Comizio di Antonio Cuomo al Centro Sportivo Spartacus di S. Cecilia

Il Candidato sindaco del centrosinistra Cuomo, al centro Sportivo Spartacus, dinnanzi a un folto pubblico, incontra le periferie e spiega come rilanciare l’hinterland cittadino.

La serata ha avuto un prologo al bar D’amore, coi candidati al consiglio comunale del PD, Mario Di Donato e la Paola Massarelli, insieme Antonella Pepe responsabile provinciale dei GD e Federico Conte, aspirante consigliere regionale.

Antonio Cuomo S Cecilia

Antonio Cuomo S Cecilia

di Marco Naponiello
per (POLITICAdeMENTE) il Blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Un altro doppio appuntamento serale per Antonio Cuomo, candidato sindaco PD e della coalizione di centro sinistra,infatti prima dell’incontro al centro sportivo Spartacus di Santa Cecilia con le comunità periferiche, si è avuto un preambolo in piazza Flavio Tito Flavio Silvano alle ore 19.30 con i candidati consiglieri Paola Massarelli e Mario Di Donato, il candidato alla regione sempre del PD, Federico Conte e la giovane rappresentante dei GD (Giovani Democratici) Antonella Pepe. Le tematiche dibattute dai conferenzieri sono stati la sanità ed il suo famigerato piano di zona (Di Donato) la mobilità e il centro storico (Massarelli) l’importanza di una guida democratica in regione (Conte) e il nuovo ruolo dei giovani nella politica del partito (Pepe), qui in effetti il candidato sindaco Cuomo, ha solo tenuto a precisare il fondamentale passaggio elettorale connessa all’importanza di spingere la gente al voto, oltre questa apparente inedia dei cittadini verso le elezioni ed il conseguente temuto astensionismo, che non agevolerebbe di certo, una rinascita democratica.

Antonio Cuomo S Cecilia pubblico-1

Antonio Cuomo S Cecilia pubblico-1

Verso il calar della sole dunque, si è svolto  l’importante incontro di Antonio Cuomo al centro sportivo di Santa Cecilia con le periferie rurali cittadine ed i loro candidati, qui un pubblico assiepato sugli spalti ed attorniante il palco ha accolto l’oratore della serata,il quale come incipit del suo discorso ha subito tenuto a precisare:  ”..Santa Cecilia è la parte più produttiva di Eboli e della piana del Sele, con momenti di eccellenza della filiera agroalimentare, bufalina e floro-vivaistica, ma avverto al contempo un distacco, una giustificata diffidenza delle persone di queste contrade verso le istituzioni comunali, un senso di abbandono imperdonabile pervade  da troppo tempo la cittadinanza rurale, cosa a cui io porrò rimedio, creando una città della solidarietà e della crescita sociale – ha proseguito Cuomo – metterò un diverso approccio nella risoluzione dei problemi, da subito coda di volpe, che cercherò di far realizzare l’ultima bretella del collettore fognario prima dell’autunno come stabilito dall’Asis, la quale per tale infrastruttura ha già ricevuto 8 milioni di euro, dunque senza titubanze tale problematica deve essere chiusa, tutelando il territorio e stimolando curiosità e coraggio, dialogando per tutte le altre questioni, con le componenti istituzionali superiori di concerto con l’ente comune, questi i miei intendimenti amministrativi.

Antonio Cuomo S Cecilia pubblico-2

Antonio Cuomo S Cecilia pubblico-2

Il candidato sindaco ha posto sul tappeto la questione del mercato ortofrutticolo, che come è ora  allocato ad Eboli offre pochi spazi e potenzialità, mentre de-localizzandolo in questa area, requisendo cosi un bene già sottratto alla camorra, come lo stabilimento ex Apoff, si moltiplicherebbe minimo per quattro la superficie espositiva, creando al contempo un ortomercato a km zero, una sicura vetrina di caratura nazionale. Un altro punto dolente di santa Cecilia, ma lo stesso vale per Cioffi e Corno d’oro, è la ristrutturazione del polo scolastico, il quale messo a cantiere in pochi anni diverrebbe il più grande della  nostra città, al contempo anche serbatoio di crescita culturale. L’immigrazione e la sicurezza, sono per gli abitanti rurali il tradizionale punto maggiormente dolente, ed il candidato Cuomo, non si è sottratto dal trattarli, considerandole ben a ragione strettamente collegate, in questo caso prospetta un percorso molto semplice, grazie sempre a noti fondi Ue, si potrebbero impiegare diversi giovani nel ruolo di censitori degli stranieri extra comunitari o comunitari, integrando a pieno titolo i regolari e procedendo con l’espulsione ex lege per gli irregolari, ma fermando cosi la barbarie dello sfruttamento della persona, il caporalato, e ponendo le basi per una  vera società multiculturale, un melting-pot sociale come in altre realtà europee.

Antonio Cuomo S Cecilia pubblico

Antonio Cuomo S Cecilia pubblico

Ma per Cuomo, santa Cecilia merita un “anima cittadina”, partendo con elargire servizi  comunali unificati tramite un ufficio unico permanente e non a “singhiozzo” come nel passato, ma prodromico ad uno sviluppo urbano  di città nella città, urge orbene  un cambiamento sostanziale al PRG ed al PUC, con lo sviluppo della frazione non solo sulla dorsale della ss 18 come fatto negli anni, ma convogliandola verso l’interno con adeguate infrastrutture iniziando dal subitaneo recupero dell’edificio chiamato “la vela”, che da 25 anni staziona come un muto monumento all’incompiutezza davanti alla rotatoria principale, questo cespite rimasto abbandonato anche dopo diverse aste fallimentari andate deserte, sarà compito del comune il doversi farne carico, cercando di stimolare i privati eventualmente ad acquisirlo con finalità mercantili e di terzo settore, e sempre privati che per l’esponente democratico, devono continuare ad investire nell’agricoltura e nella zootecnia, i reali volani di ricchezza della comunità.

Antonio Cuomo S Cecilia pubblico-3

Antonio Cuomo S Cecilia pubblico-3

Per concludere, si è trattato della fascia costiera di Campolongo e la sua pineta, da sempre croce e delizia di ogni candidato, mantra trentennale e stucchevole sulle ricchezze potenziali mai attualizzate, ecco che Antonio Cuomo come primo atto amministrativo ha in animo una primaria pulizia da parte di addetti alla nettezza costiera, (spiaggia e fascia pinetana) con conseguente sgombero delle meretrici e la loro laida attività pubblica, che arreca un danno esiziale all’immagine e dunque alla ripresa della zona verso la normalità.

In conclusione lancia l’appello finale:…” la Eboli che ho in mente è fatta di una ‘curiosità positiva’ che deve suscitar verso l’esterno delle mura cittadine, dal coraggio di cambiare lo status quo, io metto a disposizione la mia esperienza senza velleità carrieristiche, vorrei che con la nuova amministrazione si concretizzi un cambio di passo da parte di tutti nella futura gestione della res publica, vorrei inoltre anche stipulare un contratto di onore con voi, per crescere e far crescere pure una nuova classe dirigente e per il bene comune son certo che tale serata ci arrecherà fortuna; come dice il premier Matteo Renzi: non lamentiamoci del passato, vediamo di costruire, il futuro, e son certo amici miei che col vostro sincero aiuto il 31 maggio, scegliendoci siamo ben cinque liste, abbiamo le carte in regola per farlo…vinceremo!

………………….  …  …………………..

Per ANTONIO CUOMO SINDACO
Coalizione di Centrosinistra (120 candidati di cui 70 maschi e 50 femmine)

Lista PARTITO DEMOCRATICO (13 maschi 11 femmine)
Calò Manuela Emily,
Corrado Rossella,
Di Candia Teresa,
Di Cosmo Concetta,
Ferrara Esmeralda,
Giovine Raffaela,
Massarelli Paola,
Nigro Assunta,
Nigro Mariagiovanna,
Polito Lucilla,
Scorzelli Rosalba,
Ardia Damiano,
Campagna Carmine,
Capaccio Vito,
Cicalese Armando,
Cicia Cosimo,
Conte Antonio,
Cuomo Gaetano,
Di Donato Mario,
Guarnieri Ivan,
Laurino Luigi, Lavorgna Adolfo,
Petrone Antonio,
Zottoli Antonio detto Tony.

Lista EBOLI LIBERA (12 maschi 12 femmine)
Mazzini Pietro,
Cardiello Anna Stefania,
Lamanna Gerardo,
Magliano Carmine,
Andreani Ercole,
Busillo Damiano,
Campagna Tiziana,
Chiella Maria,
Coiro Fernando,
Copeti Vittoria,
D’Alessandro Luigi,
Dianese Cosimo,
Ferrisi Maria Irene,
Franzese Maria Teresa,
Maglio Annamarisa,
Maioriello Tommaso,
Opramolla Michela,
Pacifico Andreina,
Pannullo Patrizia,
Quaglia Valentino Salvatore,
Scarpa Michele,
Sorano Annamaria,
Sparano Irma,
Di Matteo Patrizia.

Lista LA MIA CITTA’ Cuomo Sindaco (17 maschi 7 femmine)
Altieri Vito,
Avallone Concetta,
Brenga Cosimo,
Ciaglia Mario,
Contaldo Maria,
Cuomo Davide,
Di Stefano Sabrina,
Formicola Maria Rosaria,
Gatta Marco,
Lembo Nicoletta,
Longobardi Michele,
Luongo Remo,
Merola Marcia,
Mirra Nevina,
Naponiello Vittorio,
Niglio Cristiano,
Pannullo Luigi,
Rizzo Francesco,
Sagaria Donata,
Simonetti Antonio,
Soriente Angelo,
Turi Vito,
Verderame Antonio,
Villani Claudio.

Lista EBOLI 3.0 Cuomo Sindaco (15 maschi 9 femmine)
Adelizzi Rosa,
Altieri Rosa,
Basili Federico,
Chakir Pesticcio Fatina,
Clemente Vito,
Concilio Donato,
Coscia Cosimina,
D’Alessandro Assunta,
De Bonis Raffaele,
Di Leo Manuela,
Fornataro Vincenzo,
Fusco Carlo,
Galla Marina,
Iorio Vito,
Mandia Valter,
Marcantuono Stefano,
Mazzara Venusia,
Naimoli Gaetano,
Palladino Roberto,
Papace Gaia,
Pellegrino Giuseppe,
Rizzo Antonio,
Sirico Luigi,
Spolsino Claudio.

Lista  UNIAMO EBOLI- API (13 maschi 11 femmine)
Albano Concettina,
Boccia Annalisa,
Bottiglieri Francesco,
Caiazzo Vittorio,
Cerrato Domenico,
Cicalese Rossella,
Cioffi Pantaleone (detto Gino),
De Martino Franco,
Del Fiore Anna,
Di Matteo Katia,
Di Stefano Valeriano,
Faenza Anna,
Falanga Anna,
Ferrara Davide,
Infante Pasquale,
Latronico Emanuele,
Malandrino Ruggiero,
Marra Arturo,
Pagano Fabiana,
Petrillo Fiore,
Ragosta Immacolata,
Salerno Michele,
Tenza Chiara,
Volpe Elena.

Eboli, 29 maggio 2015

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. La differenza la faranno le periferie,dove Antonio Cuomo è il Dominus incontrastato.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente