ISES chiude e il PCI fa l’analisi su Cariello

L’ISES chiude e per il PCI ebolitano è l’occasione per aprire un dibattito su Cariello e la sua amministrazione. 

Il Sindaco e la sua maggioranza non hanno idea di come si amministra, si lanciano in iniziative estemporanee, senza nessuna pianificazione e strategia. 

Protesta-Nuova ISES-ASL Salerno

Protesta-Nuova ISES-ASL Salerno

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Per approfondire la questione dell’ISES e della NUOVA ISES sarebbero necessari tempi lunghi e un comunicato non basterebbe. La Regione Campania non ha concesso l’accreditamento e l’unica speranza è nelle mani del TAR, che dovrà decidere sul ricorso presentato.

Tutta questa situazione, però, pone all’attenzione di osservatori attenti una questione seria che, secondo noi del PCI, è al centro del fallimento dell’azione del Sindaco Cariello e della sua maggioranza. Il Sindaco Cariello e la sua maggioranza sono isolati, sono un corpo estraneo rispetto ai luoghi in cui sono assunte le decisioni.

Non è una questione di affinità politiche o partitiche, ma di essere visti e intesi come soggetti coinvolti nei processi in quanto portatori di interessi della propria comunità. Essi sono considerati inaffidabili, nonostante abbiano provato in tuti i modi ad accreditarsi presso la Regione Campania e, in particolare, il Presidente De Luca.

del Vecchio PCI

del Vecchio PCI

Hanno forzato la mano sul centro polifunzionale, modificando arbitrariamente la sua “destinazione d’uso”. La risposta è stata “vi chiederemo conto del finanziamento ricevuto e dovrete restituirlo”. Due sono le cose. O hanno pensato di poter fare tutto e non hanno provato ad individuare un percorso con la Regione Campania oppure ci hanno provato e non hanno ricevuto risposte positive.

In entrambi i casi, hanno rischiato sulla pelle dei lavoratori, dei ragazzi assistiti e degli ebolitani. E’ credibile un Sindaco di centro-destra con una maggioranza di centro-destra che si impegna in campagna elettorale appoggiando il PD? Che spacca la sua maggioranza? Che ha tanto da chiedere e da avere dalla Regione Campania, e si schiera con la parte del PD che non è “allineata” con il Presidente della Regione Campania?

Anche la questione rifiuti ha visto il Sindaco Cariello e la sua maggioranza ballare paurosamente. Ha difeso tutto tranne che gli interessi del proprio territorio.

E’ affidabile un Sindaco che non difende il proprio territorio non alleandosi con il Comune di Battipaglia in base a ragionamenti riconducibili a un atteggiamento da tipico “campanilismo calcistico”? Che al tavolo regionale assume posizioni incomprensibili, aprendo o lasciando varchi, disponibilità, ai progetti regionali che hanno l’intenzione di continuare a considerare la Valle del Sele la pattumiera della Provincia di Salerno e, forse, dell’intera Regione Campania?

Potremmo continuare chiedendo perché Eboli è stata esclusa dal Piano di Sviluppo StrategicoZona Economica Speciale (ZES) della Campania?

Troppi elementi portano a dire che il Sindaco e la sua maggioranza non hanno idea di come si amministra, si lanciano in iniziative estemporanee, senza nessuna pianificazione e strategia, le cui conseguenze stanno ricadendo esclusivamente sulla città, aumentandone l’impoverimento e l’arretramento economico, culturale e sociale.

Eboli, 29 gennaio 2019

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. il sindaco di centro destra solo per la campagna elettorale, solo per ingannare i suoi elettori ma è stato sempre di sinistra.
    il sindaco, la maggioranza, l amministrazione hanno portato Eboli ad un punto di non ritorno, difficile da riprendersi.
    grazie
    e sopratutto grazie a quegli ebolitani che hanno creduto in una classe politica fallimentare.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente