per mangiare?

Noi – prosegue Falcone – continuiamo a difendere i diritti degli italiani. Ricordiamocene nelle urne di questa gente. Rispondiamo al loro sciopero della fame chiedendo ai nostri ristoratori di regalare un pasto ad una famiglia esclusivamente italiana che vive in stato di indigenza. La scelgano loro. – conclude Falcone – Ognuno nella sua zona ne conosce almeno una. Prima gli italiani!

Salerno, 7 ottobre 2017

2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. CARO MINISTRO DELRIO, LEI SCIOPERA PER LO IUS SOLI? GLI ITALIANI VI FARANNO FARE LA FAME ALLE IDI DI MARZO NELL’URNA ELETTORALE!

    • DAL PORCELLUM ALL’INCIUCELLUM, PASSANDO PER IL MERDELLUM – LA TRISTE STORIA DELLE NOSTRE LEGGI ELETTORALI, FATTE SEMPRE PER FREGARE IL NEMICO. QUELLA DEGLI STATI UNITI È IN VIGORE DAL 1842, QUELLA DELLA GERMANIA DAL 1956, QUELLA DELLA FRANCIA DAL 1958. L’ ITALIA DALL’ UNITÀ (1861) NE HA CAMBIATE PIÙ DI DIECI.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente