Centro Polifunzionale: Don Enzo Caponigro diffida il Sindaco Cariello

Don Enzo Caponigro sul Centro Polifunzionale dei SS Cosma e Damiano diffida il Sindaco Cariello.

Il Monsignore ispiratore e “padre” del Centro Polifunzionale, è sceso in campo e apertamente si dichiara contrario alla volontà del Sindaco di delocalizzare il Centro di riabilitazione ISES in quella struttura.

Don Enzo Caponigro

Don Enzo Caponigro

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Finalmente il Centro Polifunzionale dei SS Cosma e Damiano, è stato ultimato. Mentre la Cinta Muraria del Castello Colonna non è stata ancora ricostruita e sono ancora ben visibili le opere provvisorie a sostegno della scarpata e del Castello stesso, così come è ben visibile come “monumento alla incapacità”, ma finalmente in cambio abbiamo un’opera di cui non ne avevamo il benché minimo bisogno, ma che è costata 6 milioni di euro e che dovrebbe, tra le altre cose, essere la Casa del Pellegrino, a servizio del Santuario dei Santi medici Cosma e Damiano.

Ultimati i lavori, sorge il problema. E il problema è come utilizzare quella struttura. E c’è stato chi: in chiave godereccia, aveva proposto di di destinarla a “Casa delle Associazioni” una sortacdi “Baccanalia” di supporto alla miriade di iniziative che caratterizzano la vivacità “culturale” della Città; e chi dopo aver assistito alla lenta, inesorabile e annunciata fine del Centro di Riabilitazione ISES, vorrebbe trasferirla nel nuovo complesso, ignorando nel frattempo che la Convenzione è andata, e che quello stabile ha una sua precisa destinazione, per la quale ha goduto di un finanziamento dedicato.

Centro.pilifunzionale

Centro.pilifunzionale

Di qui la “diffida” che un infuriato Don Enzo Caponigro, il “padre” della proposta progettuale, il “supporter” dell’iter procedurale, il “questuante” del finanziamento, il promotore dei successivi passi che hanno portato poi il Comune di Eboli ad assumersene la paternità “putativa“, ricordando la trasversalità del consenso e le relative proteste che sono susseguite da associazioni e comitati che al contrario non solo non ne vedevano l’utilità, ma specie dopo il crollo del Bastione e del Muro di cinta del Castello Colonna, intravedendo: in primis il pericolo di crollo dell’edificio monumentale; e successivamente la inopportunità di realizzare in quell’area ricca di diversi riferimenti storico-monumentali e archeologici di diverse epoche.

Quella “diffida” apre di fatto ad una sorta di “scomunica”, ma anche alla rottura di un rapporto tra Monsignor Caponigro il Sindaco Massimo Cariello e la sua Amministrazione, rottura che forse ci salva da un altro progetto che per don Enzo è un sogno: La realizzazione di un ponte che colleghi Sant’Antonio con il Santuario dei SS Cosma e Damiano; che Dio li abbia in gloria. Diffida, scomunica o “anatema” quello di Don Enzo che però sottolinea anche una totale improvvisazione, ricordando come tiene a precisare il prelato, che obbliga il Comune alla originaria destinazione del nuovo complesso, salvo poi alla revoca del finanziamento e al recupero dei fondi erogati, costringendo la Corte dei Conti ad intervenire. Circostanza questa che si ripercuote e ebbe sulle casse del Comune e cosa gravissima sui cittadini.

Centro-Polifunzionale-SS-Cosma-e-Damiano-Rendering- il contesto (2)

Centro-Polifunzionale-SS-Cosma-e-Damiano-Rendering- il contesto (2)

La realizzazione di un complesso così imponente che ha impegnato tra l’altro una cifra ragguardevole, è quanto mai inopportuna, specie se si tiene in considerazione che il Santuario è frequentato da fedeli che provengono dalle città vicine, in maniera massiccia solo nel giorno della festa dei SS Cosma e Damiano e moderatamente nel mese di settembre. Tuttavia il fatto che nel corso dell’anno la struttura che si andrà a realizzare debba accogliere “persone in stato di grave necessità“, impreziosisce il Progetto, ma ne evidenzia ancora di più la improvvisazione dello stesso che ci riconduce ad una struttura che dovrebbe avere determinate caratteristiche e che non potrebbe assolutamente lasciare al caso la sua gestione.

Il Centro polifunzionale o “Casa del pellegrino“, è stato realizzato in un’area particolarmente interessante che attraversa diversi particolari periodi storici, che vanno dalla civiltà pre-romana a quella romana e successivamente medioevale, con contaminazioni angioine, normanne e rinascimentali, tra le Fornaci, l’acquedotto Romano, il Castello Colonna, il Santuario di San Pietro alli Marmi, oggettivamente fuori contesto, e in più per realizzarlo si sono impegnate somme che potevano essere destinate al recupero del Monastero francescano, semmai pensando a riconvertirlo come casa di accoglienza del pellegrino, e magari il complesso del Castello Medioevale, liberato finalmente dall’ICATT destinarlo ad altri usi pensando anche alle “persone in stato di grave necessità“.

La cosa più sconvolgente e che ci preoccupa non poco, è l’altra circostanza che non viene per nulla taciuta è che non si fa mistero che il finanziamento di una particolare opere abbia seguito più le desiderate di alcuni che la effettiva necessita per un’intera comunità, questo ci riconduce ad altre questioni che se solo venissero trattate allo stesso modo e con la stessa “insistenza” magari che ha caratterizzato l’impegno di Don Enzo Caponigro forse nella nostra città riusciremmo a realizzare diverse altre opere, magari più utili. Per questo si suggerisce all’amministrazione di ingaggiare Don Enzo Caponigro e conferirgli un incarico specifico di assessore ai rapporti con la Regione e il Parlamento europeo cosi avremmo la certezza di intercettare un bel po’ di finanziamenti.

Al di la di ogni considerazione, la “diffida” di don Enzo Caponigro apre un fronte molto ma molto delicato, che sicuramente si proietterà sull’andamento del Consiglio Comunale del 12 dicembre prossimo, poiché all’ordine del giorno è prevista la discussione che riguarda il Centro ISES, argomento che tra l’altro è uno dei cavalli di battaglia del Capogruppo di Forza Italia Damiano Cardiello, il quale ha dichiarato: “Con questa diffida, senza acquisire i necessari pareri tecnici (Segretario Comunale, Avvocatura, Settore Opere Pubbliche e Regione), l’unanimità in consiglio comunale è un miraggio.

Manca confronto e dialogo, pensano di essere amministratori di condominio e non di un Ente pubblico. La salvaguardia delle maestranze e dei pazienti non può e non deve essere oggetto di mercimonio politico.”.

ECCO IL LINK DELLA DIFFIDA DI DON ENZO –

Diffida Don Enzo Caponigro-1

Diffida Don Enzo Caponigro-1

Diffida Don Enzo Caponigro

Diffida Don Enzo Caponigro

Eboli, 10 dicembre 2016

11 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente