Paravia smentisce l’esclusione dalla Lista di Esponenti di “Dititti e Libertà”

Paravia: “I candidati di Donadi Formisano e Mungivera sono espressione di Diritti e Libertà e sono nelle liste Centro Democratico. “L’amarezza di una persona per un obiettivo elettorale mancato non può far prevalere notizie false e strumentali”

Centro Democratico, smentisce le voci ed esclusioni di nomi del partito Diritti e Libertà.

Salvatore Paravia- Api

Salvatore Paravia- Api

SALERNO“Nelle liste elettori del Centro Democratico sono presenti i candidati di «Diritti e Libertà», Il partito fondato da Massimo Donadi è confluito nella coalizione guidata da Bruno Tabacci e ha ottenuto i riconoscimenti richiesti” – spiega Salvatore Paravia, candidato al Senato per il Centro Democratico e portavoce della coalizione in provincia di Salerno.

“Le candidature di Nello Formisano e del tenente colonnello dei carabinieri, Claudio Mungivera, sono espressione del partito di Donadi – precisa Salvatore Paravia il dottor Flavio Boccia nell’esprimere le sue perplessità sulla formazione delle liste elettorali del Centro Democratico dovrebbe spiegare a che titolo esterna le sue obiezioni”.

La coalizione politica del Centro Democratico nasce dall’esperienza delle primarie che hanno riconosciuto come leader della coalizione Bruno Tabacci. Francesco Rutelli è stato tra i promotori di questo percorso politico che si è concretizzato con la nascita del Centro Democratico.

“L’amarezza di una persona – conclude Salvatore Paraviaper un obiettivo elettorale mancato non può far prevalere notizie false e strumentali. I candidati di Donadi e Formisano sono nelle liste elettorali del Centro Democratico”.

Salerno, 22 gennaio 2013

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente