RIFONDAZIONE ALLO SCOPERTO: Ritira l’appoggio a Melchionda e candida Cariello

Cariello spacca quello che resta di una coalizione.

Fine di un equivoco. Rifondazione candida una persona e non una politica.

Adesso facciano dimettere anche il Presidente dei Revisori dei Conti.

Massimo Cariello

Massimo Cariello

EBOLI – Riceviamo e pubblichiamo il seguente Comunicato Stampa della Federazione della Sinistra (PRC – PdCI – SOCIALISMO 2000), che annuncia il ritiro del proprio rappresentante Consigliere Comunale Antonio Rizzo, dall’Amministrazione Melchionda e candida alla guida della Città di Eboli il Consigliere Provinciale Massimo Cariello.

Finalmente Rifondazione Comunista esce allo scoperto ufficialmente e in maniera molto insolita candidando un proprio rappresentante in aperta contrapposizione rispetto alla coalizione di maggioranza che ha espresso il Sindaco Martino Melchionda, che fino a ieri 25 Settembre 2009 ne è stata parte integrante e in maniera organica, attrice indiscussa dalla sua nascita.

Un modo insolito di pratica politica che tende più a rompere la coalizione che a tenerla insieme. Questa presa di posizione sembra essere una esibizione di “analfabeti” politici più che di un Partito, che è stato presente protagonista indiscusso degli ultimi 15 anni di vita politico-amministrativa di questa Città, prima con Gerardo Rosania per 9 anni e poi con vari assessori e sottogoverni per i restanti 4 anni e mezzo, che senza nemmeno fare un’analisi politica con i suoi alleati o pseudo alleati, unilateralmente sostiene una posizione che appare più personale che di partito.

In questi anni in ogni caso non vi sono stati segni di divergenza sollevati da questo Partito se non in occasioni ben precise che si possono ricondurre a “spartizioni” come nel caso dei Revisori dei Conti, imponendo un suo rappresentante a Presidente di quel Collegio, incuranti di votare insieme ad altri della maggioranza che partecipavano alla stessa “spartizione” votando parenti (vedi il Consigliere Paolo Polito e altri) e tacendo clamorosamente.

Quello che conta sono gli atti ufficiali, e dai percorsi politici di questo Partito non è mai emersa una contrarietà palese ed esplicita all’Amministrazione del Sindaco Martino Melchionda, eccezzion fatta del Consigliere Carmine Caprarella, che invece ha svolto un ruolo di opposizione serio, competente e responsabile, confacente alla sua personalità politica di comunista ma onesto, leale e moralmente apprezzabile. Ma Caprarella scegliendo la strada delle dimissioni da Rifondazione è stato coerente con se stesso nonostante tutti i manifesti che il Partito della Rifondazione gli ha tributato contro, e invece Rifondazione anche in quella circostanza decise di continuare “un’esperienza” di tipo qualunquista, che ora invece boccia come finita.

Questa posizione politica rappresenta un fulmine a ciel sereno ed è politicamente confinabile in un’azione che non ha niente di politico, catalogabile solo nella sfera di un interesse non riconoscibile dal punto di vista del politicamente corretto.

E adesso cosa sperano i Comunisti di Rifondazione, che non hanno mai contestato l’operato di Melchionda, e non si sono mai pronunciati sulle inchieste che questo Blog POLITICAdeMENTE, di volta in volta ha messo in evidenza, e che vi restano a futura memoria, di poter aggregare una maggioranza intorno al loro candidato Massimo Cariello senza nessuna piattaforma politica condivisibile, ma solo per la sua esperienza? E troppo riduttivo.

In ogni caso è meglio uscire da un equivoco piuttosto che continuare ad alimentarlo: Rifondazione candida una persona e non una politica.

………  …  ………

COMUNICATO STAMPA

Martino Melchionda

Martino Melchionda

L’assemblea degli iscritti del Partito della Rifondazione Comunista, convocata venerdì 25 settembre alle ore 18,30 presso la sala Mangrella del Complesso monumentale di San Francesco per discutere sulla situazione politica locale ha deliberato l’uscita del PRC dalla maggioranza che governa la città.

Il dibattito appassionato che ha visto la partecipazione di decine di compagni e semplici cittadini ha messo in evidenza le difficoltà dell’amministrazione Melchionda incapace ormai da tempo di raggiungere il numero legale in consiglio e costretta a chiedere i voti del centro-destra per l’approvazione di atti importanti (vedi difensore civico).

I compagni intervenuti hanno sottolineato lo scollamento tra amministrazione, consiglio comunale e città puntando l’attenzione sull’incapacità della coalizione di rispondere alle esigenze della città. Eboli è una città ferma dal punto di vista dello sviluppo e delle politiche sociali. Per questo l’assemblea di Rifondazione ha deliberato l’uscita dalla maggioranza e l’avvio di un percorso programmatico per la costruzione di un nuovo centro-sinistra capace di rappresentare una svolta nel modo di fare politica. Eboli chiede un cambiamento ed una classe dirigente nuova.

Per questo la Federazione della sinistra propone quale candidato a sindaco il compagno Massimo Cariello, ritenendolo capace di unire il centro-sinistra e di ricercare e raccogliere consenso grazie alla sua esperienza amministrativa e alle sue capacità di gestire le relazioni sociali e politiche.

LA FEDERAZIONE DELLA SINISTRA

(PRC – PdCI – SOCIALISMO 2000)

67 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente