Varata La Giunta Melchionda per un giorno: I retroscena

Cicia: “Di questo accordo non ne siamo a conoscenza. Avevamo proposto un criterio. Pensavamo ad una Giunta forte, autorevole e di prospettiva politica”. Vastola: “Si faccia tutti un passo indietro per fare una Giunta forte”

Calma, c’è tanta di quella “carne” a cuocere che saranno accontentati tutti. Si adotterà lo stesso criterio e molti finiranno solo per sentire l’odore e vedere il fumo.

Antonio Conte

EBOLI – Mancano solo tre giorni alla celebrazione del Consiglio Comunale che deve occuparsi delle compatibilità, deve proclamare gli eletti, ufficializzare la composizione della Giunta e provvedere a fare la surroga, e ancora non c’è niente di nuovo, se non le dichiarazioni di una intervista al Consigliere Cosimo Cicia dei “Fatti”, che affrontava i temi politici in assoluta distensione e diplomazia.

Niente di nuovo per modo di dire!? Infatti ieri è stata una giornata densa di avvenimenti, anche perché nessuno si aspettava che da un balletto di nomi fino ad allora solo indiscrezioni di stampa, si passasse a un elenco vero e proprio con tanto di indicazione. Mentre si era alla ricerca delle notizie più veritiere e circolavano invece dichiarazioni ancora diplomatiche, che facevano intendere un lavoro serrato che i responsabili dei partiti della maggioranza stessero affrontando, si è diffusa la notizia che la Giunta era pronta.

L’organigramma era bello e pronto: quattro assessori del PD, Antonio Conte (Vice Sindaco), Enzo Consalvo, Remo Mastrolia, Annarita Bruno; Due Assessori ai “Fatti” con Adolfo Lavorgna, Roberto Palladino, più il Presidente del Consiglio Cosimo Cicia; due assessori all’API, con Carmine Magliano, Pasquale Lettera.

Cosimo Cicia

Le reazioni sono state immediate e subito si è aperto il fuoco sul Segretario del Partito Democratico Donato Guercio, e sul Sindaco Martino Melchionda. La notizia si è diffusa mentre era in corso un incontro con gli eletti sulla sezione del PD, e in quella sede sono state avanzate le prime critiche e i primi sbarramenti.

La polemica riguardava anche la presenza dell’ex Ministro Carmelo Conte, contestata ed immediatamente “scongiurata” all’insaputa dello stesso; la mancata convocazione del Deputato locale Antonio Cuomo, con il quale ancora non si è avuto un confronto dalle ultime elezioni, e le motivazioni della scelta degli assessori e del Vice Sindaco in quota PD.

Le polemiche hanno viaggiato anche sul filo del telefono ele proteste si sono aggiunte alle proteste. Cosimo Cicia ha dichiarato “Di questo accordo non ne siamo a conoscenza, per quanto ci riguarda abbiamo avanzato la richiesta del Vice Sindaco oltre che una rappresentanza adeguata per la Lista i Fatti, ma abbiamo anche chiesto di darci un criterio, oltre al fatto che vorremmo una Giunta ‘forte, autorevole e di prospettiva politica’. Questi blitz e queste furbizie non ci appartengono”. Dello stesso avviso è Nicola Danza.

Mauro Vastola

Sul fronte del PD è fermento, l’attribuzione non va giù a tanti e non va giù specie a coloro i quali potrebbero rientrare se non si scegliesse i più votati, così come le periferie non sono solo S.Cecilia, e l’epitaffio, e corno d’Oro? In un attimo sono scemate le aspettative di Salviati e di  Armando Cicalese che aspirerebbe all’assessorato allo spot (Cicalese è il Presidente dell’Ebolitana). E dove è finita la rappresentanza degli ex DS e dei bassoliniani? Luca Sgroia resta fuori, forse si vuole dedicare al partito. E Maria Sueva Manzione? C’é chi sostiene che forse era l’unica donna politicamente impegnata a cui dare l’incarico in modo tale che non sembrasse un “obbligo” vista la sua militanza.

Le polemiche non finiscono nel momento in cui si registra, sempre nel PD un disequilibrio, troppo incentrato sui contiani, e ancora le lamentele perché il Sindaco ha voluto scegliere nei partiti, oppure si legge uno sfregio ai cuomiani, inserendo Mastrolia a dispetto di Mauro Vastola il quale fa sapere che “Ho detto più volte che bisognava fare una giunta forte e se doveva esserci qualche problema sarebbe dovuto passare attraverso un passo indietro di tutti, per poi partire d’accapo. Registro che così non è stato”.

In effetti un poco di alchimia si è fatta. Con le Liste alla mano si è architettato fino a quando bisognava scorrere le graduatorie, se era necessario saltare qualcuno, così come per la Giunta si è scelto alcuni anziché altri, facendo una vera e propria epurazione-selezione. Ma non c’é problema, c’è tanta di quella “carne” a cuocere che saranno accontentati tutti, ma adottando lo stesso criterio però, e molti finiranno solo per sentire l’odore e vedere il fumo.

Intanto le sollevazioni hanno bloccato almeno per ora il tentativo e si è rimasti con la soddisfazione  di avere una Giunta per un giorno.

39 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente