Il Dopo Congresso “unitario” del PDL: tutto come prima

Confermata la maggioranza “provinciale” di Cirielli con l’illusione del Congresso unitario. La Carfagna perde ma salva la faccia.

In 12mila al voto congressuale, Feola il più votato seguono ma a molta distanza, Ciccone e Capo: Ecco gli eletti del Coordinamento provinciale. Confermati Russo a coordinatore e Iannone Vicario affiancato da Cortese.

congresso-pdl-Paestum-Cirielli

SALERNO – Come nelle previsioni della vigilia il finto asse Cirielli-Carfagna con una maggioranza da fare invidia anche alla Bulgaria dei tempi d’oro ha stravinto il congresso provinciale del Popolo della Libertà. Nuovo organigramma. Tutto è cambiato come prima Antonio Mauro Russo è stato riconfermato Coordinatore provinciale, e Antonio Iannone è stato riconfermato come vice, affiancato nel ruolo di Vicario per “cortesia”  da Matteo Cortese, l’uomo dell’ex Ministro Carfagna.

Russo-Iannone-gcongresso-pdl-Paestum

L’asse Cirielli-Carfagna ha stravinto, così come non hanno perso, ma straperso i due giovani “alternativi” e controcorrente Acocella e Borea che sono riusciti ad avere i voti familiari e a perdere senza appello, facendo perdere un’occasione anche al PDL di far esprimere nel voto gli iscritti salernitani. La mozione Russo-Iannone-Cortese ha conquistato 12143 voti, il 99,1%. Appena 241, invece, le preferenze ottenute dalla mozione Acocella-Borea 1,9%).

Ed è qui che non si è capito, se la leaderchip del Presidente della Provincia non era per niente in discussione, perchè si è voluto per forza presentare un “Listone” con un “listino” dei fuori ruolo, evitando al Partito di potersi esprimere liberamente? Forse non si era sicuri di questa leaderchip? o forse si è voluto strafare? fatto sta che una sola “versione” politica non fa bene e non consente un dibattito interno costruttivo e proficuo, ma lascia immaginare una linea che non promette molta libertà di movimento.

Congresso-PdL-Paestum-Carfagna-Cirielli

E’ inutile dire che nessuno ammetterà mai che non è stato un libero confronto, anzi il contrario, tutti sono disposti a sostenere il contrario e le dichiarazioni di giubilo ne sono la prova provata. In ogni caso è da sottolineare il dato significativo dell’affluenza nei seggi elettorali, prova che gli elettori volevano una partecipazione attiva, che con il “listone” è venuta a mancare. Si sono recati alle urne 12.758 votanti, il 48,5 % degli aventi diritto, un dato che supera quello nazionale di ben 15 punti.

L’afflusso più significativo è stato al seggio di Battipaglia, hanno votato in cinquemila con una percentuale del 51,5. Subito dopo nella classifica dell’accorsamento c’è stata Cava dei Tirreni che con 3200 votanti si è attestata al 49,2%; e Salerno 2458 votanti e 41,3%; Nocera, con 2300 votanti ha raggiunto il 40%. Tra i più votati c’è l’Assessore Marcello Feola, seguito ma a molta distanza da Ciccone, Capo, Fabbricatore.

Ecco tutti gli eletti nel Coordinamento provinciale Pdl

Marcello feola

Marcello Feola (1523 voti), Romano Ciccone (905), Mario Capo (747), Giuseppe Fabbricatore (686), Salvatore Arena (674), Sebastiano Odierna (664), Antonio Mola (585), Luigi Napoli (584), Roberto Celano (583), Alessandro Schillaci (577), Massimo Cariello (524), Roberto Ciuccio (421), Franco Martino (416), Antonio Squillante (388), Giovanni Romano (315), Franco Annunziata (313), Pina Esposito (283), Marco Galdi (283), Adriano Bellacosa (274), Mario Rizzo (216), Antonio Roscia (155), Mario Santocchio (155), Antonio Fortunati (152), Fernando Zara (135) e Vittorio Acocella (su cui pende un ricorso).

A questi si aggiungono i cinque del “listino bloccato”: Antonio Fasolino, Anna Ferrazzano, Elvira Morena, Maria Rosaria Carfagna e Giovanni Torre; i membri di diritto: Pasquale Aliberti, Domenico Di Giorgio, i dirigenti della Giovane Italia Giuseppe Agovino e Gianfranco D’Alessandro; i parlamentari e i consiglieri regionali eletti in provincia di Salerno, i quali, in ogni caso, non hanno diritto di voto.

Salerno, 14 marzo 2012

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Cariello si ferma o lo troveremo a breve con LA DESTRA di Storace ??

  2. Bravo Cariello, a piccoli passi ti avvicini sempre più al “baratro”.

  3. AVETE COLTO NEL SEGNO PERCHE’ IL PROBLEMA E’ SERIO: SE CONTINUIAMO CON MELCHIONDA, CONTE, ROSANIA,POLITO, CICIA, PALLADINO ETC ETC CARIELLO SARA’ SINDACO DAL 2015 AL 2025!

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente