Eboli: Livia Lardo è il nuovo Segretario comunale, e con lei arrivano anche le polemiche: Cariello chiarisce

Il Sindaco di Eboli ha scelto il Segretario comunale: E’ Livia Lardo e viene da Angri. Con lei arrivano anche le polemiche per il declassamento del Comune.

Il Comune risparmia circa 12mila euro l’anno. Cariello: “Bugie sulla declassazione del Comune per nascondere gli errori del passato”. Infante(Uniamo Eboli): “E’ singolare. E’ come invece di giocare in Serie A si sceglie il campionato cadetti”.

Massimo Cariello-Comune-di-Eboli-

Massimo Cariello-Comune-di-Eboli-

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Arriva ad Eboli da Angri il nuovo Segretario Generale Livia Lardo, che ha accettato l’incarico di titolare presso il Comune di Eboli, e prende il posto di Domenico Gelormini, che a sua volta andrà ad Angri. Un cambio di poltrona che ha generato anche una serie di polemiche rispetto ad una delibera che la Giunta comunale di Eboli, guidata dal Sindaco Massimo Cariello, ha adottato formalizzando come motivo del “declassamento” un risparmio economico per l’Ente.

Rispetto alla nomina della dott.ssa Livia Lardo e sgombrando immediatamente il campo da qualsivoglia polemica rispetto alla scelta, occorre sottolineare che è prertogativa del Sindaco esprimere il “gradimento” e conseguentemente operare una scelta, dovendo egli mirare innanzitutto ad un rapporto “fiduciale“, atteso che il ruolo di Segretario Generale, deve essere di “Garante” della Legalità e della correttezza degli atti amministrativi indipendentemente dal rapporto fiduciale stesso.

Ciò premesso, e non mettendo per nulla in discussione le capacità e la professionalità del nuovo Segretario, è da rilevare che si poteva giungere alla stessa determinazione evitando di ritrovare nella scelta quella del risparmio economico per l’Ente, risparmio irrisorio rispetto all’economia generale del Comune pari a circa 12mila euro l’anno (come da tabella allegata a piè di pagina) e per nulla scontato, e si poteva da subito individuare le motivazioni che risiedevano nel rapporto fiduciale. La scelta di Lardo in sostituzione di Domenico Gelormini è quindi del tutto ininfluente almeno per ora, così come le polemiche che si sono susseguite sono comprensibili e di certo non nascondono nessuna “montatura” e nessuna “scomoda verità” o “errori del passato“, semmai sono una richiesta di un chiarimento che segue l’assunzione di un atto amministrativo che poteva giungere alla stessa determinazione, ma basandolo su presupposti diversi e non certo quelli del risparmio, così come è ininfluente che il nuovo Segretario sia la sorella del Sindaco di Contursi Terme Graziano Lardo.

Dal nuovo Segretario Generale ci attendiamo svolga il suo ruolo con professionalità, competenza e rispondendo innanzitutto alla Legge e alla morale e che nel suo ruolo accompagni l’Amministrazione interpretando norme e regolamenti in melius e giammai con spirito subalterno e servizievole.

«E’ non solo singolare, ma evidentemente anche disonesto e con qualche interesse inconfessato, la polemica sulla “declassazione” del Comune alla luce della nomina del nuovo segretario comunale. – Questa è la risposta del sindaco di Eboli, Massimo Cariello, alle polemiche montate ad arte in queste ore, forse anche nel tentativo di nascondere una scomoda verità.

Massimo Cariello-Sindaco di Eboli

Massimo Cariello-Sindaco di Eboli

La classificazione dei Comuni – spiega il sindaco di Eboli – incide solo nell’individuazione del Segretario Comunale, senza alcun effetto su altro, come qualcuno aveva tentato di far passare sparlando di trasferimenti erariali, benefici fiscali, dotazioni organiche ed assunzioni.

La normativa di riferimento – Cariello rivela un retroscena, che secondo lui è frutto di interessi e disamministrazione – stabilisce che i Comuni da 10.001 a 65.000 abitanti, come il Comune di Eboli, siano considerati di seconda classe, con la conseguenza che il Sindaco può nominare Segretari Comunali che siano iscritti nella relativa fascia professionale. Al Comune di Eboli, qualche anno fa, fu assunto un provvedimento con il quale si chiedeva di riclassificare l’Ente tra quelli di “prima B”, che la normativa riservava solo ai Comuni che avessero un numero di abitanti ricompreso tra 65.001 e 250.000.

La conseguenza di questa innaturale riclassificazione – prosegue il Primo Cittadino di Eboli – in aumento è stata che il Comune di Eboli, per molti anni, ha dovuto pagare al Segretario Generale uno stipendio più alto di quello che, invece, per legge, avrebbe dovuto pagare, sacrificando risorse economiche pubbliche del bilancio comunale a discapito di altre priorità. Insomma, avevano fatto un atto con il quale privavano i cittadini di risorse, che invece versavano al segretario.

Con l’atto di Giunta Comunale del 30 luglio, – Il sindaco di Eboli quindi illustra i motivi della deliberazione di Giunta dello scorso 30 luglio – l’Amministrazione Comunale, in linea con il nuovo corso politico ed amministrativo che intende perseguire, basato sulla eliminazione degli sprechi e sulla razionalizzazione della spesa pubblica, più orientata a fornire servizi efficienti alla collettività, piuttosto che a regalare stipendi smisurati e prebende non dovute per legge, pur lasciando inalterata la classificazione del Comune di Eboli che è rimasta di “prima B”, ha richiesto all’Agenzia per la gestione dell’Albo dei Segretari Comunali e Provinciali solo ed esclusivamente la possibilità di poter scegliere anche un Segretario Comunale iscritto nella fascia inferiore. In questo modo abbiamo risparmiato importanti risorse economiche che potranno essere destinate ad altre priorità.

Un Segretario Comunale è bravo a prescindere dalla fascia in cui è inserito. – spiega il sindaco Cariello la sua valutazione sulla figura del funzionario – La scelta è stata improntata esclusivamente al livello di esperienza e di capacità professionale evincibile dai pregressi incarichi in Comuni grandi e dal curriculum professionale. Il Segretario Comunale, proprio per il ruolo che deve svolgere di garante della legalità e di coordinatore dell’azione amministrativa, è legato da un rapporto di stretta fiducia con il Sindaco, nella sua qualità di capo dell’Amministrazione e di rappresentante della Comunità amministrata».

Dal canto sua la neo-incaricata Livia Lardo in segno di apprezzamento accettando l’incarico ha dichiarato alla stampa: “Ringrazio il Sindaco di Eboli per la nomina a Segretario Generale, spero di ricambiare la fiducia accordatami con l’impegno e la professionalità che sempre ha contraddistinto la mia attività di Segretario Comunale”.

Pasquale-Infante (2)

Pasquale-Infante (2)

Nei giorni scorsi appresa la notizia, il Consigliere comunale di opposizione del gruppo “Uniamo Eboli-APIPasquale Infante aveva puntato il dito sulla nomina della dott.ssa Livia Lardo ritenendo che nella scelta sarebbero intervenute altre valutazioni piuttosto che quelle di facciata e a tale proposito aveva diramato una nota: «Con delibera della Giunta Comunale n. 40 del 30/07/2015 si è proceduto al declassamento del nostro Comune di Eboli dalla classe 1^B a quella 2^.

Secondo quanto previsto dall’Art.11 comma 10, D.P.R. N. 465/1997, – spiega Infante – la potestà riconosciuta al Comune consente di nominare, per il ruolo di segretario comunale, una persona qualificata con un elevato profilo professionale, rispetto alla classe demografica di appartenenza del Comune stesso, che possa curare al meglio gli interessi dell’ente.

Sicuramente – Infante ipotizza altre motivazioni a quelle ufficiali che hanno indotto l’Amministrazione ad adottare tale delibera – non per ragioni di risparmio di spesa si è operato come si vuole far credere ai cittadini! Cosa si cela veramente dietro questa scelta discutibile ed inopportuna operata dall’amministrazione Cariello?

A prendere il posto dell’attuale Segretario Generale Dott. Domenico Gelormini – Infante fa rilevare la parentela con il Sindaco di Contursi Termeè la sorella del Sindaco di un comune vicino al nostro ma noi vogliamo credere che sia solo un pour parler. Beh – conclude il Consigliere di opposizione di “Uniamo Eboli-Api” Pasquale Infante è veramente singolare osservare facendo una similitudine che una squadra che ha sempre militato nella serie “A” ed in possesso del titolo (il Nostro Comune Eboli classe 1/B) chieda di iscriversi al campionato cadetto. Come appare discutibile in una gara di atletica abbassare l’asticella del salto in alto perché l’atleta che deve concorrere è più bassa delle altre. Nello sport possiamo parlare di gara truccata e in politica?»

…………………..  …  …………………..

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Atto n° 40 del Registro. Seduta del 30/07/2015
Oggetto: Esercizio della potestà di nomina del Segretario Comunale nella fascia demografica di appartenenza dell`Ente (Comuni fino a 65.000 abitanti) ai sensi dell`art. 11, comma 10, del D.P.R. n. 465/1997.

Indirizzi
L’anno duemilaquindici il giorno trenta del mese di luglio alle ore tredici e trenta minuti convocata nei modi di legge, si è riunita, nella Sala delle Adunanze, nelle persone dei signori:

Massimo Cariello (Sindaco), Cosimo Pio Di Benedetto (Vice Sindaco), Armando D’Aniello, Lazzaro Lenza, Ennio Ginetti, Angela Lamonica, Matilde Saja, Maria Sueva Manzione (Assessori).

Assume la Presidenza, il Massimo Cariello;
Partecipa, anche con funzione verbalizzante, il Vice Segretario Generale dr.ssa Maria Grazia Caputo.
Il Presidente, constata la legalità dell’adunanza, dichiara aperta la seduta ed invita la Giunta a deliberare sugli oggetti iscritti all’ordine del giorno.
Comunicata ai Capigruppo Consiliari.

Su Proposta del Sindaco:
OGGETTO: Esercizio della potestà di nomina del Segretario Comunale nella fascia demografica di appartenenza dell’Ente (Comuni fino a 65.000 abitanti) ai sensi dell’art. 11, comma 10, del D.P.R. n. 465/1997. Indirizzi
PREMESSO che l’art. 11, comma 10, primo periodo del D.P.R. n. 465/1997, dispone che : “gli enti già riclassificati in base al previgente ordinamento mantengono la potestà di nomina tra i segretari iscritti alla fascia professionale superiore a quella demografica di appartenenza, salvo diversa determinazione da adottarsi con deliberazione motivata della giunta”;
RILEVATO che la classificazione dei comuni e delle province indicata nelle tabelle A e B, allegate al D.P.R. n. 749/1972, fondata esclusivamente sul dato demografico della popolazione residente, è tuttora vigente in applicazione delle disposizioni di cui agli artt. 12, comma 1, e 35, comma 1, lett. i), del D.P.R. n. 465/1997, nonché dell’art. 106, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000;
CONSIDERATO che attualmente il Comune di Eboli ha una popolazione inferiore a 65.000 abitanti, come risultante dall’ultimo censimento e che pertanto la classe demografica di appartenenza del Comune, ai fini dell’assegnazione del Segretario, risulta la seconda (classe 2^B) in base alla tabella A-Classe del Comune-, allegata al succitato D.P.R. n. 749/72;
EVIDENZIATO che il Comune di Eboli è stato riclassificato 1/B, secondo il precedente ordinamento;
DATO ATTO che, comunque, ricorrono tutti i presupposti perché questa Amministrazione, ai sensi dell’art. 11, comma 10, primo periodo, del richiamato D.P.R. n. 465/1997, si avvalga della potestà di mantenere siffatta riclassificazione, pur ricorrendo, nel procedimento di copertura della Segreteria Generale, alla potestà di nomina del Segretario anche tra quelli iscritti nella fascia corrispondente alla classe demografica di appartenenza dell’ente (Comuni fino a 65.000 abitanti) di classe seconda;
RILEVATO che la facoltà prevista dal citato art. 11, comma 10, è riconosciuta dalla stessa Ex- Agenzia Autonoma per la Gestione dell’Albo dei Segretari Comunali e Provinciali, la quale con la deliberazione del C.d.A. n. 171/2002, ha precisato che la facoltà di avvalersi della suesposta facoltà spiega i suoi effetti solo ed esclusivamente in ordine alla procedura di nomina del segretario e per la durata del mandato elettorale;
RITENUTO, pertanto, di avvalersi, nel procedimento di copertura della Segreteria Generale di questo Comune, della potestà di nomina del Segretario anche tra quelli iscritti nella fascia corrispondente alla classe demografica di appartenenza dell’Ente (Comuni con popolazione fina a 65.000 abitanti) ovvero della classe seconda in base alla tabella A “Classificazione dei comuni ai fini dell’assegnazione del segretario generale”, allegata al D.P.R. n. 749/72 e ciò per conseguire risparmi di spesa di personale stante la ristrettezza di ririsorse economiche e la particolare situazione economico-finanziaria in cui versa questo Ente;

                                                                     VISTI:
– il D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i.;
– il D.P.R. n. 465/1997;
– il CCNL dei Segretari Comunali e Provinciali sottoscritto il 16.05.2001;
– il CCNL dei Segretari Comunali e Provinciali sottoscritto il 2011 che stabilisce il trattamento economico dei Segretari appartenenti alla fascia A e alla fascia B e dal quale si desume il risparmio conseguente;
ACQUISITI sulla presente proposta i pareri di regolarità tecnica e contabile espressi dai Responsabili competenti ai sensi dell’art. 49 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i.;
                                                                       PROPONE
1) la premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente dispositivo anche se materialmente non trascritta;
2) di esercitare la facoltà prevista dall’art. 11, comma 10, primo periodo del D.P.R. n. 465/1007 ;
3) di avvalersi, conseguentemente, nel procedimento di copertura della Segreteria Generale di questo Ente, della potestà di nomina del Segretario anche tra quelli iscritti nella fascia corrispondente alla classe demografica di appartenenza dell’Ente (Comuni fino a 65.000 abitanti), ovvero della classe seconda, in base alla tabella A, allegata al D.P.R. n. 749/72;
4) di dare atto che l’esercizio di tale facoltà è motivato dalla necessità di conseguire immediati risparmi di spesa stante la ristrettezza di risorse economiche e la particolare situazione economico-finanziaria in cui versa questo Ente che, pertanto, necessita di ogni iniziativa finalizzata ad un contenimento della spesa e a contribuire al riequilibrio dei conti pubblici;
5)Incaricare l’Ufficio di Gabinetto del prosieguo amministrativo di competenza.
6) di trasmettere il presente atto all’ex Agenzia Autonoma per la gestione dell’Albo dei Segretari Comunali e Provinciali per i provvedimenti di competenza;
7) Attribuire al presente atto l’immediata eseguibilità ai sensi dell’art. 134 comma 4 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i.

                                                              LA GIUNTA COMUNALE
VISTO l’Art. 48 del T.U.E.L. N° 267/2000;
RITENUTA la proposta meritevole di approvazione senza alcuna prescrizione;
DATO ATTO che, in ordine alla proposta deliberativa di cui sopra, sono stati resi i prescritti pareri ex Art. 49 del D.Lvo N° 267/2000;
DATO ATTO che la presente proposta deliberativa riveste carattere d’urgenza, per cui
si rende necessario l’imprimatur dell’immediata esecutività, ai sensi dell’ex Art. 134 – comma 4 del D.Lvo N° 267/2000;
Con votazione unanime e favorevole espressa nei modi e nelle forme di legge;
                                                                       DELIBERA
1) la premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente dispositivo anche se materialmente non trascritta;
2) di esercitare la facoltà prevista dall’art. 11, comma 10, primo periodo del D.P.R. n. 465/1007 ;
3) di avvalersi, conseguentemente, nel procedimento di copertura della Segreteria Generale di questo Ente, della potestà di nomina del Segretario anche tra quelli iscritti nella fascia corrispondente alla classe demografica di appartenenza dell’Ente (Comuni fino a 65.000 abitanti), ovvero della classe seconda, in base alla tabella A, allegata al D.P.R. n. 749/72;
4) di dare atto che l’esercizio di tale facoltà è motivato dalla necessità di conseguire immediati risparmi di spesa stante la ristrettezza di risorse economiche e la particolare situazione economico-finanziaria in cui versa questo Ente che, pertanto, necessita di ogni iniziativa finalizzata ad un contenimento della spesa e a contribuire al riequilibrio dei conti pubblici;
5)Incaricare l’Ufficio di Gabinetto del prosieguo amministrativo di competenza.
6) di trasmettere il presente atto all’ex Agenzia Autonoma per la gestione dell’Albo dei Segretari Comunali e Provinciali per i provvedimenti di competenza;
7) Attribuire al presente atto l’immediata eseguibilità ai sensi dell’art. 134 comma 4 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i.

Il Segretario Generale formula, ai sensi del Decreto Sindacale del 22 luglio 2010, parere di conformità alle leggi, allo statuto e al regolamento.
favorevole

Segretario Generale f.to dr.ssa Maria Grazia Caputo

………………………….  …  …………………………

TOTALE RETRIBUZIONE LORDA ANNUA DEI SEGRETARI COMUNALI E PROVINCIALI A SEGUITO DELLA SOTTOSCRIZIONE DEL NUOVO C.C.N.L. SIGLATO IL 01.03.2011 CON DECORRENZA DAL 31.12.2009

fonte ex ages Puglia, ora Ministero Interno.

Segretari Comunali e Provinciali

1) Stipendio Tabellare + Indennità Integr.Speciale (comprensivo 13^ mensilità)
2) Retribuzione di Posizione
3) Totale Retribuzione Lorda Annuale

FASCIA B*/A – cl. II
1) € 43.310,89
2) € 15.584,45
3) € 58.895,34

FASCIA A – cl. 1B
1) € 43.310,89
2) € 21.781,93
3) € 65.092,82

Eboli, 28 agosto 2015

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Giunta balneare,scelte da insolazione.

  2. questa Lardo è figlia di sindaci
    sorella di sindaci
    cariello è un amico dei potenti e non del popolo

  3. Oggi melchionda lo attaca,prossima crisi in vista.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente