Soluzione Nuova ISES: Soddisfatti gli Amici di Beppe Grillo e l’altro Meetup?

Il MeetUp Amici di Beppe Grillo di Eboli felice della positiva soluzione della vicenda ISES. E l’altro Meetup? Un colpo al cerchio e uno alla botte?

“Con lo sblocco dell’Accreditamento da parte della Regione e dell’ASL Salerno, la vicenda ISES intraprende la giusta strada che noi avevamo auspicato e difeso dal primo momento …e mai ha riguardato la struttura Casa del Pellegrino. E il M5S ha “La botte piena e la moglie ubriaca”.

M5S Eboli-Amici di Beppe Grillo

M5S Eboli-Amici di Beppe Grillo

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – «Gli Attivisti del MeetUp Amici di Beppe Grillo di Eboli – si legge nella nota degli Amici di Beppe Grillo ebolitani, quell’altro Meeting del M5S cittadino che chiese al Consigliere Regionale del M5S Michele Cammarano di formulare una interrogazione regionale temendo, poi quello che è avvenuto con l’avvio del procedimento di revoca del finanziamento per il Centro Polifunzionale dei SS Cosma e Daminano, utilizzato per altri scopi, diversi dal finanziamento dedicato – sono felici nell’apprendere la notizia circa la positiva soluzione della vicenda ISES.

Con lo sblocco dell’Accreditamento da parte della Regione Campania e dell’ASL Salerno, – si legge nella nota degli “Amici di Beppe Grillo”, avendo appreso evidentemente dalla nota del Sindaco Massimo Cariello di una “definizione” che va più nel segno dei “desideri” che nelle intenzioni istituzionali di ASL e Regione – la vicenda ISES intraprende la giusta strada che noi avevamo auspicato e difeso dal primo momento.

Assemblea Ises eboli

Assemblea Ises eboli

La vicenda ha visto il nostro gruppo al fianco dei lavoratori della Nuova ISES e dei degenti e familiari – aggiungono ancora gli attivisti del Meetup M5S “Amici di Beppe Grillo, ignorando le posizioni dell’altro Meetup M5S di Eboli, tutt’ora operante, attivo e “certificato”, come amano ricordare gli stessi, immaginando una controversa posizione tra le due anime dei pentastellati. Nella fattispecie della conferma di una divaricazione di vedute sembrerebbe che il M5S dia “un colpo al cerchio e uno alla botte”e mai ha riguardato la struttura Casa del Pellegrino che, invece, è apparsa subito il vero pomo della discordia e tale continuerà ad essere. Aspramente conteso anche dopo che l’ISES sarà dislocato altrove.

Michele Cammarano

Michele Cammarano

Rivendichiamo la nostra presa di posizione – aggiungono ancora gli “Amici di Beppe Grillo” avendo raggiunto l’obiettivo, in questa vicenda, della “Botte piena e della moglie ubriaca” e ovviamente noi aspettiamo, e da tempo, di sapere l’esito dell’incontro e della relativa visita all’ISES del Consigliere Regionale Michele Cammarano, e innanzitutto: cosa si siano detti? E’ dato saperlo o è talmente difficile giustificare una “doppia” posizione? – e il nostro aver visto giusto e soprattutto colto in pieno lo spirito del Movimento Cinque Stelle a cui ci ispiriamo in quanto il nostro primo interesse è stato la salvaguardia del livello occupazionale per i lavoratori e poi per l’attenzione che abbiamo visto mancare verso i degenti ed i loro familiari, senza ulteriori fini nascosti o palesi conflitti di interesse per altri.

Da questo momento – Conclude il Meetup del M5S “Amici di Beppe Grillo” affermando di volersi dedicare da ora, a conferma di non averlo fatto prima, della Casa del Pellegrino – la nostra attenzione sarà sulla futura destinazione della Casa del Pellegrino e su come la stessa sarà assegnata e a chi in modo da comprendere finalmente quali erano i reali interessi celati dietro la intricata vicenda che ha tenuto banco per molto tempo in una disastrata economia ebolitana.

Centro polifunzionale SS Cosma e Damiano-nuova sede ISES

Centro polifunzionale SS Cosma e Damiano-nuova sede ISES

Purtroppo per gli attivisti dei Meetup del M5S in questa vicenda ci sono solo ombre e si capisce anche dalle diverse posizioni che gli stessi Meetup hanno tenuto rispetto sia alla delocalizzazione, sia pure temporanea dell’ISES presso la struttura del Centro Polifunzionale o “Casa del Pellegrino” che dir si voglia, e l’utilizzo e la finalità di quest’ultimo, oltre che il timore della perdita del finaniamento, così come è avvenuto, sperando che la procedura di Revoca da parte della Regione si chiuda favorevolmente per il Comune e per i cittadini, ombre che non giocano affatto a favore del Nuovo ISES. Ombre che che dicono altro e che purtroppo, nonostante tutte le complicazioni, si tenta di riprendere, e il Sindaco Cariello e tutta la sua Giunta hanno tentato e stanno tentando di riprendere per salvaguardare i lavoratori dell’ISES e soprattutto di assicurare ai pazienti prestazioni e finanziamenti che gli spettano.

Nuvola sull'ISES

Nuvola sull’ISES

Una lotta contro il tempo e contro la burocrazia, ma anche una lotta per superare quel “Bagaglio” ingombrante del passato amministrativo del Centro ISES, ora commissariato e attenzionato dalla Magistratura Contabile (Corte dei Conti) per un deficit di 12 milioni e poco più di euro, che ha spalancato le porte alla Bancarotta fraudolenta. Passato che determinò prima una sospensione dell’acceditamento e poi la decisione dell’ASL del tutto negativa trasmessa alla Regione, non avendo la struttura precedente i minimi requisiti di legge, e poi è storia recente rispetto ai vari incontri del tutto interlocutori e non decisivi, come interlocutorio è il riferimento che il Sindaco ha cercato di “edulcorare” nella sua nota con la quale ci ha annunciato di aver intrapreso una strada diversa da quella assunta e che ha portato la Regione ad avviare la procedura di Revoca del finanziamento.

Giudice-di-Pace-Eboli.

Giudice-di-Pace-Eboli.

Al momento purtroppo, a fronte di una nota positiva dell’ASL Salerno che ritiene i locali del Centro Polifunzionale dei SS Cosma e Damiano occupati “temporaneamente” e si precisa “temporaneamente” dal Nuovo ISES a firma pare del Dott. Della Porta, vi è l’ostacolo della Regione che deve riesaminare il tutto anche alla luce dei due parei negativo il primo, positivo il secondo, più altri requisiti, ma con una nuova destinazione, così come si paventa: o del Palazzo Fulgione (ex sede Giudice di Pace); o di un’ala dell’ex Hotel Grazia; si riaprirebbero di nuovo i problemi e si addenserebbero nuove nubi, poichè le strutture oltre ad avere altre destinazioni, dovrebbero essere sottoposte a cambi di destinazione d’uso e sottoposte ad una Variante Urbanistica, che aprirebbe ad altri problemi, adeguate alle norme e quindi risottoposte, se tutto andrebbe per il meglio, a nuove autorizzazioni per poi decidere o meno di concedere nuovamente la convenzione e l’accredito.

Insomma ci ritroveremmo in un “Cul di Sacco”, una strada senza uscita, che non favorisce affatto ne il Nuovo ISES e ne il Sindaco e l’Amministrazione, ma cosa più grave non garantisce gli “ospiti” che al momento sono nella Struttura. Si può mai essere soddisfatti?

Eboli, 1 luglio 2017

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. I grillini non sanno neanche loro cosa fare…senza circolo senza idee a eboli come altrove in declino…sono già il vecchio il web li ha prima creati e poi bruciati

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente