Anche a Eboli nasce il Movimento “Mai più la Terra dei Fuochi”

L’attivismo continua e anche a Eboli si costituisce il Movimento trasversalmente politico: “Mai più la Terra dei Fuochi”.

Il Movimento è la conseguenza naturale dell’impegno di tanti cittadini della società civile per i temi ambientali. Vogliono scendere in campo per risolvere i problemi del territorio prendendo parte direttamente alle decisioni di Governo della Regione.

mai-piu-terra-fuochi-2

mai-piu-terra-fuochi-2

da (POLITICAdeMENTE) il Blog di Massimo Del Mese

EBOLI«Il Movimento “Mai più la Terra dei Fuochi – si legge in una nota pervenutaci da Liberato Quaranta, Portavoce/coordinatore della Segreteria Provinciale che annuncia la costituzione anche a Eboli del Movimento conseguenza naturale dell’impegno di tanti cittadini della società civile per i temi ambientali – oggi rappresenta un progetto politico che nasce a seguito di dieci anni di battaglie sul territorio.

Gli attivisti di questo movimento, – spiega, son di diverse provenienze e militanze politiche – tra cui alcuni ex attivisti storici del Movimento 5 Stelle, vogliono scendere in campo per risolvere i problemi del territorio prendendo parte direttamente alle decisioni di Governo della Regione.

Si tratta di persone della società civile, – aggiunge Quaranta – professionisti, imprenditori e semplici cittadini estranei alle logiche di partiti storici e recenti, pronti a ragionare su idee e programmi senza alcuna preclusione ideologica, con l’obiettivo di affermare le istanze di quanti ci concedono la propria fiducia.

Il Movimento – precisa il Portavoce e coordinatore provinciale – nasce dal basso e abbraccia Comitati Civici, Associazioni ed è aperto ad ogni Amministratore che abbia dato prove di buon Governo e voglia sposare un percorso condiviso.

Il Movimento prende vita nella così detta “Terra dei Fuochi“, cioè nei paesi tra Napoli e Caserta, per dire basta ai roghi di rifiuti tossici che di continuo ardono e rendono l’aria irrespirabile. Ma l’emergenza rifiuti è quanto mai un’emergenza che ci tocca da vicino, considerati i siti di Macchia Soprana a Serre, Coda di Volpe a Eboli, Colle Barone a Montecorvino Pugliano, Località Castelluccia di Battipaglia e Basso dell’Olmo a Campagna, oltre ai tanti altri siti abusivi i quali formano una mappa che se non di fuoco può essere definita almeno ” rossa”.

Amiamo la nostra regione – conclude Liberato Quaranta – e la difenderemo riappropriandoci del giusto futuro che meritiamo, impegnandoci proficuamente in tutte quelle azioni di governo necessarie al riscatto del nostro territorio».

Eboli, 19 maggio 2015

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Che sciacalli, scompariranno dopo il 31 maggio

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente