Mare sporco a Paestum: È allarme

Il mare di Paestum è sporco, talmente sporco che oscura di botto la Bandiera Blu della Fee ricevuta 20 giorni fa.

20 giorni fa spiagge e mare di Paestum riceveva la Bandiera Blu. Possibile che in soli 20 giorni si passi dal Blu al marrone delle schifezze che galleggiano in acqua? Il mare è peggiorato come la vivibilitá, e dal Blu si passa al “Rosso” della vergogna. Viabilità, parcheggi, ambiente, inquinamenti, spiagge libere senza servizi. L’elenco è lungo e inquietante.

Paestum_mare_sporco

Paestum_mare_sporco

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

CAPACCIO PAESTUM – Il mare di Paestum è sporco, talmente sporco che oscura di botto la Bandiera Blu che la Fee gli ha conferito solo 20 giorni fa. Insomma è possibile che solo 20 giorni le spiagge e il mare di Paestum erano così puliti tanto da avere l’assegnazione per il terzo anno consecutivo la Bandiera Blu?. È possibile che in soli 20 giorni si passi dal Blu al marrone delle schifezze che galleggiano in acqua che nemmeno a trenta centimetri si vede il fondale? Il mare è peggiorato come la vivibilitá, la viabilità, i parcheggi, la manutenzione stradale e quella degli arredi urbani, se si tiene conto di come è messa quella pineta, i suoi percorsi e come sono messe le strade “arrembate” da veicoli in transito e parcheggiate in doppia, tripla e quarta fila nelle aree di stallo dei lidi: 64 se ne contano; in verità tutti ben messi e taluni veramente eleganti ma costosissimi. Un salasso per i bagnanti e così dalla Bandiera Blu, Paestum passa alla Bandiera “Rossa”: Rossa dalla vergogna; e non ci sono piu scusanti per il Sindaco Franco Palumbo, perché non è più di nuova nomina e sebbene ha ereditato una situazione al limite, egli di certo non l’ha migliorata.

Paestum_mare_sporco_1

Paestum_mare_sporco_1

Non ci sono scusanti nemmeno per i balneatori che offrono servizi: ombrelloni, lettini, parcheggio e ristorazione. Lidi che stanno a poche decine di metri gli uni dagli altri e per tutto il litorale paestano non c’è una sola spiaggia libera attrezzata con docce, bagni pubblici e arenile pulito, salvo quella che tiene Legambiente ma che anch’essa non ha acqua, non ha bagni, non ha servizi se non quello dell’impegno a mantenere pulito arenile e pineta e a dare un minimo di accoglienza ai bagnanti che gli si rivolgono. Forse si è festeggiato troppo in fretta la Bandiera Blu che orgogliosamente svetta su ogni lido e ogni struttura ricettiva sia se si tratta di alberghi, B&B e sia dei campeggi.

Paestum-strada dissestata con limite di velocità

Paestum-strada dissestata con limite di velocità

Un fregio che ha fatto fare buoni affari a tutti, tranne ai cittadini e ai bagnanti, che devono subire il disagio di un contesto degradato in maniera così sfacciata che ovviamente non esclude colpe e responsabilità, meno gravi o gravi che siano per gli amministratori e tutti gli Enti che sono deputati alla vigilanza e ai controlli, senza escludere gli operatori turistici, lidi, bar, ristoranti, Alberghi, Campeggi e via di seguito. E così se una strada è piena di buche, non si ripara, ma si mette un segnale di limite di velocità, ma per l’amor del celo quelle che non mancano sono le strisce blu e le immancabili colonnine del parking, seguendo quel magnifico filone che attraversa tutta la marina che va da Agropoli a Salerno, che non esclude le Città e non esclude gli altri luoghi. Un vero e proprio balzello del quale tutti gli amministratori e tutti i sindaci dovrebbero vergognarsene.

Paestum_mare_sporco2

Paestum_mare_sporco2

Tornando a Paestum, alla Bandiera Blu, al “saccheggio” delle spiagge occupate dai Lidi, ai tratti di spiaggia libera e facendo riferimento a quello che si offre ti viene in mente qualche domanda: Ma l’attuale Sindaco Palumbo e magari i suoi predecessori, si chiedono dove tutti i bagnanti fanno la pipì, specie quelli delle spiagge libere, atteso che a quei bagnanti spesso gli è negato l’uso di servizi pubblici? E tutti gli esercizi che a vario titolo offrono assistenza o cibo che scaricano le acque reflue e dove vanno quelle delle cucine e degli oli saturi? Si chiedono e controllano se le aree concesse vengano rispettate? Hanno mai monitorato i prezzi che tra parcheggio e ombrellone mediamente costa ai bagnanti minimo 25 euro al giorno a salire su?

Paestum_mare_sporco3

Paestum_mare_sporco3

Il mare di Paestum è inquinato, è sporco, così come appare in queste foto scattate alla Laura di Paestum nei fronti di diversi stabilimenti balneari, che non facciamo i nomi, per evitare di attribuire loro responsabilità della sporcizia e dell’acqua marrone. Ma a questo ovviamente si aggiungono gli scarichi dei canali di governo e di raccolta delle acque delle varie estensioni di terreni che coltivano intensivamente a campo aperto o sotto serre i prodotti agricoli, e a questi si aggiungono tutti i caseifici, in quantità industriali e tutti gli allevamenti bufalini, bovini, suini, caprini e ovini ricordando che nella Piana del Sele ormai ci sono più  bufale, bovini, suoni, capre e pecore che abitanti, di galline e polli non ne parliamo, per pareggiare i conti ci pensano i caporali che portano a sfruttamento centinaia e migliaia di extracomunitari.

Ebbene dopo la gita in barca luogo le sponde del fiume Sele che il Sindaco Palumbo ha fatto e opportunamente pubblicizzata insieme al suo collega ebolitano Massimo Cariello, ci piacerebbe sapere se i controlli sono stati portati a termine e quali sono i loro risultati. Controlli che se la FEE li facesse oggi la Bandiera Blu col fischio la aggiudicherebbe a Paestum. E questo ovviamente vale anche per le altre località in barba ai 64 stabilimenti balneari  delle spiagge di Varolato, Laura, Casina d’Amato, Licinella, Torre di Mare e Foce Acqua dei Ranci.

Paestum_mare_sporco4

Paestum_mare_sporco4

Il mare è sporco e così ce lo dobbiamo tenere? Perché un qualsiasi intervento si teme dispiaccia i tanti operatori turistici? È possibile pretendere maggiori controlli, una qualità ambientale, e una rete di servizi accettabili o dobbiamo rinunciarci? È possibile che il mare, così come generosamente ci ha donato il creatore in abbondanza debba costarci così tanto in termini di costi quotidiani e quelli ambientali? È possibile invertire una tendenza e salvaguardare si gli operatori turistici che devono migliorare ed offrire servizi ottimi a pagamento, ma che non siano a detrimento dei cittadini e di quei servizi minimi che si meritano e a costo zero? Intanto il mare di Paestum è sporco e noi vorremmo sapere di chi è la colpa. Tutto il resto è chiacchiericcio irresponsabile.

Pineta Laura di Paestum

Pineta Laura di Paestum

Paestum, 31 luglio 2018

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Il mare è malato ogni anno sempre la stessa cosa inquinamento schifo sui parchegginon ci possiamo fare il bagno è imposspibile ma ste cavolo di amministrazioni del turismo che cazz danno per il mare che fanno niente

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente