Cecilia Francese sugli Ospedali e i tagli: E’ l’ora della mobilitazione

Ospedali della Piana: “E’ l’ora della mobilitazione!” Il Piano sanitario della Regione sta modificando la struttura sanitaria del nostro territorio.

Le priorità per Cecilia Francese: Fine immediata del Commissariamento e ritorno alla gestione ordinaria. Riportare l’Ospedale unico della Valle del Sele tra le priorità della politica sanitaria regionale, otttimizzazione di straordinari e Alpi, Tavolo regionale Istituzionale.

Ospedale di Battipaglia

Ospedale di Battipaglia

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – “E’ l’ora della mobilitazione!” “Il Piano sanitario della Regione – scrive in una lunga nota politica Cecilia Francese Leader del Movimento politico Battipagliese Etica per il Buongoverno, e candidata a Sindaco di Battipaglia, intervenendo sulla questione della Sanità, sul Piano Sanitario e sul Piano di Riordino degli Ospedali della Valle del Sele, redatto dal Direttore generale dell’ASL Salerno Antonio Squillante e presentato al Governatore della Campania e Commissario di Governo dellla Sanità regionale Stefano Caldorosta rapidamente modificando la situazione sanitaria del nostro territorio. Una serie di  passaggi successivi (decreto 49/2010 e 83/2013, delibera Dir Gen 4/2/2014 e il capolavoro del commissariamento di Eboli e poi di tutti gli ospedali della Valle del Sele) stanno impoverendo la Valle del Sele che sta progressivamente perdendo strutture sanitarie e tante altre perderà man mano che il piano regionale diventerà operativo.

Da anni, – ricorda la Francese – Etica per il buon governo ha lanciato l’allarme sulla situazione sanitaria del territorio. Per anni, assolutamente inascoltati dall’allora sindaco Giovanni Santomauro abbiamo chiesto di attivarci partendo da un consiglio comunale aperto e congiunto con gli altri comuni della piana del Sele per mettere in campo una proposta ed una strategia alternativa a quella della Regione.

Cecilia Francese

Cecilia Francese

Vedevamo nelle prime mosse di quel piano una sanità  provinciale fondata su tre ospedali: Nocera-Pagani, Riuniti di Salerno, Vallo della Lucania; con grave penalizzazione della Piana del Sele. Un bacino di circa 270.000 abitanti condannato a ritrovarsi con una ospedalità minimalista ed essenziale, ridotta a “luogo di smistamento dei pazienti”.

Il processo sta arrivando a compimento: la chiusura della “medicina nucleare”, il mancato intervento per sistemare la radiologia nel nostro presidio ospedaliero sono la triste conferma di una “deriva” scientificamente voluta per il presidio di Battipaglia che il “Piano Aziendale” riduce a 111 posti letto e ora arriva anche il “commissariamento” dell’ospedale (con lo stesso commissario che sta devastando l’Ospedale di Eboli mettendo in ginocchio reparti prestigiosi di quel presidio), che sembra essere un ulteriore passo verso il ridimensionamento del nostro ospedale.

Fino ad oggi, nell’assordante silenzio delle forza politiche, – rileva Cecilia Francese mettendo in evidenza come le forze politiche locali siano distaccate dal problema – queste decisioni sono state subite senza reagire. Finalmente ora, anche se in grave ritardo, qualcosa si muove: ad Eboli si è tenuta una prima assemblea pubblica organizzata dai sindacati poi il Sindaco ha accolto le istanze di alcune forze politiche e convocato un consiglio comunale sul tema.

Il 19 marzo è in programma presso l’Ospedale di Battipaglia un’Assemblea dei lavoratori indetta dalla CISL FP. Noi di Etica Per Il Buon Governo, che  stiamo partecipando a tutte le iniziative nei comuni della Piana, – preannuncia Cecilia Francese – naturalmente ci saremo e ci faremo a nostra volta promotori di un momento di confronto fra istituzioni, forze politiche, forze sindacali, operatori della sanità, semplici cittadini di Battipaglia nella convinzione che non c’è più tempo: è giunta l’ora di lottare per salvare l’ospedalità della piana del Sele.

Ospedale di Eboli

Ospedale di Eboli

Questa lotta – per Etica per il Buongoverno non è solo una battaglia per la sanità e l’Ospedale di Battipaglia, ma è una battaglia di territorio – deve riguardare tutto il comprensorio, che deve cogliere la difficoltà del momento e sapersi compattare a difesa del diritto alla salute dei propri cittadini. Deve quindi coinvolgere tutti i centri, grandi e piccoli della piana del Sele, a partire da quelli che ospitano i presidi ospedalieri. Gli obiettivi di questa azione congiunta devono essere:

  • ripristino della normalità amministrativa, con l’immediata chiusura della fase dei commissariamenti, deleteri per  la funzionalità dei presidi;
  • rimodulazione del piano sanitario regionale in cui si ridia dignità alla Valle del Sele, individuando nei vari plessi, riuniti funzionalmente in una struttura coordinata ed efficiente, la possibilità di attivare percorsi di assistenza votati sia all’urgenza-emergenza che ad un approccio diagnostico-terapeutico completo. In sintesi, riportando l’ospedale unico della Valle del Sele tra le priorità della politica sanitaria regionale;
  • revisione delle strategie economiche riguardanti le spese per il personale (risolvere le carenze con nuove assunzioni o, in alternativa, ottimizzando l’utilizzo di straordinari e ALPI) e per tecnologie (a Battipaglia  servizi essenziali come medicina nucleare e radiologia sono fermi o a basso rendimento perché non si vogliono spendere alcune centinaia di migliaia di euro, mentre a Vallo della Lucania e Pagani si finanziano acquisti e lavori per milioni di euro)
  • apertura di un tavolo regionale aperto a istituzioni e sindacati locali per ridisegnare la nostra sanità;

Queste richieste – conclude Cecilia Franceseandranno sostenute dal territorio tutto con una giornata di lotta che preveda, in tutti i comuni dell’area, la chiusura di scuole, uffici e negozi e con manifestazioni parallele e contemporanee, paese per paese, dei cittadini che non vogliono la penalizzazione della sanità del territorio”.

Battipaglia, 17 marzo 2014

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente