Diritto allo Studio: Nel Cilento é negato

In Cilento il diritto allo studio é negato. A Petina si formano le pluriclassi. In Provincia non va meglio: É un drammatico spopolamento.

M5S, Cammarano: “Scuole spopolate e classi accorpate, diritto allo studio negato in Cilento. Duemila studenti in meno nel Salernitano, il caso Petina emblematico di un’emergenza”. Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca. La Scuola come la Sanità e i trasporti non possono rispondere a principi economici ragionieristici, sono servizi.

Michele Cammarano

Michele Cammarano

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – «Il caso del comune di Petina, – denuncia in una nota il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammaranocon due pluriclassi nella scuola primaria nate dall’accorpamento degli alunni di prima e seconda e di quelli di terza e quarta, è emblematico del disinteresse verso tante comunità del Cilento che si vedono negate per i propri figli il diritto allo studio. E’ in atto da tempo, in queste aree, un incremento costante del fenomeno di spopolamento delle classi. C’è da temere che tra qualche anno i dirigenti delle scuole delle aree interne di questa zona del Salernitano saranno costretti a chiudere i cancelli. Eppure parliamo di territori che vantano istituti scolastici completamente nuovi, ma quasi del tutto vuoti, per raggiungere i quali bisogna percorrere strade impraticabili e percorsi tormentati”.

Garantire il diritto allo studio – sottolinea Cammarano – vuol dire anche garantire i servizi essenziali per gli studenti di ogni ordine e grado, a cominciare dai trasporti. Servizi sempre più precari se non del tutto assenti. Una criticità indicata tra le cause dello spopolamento delle aree interne della Campania che, assieme a un significativo calo demografico registrato nella nostra regione, incide sul decremento del numero di alunni.

Basti citare il dato della provincia di Salerno, – prosegue Cammarano – che in un anno ha registrato un calo di oltre 2mila iscritti nelle scuole primarie e secondarie, per una popolazione studentesca che non raggiunge complessivamente le 160mila unità. Serve un’assunzione di responsabilità da parte della politica. – conclude Cammarano – E’ necessario mettere mano, al più presto, a interventi strutturali da parte dei nostri amministratori regionali tesi a frenare questa autentica emorragia».

Purtroppo per il Consigliere Regionale del M5S Michele Cammarano, questo problema va affrontato ma con.un approccio diverso e deve contribuire il mondo della politica e le amministrazioni locali, provinciali, regionali ed in primis il Governo Centrale. Sempre purtroppo, non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca. La Scuola come la Sanità, i Trasporto e gli altri servizi ad essi collegati non possono rispondere a principi economici ragionieristici che si sono imposti negli ultimi anni e che oggi se ne vedono drammaticamente i risultati.

Le politiche imposte negli ultimi anni con la stronzata del pareggio di bilancio obbligatorio hanno determinato i mostri specie in quei settori piú delicato come la Scuola, la Sanità, i trasporti, legando la gestione alla “produttività”, cosicchè é improduttivo mantenere una scuola a Petina o in uno dei tanti paesini delle nostre aree interne ormai interessate dalla terza ondata di migrazione dei propri cittadini e così si chiude ignorando il problema e le conseguenze che si trasformano in disagi e in costi per i cittadini e per le comunità. Allo stesso modo in Sanità, sempre per dare un costo alle prestazioni, é produttivo eseguire piú un intervento al cuore che curare una bronchite ad una persona anziana, e gli effetti? Che i reparti di Geriatria sono stati tutti chiusi. E i vecchi? Quelli possono morire, costa troppo curarli. Il discorso ragionieristico vale anche per i Trasporti e come accade in tutta Italia Torino in testa, e così per quadrare i conti si riducono le corse per il momento fino poi a dimezzarle come vuole fare la Appendino, annullando vieppiu la Linea Metropolitana che dovrebbe collegare anche una delle zone piú popolari come la “Barriera di Milano”.

ERRORE. Quale é la produttività per la scuola, per la Sanità, per i Trasporti? É il servizio. Per la scuola é la formazione e l’istruzione dei nostri giovani; per la Sanità é la salute dei cittadini (bambini, giovani e anziani); Per i Trasporti la mobilità sostenibile a tutela dell’ambiente e della natura; tutti, sono servizi essenziali e non possiamo essere assoggettati al principio dell’utile. Che facciamo Cammarano a Sicilì Morigerati poichè ci sono poche “anime” chiudiamo la luce, chiudiamo le Scuole, annulliamo la “Tradotta”, poi chiudiamo anche la Posta e la stazione dei Carabinieri, per un Ambulatorio sanitario non ci pensiamo proprio non risponde ai canoni della produttività e così chi c’è non ha scelte: se ne deve andare.

Salerno, 19 settembre 2018
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente