Il PSI a Caldoro. Le dichiarazioni “neo-fasciste” di Spinelli: “Ignobili”

Le esternazioni di Spinelli sono gravissime. Non ha avuto nemmeno la decenza di giustificare i suoi ignobili post.

“I socialisti ebolitani si associano nel giudizio all’Associazione Nazionale Partigiani e chiedono la rimozione immediata del commissario Spinelli e all’autorità giudiziaria di vagliare la sussistenza di profili di reato nelle sue dichiarazioni”.

.

da  (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – “Apprendiamo con notevole sconcerto – si legge in un comunicato stampa della Segreteria del Partito Socialista Italiano di Eboli, a firma di Marco Lamonica, Pietro Lamberti, Gino Cioffi, Antonio Lioile becere affermazioni esternate dal commissario Spinelli in occasione della festa della Liberazione”.

La polemica sulle frasi offensive e volgari, postate su facebook dal Commissario al Personale degli Ospedali di Eboli, Battipaglia, Oliveto Citra, Roccadaspide, Pietro Spinelli sul 25 aprile, continua e tiene ancora banco, specie dopo gli assurdi farfugliamenti a giustificazione di Spinelli e di altri su quelle indegnità e quelle volgarità, e dopo la CGIL, che ufficialmente ha presentato una denuncia al Prefetto di Salerno Gerarda Pantalone, al Governatore della Campania Stefano Caldoro, è aumentata la protesta alla quale si è aggiunto il Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, che non si è affatto risparmiato nei giudizi. Hanno fatto sentire la loro voce: l’Associazione Nazionale dei Partigiani Italiani; Sinistra Ecologia e Libertà con il suo Parlamentare Michele Ragosta e il suo Segretario Provinciale Gerardo Calabrese; e ora il Partito Socialista Italiano, quello vero e non la “sigla” di destra di Caldoro. Un coro di indignazioni che tenderanno solo ad aumentare atteso anche la ostinata giustificazione dell’interessato e dei suoi mantori non lascia trasparire nessuna possibilità di chiedere scusa.

psi

I socialisti ebolitani – si legge ancora nella nota del PSI – si associano alle critiche formulate dall’Associazione Nazionale Partigiani e chiedono la rimozione immediata del commissario Spinelli nonché all’autorità giudiziaria di vagliare la sussistenza di profili di reato nelle sue dichiarazioni.

E’ davvero sconcertante – proseguono i socialisti ebolitani – che il commissario per il personale dell’Ospedale di Eboli Pietro Spinelli ancora oggi, dopo giorni di polemiche e l’intervento dell’ANPI, non abbia avuto la decenza di giustificare i suoi ignobili post ne di affermare il valore fondante della lotta di liberazione dal nazifascismo.

Il sacrificio compiuto dai partigiani, la resistenza e la lotta di liberazione rappresentano la pietra miliare sulla quale è stata fondata l’Italia libera, la nostra Italia, quella stessa Italia che elargisce al commissario Spinelli uno stipendio da centinaia di migliaia di euro.

.

Chiediamo – proseguono ancora i Socialisti rivolgendosi direttamente a Stefano Caldoroal Presidente della Giunta Regionale della Campania, se è vero che è stato socialista anche per un solo secondo della sua vita, di agire di conseguenza e rimuovere immediatamente l’estensore di così vigliacche affermazioni; affermazioni che offendono il sangue versato per la nostra patria e il sacrificio di migliaia di giovani uomini e donne che sono morti per permetterci di vivere in un Italia libera e liberata.

Rimaniamo allibiti, inoltre, di fronte al silenzio assordante del centrodestra ebolitano che, o per condivisione o per disciplina di partito, non ha proferito parola alcuna su questa triste e vergognosa vicenda che oltraggia tutta la città di Eboli e la sua storia.

Confidiamo, – conclude la nota stampa del Partito Socialista a firma di Marco Lamonica, Pietro Lamberti, Gino Cioffi, Antonio Lioi della Segreteria del PSI cittadino – infine, in uno scatto di ravvedimento del commissario Spinelli il quale, traendo le dovute conseguenze delle sue infami affermazioni, rassegni le sue irrevocabili dimissioni non prima di aver presentato le sue scuse all’ANPI, all’Italia e alla città di Eboli”.

Caldoro-Cirielli-Squillante-Cariello-Spinelli-Lenza-Matrioska-Sanità.

Caldoro-Cirielli-Squillante-Cariello-Spinelli-Lenza-Matrioska-Sanità.

Purtroppo la Destra locale non è per nulla strutturata e nonostante il suo modestissimo peso, non è stata affatto assordantemente silenziosa, anzi al contrario prima non solo ne ha subito la decisione del commissariamento, poi ne ha dovuto condividere l’operato, e successivamente ha ritenuto di fare proprie decisioni i provvedimenti, che hanno segnato il destino del nostro Ospedale, sulla vicenda specifica hanno balbettato giustificazioni incomprensibili, attribuendo alla violenza e alla volgarità di quei giudizi espressi inequivocabilmente dal neo-fascista Spinelli, motivazioni ideologiche inesistenti che al contrario trovano spazio solo nell’ordinamento costituzionale che li identifica come un reato: reato di “Vilipendio alla Nazione“.

Ai socialisti ebolitani che si sono rivolti inutilmente al Governatore Caldoro che in questa vicenda del nostro Ospedale non è altro che il “mandante politico”, non resta altro che ricordare quel famoso proverbio che dice: Non c’é peggior sordo di chi non vuol sentire.  Scommettendo sin da adesso che come è solito fare tenderà a trattare questa vicendo menando il can per l’aia fino a farla dimenticare e sempre come è il suo solito in fine il “Ponzio Pilato Caldoro” se ne laverà le mani, alimentando con il suo comportamento una ferita che certo non potrà rimarginarsi tanto facilmente, tanto sanguinolenta che il suo ricordo si manterrà vivo fino alle prossime elezioni Regionali, quando indicheremo nella “Matrioskadella salute i responsabili della sanità a Eboli, nella valle del Sele, in provincia di Salerno, in Campania.

PS: La direzione locale del PSI, scusandosi per l’errore, ci comunica che a firmare la nota stampa a nome degli iscritti della Sezione di Eboli sono stati: Marco Lamonica, Pietro Lamberti, Gino Cioffi, Antonio Lioi , pertanto prendendo atto del refuso di stampa si è provveduto alla corretta informazione.

Eboli, 12 maggio 2014

32 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente