L’API indica Atrigna assessore. Stefania Cardiello: Non mi dimetto. Ed è resa dei conti

Il Partito di Rutelli è nella bufera: Rivendica la sua lealtà, chiede il rilancio politico dell’Amministrazione, licenzia l’Assessore Stefania Cardiello e ne chiede la sostituzione con Atrigna.

L’Assessore Cardiello contesta e dichiara: Non mi dimetto. Marra, La Brocca e Lettera la ringraziano e chiedono ufficialmente il rimpasto. Emergere  dalle due posizioni un quadro politico approssimativo e confuso, oltre che spregiudicato e inaffidabile.

Stefania Cardiello

Stefania Cardiello

di Massimo Del Mese (POLITICAdeMENTE)

EBOLI – Ormai dall’Amministrazione Melchionda ci aspettiamo di tutto. Siamo abituati ai continui colpi di scena, così come siamo abituati alle rese dei conti che i Partiti della Maggioranza mettono in atto periodicamente, rendendo il suo assetto molto variabile: Entra questo Partito e ne esce un altro; entra questo assessore e ne esce un altro; senza contare i cambiamenti da un partito all’altro e da uno schieramento all’altro dei vari consiglieri. Si contano sulle dita, sia nella maggioranza che nelle oppisizioni, quelli che conservano lo stesso ruolo e la stessa appartenenza politica dal momento dell’insediamento del Consiglio Comunale ad oggi.

Dopo le varie turbolenze che portarono all’uscita dal PD di qualche consigliere comunale, poi toccò all’UDC che addirittura cambiò schieramento e determinò una nuova maggioranza, ma senza che si sia mai spiegato le motivazioni e le strategie politiche se non quelle concretizzate da qualche faida interna che portò prima alla defenestrazione dell’Assessore Pierino Infante, e poi alla clamorosa spaccatura che sancì una mini crisi amministrativa, la fuoriuscita dall’UDC dei Consiglieri Pietro Mazzini e Gerardo La Manna, e all’entrata con tanto di abbandono al PD di Mauro Vastola.

Tutte queste scomposizioni e composizioni sono avvenute in archi temporali definiti: quelli necessari che intercorrevano tra la presentazione di qualche provvedimento alla sua approvazione, magari accompagnati da mal di pancia e assenze strategiche, quelle assenze strategiche che fanno dire all’API, il Partito di Rutelli, di essere l’unico Partito della coalizione affidabile e quindi facendo ricorso a questa sua “Fedeltà-lealtà” chiede che si rilanci l’azione politica dell’Amministrazione e sulla base di quell’assunto si indica, senza dare nessuna motivazione politica comprensibile, di effettuare una sostituzione nell’ambito della sua delegazione togliendo l’Assessore Stefania Cardiello e inserendo il Consigliere Massimiliano Atrigna.

Atrigna Massimiliano

Atrigna Massimiliano

Amor con amor si paga, si dice, e così la giovane assessora Stefania Cardiello che a sua volta sostituì in giunta Carmine Magliano, anch’egli impallinato, e sempre senza che se ne desse una motivazione politica, oggi viene trattata con la stessa moneta con la quale sono stati trattati prima di lei sia Infante dell’UDC, che Magliano dell’API, causando non poche difficoltà, ma provocando una ferma presa di posizione da parte di Stefania Cardiello, la quale, non solo afferma di non essere al corrente di nulla, così come spiega nel documento politico che si allega al presente articolo, ma addirittura ritenendo non vi sia un chiarimento politico alla base di questa indicazione, che lei avrebbe appreso dalla stampa e non dal documento che il Segretario Provinciale del suo Partito Arturo Marra in testa e tutto lo staff politico locale Giuseppe La Brocca e Pasquale Lettera al seguito, allegato a pié di pagina, della sua sostituzione in giunta, e in segno di sfida preannuncia che non intende affatto rassegnare le dimissioni.

Il suo Partito a giustificazione di un cambiamento che è solo il frutto di un riassetto interno, sbagliando tempi e strategie, pone alla base di alcune considerazioni riferite ad una generica azione politica di rilancio, che passa però solo attraverso la sostituzione di un assessore con un altro e non ad un cambio di passo e magari di un programma politico del quale non se ne ricorda nemmeno più la traccia, tanto è improvvisato, ad una svolta nelle modalità di approccio verso le problematiche e verso i cittadini stessi.

Naturalmente questo conta poco e conta talmente poco che da quì a settembre il cambio avverrà indipendentemente dalla volontà della giovane assessora Cardiello, e se protesterà ancora, qualcuno le ricorderà le modalità adottate a suo tempo quando fu indicata come assessore, la scelta, indipendentemente dal valore della persona che non è affatto in discussione, se non sembrò casuale non potendo rintracciare un suo impegno politico e partecipativo, sembrò al contrario voluta da una parte del suo Partito a compensazione della estromissione “forzata” dell’ex Assessore Magliano, che a sua volta volle indicarla ritenendola persona sua, apponendovi il suo “sigillo” e quindi non essere escluso dalle decisioni.

E’ evidente che sia quelle modalità che queste non sono accettabili e non fanno altro che disegnare quello che è un quadro politico approssimativo e confuso, oltre che spregiudicato e inaffidabile, che rende “instabilmente” stabile la maggioranza, e la prova sono entrambi i documenti che i protagonisti hanno affidato alla stampa. Documenti che rappresentano in tutta la loro drammaticità quella verità che si mal cela dietro le parole e che è quel male che affligge la politica; l’improvvisazione e la presunzione di non essere improvvisatori. E adesso assisteremo ad un altro balletto di nomi ed un altro assetto poltico con i partiti sempre più prigionieri dei gruppi e sempre meno incisivi nelle scelte.

………………………………  …  ……………………………

Lettera dell’Assessore Anna Stefania Cardiello (API)

Gli spazi mediatici ed i nuovi mezzi di comunicazione hanno preso il sopravvento, tant’è che la mia sfiducia dal partito API e l’ipotetica sostituzione da Assessore per dare spazio al Consigliere comunale Massimiliano Atrigna mi è giunta attraverso la stampa. Mi spiace delle polemiche scritte sui giornali e mi rammarico soprattutto quando un segretario di partito chiede con fermezza di cambiare un assessore come fosse il burattino di un teatrino per fare entrare (se stesso) in Consiglio Comunale senza convocare riunioni di partito.

Sono stata invitata dai Consiglieri Comunali del mio partito a rassegnare le dimissione senza alcuna motivazione, semplicemente perché alcuni membri del partito hanno deciso così e perché i meccanismi politici prevedono anche questo. La mia risposta è stata semplicemente NO: un no motivato dal mio impegno costante nei confronti della città, perché credo di non esser mai venuta meno ai doveri istituzionali, di partito e soprattutto ai problemi dei cittadini.

Ho chiesto una riunione del direttivo onde discutere della mia posizione e chiedere chiarimenti e cercare di trovare una soluzione condivisibile, richiesta che non è stata mai accolta dal partito. Secondo una mia visione la politica dovrebbe dare delle risposte ai cittadini non spostare pedine semplicemente per ricatti. Questa vicenda ha segnato il punto di crisi più acuto di stare nell’API e del modello di relazioni interne a questo partito.

E’ giusto parlare di un consolidamento della maggioranza quando ci sono in campo consiglieri comunali capaci di lavorare in sinergia per il bene di un paese e, quindi, d’esser un punto di riferimento e di sostegno per l’Amministrazione, senza scendere a ricatti, soprusi e piaceri, andando a votare atti di indirizzo rilevanti – quali il REC, Decreto Sviluppo, Piano Spiaggia, Housing Sociale – chiedendo come contropartita un posto in Giunta, badando solo ad un proprio tornaconto personale e non per il benessere di Eboli.

Quando si incappa in contingenze politiche come queste, sono fiera di essere sfiduciata dal partito e di continuare a lavorare per un vero cambiamento politico, che dia spazio ai giovani ed alle donne, perché l’anno scorso ho accettato l’incarico da Assessore con entusiasmo e determinazione ed oggi, con la stessa grinta e forza di volontà sono pronta a mettermi in discussione per dare il mio contributo ed impegno alla città di Eboli.

Anna Stefania Cardiello

…………………………………  …  …………………………………..

Documento della Direzione locale dell’API

Al Sindaco di Eboli (SA)
Avv. Martino Melchionda

Oggetto: Consolidamento della Maggioranza.

Caro Martino, negli ultimi mesi la maggioranza ha approvato in Consiglio Comunale atti di indirizzo molto importanti:

  • Il regolamento al REC ( regolamento Edilizio);
  • Il Decreto Sviluppo;
  • Il Piano Spiaggia;
  • L’housing Sociale.

Le delibere sono state approvate dal Consiglio Comunale con notevoli difficoltà a causa dell’assenza di alcuni Consiglieri Comunali che hanno cambiato lo scenario politico – amministritivo della Città. In particolare  l’UDC è uscita dalla maggioranza ed alcuni Consiglieri del PD si sono assentati all’atto dell’approvazione delle delibere sopra indicate. La riflessione politica che l’API ti pone è quella di verificare che l’attuale coalizione di Centro-Sinistra (PD-API-IDV e alcuni Consiglieri del Gruppo Misto) sia in grado di “reggere” affinchè l’Amministrazione (Giunta) possa dare seguito con atti concreti a quanto programmato. L’API- Alleanza per l’Italia ti suggerisce di  CONSOLIDARE l’attuale maggioranza e ti invita a dare seguito ad una SVOLTA Programmatica di fine mandato. L’API non si sottrae a tali responsabilità comunicandoti da subito che nel nuovo esecutivo entra il Consigliere Massimiliano Atrigna, in sostituzione di Stefania Cardiello alla quale va il ns vivo e caloroso ringranziamentoper il lavoro svolto.

Eboli, 7 agosto 2013

Il Segretario Provinciale API
Arturo Marra
Il Segretario P.T sezione di Eboli
Giuseppe La Brocca
Il Gruppo Consilare API
Arturo Marra
Pasquale Lettera

…………………………………  …  …………………………………..

Eboli, 8 agosto 2013

Il presente articolo è proprietà intellettuale di POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese ed è vietata la riproduzione, tranne se con un Link di riferimento.

23 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente