Melchionda: Via libera all’Ospedale Unico Eboli-Battipaglia

La notizia non può che far piacere, ma sottolinea l’approssimazione che regna nel settore della sanità. Ma questi fino ad ora si sono mai parlati?

Melchionda: “Zuccatelli ha accolto la nostra ipotesi, disegnando anche i possibili finanziamenti immediati per realizzare la struttura ospedaliera della Valle del Sele“, 100 milioni di euro.

Ospedale di Eboli M SS Addolorata

EBOLI – Riceviamo e volentieri pubblichiamo il seguente comunicato dall’Ufficio stampa del Comune di Eboli, sull’incontro avvenuto a Napoli tra una delegazione del Comune di Eboli, capeggiata dal Sindaco Martino Melchionda accompagnato dal sub-commissario Ferdinando De Angelis, ed il Commissario Regionale Giuseppe Zuccatelli, per discutere dell’Ospedale di Eboli e del futuro Ospedale Unico della Valle del Sele.

All’incontro con Zuccatelli, hanno partecipato oltre al Sindaco Melchionda e al direttore De Angelis, Gerardo Rosania, Massimo Cariello, Emilio Masala, Fausto Vecchio e il Presidente del Consiglio Comunale Luca Sgroia.

L’incontro a giudicare dalle dichiarazioni del Sindaco è stato proficuo ed oltre a chiarire alcuni punti essenziali del programma sanitario contenuto nel Piano regionale, si è ribadito con forza che l’Ospedale di Eboli, non solo non è in pericolo, come le voci allarmanti degli ultimi giorni dicevano, ma che nelle more della realizzazione dell’Ospedale Unico di Eboli-Battipaglia, il Presidio Ospedaliero di Eboli, sarà potenziato nelle attrezzature e nel personale. Quindi arriveranno 50 nuove unità tra medici e paramedici per far funzionare i reparti e 100 milioni di euro per la realizzazione della nuova struttura ospedaliera. Va detto altresì che a causa della mancanza di personale alcuni reparti sono stati accorpati ed altri chiusi.

Intanto Marcello Fulgione e Margaret Cittadino della CGIL, hanno chiesto un incontro a De Angelis, per discutere del personale in generale e dei servizi,  e lunedì prossimo se ne stabilirà la data.

La notizia non può che far piacere, ma sottolinea l’approssimazione che regna nel settore della sanità. Approssimazione e cattivi rapporti con le varie istituzioni e i vari livelli amministrativi interni. Questo tipo di scollamento ha procurato un allarme, che non ha certo favorito il clima interno alla struttura ed ha generato una condizione di precarietà e di sconcerto tra il personale medico, infermieristico e amministrativo, che poteva essere evitato.

L’incontro di cui sopra sottolinea inoltre lo scarso coinvolgimento la scarsa attenzione, che sia il Commissario Zuccatelli che il suo vice De Angelis, hanno avuto nei confronti delle varie amministrazioni, già solo questo mette in discussione fortemente ogni ulteriore decisione, prova ne è la confusione che si è generata con la proposta di un piano alternativo del Presidente della Provincia Edmondo Cirielli, le varie istanze di modifica del piano provenienti da tutti i settori politici e maggiormente dalla maggioranza, e come se non bastasse la confusione generata dalla nomina di ui super consulente o super assessore regionale che dir si voglia nella persona di Raffaele Calabrò, che sembrerebbe una sovrapposizione a quella dell’Assessore Marcello Taglialatela.

In questo clima, che affidabilità possono avere le rassicurazioni del Commissario Zuccatelli e dei responsabili politici istituzionali regionali, specie rispetto alla realizzazione del nuovo Ospedale Unico della Valle del Sele senza il becco di un quattrino?
Dove si prenderanno i 100 milioni di euro che Zuccatelli ha promesso?
Quale voce di bilancio regionale riporta questa cifra?
Che affidabilità si può avere rispettoalla decisione repentina della concessione di nuovo personale per far lavorare al meglio le strutture, quando è bastato un semplice incontro per sbloccare decisioni che sembravano irremovibili?
Se tutti andassero da Zuccatelli e con la stessa semplicità otterrebbero qualcosa in spregio al piano che lo stesso Commissario ha redatto, salterebbe tutto?
Allora sorge il dubbio: Ma vuoi vedere che si è fatto tutto per non fare niente?
Vuoi vedere che si è fatto un piano per controllare tutto salvo poi a richiesta “concedere”?

Staremo a vedere, per intanto speriamo sia attendibile l’impegno.

……………..  …  ………………

COMUNICATO STAMPA

Martino Melchionda

EBOLI – L’ospedale unico della Valle del Sele diventa una realtà. E’ stato il commissario regionale per la sanità, Giuseppe Zuccatelli a dare il via libera, accogliendo la pressante richiesta del Sindaco di Eboli, Martino Melchionda.

La notizia arriva a conclusione di un vertice presso il centro direzionale di Napoli, dove Melchionda aveva chiesto di incontrare il commissario regionale per la sanità, insieme con il direttore sanitario dell’ospedale di Eboli, Mario Minervini, ed il commissario della ASL Salerno, Fernando De Angelis.

Lo stesso primo cittadino di Eboli, che negli ultimi mesi aveva intrapreso una vera e propria battaglia per dare al territorio un nuovo e maggiormente funzionale ospedale, commenta la notizia che arriva direttamente dai vertici sanitari regionali.

«Oggi possiamo mettere sul tavolo sia la soddisfazione, sia l’orgoglio di avere portato avanti una battaglia straordinaria che darà all’intero territorio un riferimento sanitario di eccellenza.

Zuccatelli ha accolto favorevolmente la nostra ipotesi, addirittura disegnando anche i possibili finanziamenti immediati per realizzare la struttura ospedaliera della Valle del Sele».

Per questo importante appuntamento, proprio perché riguarda un territorio vasto e diverse comunità, il Sindaco di Eboli ha voluto coinvolgere non solo le forze di maggioranza consiliari, ma anche le forze di opposizione. All’incontro con Zuccatelli, oltre a De Angelis e Minervini, erano presenti il presidente del Consiglio comunale di Eboli, Luca Sgroia, ed i consiglieri comunali Gerardo Rosania, Massimo Cariello, Emilio Masala e Fausto Vecchio.

Ma l’incontro napoletano ha fatto registrare un altro successo, ancora una volta in linea con quanto i vertici amministrativi di Eboli chiedevano da tempo. Il commissario regionale, infatti, ha autorizzato De Angelis ad una deroga nel campo della ricerca del personale. In sostanza, la ASL potrà integrare gli organici ospedalieri, sia per quanto riguarda i medici, sia per quanto concerne gli infermieri. «Un altro grande successo – commenta ancora Martino Melchiondaperché in questo modo, mentre si realizza l’ospedale unico, gli attuali nosocomi potranno funzionare a pieno regime, dando risposte concrete alle popolazioni».

Il passo successivo verso la realizzazione dell’ospedale unico sarà la convocazione di un incontro al quale parteciperanno sia il Sindaco di Eboli, sia il Sindaco di Battipaglia.

EBOLI, 17 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA

L’ospedale unico della Valle del Sele diventa una realtà. E’ stato il commissario regionale per la sanità, Zuccatelli a dare il via libera, accogliendo la pressante richiesta del Sindaco di Eboli, Martino Melchionda.

La notizia arriva a conclusione di un vertice presso il centro direzionale di Napoli, dove Melchionda aveva chiesto di incontrare il commissario regionale per la sanità, insieme con il direttore sanitario dell’ospedale di Eboli, Mario Minervini, ed il commissario della ASL Salerno, Fernando De Angelis.

Lo stesso primo cittadino di Eboli, che negli ultimi mesi aveva intrapreso una vera e propria battaglia per dare al territorio un nuovo e maggiormente funzionale ospedale, commenta la notizia che arriva direttamente dai vertici sanitari regionali. «Oggi possiamo mettere sul tavolo sia la soddisfazione, sia l’orgoglio di avere portato avanti una battaglia straordinaria che darà all’intero territorio un riferimento sanitario di eccellenza. Zuccatelli ha accolto favorevolmente la nostra ipotesi, addirittura disegnando anche i possibili finanziamenti immediati per realizzare la struttura ospedaliera della Valle del Sele».

Per questo importante appuntamento, proprio perché riguarda un territorio vasto e diverse comunità, il Sindaco di Eboli ha voluto coinvolgere non solo le forze di maggioranza consiliari, ma anche le forze di opposizione. All’incontro con Zuccatelli, oltre a De Angelis e Minervini, erano presenti il presidente del Consiglio comunale di Eboli, Sgroia, ed i consiglieri comunali Rosania, Cariello, Masala e Vecchio.

Ma l’incontro napoletano ha fatto registrare un altro successo, ancora una volta in linea con quanto i vertici amministrativi di Eboli chiedevano da tempo. Il commissario regionale, infatti, ha autorizzato De Angelis ad una deroga nel campo della ricerca del personale. In sostanza, la ASL potrà integrare gli organici ospedalieri, sia per quanto riguarda i medici, sia per quanto concerne gli infermieri. «Un altro grande successo – commenta ancora Martino Melchionda – perché in questo modo, mentre si realizza l’ospedale unico, gli attuali nosocomi potranno funzionare a pieno regime, dando risposte concrete alle popolazioni».

Il passo successivo verso la realizzazione dell’ospedale unico sarà la convocazione di un incontro al quale parteciperanno sia il Sindaco di Eboli, sia il Sindaco di Battipaglia.

EBOLI, 17 GIUGNO 2010

46 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente