Piano ospedaliero: Soddisfazione dall’Amministrazione di Eboli

Pubblicata la bozza del Piano ospedaliero: Soddisfatti Sindaco e Presidente del Consiglio di Eboli.

Cariello è Vecchio puntano sul potenziamento dei servizi e lanciano l’idea, rispetto all’accorpamento dei due Presidi Ospedalieri di Eboli e Battipaglia, di un DEA di II Livello.

Mario Minervini-Massimo Cariello-Ospedale di Eboli

Mario Minervini-Massimo Cariello-Ospedale di Eboli

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Pacata soddisfazione, ma anche la ricerca di ulteriori riferimenti per garantire un’offerta di assistenza sanitaria che sia in linea con le esigenze del territorio e delle popolazioni. Da Eboli arriva una presa di posizione, rispetto al nuovo atto aziendale di riordino della rete ospedaliera, che in parte soddisfa ed in parte lascia aperte le porte ad ulteriori interventi che da tempo la stessa amministrazione comunale sta indicando.

«Abbiamo accolto con favore il numero di posti letto e la conferma dell’impegno di attivare un primo soccorso pediatrico, insieme con il polo cardiologico che necessita solo di rinforzare il personale, per garantire la sua piena efficienza – commenta il sindaco di Eboli, Massimo Cariello -. Abbiamo accolto con soddisfazione anche l’ipotesi di un’unica direzione funzionale tra gli ospedali di Eboli e di Battipaglia, che di fatto sono due plessi di un unico polo. Sappiamo che il direttore Antonio Giordano conosce bene le necessità dei territorio e la macchina della sanità pubblica, siamo certi che saprà accogliere le indicazioni utili per garantire assistenza alle popolazioni. Ma più di ogni altra cosa ci conforta la sua capacità di affrontare in maniera razionale i temi della sanità, come ha dimostrato nel corso della sua esperienza professionale di alto livello. Non c’è alcuna spinta campanilistica, ma se la raggiungibilità di un ospedale viene presa in considerazione quale criterio indispensabile, è giusto garantire facile accesso ai cittadini che hanno bisogno delle cure ospedaliere. In ogni caso, credo che i tempi siano maturi affinché gli ospedali di Eboli e Battipaglia, insieme, ragionino in termini di riconoscimento di DEA di II livello».

Fausto Vecchio-Massimo Cariello-Consiglio comunale monotematico sull'Ospedale di Eboli

Fausto Vecchio-Massimo Cariello-Consiglio comunale monotematico sull’Ospedale di Eboli

Accanto a reparti e nuove previsioni, rimane sul tappeto la partita dei servizi, alla quale ha dedicato impegno, da tempo, il presidente del consiglio comunale, Fausto Vecchio. «Premesso che per la prima volta siamo di fronte ad un atto aziendale che ci conforta e ci da speranze positive, vorrei però evidenziare che la perdita dell‘immunopatologia renale equivarrebbe, con i dovuti distinguo, a privare la cardiologia dell’emodinamica – spiega il presidente Vecchio -. Immaginare la cancellazione di questo servizio sarebbe controproducente per l’efficienza delle prestazioni sanitarie e per la prevenzione, oltre che per la diagnosi delle patologie. Da tempo abbiamo anche sollecitato l’individuazione del servizio di radiologia ospedaliero di Eboli come struttura complessa, vista la sua importanza sul territorio e nel panorama delle reti ospedalieri. Inoltre, crediamo che sia necessario razionalizzare l’offerta stessa, guardando a quei riferimenti che già esistono, come nel caso nella neurologia, che costituisce già un polo per l’ictus e che operando con la presenza dell’emodinamica garantirebbe un importante avamposto di intervento, anche per diverse patologie che nel nostro spedale già vengono curate. Pertanto chiediamo che il direttore generale, persona sempre attenta e capace di mediare tra l’imposizione dei numeri alle esigenze dei territori, tenga conto di queste nostre osservazioni».

Più che “pacata soddisfazione”, quella di Cariello e Vecchio è una “Piena soddisfazione“, manca solo che fanno le capriole tanto sono contenti. Se si tiene conto di come si sono mosse tutte le Direzioni Generali dell’ASL Salerno, comprendendo una “straordinaria” continuità tra quella dell’ex Governatore Stefano Caldoro e quella dell’attuale Governatore della Campania Vincenzo De Luca, c’è poco da festeggiare. Il Piano immaginato da anni si concretizza oggi, e noi dovremmo convincerci che tutto va bene sol perché il tentativo di chiudere l’Ospedale di Eboli e quello di Battipaglia scampato solo perché si è inventato un Polo delle nascite in mancanza di nessuna eccellenza, grazie al trasferimento d’imperio dei reparti di ostetricia e ginecologia da Eboli a Battipaglia facendo raggiungere a questo’ultimo, fortunatamente, il numero di sicurezza per evitarne la chiusura.

I 166 posti letto di Eboli e i 136 di Battipaglia rappresentano una cifra paurosamente al ribasso rispetto a quello rapporto abitanti-posti letto dell’intero comprensorio, e si continua ad ignorare che la dotazione per i così detti Ospedali della Valle del Sele è di oltre 750 posti letto a fronte di quelli che si assegnerebbero che superano di poco i 400.

Ma il Sindaco e il Presidente sono soddisfatti, avendo ottenuto, dopo tutte le ‘rapine” e tutte le “spallate” meno di quello che giá avevamo.

Eboli, 26 settembre 2016

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente