Melchionda si rafforza,Cuomo lo salva con la quota rosa

Cuomo risolve la Crisi con il “soccorso” rosa: la Mazzara all’Ambiente e la Bruno alla Cultura

Melchionda sottolinea: “con l’unità interna il PD è ‘un’armata’ invincibile”

Anna Rita Bruno Martino Melchionda Venusia Mazzara

Anna Rita Bruno – Martino Melchionda – Venusia Mazzara

EBOLI – Finalmente si è conclusa la crisi politico-amministrativa della Giunta Melchionda. Nessuno più ci credeva: potenza della politica. L’Onorevole Antonio Cuomo, e il gruppo che si richiama alle sue posizioni, ha sciolto ogni riserva e, in uno, ha risolto la crisi e la questione tanto dibattuta della quota rosa.  L’Amministrazione Melchionda, si arricchisce così della presenza in Giunta di due giovani professioniste e donne, che andranno a ricoprire due incarichi delicatissimi e nevralgici per le politiche che a breve si dovrà intraprendere.

Due anni di frizioni e di tensioni, che hanno portato i vari attori anche al limite della rottura dei rapporti umani e personali, ormai sono alle spalle. Rapporti che hanno visto contrapporsi: l’area Cuomo, con  Mauro Vastola, Remo Mastrolia e Gaetano Cuomo da una parte; dall’altra le fazioni facenti capo al Sindaco Melchionda e all’ex ministro Carmelo Conte.

Venusia Mazzara

Venusia Mazzara

Anna Rita Bruno

Anna Rita Bruno

Il cammino è stato tortuoso e accidentato che è passato lungo un percorso tutto interno al PD. Partito nella prima fase congressuale, proseguito con le primarie e conclusosi con il Congresso Nazionale che ha visto: una affermazione netta di Tonino Cuomo, che è riuscito a piazzare la sua giovane amica Maria Rosaria Capozzoli nella Direzione Nazionale; la vittoria di Vincenzo De Luca che si è visto riconoscere la sua leadership politica e il suo lavoro di amministratore, e nella “sconfitta” dell’area Bassolino-Valiante che non è riuscita a inserire ne Antonio Valiante e ne Carmelo Conte nell’assise nazionale del PD.

Una crisi che si è consumata tutta internamente al PD che ha finito per coinvolgere inesorabilmente anche l’Amministrazione comunale, atteso che la coalizione già si era liquefatta prima con la scomparsa dei partiti in seno al Consiglio Comunale e poi con il graduale allontanamento degli stessi dalla coalizione iniziale.

Rapporti politici deteriorati che celavano anche una sorta di affermazione interna al PD, volta a conquistare “piazze” di potere, indispensabili a taluni per poter sopravvivere. Una crisi che ha trovato una sua conclusione praticando quello che a Roma si dice “volemose bene” con la bella presenza delle due giovani assessore, Venusia Mazzara e Anna Rita Bruno. Tutto bene quel che finisce bene.

Alla affollatissima conferenza stampa che si è tenuta nell’aula consiliare, i sorrisi e le soddisfazioni erano il chiaro segno di aver lasciato alle spalle ogni malumore, hanno preso parte il Sindaco Martino Melchionda, il Capo gruppo dimissionario Salvatore Di Dio, Remo Mastrolia “padrino” delle new entry, il Segretario del PD Donato Guercio che ha messo il “sigillo” politico sull’operazione. Nei banchi molte altre presenze significative: gli Assessori Francesco Bello, Carlo Moscariello, Arturo Marra, Carmine Campagna, i Consiglieri Vincenzo Rotondo, Maria Sueva Manzione, il Presidente del Consiglio Mario Conte, diversi funzionari insieme al Direttore Generale Gianfranco Masci e lo staff del Sindaco a completo.

Cerimonia breve e intensa, con la presentazione delle due giovani professioniste, le relative motivazioni e  le domande dei giornalisti e soprattutto il Sindaco ha colto l’occasione per mettere un sorta di ipoteca,  sulla sua riconferma, ricordando  di essere, al momento, l’unico e solo candidato del PD e se nel prosieguo ci dovessero essere altre avance si vedrà.

A Venusia Mazzara andrà l’Ambiente, quello che fu di Pierino Infante, e ad Anna Rita Bruno la Cultura, che fino a qualche giorno fa era ad appannaggio di Rifondazione Comunista con Mimmo Maglio. Entrambe abbastanza disinvoltamente hanno ringraziato e si sono augurate a vicenda buon lavoro. Resta il mistero di una terza delega assessoriale (confermata fra i denti anche dallo stesso Sindaco) da conferire ad un’altra donna, che sarebbe stata oggetto di ultimissime trattative e solo per evitare di “scombinare” il tutto si è soprasseduto. La terza donna sponsorizzata da Cuomo era la Professoressa Rosa Campione.

Conferenza Stampa presentazione Assessori Mazzara e Bruno

Conferenza Stampa presentazione Assessori Mazzara e Bruno

Quello che lascia stupiti è una considerazione: era necessario tirare così a lungo la crisi per poi arrivare alla stessa definizione di due anni or sono? Le motivazioni che hanno portato alla crisi politica all’interno del PD e a quella politico-amministrativa che ha prodotto il licenziamento degli Assessori Enzo Consalvo, Gianluca Morrone, Pierino Infante e del defenestramento del Capo Gruppo Mauro Vastola, il quale non ha voluto partecipare direttamente convinto come è di aprire le porte ai giovani, che hanno coinvolto l’intera maggioranza sono state chiarite e rimosse? Cosa è cambiato da allora ad oggi?

Quello che ci si aspettava, soprattutto dopo l’intervento che sembrava autorevole del neo Segretario Regionale Enzo Amendola, cioè l’azzeramento della Giunta e la riformulazione della stessa così detta “snella”, con la presenza di sei Assessori forti e l’individuazione di un programma qualificante, “bandiera” di fine mandato con le prospettive di rilancio per le prossime amministrative, non è avvenuto e per quali motivi e perché non si è proceduto in quella direzione?

Cosa hanno prodotto questi comportamenti è sotto gli occhi di tutti, lo smembramento dell’alleanza politica attraverso la spoliazione di Consiglieri dai singoli gruppi, la “migrazione” degli stessi da un partito all’altro e/o da uno schieramento all’altro, snaturando l’originaria alleanza uscita vittoriosa dalle urne nel 2005, la perdita di Consiglieri che sono passati con il Centro-destra e il relativo scadente risultato elettorale. Nell’attualità poi si registra, invece, la volontà delle così dette sinistre alternative, che in una fuga vorrebbero candidare i loro rispettivi leaders Massimo Cariello e Gerardo Rosania in aperto antagonismo al Sindaco uscente Martino Melchionda. A complicare la cosa è una ulteriore candidatura che emerge sempre a sinistra quella di una dirigente di Italia dei Valori, Assunta Nigro, che non esclude un suo impegno diretto come candidata a Sindaco per le prossime elezioni di marzo, anche se non precisa se vorrebbe esserla solo del suo partito o di una eventuale coalizione.

E’ inutile sottolineare che per come si presenta il quadro politico, la risposta dell’integrazione alla Giunta con le due giovani Assessore non è soddisfacente. Anche se è l’unico aspetto positivo e rappresenta una novità  significativa, che va tutto a merito del gruppo dell’On. Cuomo, ma esclusa questa novità, l’operazione politica assume toni molto sbiaditi, come per dire: non abbiamo cambiato niente per non cambiare tutto. Sembrerebbe un vero e proprio rim”pasticcio” che non risponde alla domanda che l’opinione pubblica si aspettava.

Le dichiarazioni-

On. Antonio Cuomo
Raggiunto telefonicamente, da Roma Cuomo tiene a precisare – “Il senso di responsabilità e di appartenenza ci ha suggerito di dare una chance all’amministrazione avremmo voluto fare di più, ma bisogna anche fare il conto con la realtà e gli altri. Indicando due giovani e valenti professioniste abbiamo voluto dare il segno della discontinuità politica, soprattutto verso alcune forze retrive che non si sono ancora rese conto che i tempi sono cambiati e che è ora di passare veramente il testimone ai giovani. Mi aspetto di essere sollecitato , nel ruolo di Parlamentare dall’Amministrazione comunale, per dare il mio contributo” .

Martino Melchionda
“L’aspetto anagrafico e l’accesso di una nuova generazione politica e femminile, rappresenta la prima valutazione positiva, l’altra è sicuramente la professionalità, che qualificano la Giunta sul piano delle competenze e abbassa ancora di più l’età anagrafica media dell’esecutivo.
Vi è la necessità di un impegno immediato soprattutto perché vi sono delle scadenze, alle quali bisogna arrivare completando un lavoro già iniziato e penso all’impianto di compostaggio e al digestore anaerobico.
Poi l’aspetto politico che va sottolineato, il più importante, è quello di avere un PD unito. Una straordinaria “armata” invincibile, che schiereremo in previsione dei prossimi appuntamenti elettorali.
Inoltre, la ricomposizione del quadro politico è un altro obiettivo al quale già si sta lavorando. Lo scopo è quello di creare le condizioni di agibilità politica per trovare nuove motivazioni dello stare insieme”
-.

Venusia Mazzara
“Il primo obiettivo è lavorare nell’interesse della Città, dei miei concittadini e per la salvaguardia dell’ambiente.
Sarà necessario operare una ricognizione dei lavori fino ad ora sviluppati accogliendoli e implementandoli.
L’area che fa riferimento a Cuomo, che ci ha indicate, ha voluto dare un riconoscimento, attraverso noi, al valore dei giovani e alla società civile, per dare un segno di discontinuità e per lanciare un messaggio  futuro forte, significativo e rassicurante”
-.

Annarita Bruno
“Prenderò conoscenza dei progetti in itinere per valutarne bisogni e interventi.
La mia designazione è legata al mio profilo personale e professionale. Sono contenta che la scelta sia ricaduta su di me, è la prova che attraverso espressioni giovani, si è operato una scelta che va verso una  volontà di ricomposizione del PD. Questa scelta rende merito a Cuomo”
-.

Remo Mastrolia
“Finalmente abbiamo abbellito questa Giunta, sia per il valore e l’apporto personale, sia nei fatti concreti.
Abbiamo voluto dimostrare nei fatti, l’interesse verso i giovani e verso la Città. La prova tangibile che il nostro contributo e le nostre osservazioni esulavano da ogni altra valutazione, finalizzate a richieste di potere, è quella di avere esposto energie giovani nel solo interesse di rafforzare e dare respiro nuovo all’Amministrazione”
-.

Donato Guercio
“Inizia un percorso nuovo, che faticosamente ci ha portato a rafforzare l’Amministrazione, ma che ci riporterà, credo facilmente, alle amministrative del 2010.
Il segnale politico è quello dell’apertura del Partito Democratico alla società civile, ai giovani e alle forze politiche per riaprire da oggi un confronto significativo”
-.

85 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente