Doppio trapianto di cornea: Ancora buona Sanità all’ospedale di Eboli

Ancora buona Sanità all’ospedale di Eboli: eseguito dall’equipe del dott. Iovieno doppio trapianto di cornea

Il bene trionfa sempre sul male, e nonostante i furti ed i processi in corso verso i cattivi, i buoni: prima Gigliotti con Nefrologia e ora Iovieno con l’oculista; confermano l’eccellenza dei loro Reparti e il livello di una buona Sanità che offre l’Ospedale di Eboli nel silenzio delle varie Direzioni dell’ASL Sa. “Protestano” con Cicia gli infermieri, esclusi da ogni citazione. 

Iovieno Giovanni grande 3 foto politicademente

Iovieno Giovanni grande 3 foto politicademente

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – E così mentre presso il Tribunale di Salerno si celebrava una udienza del processo che vede un Primario dell’Ospedale di Eboli, già precedentemente giudicato in due diversi processi e Condannato a complessivi 21 mesi di carcere con pena sospesa, accusato per furto di attrezzature dell’Ospedale di Eboli, che pare non si sia nemmeno costituito né talpoco ha provveduto a sospenderlo dal Servizio, presso la Unità Operativa Complessa di Oculistica del Presidio ospedaliero di Eboli è stato eseguito con successo un doppio trapianto di cornea (cheratoplastica lamellare endoteliale).

Gli interventi sono stati effettuati dal dr. Giovanni Iovieno, direttore della Unità Operativa Complessa di Oculistica, e dalla sua equipe, in circa 20 minuti, in anestesia locale, utilizzando la tecnica DSAEK (Descemet Stripping Automated Endothelial Keratoplasty). La metodica utilizzata dal dott. Iovieno e dalla sua equipe è particolarmente indicata in patologie come la Distrofia di Fuchs o la Cheratopatia Bollosa, in quanto permette di ridurre notevolmente il rischio di rigetto, presente nei trapianti di cornea a tutto spessore, per la minore carica antigenica derivante dal trapianto con lembo pretagliato.

L’equipe del Reparto di Oculistica del P.O. Eboli che ha eseguito il doppio trapianto di Cornea era formata dal: Dott Giovanni Iovieno (Primario); Dott. Palmiro Cornetta; Dott.ssa M. Antonietta Liberto; Dott. Antonio Ferraioli; Dott. Elio M. Elefante; Dott. Vincenzo Viviano; Dott.ssa Patricia Toro; Dott. Flavio Gallo; In collaborazione con gli specializzandi di Oftalmologia del secondo anno, diretti dal Professore Nicola Rosa, Ordinario di Cattedra dell’Università di Salerno, Dott.ssa Ilaria de Pascale, Dott. Roberto Imparato; Dott. Giulio Salerno, del Centro espianti della regione Campania al quale partecipa il P. O. di Eboli tramite del centro espianti diretto dal Dott. Chiumiento e la Dott.ssa Baccari.

Ma al di là della notizia, quello che conta sono sicuramente i progetti futuri, che a breve termine sono rappresentati dalla volontà di realizzare una struttura specifica per i trapianti di cornea, ma ovviamente sempre che qualcuno faccia richiesta di personale medico e infermieristico per modo da poter assicurare tempistiche e servizi ancora più rispondenti alle richieste, sempre più numerose degli utenti.

Vincenzo De Luca a Lira TV

Vincenzo De Luca a Lira TV

Val la pena di ricordare che ogni anno nel reparto di Oculistica del P.O. di Eboli diretto dal Dott. Iovieno, vengono effettuati 15 trapianti di cornee, si ricorderà anche che solo il mese scorso se ne eseguì un altro a seguito di una donazione, confermando come nel DEA di Eboli-Battipaglia-Roccadaspide vi sia una capacità professionale che se ben supportata può offrire ben altre prospettive, sebbene nell’Italia del Sud, le tre banche degli occhi non riescono a soddisfare tutte le richieste. Supporto che deve significare l’acquisto di nuovi e innovativi macchinari che siano di supporto alle tecniche innovative che si intende praticare.

Ora ovviamente non ci aspettiamo si facciano le capriole, ma che almeno ci si omplimenti con il bravo Iovieno e la sua equipe, e per l’occasione ci si complimenti anche con l’altrettanto bravo il Neo-Primario di Nefrologia dell’Ospedale di Eboli Giuseppe Gigliotti, il quale solo la settimana scorsa ha ricevuto insieme alla sua equipe un premio internazionale a Budapest, ed ancora prima quel reparto per il numero di casi e per la qualità dei trattamenti è stato individuato tra i primi tre reparti di Nefrologia in Italia.

Evidentemente è troppo poco perché anche il Commissario dell’ASL Salerno Mario Iervolino oltre alla stampa, al web e agli utenti che quotidianamente vengono ottimamente curati e assistiti possa commentati intanto chiediamo che il Sindaco di Eboli Massimo Cariello possa farlo in vece degli altri e trovi lo spazio per organizzare un incontro e premiare con una Targa sia il Dott. Giovanni Iovieno e il Dott. Giuseppe Gigliotti, aprendo una porta che certo non si richiudera’ alle spalle, atteso che i vari reparti del nosocomio ebolitano nonostante i cattivi, ha tanti bravi professionisti., ricordando loro che il bene alla fine riesce sempre a sconfiggere il male: Sursum corda.

Cosimo Cicia FNOPI

Cosimo Cicia FNOPI

Ma quando sembra che tutto va liscio ci accorgiamo che non è così, infatti, proprio oggi che il Governatore della Campania De Luca è stato presente in Città per una conferenza stampa sulle Universiadi, al quale racconandiamo magari di farsi anche qualche giro sull’Ospedale di Eboli per certificare come nei reparti ci sia bisogno delle attrezzature giuste e se ci sia maledettamente bisogno di Medici ed Inferieri, arriva la “protesta”, garbata ma protesta, da parte del Presidente Provinciale degli infermieri (Ordine delle Professioni Infermieristiche) Cosimo Cicia, il quale ricorda il ruolo importante che assumono ed hanno assunto gli infermieri nelle strutture sanitarie ivi compreso, nello specifico, riguardo al doppio trapianto di Cornee, senza che nessuno abbia voluto ricordarlo.

Ha ragione Cicia e anche noi ci scusiamo per questa mancanza, confermando quando siano determinanti gli infermieri e quanto sia determinante ogni qualsiasi categoria affinché tutto funzioni bene come vorremmo noi utenti della salute. In ultimo, archiviato le nostre scuse agli infermieri, speriamo non si archivi il ricordo, e questo lo ricordiamo sia al Presidente provinciale dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche Salerno, Cicia, al Governatore De Luca e al suo commissario dell’ASL Salerno Mario Iervolino, di sospendere quel Primario che è accusato di furto di attrezzature dell’Ospedale di Eboli e che è stato già condannato a complessivi 21 mesi di carcere per due distinte condanne con pena sospesa. De Luca, Iervolino, Cicia, che ci fa ancora al lavoro costui?

Eboli, 26 giugno 2019

2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. costui non dice pero che per fare alcuni interventi bisogna andare a Polla, perche ad eboli non c’è tutto cio che serve . come Iosca che alcuni interventui ad Eboli non si possono fare quindim bisogna andare ad Albanella oppure salerno. mi vergogno di essere itaLIANO.

  2. Per Italiano.
    Io non mi vergogno di essere italiano mi vergogno invece di essere amministrato gente che non capisce un cazzo e più delle volte anche mariuoli.
    La risposta te la sei data da solo, quando dici che alcuni interventi non si fanno perché mancano le attrezzature adatte.
    E questo è. Allora perché anziché proteggere pregiudicati e disturbare il lavoro degli altri non si richiedono le apparecchiature giuste?
    Questo vale per l’oculista o per la sedia odontoiatrica, ma vale anche per la cardiologia, la radiologia, la chirurgia e l’urologia. Vale per la mancanza di medici e degli infermieri. Non indignati e semmai segui di più e dai il tuo contributo. Incazzati con chi comanda e pretendi di più. Io sono qui e racconto ogni cosa.
    Grazie per il tuo intervento

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente