Velia: Parco Archeologico chiuso. Danni incalcolabili. Interrogazione M5S

Parco Archeologico di Velia chiuso tutto il mese di agosto e ancora in stato di abbandono. Interrogazione dell’On. Tofalo.

A preannunciare che l’On. Angelo Tofalo del M5S lunedì depositerá un’interrogazione parlamentare al Ministro Franceschini è il Consigliere regionale pentastellato Cammarano: “Troppo facile chiudere i siti archeologici con la scusa degli incendi. Danni incalcolabili”.

Michele Cammarano-Angelo Tofalo

Michele Cammarano-Angelo Tofalo

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – «Troppo facile chiudere i siti archeologici con la scusa degli incendi! – si legge in una nota del Consigliere Regionale Michele Cammarano del Movimento 5 Stelle, che fa il punto sull’emergenza incendi che ha devastato i boschi della Campania e lo fa allo scadere dei trenta giorni di silenzio, da parte della Giunta regionale, seguiti alla presentazione formale dell’interrogazione.

Lunedì mattina, il deputato Salernitano Angelo Tofalo depositerà a sua volta un’interrogazione a risposta scritta. I danni sono enormi sul comparto turistico, il parco archeologico Elea-Velia, ad oggi versa ancora in stato di abbandono.

Ma la colpa non è dei piromani o della siccità – dice Cammarano – La giunta regionale sembra essere interessata solo alla gestione di interessi particolari senza nessuna programmazione reale per la Campania. Quando manca la programmazione, i danni nel lungo periodo sono permanenti e l’emergenza incendi di questo 2017 è la prova di queste incompetenze politiche e amministrative”.“Abbiamo presentato formale interrogazione alla Giunta Regionale, ma siamo stati ignorati. Purtroppo non è il primo incendio che minaccia il patrimonio culturale del Cilento. Un caso simile si registrò poco meno di un anno fa. 

Da 12 anni, nei cassetti del Consiglio Regionale è nascosta una legge, la n.5 del 2005, che prevedeva la realizzazione di un piano di riqualificazione ambientale intorno all’antica città di Velia anche con lo stanziamento di ingenti fondi – spiega il consigliere Cammarano – Quel piano non ha mai visto luce, nonostante il governo regionale abbia il dovere di applicare o fare applicare le leggi promulgate dal Consiglio”.

Dal 2005 la Regione Campania avrebbe avuto tutto il tempo per prevedere, pianificare e gestire il territorio in questione con una riqualificazione ambientale che avrebbe sicuramente limitato anche i rischi di incendi. “Dove c’è riqualificazione – conclude Cammarano – presidio e controllo, il rischio di incendi è quasi azzerato. Dura la critica anche da parte dei portavoce comunali di Vallo della Lucania Pietro Miraldi e Anellina Chirico: “Il ruolo del portavoce comunale in una provincia così vasta come quella di Salerno non può prescindere dall’essere una vedetta a difesa del suo territorio. Di fronte ad un evento così grave che ha colpito un simbolo della storia d’Occidente con conseguenze anche a livello turistico oltre che culturale, è nostro dovere sollecitare chi di quei luoghi detiene la tutela. Non dimentichiamo infatti che vivremmo pure in un Cilento dimenticato, ma Elea-Velia appartiene all’intera Umanità“.

Salerno, 17 settembre

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente