I Riformisti sulla “calata democratica” di Landolfi ad Eboli

“Landolfi ad Eboli parla a un gruppo ristretto che ha gravi responsabili e contribuisce a nascondere i fatti”, mentre il PD e gli elettori del PD stanno da tutt’altra parte.

Riformisti: “Ci siamo opposti a pratiche d’interessi non commendabili che hanno oppresso Eboli, una città ridotta alla crisi e all’irrilevanza politica, trascurando che alla sfiducia di Melchionda, si è giunti, con la partecipazione di 9 degli 11 consiglieri eletti nel Pd”.

Marisei-Petrone-Campagna-Carmelo Conte.

Marisei-Petrone-Campagna-Carmelo Conte.

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – “Nicola Landolfi si è interessato nuovamente di Eboli per sostenere Melchionda, – scrivono i Riformisti del PD in una nota commentando la “parata” democratica che si è tenuta nella serata di ieri (30 ottobre 2014) all’Hotel Grazia di Eboli – una particolare propensione che dura dal 2010 che si è già manifestata con il commissariamento del Circolo, come a dire che gli iscritti non contano nulla, ai quali si è impedito e si impedisce di fare il congresso, per ragioni che non sono certamente politiche e che non condividiamo.

Ci siamo opposti e ci opponiamo – precisano i Riformisti rispondendo alle dichiarazioni pubbliche che si riferivano alla loro parte politica in merito alle critiche avanzate sull’operato politico e Ammnistrativo della Giunta e della maggioranza che sosteneva il Sindaco di Eboli Martino Melchiondaa pratiche d’interessi non commendabili che hanno oppresso e opprimono Eboli, una città ridotta alla crisi e all’irrilevanza politica, un circolo vizioso che si vuole riproporre, trascurando che ha portato alla sfiducia di Melchionda, con la partecipazione di nove degli undici consiglieri eletti nella lista del Pd: è un fatto politico da valutare attentamente.

Noi – precisano ancora i Riformisti che si richiamano all‘ex ministro Carmelo Conte vogliamo parlare e fare politica democratica con tutti i democratici, al di fuori di circoli e pratiche che mirano a proteggere personaggi gravati da fatti e comportamenti inaccettabili.

Antonio Cuomo

Antonio Cuomo

Spiace che Landolfi – aggiungono – non si sia reso conto di parlare a un gruppo ristretto che ha gravi responsabilità e di condividere le loro polemiche alzate come una nebbia per nascondere i fatti. Fino a ignorare che, in concomitanza, in un’altra sala un ex parlamentare svolgeva un’iniziativa diversa e confliggente con la sua e che il 25 e 26 il Pd riformista ha tenuto tre seminari sul programma coinvolgendo tutta la città.

Il Pd, per sua vocazione originaria, – conclude la nota dei Riformisti del PD che ha avuto in Consiglio Comunale i suoi rappresentanti Carmine Campagna, Antonio Petrone e Salvatore Marisei, che negli ultimi due anni anno svolto il loro ruolo di opposizione all’Amministrazione Melchionda – non è di questo o di quello ma di tutti: Landolfi operi per questo prima che gli eventi s’incarichino di farlo per lui con gravi danni per il partito e la comunità ebolitana”.

Era da aspettarselo che ci sarebbe stata un seguito a quello che ormai assume sempre più alla caratteristiche di una “Morte” assistita del Partito Democratico di Eboli.

In effetti c’é tanto da dire e POLITICAdeMENTE lo dirà in un apposito articolo, che uscirà nelle prossime ore, tralasciando la cronaca che è stata abbondantemente offerta dalla Stampa locale, occupandosi invece commentando le varie iniziative di esprimere le proprie opinioni inmerito: sia su quella del Sindaco e della “Calata democratica” a sostegno di Martino Melchionda; e sia quella che ha tenuto l’ex Parlamentare del PD Antonio Cuomo per annunciare la sua discesa in campo come Candidato Sindaco di Eboli a capo di quattro Liste Civiche.

Oggettivamente si aspettava una reazione anche perché i Riformisti in molti casi, sebbene centrando gli obiettivi ed individuandone criticità aggiunte a suggerimenti, hanno puntato, esagerando, più sullo scandalismo che sulla concretezza delle osservazioni, vanificando la loro azione che appariva invece come livorosa e rancorosa per la loro esclusione dai processi politici ed amministrativi di Melchionda e dei suoi.

 Nicola Landolfi e la Calata democratica.

Nicola Landolfi e la Calata democratica.

Ma se i Riformisti, a nostro giudizio, esageravano da una parte i vertici Provinciali del PD esageravano dall’altra, trascurando di affrontare i temi ed evitando di approfondire le critiche, e di volta in volta pur se intervenendo lo ha fatto con azioni irrisolute consentendo a che si ha oggi un partito che ha perso per strada 9 consiglieri comunali eletti nelle sue liste e la faccia nei confronti degli elettori e nel Paese, finendo per contro per non avere una sezione, non avere organismi di Partito, ma avendo comunque un tesseramento ben numeroso, un commissario che nel tempo si è dileguato, mentre si prendeva iniziative politiche e mentre si partecipava oltre che a portare le tessere presso i loro capi a portare anche voti ai loro capi.

Oggi invece riscontriamo che il PD minaccia e promette, preannuncia esclusioni e ripensamenti fino a far dichiarare a Landolfi che il PD, riferendosi ai “traditori” nuovi (Luca Sgroia e i suoi) e vecchi (Carmelo Conte e i suoi), “Perdona ma non dimentica“, in perfetto stile padronale.

A prescindere dal perdono Padronale, l’unico perdono assoluto e positivo che conosciamo e che vorremmo conoscere è quello del SIGNORE che rappresenta l’estremo gesto di generosità ma che apre alle porte del Paradiso. Pertanto va ricordato ai finti “signori” aspiranti e sedicenti “PADRONI” che in un Partito si perseguono obiettivi e i vari gruppi o persone concorrono singolarmente o in gruppi affinché le loro strategie portino a risultati condivisi o quanto meno utili, nel rispetto dei percorsi e delle regole che ci si da e quel “perdono” a cui si riferisce altri non è che una reciproca convenienza, ma che non porta a tener vivo il ricordo “non dimenticando” usandolo alla convenienza come una ghigliottina, ma  intraprendere nuovi percorsi sulla base di una discussione e di un confronto che non c’é mai stato indipendentemente dalle esagerazioni dei Riformisti, e per come si presentano le cose difficilmente ci sar°, poiché ne Sgroia e ne Conte ammetteranno mai di aver sbagliato se sono convinti politicamente e con valide argomentazioni delle loro azioni.

E quali sarebbero le conseguenze? Forse quelle di buttar Fuori Conte e i suoi o di non candidare bnella Lista regionale del PD il giovane Federico Conte, o magari di far accuciare in un angolo Luca Sgroia, facendogli pagare a vita la colpa di aver voluto fermare il Sindaco, dopo averlo più volte avvisato, perché riteneva di voler discutere il Piano Urbanistico Comunale coinvolgendo una più ampia platea? Ridicolo e doppiamente in mala fede, anche perché Landolfi sa benissimo che nonostante Conte o altri che non vanno a braccetto con Vincenzo De Luca alle prossime elezioni pur non volendo concorreranno a votare per <de Luca se sarà candidato o per altri e comunque nessuno ha le palle di cacciarli fuori perché subentra quel “sano” opportunismo che caratterizza questo carrozzone.

Eboli, 31.10.2014

4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. CONTE O DEL CLIENTELISMO
    Stiano tranquilli i cosidetti”RIFORMISTI” il P.D e i
    suoi elettori non guardono verso i vecchi e nuovi carmelitani( vedi ANTONIO CUOMO e le sue pratiche
    trasformistiche)
    Ma parliamo d’altro.
    Il capo dei cosidetti “Riformisti” è stato un naturale comprimario ed erede del democristiano
    clientelismo.Egli venuto ad usurpare ,tramite l’uso
    e l’abuso,lo spazio politico dell’antico partito
    socialista ,si colloca in quella zona ambigua dei
    rapporti sociali e politici,ove si diramano due strade: riformare e innovare la politica oppure
    costruire la propria rendita di posizione ,sulle
    rovine del declinante potere democristiano.
    Il terreno praticato fu lo spazio sociale del clientelismo,il quale altro non è che l’espressione
    frantumata dei bisogni sociali crescenti di una
    società arretrata ,ma in movimento e soprattutto il
    modo in cui sono costrette a manifestarsi le spinte
    dei ceti emergenti e delle masse popolari.
    Forze sociali ,a cui sostanzialmente,rimane impedita
    una presenza politica attiva e per le quali il
    “clientelismo” resta il canale “personalistico” per esprimere bisogni che vengono poi tradotti e assorbiti all’interno della gerarchia dei poteri
    esistenti. Grazie a queste spinte ,le vecchie e statiche strutture diventano dinamiche e si proiettano dalle realtà locali verso l’alto,
    investendo i vertici del mondo politico e parlamentare
    e nello stesso tempo le istanze sociali provenienti
    dal basso ,attraverso il filtraggio del vecchio
    blocco di potere ,restano subalterne,atomizzate,in
    pressioni individuali o familiari o di gruppo,
    impedite ,perciò a trovare il coagulo per una generale
    azione riformatrice.
    Questa è la lezione che viene dal passato.Come i
    “carmelitani ” ieri ,cosi’ i “renziani “oggi,
    rappresentanti di ideologie conservatrici ,a tratti
    reazionarie.
    Vi ricordate Virgilio ( Enea che fugge da Troia e si
    carica sulle spalle il vecchio padre Anchise.Eneide
    libro 2° verso 722): il passato illumina sempre il presente.
    eboli 31 ottobre 2014 dott. Giuseppe leso

  2. CARMELO CONTE O DEL CLIENTELISMO.
    Stiano tranquilli i cosidetti RIFORMISTI,il PD e i suoi elettori non guardano verso i vecchi e nuovi
    carmelitani (vedi Antonio Cuomo e le sue pratiche
    trasormistiche)
    Ma parliamo d’altro,
    Il capo dei cosidetti “Riformisti” è stato un naturale comprimario ed erede del democristiano
    clientelismo.Egli venuto ad usurpare ,tramite l’uso e l’abuso, lo spazio politico dell’antico partito
    socialista ,si collocava in quella zona ambigua dei
    rapporti sociali e politici ,ove si diramano due
    strade: riformare ed innovare la politica oppure
    costruire la propria rendita di posizione,sulle
    rovine del declinante potere democristiano.Il terreno
    praticato fu lo spazio sociale del clientelismo,il
    quale altro non è che l’espressione frantumata
    dei bisogni sociali crescenti di una società arretrata ,ma in movimento e soprattutto il modo
    in cui sono costrette a manifestarsi le spinte sociali dei ceti emergenti e delle stesse masse
    popolari. Forze sociali ,a cui sostanzialmente ,
    rimane impedita una presenza politica attiva e per
    le quali il “clientelismo ” resta il canale
    “personalistico” per esprimere bisogni che vengono
    poi tradotti e assorbiti all’interno della gerarchia
    dei poteri esistenti. Grazie a queste spinte ,le
    vecchie e statiche strutture diventano dinamiche e si proiettano dalle realtà locali verso l’alto,
    investendo i vertici del mondo politico e parlamentare e nello stesso tempo le istanze sociali provenienti dal basso ,attraverso il filtraggio del vecchio blocco di potere,restano subalterne,atomizza-
    te in pressioni individuali o familiari o di gruppo,
    impedite ,perciò ,a trovare un coagulo collettivo
    per una generale azione riformatrice.
    Questa è la lezione che viene dal passato.Come i
    “carmelitani “ieri,cosi’ i “renziani” oggi,
    rappresentanti di ideologia conservatrici ,a tratti
    reazionarie:
    Vi ricordate Virgilio “Enea che nella fuga da Troia
    si carica sulle spalle il vecchio padre Anchise”
    (Eneide libro 2° verso 722): il passato illumina
    sempre il presente.
    eboli 31 pottobre 2014 dott. Giuseppe leso

  3. Vai tonino sei non il migliore, ma il MENO PEGGIO , certamente hai dimostrato a chi ti conosce di essere una persona ONESTA e LEALE. Eboli ha bisogno di essere AMMINISTRATA da una persona ONESTA e che non abbia una cultura xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

  4. LANDOLFI CANDIDATI AD UNA CARICA ELETTIVA POPOLARE,SAREI CURIOSO DI SAPERE QUANTI CONSENSI PRENDI,SE BRILLI DI TUO O DI QUALCH’UN ALTRO.

    CONTE CARISSIMO,SENZA IL PD,COI TUOI 2.5000 VOTI CI FAI POCO,O TI CHINI O SCOMPARI,E METTI IN DIFFICOLTA’ ANCHE I TUOI CENTRI DI POTERE,COME L’ELAION,CHE VIVONO DI PUBBLICO E IL PUBBLICO OGGI E’ IL PARTITO DELLA NAZIONE CHE SI CHIAMA PARTITO DEMOCRATICO!

    N.B. ALLA REGIONE SI APPRESTA IL CAMBIO DELLA GURADIA…

2 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente