Questione ISES: Nuovo Psi e FdI chiedono un Conosiglio monotematico

Il Nuovo PSI e Fratelli d’Italia con i Consiglieri Cariello, Domini, Fido, Lenza chiedono un Consiglio monotematico sulla vicenda ISES.

Tra ritardi e responsabilità di 9 anni di Amministrazioni targate PD, per capire le intenzioni della maggioranza nel merito della richiesta di variante presentata da anni dall’ISES, e nel particolare per dare un futuro alle maestranza ed ai pazienti veri ed unici soggetti.

Cariello-Fido-Domini-Lenza-1

Cariello-Fido-Domini-Lenza-1

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Il Nuovo PSI e Fratelli d’Italia hanno inviato al Presidente del Consiglio Conunale di Eboli Luca Sgroia una richiesta di convocazione di un consiglio monotematico sulla vicenda ISES. I due gruppi consiliari lo ritengono opportuno visto i notevoli ritardi accumuliati in merito e quelle che secondo loro si raffigurerebbero in grosse responsabilita della maggioranza targata PD, non avendo, nei 9 anni che ha amministrato, trovato alcuna soluzione concreta, ma anche in seguito alla richiesta stragiudiziale presentata dalla Direzione dell’ISES.

Per il Nuovo Psi e FdI un consiglio è necessario allo scopo di capire quali siano le intenzioni della maggioranza sia nel merito della richiesta di variante presentata da anni dall’ISES, e sia nel particolare nper dare un concreto futuro alle maestranza ed ai pazienti veri ed unici soggetti deboli dell’annosa situazione creata dalla maggioranza PD.

Con queste motivazioni i Consiglieri comunali: Massimo Cariello, Mario Domini, Santo Venerando Fido del Nuovo Psi e Lazzaro Lenza di FdI, visto:

  • che in data 26 maggio 2014 l’avv. Patrizia Kivel Mazuy, in qualità di rappresentante del centro ISES, ha presentato un atto stragiudiziale di invito allo scopo di ottenere una pronuncia del consiglio comunale di eboli in ordine alla loro proposta di variante urbanistica;
  • che in data 19/06/2014, lo stesso legale chiedeva la conclusione del procedimento ai sensi della legge 241/90 e sue modificazioni;
  • che nella sua richiesta si ipotizzava una responsabilità dell’ente comunale, per la quale si potrebbe configurare l’ipotesi di richiesta di risarcimento danni per i ritardi relativi all’approvazione della variante in oggetto all’atto stragiudiziale;
  • che i sottoscritti intendono esprimere liberamente il loro parere e si riservano di decidere sulla vicenda dopo approfondito dibattito nell’ambito del consiglio comunale;
  • che questo ritardo potrebbe configurare atto di dilazione volontaria della giunta e della maggioranza e del partito PD perseguibile ai sensi di legge per il riconoscimento di danni;
  • che tutto ciò può contribuire ad aggravare l’instabilità del funzionamento della struttura e quindi un serio rischio per il futuro delle maestranze e dei pazienti;

Il Nuovo Psi e FdI sottolineano ancora considerato

  • che i sottoscritti consiglieri più di una volta hanno chiesto all’amministrazione comunale di intervenire per una soluzione indicando quale soluzione temporanea l’utilizzo di strutture comunali per ovviare al rischio di chiusura dell’attuale struttura;
  • che la maggioranza non può sottrarsi al dovere di esprimersi in via definitiva rispetto ad una questione dalle implicazioni sociali, politiche, economiche e giudiziarie.

Chiedono la convocazione ad horas del consiglio comunale di Eboli.

Eboli, 26 giugno 2014

5 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente