Le opposizioni interrogano il Sindaco su gare, appalti e malaffare a Eboli

Appalti, gare e malaffare, i Consiglieri di opposizione Conte, Petrone, Di Candia, Cardiello e Fido interrogano il Sindaco. 

Antonio Conte MDP-LeU: “Con Cardiello e Fido chiediamo al Sindaco di relazionare in modo non formale in Consiglio Comunale su tutto ciò che abbiamo scritto e ribadito nell’interrogazione presentata, già oggetto di tante precedenti interrogazioni e interventi in aula“.

Fido-Cardiello-Petrone-Conte-Di Candia

Fido-Cardiello-Petrone-Conte-Di Candia

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – I Consiglieri comunali Antonio Conte, Antonio Petrone e Teresa Di Candia del Gruppo MDP-LEU, Damiano Cardiello del Gruppo Forza Italia, Santo Venerando Fido del Gruppo EBOLI 3.0, hanno inviato al Presidente del Consiglio Comunale della Città di Eboli Fausto Vecchio e al Sindaco della Città di Eboli, Massimo Cariello, una Interrogazione consiliare a risposta scritta per sapere:

  • se risulta che sul territorio comunale e nel centro urbano è in atto una preoccupante diffusione di pratiche affaristiche compromettenti e intimidatorie, con coinvolgimenti a tutti i livelli, in cui spicca anche lo spaccio e il consumo della droga;
  • se non ritiene che  la più volte attenzionata  gestione degli appalti comunali  al di sotto dei 40 mila euro, del piano di zona, del Palasele, dell’edilizia privata, dei servizi cimiteriali, degli immigrati, della zona industriale, del litorale marino  ormai in mano al degrado e al malaffare, come pure le ombre che avvolgono il fallimento della Eboli Multiservizi e della squadra di calcio Ebolitana 1925, dei rifiuti solidi urbani e dell’ambiente, come più volte  riportato dalla stampa nonché sotto osservazione degli organi inquirenti, è anche la conseguenza di scelte, omissioni ed incapacità dell’Amministrazione Comunale. 

A tale scopo i consiglieri comunali Antonio Conte, Antonio Petrone, Teresa Di Candia, Damiano Cardiello, Santo Venerando Fido, interroganti chiedono una risposta a quanto esposto e se si ritiene di convocare il Consiglio Comunale per rendere conto non formale, alla cittadinanza di questo stato di cose, prendendo atto delle precedenti interrogazioni e proposte  fatte, da tempo, dalle opposizioni, con invito all’Amministrazione Comunale a trarne le dovute conseguenze e assumere i dovuti  provvedimenti, onde evitare danni istituzionali, economici e di immagine per Eboli.

In merito al contenuto dell’interrogazione consiliare, il Capogruppo MDP-LEU Antonio Conte dichiara: “Con l’interrogazione inviata al Comune  firmata da noi Consiglieri di opposizione si chiede al Sindaco di fare chiarezza su una serie di pratiche e attività dell’Amministrazione messe in atto negli ultimi anni e sulle quali pesano dubbi, ombre e attenzione da parte dell’Autorità Giudiziaria. Congiuntamente ai colleghi Cardiello e Fido chiediamo al Sindaco di relazionare in modo non formale in Consiglio Comunale su tutto ciò che abbiamo scritto e ribadito nell’interrogazione presentata, già oggetto di tante precedenti interrogazioni e interventi in aula“.

Eboli, 22 febbraio 2019

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Denunciate dal 2015…Con quali risultati?

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente