Polla-Tunisia-Battaglia: Il viaggio della monnezza la rabbia della Sindaca

Rifiuti da Polla alla Tunisia all’Ex Stir di Battipaglia. Il “ri”ciclo della monnezza: Insorge la Sindaca Cecilia Francese.

La Sindaca Francese: «Battipaglia non è una pattumiera, non subirà un nuovo oltraggio e questa Amministrazione sarà pronta a lottare al fianco di tutti i cittadini. La misura è ormai colma».

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – La notizia del viaggio della monnezza da Polla alla Tunisia e dalla Tunisia a Salerno dei 212 container dei quali 33 con destinazione Stir Battipaglia ha fatto insorgere un bel po’ di persone e tra questi la Sindaca di Battipaglia che ha subito affidato ad una nota stampa tutto il suo sconcerto e tutta la sua rabbia che a seguito della sottoscrizione dell’accordo l’Ente d’Ambito Salerno ciclo integrato rifiuti urbani si è impegnato ad assicurare, attraverso Ecoambiente Salerno il trasporto e lo stoccaggio dei container dal porto di Salerno al sito di stoccaggio provinciale indicato dalla Regione d’intesa con l’Arpa Campania.

«Apprendiamo dalla stampa di nuovi e intricati giri di tonnellate di rifiuti che, partiti dalla nostra regione verso la Tunisia, ora ritornano verso la Campania ai fini della “caratterizzazione” che qualcuno, a livello regionale, con l’ennesimo colpo di genio ha pensato di fare effettuare nell’ex STIR di Battipaglia. – Scrive in una nota la Prima cittadina di Battipaglia Cecilia FranceseAncora una volta il sistema decisionale sulla partita dei rifiuti, dimostrando tutta la sua arroganza e lo spregio verso i territori, tiene accuratamente fuori i Comuni, costretti solo a subire le follie e le approssimazioni gestionali in questa materia.

Cecilia Francese

Dopo decenni di disastri ambientali nella nostra Regione, legati alla inesistenza di politica dei rifiuti definita nella strategia e negli obiettivi e condivisa con i Comuni, non si è ancora capito che senza il coinvolgimento dei territori, ma con la semplice imposizione di scelte assunte in segrete stanze, si va solo allo scontro con i cittadini. Si creano evitabili tensioni sociali, si perde tempo e si spendono soldi inutilmente. – prosegue la nota che ricorda le varie vicissitudini che hanno attraversato la comunità di Battipaglia e della Piana del SeleSe le notizie riportate dalla stampa rispondessero al vero, non resterebbe che giungere alla conclusione che qualcuno ha intenzione di ritrovarsi la città di Battipaglia in piazza, e vedere i camion che portano quei container bloccati all’uscita dell’autostrada e rispediti al mittente con tanto di “nota di restituzione”, nella quale si ricorderà ancora una volta:

  • che Battipaglia non è una pattumiera il cui coperchio qualcuno può aprire a suo piacimento;
  • che questo territorio da anni è la valvola di salvataggio dell’intera provincia di Salerno sul terreno dei rifiuti, ospitando l’ex Stir, e diverse ditte private che lavorano frazioni di rifiuto;
  • che agli impianti sul proprio territorio si aggiunge la presenza ai confini di un impianto di compostaggio, realizzato male e gestito peggio, che da anni ha avvelenato l’aria della nostra città e oggi, non a caso sotto sequestro;
  • che questa città sta ancora aspettando la bonifica di vecchie discariche su cui si sono sprecati gli impegni a provvedere (specie in campagna elettorale).

che questo territorio è stato dichiarato “saturo”, grazie alla spinta ed alla lotta dei cittadini e dell’Amministrazione Comunale. – conclude la Sindaca di Battipaglia Cecilia FranceseSarà bene che tutti si rendano conto che Battipaglia non subirà un nuovo oltraggio e questa Amministrazione sarà pronta a lottare al fianco di tutti i cittadini. La misura è ormai colma».

Battipaglia, 13 febbraio 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente