Centrodestra nel pantano- Un Sindaco per tutti: tutti Sindaci

La rosa si stringe e tra Vecchio e Busillo, compare dalla società civile Gaetano Aita. E Rosania propone alleanze trasversali

Di Benedetto apre la campagna elettorale e ospita tutti nella sua manifestazione.

Gaetano Aita

Gaetano Aita

EBOLI – 23 novembre 09 – Il tempo passa è non si arriva ancora ad una decisione. Mancano pochi  mesi alle prossime elezioni Amministrative del marzo 2010 e tutto lascia pensare che si arriverà all’ultimo giorno utile, per conoscere quale sarà il candidato che si contrapporrà agli altri della sinistra.

Gli incontri si susseguono con regolarità senza concludere niente. “L’importante è che si discuta, non era mai successo. Non si era mai verificato che attorno ad un tavolo sedessero tante persone per discutere il futuro del paese” –  dice Vito Busillo uno dei probabili candidati, espressione del PdL. Sarà pure positivo, ma intorno a quel tavolo per il momento siedono persone che si “annusano”, si “marcano” per dirlo in senso calcistico, poiché tutti saranno pure interessati al bene del paese, ma sono tutti interessati alla candidatura, ma se non si arriva a nessuna conclusione si corre il rischio di costituire un “parlatoio” dove si pratica solo l’esercizio del vaniloquio.

Fausto Vecchio

Fausto Vecchio

In effetti, tolta la lunga fase iniziale, quella che non vedeva nessuno dei candidati in pectore, posizionati tutti sul filo di lana, prevalere sugli altri, al momento sembra che si siano smosse le acque, si è passati ad una sorte di “scrematura”, e così, ad Antonio Corsetto, Cosimo Pio Di Benedetto, Fausto Vecchio, Bruno Grimaldi, Vito Busillo, sono rimasti in gara solo Busillo e Vecchio.

La decisione pare sia seguita agli incontri avuti anche alla presenza di Antonio Mauro Russo, coordinatore provinciale, Antonio Lubritto, consigliere provinciale, e il senatore Giancarlo Lehner, i quali dopo aver ascoltato le varie “campane” pare abbiano imposto una accelerazione ai lavori. In soldoni avrebbero detto: di ridurre il numero dei candidati; di indicarne anche uno proveniente dalla così detta società civile; di ridurre il tutto ad una terna.

Questa nuova condizione, apparsa come un vero e proprio diktat è servita in qualche modo a sbloccare le cose, specie quando in un incontro venne fuori il nome del giovane Avvocato ebolitano Gaetano Aita. All’improvviso tutto è cambiato, il “tavolo permanente” alla fine di una discussione molto concitata riesce a trovare un accordo: ecco che la rosa rimane con due petali: Vecchio e Busillo, ma non tutti sono d’accordo.

Cosimo Pio Di Bebedetto

Cosimo Pio Di Bebedetto

Una decisione che ha innescato in qualche modo altre reazioni, fino a rompere quel famoso tavolo. Infatti il Consigliere Comunale Cosimo Pio Di Benedetto avrebbe abbandonato la riunione e per tutta risposta, sciogliendo ogni riserva, ha convocato una pubblica manifestazione con il suo partito, il Nuovo PSI. Praticamente si è candidato, extra coalizione, a Sindaco. Un vero e proprio allungo che non lascia spazi ad interpretazioni, è lo stesso Di Benedetto a confermarlo – “Mentre si discute e si discute, io voglio parlare di politica e dei problemi della città. Mi voglio confrontare con gli altri e voglio uscire fuori dalle stanze. Poi quando hanno finito di discutere ci confronteremo e troveremo una sintesi” – Una posizione quella di Di Benedetto, che vuole denunciare in qualche modo il difetto originario del Centro-destra, cioè quello che non riesce mai a risolvere i suoi problemi a livello locale, aspettando che si decida altrove ed aspettando si decida sulle teste di tutti ogni cosa.

Poteva essere qualche cosa di diverso l’incontro di oggi nell’auditorium S. Bartolomeo. In effetti Di Benedetto ha reso pubblica la sua posizione e  di fatto si è candidato a Sindaco con l’avallo di Antonio Fasolino, Vice Coordinatore Provinciale del PdL,  in aperta divergenza rispetto al Centro-destra e al PdL.

Vito Busillo

Vito Busillo

Intanto, quel tavolo si è rotto: quella candidatura di Aita proveniente dalla società civile è stata bocciata “per lesa maestà” dei maggiorenti; Cosimo Pio Di Benedetto si discosta e rilancia al rialzo; L’Onorevole Franco Cardiello in attesa di un suo probabile ingresso a Palazzo Madama se Raffaele Calabrò o Pasquale Viespoli saranno i candidati a Governatore della Campania, si “esercita” e vuole candidarsi a Sindaco, anche lui in autonomia dal resto del Centro-destra; Fausto Vecchio preferisce il riserbo; Vito Busillo si prodiga nelle frequentazioni “provinciali”.

Insomma non si riesce ad approfittare della difficoltà del Centro-sinistra estremamente diviso e litigioso, che al momento fa registrare le Candidature di Massimo Cariello e Gerardo Rosania, delle così dette sinistre alternative e quella del Sindaco uscente Martino Melchionda appena un po’ più forte, a seguito della raggiunta unità interna al suo partito, che comunque non lo mette a riparo da ulteriori sorprese che potrebbero venire dai contiani.

Un Centro-destra impantanato, incapace di darsi una strategia e di convincere quella parte dei cittadini che vorrebbero cambiare, ma che non ritengono che l’attuale classe dirigente di centro-destra è all’altezza del compito, anche alla luce degli ultimi avvenimenti politici, quando un “pattuglione” variegato giunse in soccorso dell’Amministrazione Melchionda, palesemente in difficoltà. Un Centro-destra che non convince. In questa occasione, invece di trovare un Sindaco per tutti si trova ad avere tutti sindaci.

Dalla manifestazione di Di Benedetto è venuta fuori, ancora più forte, questa difficoltà, che sembrerebbe strutturale e che non fa emergere una classe dirigente matura. Dopo anni di opposizione non viene fuori un programma e non viene fuori nessun elemento di novità anche rispetto alle politiche dell’Amministrazione Rosania1^ e 2^, e Melchionda.

14 anni di amministrazione di sinistra e ancora si assiste ad un dibattito  che vede il Centro-destra avvitato su se stesso, improvvisato, incapace di reagire ed avere uno scatto di orgoglio. Dopo 14 anni si fanno cogliere ancora “impreparati” e non è venuto fuori niente di nuovo dalla maggior parte degli intervenuti: Vecchio, Busillo, Grimaldi, Vincenzo Ippolito. Francesco Gaudieri, invece, ha  colto e sottolineato l’impreparazione, mentre il vero elemento di novità, manco a dirlo, è venuto proprio da Gerardo Rosania, che ha dato il suo contributo all’incontro.

Pur non centrando il tema che sarebbe dovuto essere “l’alternativa alla sinistra”,  a Di Benedetto va almeno il merito di aver portato fuori dalla “stanza” un Pdl sonnacchioso e impantanato, ma la presenza di Rosania ha per certi versi concentrato le attenzioni sulle sue riflessioni, intorno alle quali si aprirà sicuramente un dibattito per approfondirle.

In sostanza Rosania vuole far emergere, che le municipalità non vanno più amministrate da blocchi contrapposti, ma vanno amministrate da movimenti trasversali, perchè trasversali sono i bisogni e trasversali devono essere le risposte. Una teoria interessante che aggiunge carne al fuoco, ma anche molto fumo. Nel fumo non si riescono a vedere bene le cose e si rischia di fare scelte diverse e sbagliate che in questi momenti di grande confusione non fanno per niente bene.

157 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. caro paolo forse non mi sono spiegato bene non ho detto che la manifestazione non l’ha organizzata pio ma del
    discorso di fasolino nessuno sapeva niente perciò non e una cosa fatta a posta ma x smuovere un po le acque cmq resto sempre del parere che di benedetto sia il miglior canditato del cd

  2. x paolo a dimenticavo a proposito di fasolino e una persona int non ce bisogno che ci mettano le parole in bocca hai perso un altra occasione x startene zitto nb io sono una persona molto democratica quando una persona parla di cose costtruttive

  3. Chi ama il calcio sa bene che una delle caratteristiche in negativo che contraddistingue noi appasionati e’ la mancanza di memoria.Caro presidente presutto i veri tifosi dell’ebolitana non si sono mai dimenticati di lei e della sua passione verso i colori biancoazzurri.Nel 2004 lei e’ stato uno dei pochi ad essere invitato al nostro ventennale(nucleo 84).Mi permetto di ricordate ai miei cari concittadini di chiedere ai padri o ai nonni e nonne chi veramente era ed e’ il Dott.ELIO PRESUTTO.LEi come gigino cavaliere e armando cicalese vuole veramente bene a questa nostra bella citta’ tanto bistrattata da troppi pseudopolitici da strapazzo.

  4. Arco dei tredici, voi pensate al pallone invece che al pane,dimenticate o fate finta, dei danni causati da simili personaggi alla nostra bella Citta’, negli anni novanta questi nostri eroi ci facevano mettere ” ‘scuorn de esser jevulis “, beati voi che avete la capa fresca!!!

  5. Siamo partiti dal pantano politico e siamo arrivati al gioco del pallone. Io ho seguito il tuo consiglio e ho chiesto informazioni ai nonni : mio nonno mi ha detto : dall’elenco mancano due presidenti, Cosimo De Vita ed io. Mio nonno e’ Vincenzo Di Benedetto . “Nonno questi ti boicottano forse e’ per il cognome”.

  6. Caro The Dandy, io mi vergongno oggi di essere ebolitano lo sai xkè ?
    Ad Eboli purtroppo ci sono persone che la pensano come te.
    Negli anni 90 come dici te, Eboli era molto conosciuta e nn solo in provincia! A dare lustro alla nostra città c’era anche il Dott. Presutto come altri politici locali.
    Che danno ti hanno fatto dimmi, forse nn eri nelle loro grazie?
    Dimmi chi sono le persone in cui tu credi?
    Dimmelo………..
    Chi ti rappresenta politicamente ?
    Nn parlare tanto x muovere l’aria, nn condivido in toto come hanno amministrato in quegli anni, xò c’è da dire una cosa prima si stava bene.
    Il Dott. Presutto come suoi altri colleghi, come ha più volte rimarcato lui stesso su questo blog, credeva e crede nei giovani e gli ha dato delle posibilità e nn solo lavorative. Oggi ki lo fa ?
    Vergognati x come parli oggi, e nn per ki ti rappresentava negli anni 90.

  7. Egrigio Sig.Dandy se lei ama questa citta’ e conosce un minimo della sua millenaria storia di sicuro sara’ a conoscenza del mio nickname.Questo per dimostrarle che anche chi e’ amante dello sport non e’ per forza un bruto e io da quando seguo le sorti dell’ebolitana 1925 non ho mai e dico mai picchiato un tifoso avversario ne il mio comportamento allo stadio stato fonte di multe alla societa’ .La mia famiglia,da fonti storiche,e’ presente sul territorio fin dal 1500 e posso vantarmi di amare questa terra come poche persone su questo forum.Con il Dott.PRESUTTO mi lega solo la sana passione sportiva e lui come presidente della mia squadra lo ricordo come uno dei migliori e non mi sono mai servito della sua disponibilata’ umana per lucrare un piatto di pasta o una vecchia centomilalire,come a tanti accattoni che consumano i loro tacchi sul viale.Caro DOTT. sto aspettando da anni le sue memorie per mettere a tacere i tanti -troppi che nel momento del bisogno le hanno girato le spalle.NOi come semplici tifosi le abbiamo regalato solo un misera targa ma per noi e spero per lei vale piu’ del vil denaro.

  8. Confermo TUTTO di quanto detto, e mi onoro delle sue “attenzioni” di tal blasone, ADDIRITTURA cinquecentenarie!.Usate e energia e testa per cose serie ed indispensabili, gente distratta verso la societa’ civile, fa andare Eboli nel “Pallone”! FELICITAZIONI

  9. Carmelo C. la maggior parte degli ebolitani si vergona di essere concittadina e essere stata rappresentata dal tuo Omonimo!! Poil Dr. Presutto, non avra’ senza ombra di dubbio tutte le responsabilita,’ anzi umanamente mi stà simpatico, tanta gente che lo attorniava si è dileguata subito dopo il primo avviso di garanzia, ed ha passato le pene per colpa,in buona parte di un altro Carmelo C.! Ora mio caro non farmi la morale, chiunque siano i miei rappresentatnti, dal punto di vista morale e giudiziario sono migliori dei tuoi, possono camminare tranquilli e senza “brutti ricordi”! A volte è difficile fare la scelta giusta perché o sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame. (Totò) .Spero che tu riveda le posizioni,o forse si sono cosi’ cristallizzate da non poterne fare ammenda! FELICITAZIONI ANCHE ATE

  10. X The Dandy, nn hai risposto ad una mia precisa domanda.
    Io sono un pragmatico, sono uno terra terra, e sono un simpatizzante politico dell’On. Cuomo e basta.
    In ogni caso Carmelo Conte ed il fratello sono stati assolti dopo 15 di processi, oppure tu come la maggior parte delle persone che la pensano come te leggi i giornali soltanto quando gli arrivavano gli avvisi di garanzia ?
    Nn parlarmi di moralità, io mi sono schierato .
    E tu ?
    Dimmi x chi simpatizzi ?

  11. Io ho risposto mio caro,simpatizzo x la sinistra vera PROGRESSISTA E LEGALITARIA, non certo la tua!! Angelo C. e’ stato condannato, NON VORREI, al posto del… ,altro che assolto: informati! Hai forse avuto prebende?, Cuomo ancora potra’ darti qualcosa, ma Carmelo C. e soci solo( [He don’t look a gift horse in the mouth )
    pacche,sorrisi,strette di mano e l’onore di chiamarli per nome, LA POLPA SE LA SONO GIA’ PRESA, E QUEL POCO DI “APPEAL” CHE RIMANE LORO, LO USERANNO “PRO DOMO PROPIA”…..MIO SIMPATICO ED ALTERO SEMPLICIOTTO!

  12. Ho sbagliato a cercare di avere un dibattito costruttivo con te.
    Per tua informazione io ho letto ogni pagina dei processi a carico di Angelo C.
    Al processo California è stato assolto, mentre in un altro processo ( quello del bar Marantino) è stato condannato x estorsione. In tale processo l’estorto ha dichiarato di nn aver subito alcuna pressione ed estorsione da parte di Angelo C. ( i tuoi amici giudici e comunisti come te) gli hanno fatto fare un processo x falsa testimonianza ( Andrea Marantino).
    Angelo C. è stato condannato, mentre dopo qualche anno il sig. Marantino ( l’estorto) è stato assolto dall’accusa di falsa testimonianza.
    Questa è solo una piccola parte della vicenda giudiziaria del fratello del ministro.
    Ti sfido, vedi sè c’è un solo ebolitano che può dire di aver pagato mai una tangente ad Angelo C.
    Posso essere sempliciotto quanto vuoi, ma sicuramente ho dei principi che tu certamente nn hai.
    Prima di parlare renditi conto, o quanto meno cerca di capire con chi hai a che fare.
    Ciao MIO CARISSIMO GRANDE UOMO CHE BEATO TE CREDI DI SAPERE TUTTO……

  13. CARO CARMELO C. MA ANGELO E’ STATO COMUNQUE,TU DIXIT, CONDANNATO! E NEL CALIFORNIA , ASSOLTO X MANCANZE DI PROVE, CHE PROCESSALMENTE (RITO PENALE) NON E’ UNA FORMULA PIENA! E POI CARMELO SI SA BENE, CHE NEI PROCESSI VENGONO FUORI LA VERITA” DEGLI ATTI , ED E’ COMODO AVRE UN FRATELLO, COME SILVIO CON PAOLO,SPERANDO CHE QUESTE COINCIDANO COI FATTI! GLI EBOLITANI SANNO LA STORIA! LE FAVOLE RACCONTATELE AI FORESTIERI ( fondovalle .219,offset, candidatura Pezzullo e FREQUENTAZIONI VARIE) RINGRAZIASSERO I TUOI AMICI, QUESTI GIUDICI “COMUNISTI”,(questa giustizia bistrattata che ha avuto il torto di scoperchiare,lesa maesta’, il malaffare politico, ora sono i magistrati i delinquent)i, IN ALTRi PAESI LANGUIREBBERO IN GRIGI IN PENITENZIARI E AVREBBERO SUBITO UN ATTO ABLATORIO DALLA STATO, LA CONFISCA DEI BENI, QUI INVECE SONO UOMINI LIBERI, CON ANCORA SCANDALOSE VELLEITA’ POLITICHE, MA SI SA IL TEMPO E’ UN GALANTUOMO….. ” la fortuna instupidisce a chi troppo favorisce” P.S. Neanche i compaesani piagginesi ne nutrono molta simpatia!

  14. Scusatemi ma, ora, veramente siamo “fuori traccia”! Siamo partiti dal centodestra nel pantano, siamo arrivati all’ebolitana ed adesso dissertate “dei delitti e delle pene” . Per essere precisi bisogna ricordare che il Procuratore della Repubblica di Salerno si e’ appellato alla sentenza di assoluzione del Divo, pertanto, il processo continua : i destini, anche giudiziarii, del binomio sono indissolubilmente legati, mi dispiace per i tifosi dell’ebolitana che ricordano il grande Presidente con immutata simpatia e per i tifosi dei politici coinvolti : chi va per mare …. .
    Ad onor del vero Angelino ha scontato il suo debito con la giustizia con dignita’ e resta, comunque, il piu’ simpatico e “genuino” del terzetto.

  15. NON SO CON CHI HO A CHE FARE, QUASI CON TONO INTIMIDATORIO MI RIFERISCI, E NON ME NE CALE, MA SO CON CHI HAI A CHE FARE TU: CON UNA PERSONA PERBENE, CITTADINO LIBERO NEL CORPO E NELLA MENTE, FIGLIO DI GENTE PERBENE, SENZA CARICHI E PENDENZE GIUDIZIARIE, TE LO DICO CON L’OLIMPICA FERMEZZA DI CHI NON POSSIEDE RIMORSI DI COSCIENZA! POI IL DIBATTITO E’ FATTO DI DICOTOMOMICHE POSIZIONI, CHI NON ACCETTA IL CONTRADDITTORIO ALLORA NON VI PARTECIPI,TROVI? BUONA SERATA “audiatur altera parte!”

  16. Solo per dovere di cronaca il processo Adelizzi + altri ( cd. California dal nome che fu dato all’operazione di polizia che sgominò nel maggio del 992 il clan maiale) è stato uno dei processi + scandalosi che la storia giudiziaria italiana possa ricordare . Per il momento lo scandalo è passato sotto traccia per vari motivi ma come diceva uno degli amici che hanno scritto in precedenza il tempo è galantuomo e prima o poi verrà fuori tutto. Lo scandalo nello scandalo è stato che dopo circa 13 anni di processo la Procura della Repubblica nella persona del P.M. di udienza Dott. Centore se ne è uscita chiedendo l’assoluzione di Carmelo Conte (sic) e la condanna di tutti i personaggi politici minori ( una vera incongruenza per usare un eufemismo). La sentenza nei confronti di Conte è stata appellata dal Procuratore generale il quale ha avocato a sè il fascicolo e ha proposto appello contro l’ex ministro.

  17. PERSECUZIONE GIUDIZIARIA, PRESUNZIONE DI INNOCENZA, GRADI GIUDIZIO:SONO TUTTI CONCETTI CHE CAMBIANO VALORE A SECONDA DEL POPOLO O DEL POTENTE DI TURNO,! LA PEZZA A COLORI PER OGNI STAGIONE! MI MERAVIGLIO COME CI SIANO CITTADINI PER EBOLI CHE DIFENDONO O PEGGIO PROMUOVANO DI NUOVO CERTI PERSONAGGI! LA COSA GIUDICATA E’ LONTANA, MA COME DICEVANO I PRECEDENTI, INTERVENTI IL TEMPO ACCLARERA’ VITTIME E CARNIFICI IL PROCURATORE GENERALE GLI DARA’ UNA MANO!…SOLO IN ITALIA NON SI VOLTA MAI PAGINA, A VOLTE RITORNANO… CON LA COMPLICITA’ DI CITTADINI ED ELETTORI CHE CREDONO ANCORA NELLE LORO ,PROMESSE, MA QUALI POI SE OGGI NON RIESCONO AD ESSERE LEADER NEANCHE NEL PARTITO DEL LORO PAESOTTO! caro e simpatico CARMELO C.: FORSE HAI PERSO UNA OCCASIONE PER TACERE!

  18. UNO ALLA VOLTA, PER CARITA’
    Quanta cattiveria alberga nella mente degli esseri Umani.
    Ho risposto ad un giovane Dottore, solo per chiarire la mia vicenda persola in merito all’AC Ebolitana e subito si è innescata la bagarre, con insulti a chi ha voluto rilasciarmi un sincero attestato di Verità.
    Lo Sport, lo Studio, la Politica, l’Associazionismo, l’Amore, sono la ricetta per evitare ai giovani la deriva verso la Cocaina ed assimilati, verso il richiamo del facile arricchimento, verso la prostituzione e la criminalità.
    Un giovane (penso) tira in ballo il Processo California, non conoscendo i fatti e fidandosi di quello che scrivono i Quotidiani di parte. La verità la conosciamo solo noi, vittime di una Persecuzione Politica, simile a quella che si usava nel Medioevo e durante la Dittatura Fascista. Anche i neo Comunisti, ora confessano di aver partecipato alla “Strage degli Innocenti”. L’aguzzino novantenne che capeggiò lo stolto tentativo di “Golpe” nel 1993, invitato da TG3 Notte, ha ipocritamente ammesso, in modo larvato, che la Cupola Magister sta usando lo stesso metodo per Berlusconi ed i suoi affiliati.
    Invito i giovani a dibattere sull’argomento oggetto del Blog, senza inutili insulti e cazzate varie.
    Date a Cesare… e parlate solo se conoscete i fatti ed i misfatti. Io ho amministrato con passione e con la massima onestà, cosa che poso affermare per tutti i Socialisti della Prima Repubblica Solo chi non opera non fa errori e se ho fatto qualche errore, certamente non è stato per ignoranza o cattiveria. Vi invito a leggere attentamente quel che scrivo, vi troverete la chiave di qualsiasi vostro dubbio sul passato.
    Gentile ed acculturato Dott. “blazer”, preciso che scrivo solo la verità e contro tutti gli attori dello sfascio Ebolitano (Città Dormitorio).
    Se poi volete parlare di Organizzazioni Criminali, commentate l’articolo di Draghi, così potrete leggere cose a voi non note.
    Il Centro Destra Ebolitano, pur avendo uomini di indiscusso valore, è destinato a perdere nella rincorsa verso la conquista dell’Amministrazione Comunale, come avvenne quando consegnarono il Comune nelle mani di uno Staliniano.
    Il Centro Sinistra non è più affidabile, dopo lo spettacolo offertoci in cinque anni di Camaelontismo, affari, assunzioni clientelari (Prima la Torta delle assunzioni, veniva divisa tra tutti i partiti – cosa assai riprovevole -, ora se la pappano solo i Neo Pdostà e qualche Assessore loro amico) e faide intestine. Analizzando con imparzialità, rimane valida solo (a mio avviso) la proposta di Massimo Cariello che con la semplicità, l’impegno e l’onestà ha attirando sulla sua persona la meritata simpatia degli Ebolitani e dei giovani di qualsiasi appartenenza. Massimo Cariello è il nuovo della Politica Ebolitana che senza macchie e molte lodi. Qualcuno lo accusa di trasversalismo, ignorando che le ideologie sono sorpassate e tutto si fonda sul Programma e sulla capacità operativa del futuro Sindaco.
    Se questa mia succinta analisi, non è condivisa, tutto si può analizzare in un franco e sincero dibattito.
    Per qualche Giustizialista di turno, ritrasmetto una mia riflessione-verità.

    Dott. ELIO PRESUTTO
    Ricerche Entomologiche
    Ricerca e sperimentazione sui Biocidi
    Ricerche in Bonifiche Ambientali

    Un “Perseguitatati Politico”
    Gentilissimo Conduttore
    (Anno Zero, Ballarò, Le Iene, Matrix, Porta a Porta)
    nella vostre Trasmissione, si parla di tutto e di tutti, con esclusione della Magistratura, imperante in questa nazione alla deriva.
    Non sono un Forcaiolo ed un Giustizialista, come Di Pietro ed i suoi seguaci (Mentana, Travaglio, Beppe Grillo, Santoro, un Neuropatologo ecc.).
    Sono un “Prigioniero Politico” che, a distanza di diciotto anni ed all’età di 74 , deve lottare, ancora oggi, per difendersi dalle false accuse e dalla dittatura strisciante, non politica, che governa l’Italia e gli Italiani, con il tintinnio delle manette. Tutti i politici, di qualsiasi livello, gli amministratori di enti pubblici e di consorzi vari, i commissari e sub, nominati da qualsiasi livello pubblico, tremano al sorger del sole e, spesso, anche durante il sonno.
    Cosa strana, in Italia, le cose capitano in particolari e puntuali situazione,come per Bettino Craxi, quando gli italiani avevano capito che era lo Statista adatto, unitamente a Giulio Andrteotti, per condurre l’Italia al successo; Come per Berlusconi a Napoli, quando era Presidente del Governo; Come per Bossi, quando la Lega Nord raccolse molti consensi; Come per l’ex Ministro Mastella, per incolparlo della caduta del fallimentare Governo Prodi; Come per Bassolino, rinviato a giudizio in periodo elettorale e non prima.
    Non si sa chi è il regista, si può anche immaginarlo, ma gli attori si conoscono benissimo: sono i Pubblici Giustizialisti.
    Detti personaggi dovrebbero pensare solo ad applicare la “L”, con imparzialità e nel rispetto dei cittadini, invece di voler dettare i destini dell’Italia.

    Ho avuto l’onore:
    • Di avere avuto un articolo, per il raddoppio del mio stipendio, quando ero Amministratore Straordinario della ex USL di Salerno, in prima pagina nazionale, con foto, dal ” Il Mattino di Napoli”;
    • Di essere, quasi quotidianamente, oggetto del “ Il Roma”di Napoli, che raccontava falsità;
    • Di ricevere la famosa “Cartolina” del caro e stimato giornalista Barbato, defunto da anni;
    • Di aver partecipato alla trasmissione “Diritto di Replica”; su Rai Uno
    • Di essere stato oggetto in una puntata del “Maurizio Costanzo Show”;
    • Di aver letto, affisso sulle mura cittadine di tutta la provincia di Salerno, un manifesto, dell’ex MSI (Giustizialisti) intitolato: “Il Presutto d’ Oro”;
    • Di aver trascorso tre mesi, a spese dello stato, nella Prigione!!! di Fuorni (SA), con l’onorificenza di aver, presuntivamente, turbato un’asta ( che strano, il Compagno Presidente del Porto di Genova, per tale motivazione, più associazione e truffa , ha avuto solo l’onore del ricovero a letto di casa sua; Gli indagati della “Monnezza” sono o liberi di girovagare o a casa, con tutti i conforti; L’ex Governatore della Banca d’Italia ed i suoi amici Banchieri, sono liberi di godersi le loro ricchezze), al solo scopo di sottrarmi, tramite il mio Difensore di fiducia(?), accuse contro l’ex Ministro Carmelo Conte. Tutto ciò avveniva nel 1992/93.
    • Di essere stato condannato, in primo e secondo grado, dagli imparziali Giudici Salernitani, ad “un anno di reclusione”.
    L’ Alta Corte di Cassazione, stranamente, mi assolse con formula piena.

    ” Furono tutti scornati”

    Ho scritto a tutti, nessuno escluso (giornali, politici, ministri, sottosegretari, governatori regionali, presidenti di amministrazioni provinciali, sindaci, ecc.), senza ottenere, per correttezza, alcun riscontro. Solo un giornale provinciale (Cronache del Mezzogiorno di Salerno –Giornalista Peppe Rinaldi) ha avuto l’ardire di pubblicare il mio manifesto e parte della mia storia, che non piace a moltissimi Politici e numerosissimi Forcaioli. Le prossime puntate saranno gustosissime, se qualcuno non mi farà l’onore di annientarmi fisicamente ( parlo anche di camorra) o di mandarmi in qualche Prigione (parlo dei miei aguzzini).
    L’ avverto: faccia attenzione, nel caso dovesse telefonarmi, sono un colluso con la fu camorra Ebolitana, come da sentenza(?) di primo grado (senza prove ed ascoltando falsi e docili pentiti < gentilissimi assassini, nobili estorsori, onesti truffatori, ben pilotati e, però, puntualmente smentiti, dal mio Difensore), del "Processo California" – tribunale di Salerno.
    Mi scuserà, non è satira (non ne sono all'altezza), è la verità di un povero ( in tutti i sensi) Socialista di Bettino Craxi, molto corteggiato, quando era in auge, da Magistrati, Politici, Imprenditori, Industriali, Giornalisti, TV, Liberi Profesionisti e +.

    "guai ai vinti"

    Saluti cordiali.

    NB :
    • Questa email non è stata riscontrata dai sig. in indirizzo.
    • Cronache del Mezzogiorno ha smesso di pubblicare le mie interviste! Sono stati zittiti da qualche Direttore, amico di Bel Pietro, il quale ha consigliato al Presidente Berlusconi di non parlare di Giustizia, durante la campagna elettorale

    “…anche la speme, ultima dea, fugge i sepolcri…”

    Dott. Elio Presutto – Largo 4 Agosto 1943, n° 4 – (84025) EBOLI (SA). Tel. 0828/210727
    Fax 0828/366420 – Cellulare 320/0823326
    E.mail: elcaribe7@gmail.com

  19. UNO ALLA VOLTA, PER CARITA’
    Quanta cattiveria alberga nella mente degli esseri Umani.
    Ho risposto ad un giovane Dottore, solo per chiarire la mia vicenda persola in merito all’AC Ebolitana e subito si è innescata la bagarre, con insulti a chi ha voluto rilasciarmi un sincero attestato di Verità.
    Lo Sport, lo Studio, la Politica, l’Associazionismo, l’Amore, sono la ricetta per evitare ai giovani la deriva verso la Cocaina ed assimilati, verso il richiamo del facile arricchimento, verso la prostituzione e la criminalità.
    Un giovane (penso) tira in ballo il Processo California, non conoscendo i fatti e fidandosi di quello che scrivono i Quotidiani di parte. La verità la conosciamo solo noi, vittime di una Persecuzione Politica, simile a quella che si usava nel Medioevo e durante la Dittatura Fascista. Anche i neo Comunisti, ora confessano di aver partecipato alla “Strage degli Innocenti”. L’aguzzino novantenne che capeggiò lo stolto tentativo di “Golpe” nel 1993, invitato da TG3 Notte, ha ipocritamente ammesso, in modo larvato, che la Cupola Magister sta usando lo stesso metodo per Berlusconi ed i suoi affiliati.
    Invito i giovani a dibattere sull’argomento oggetto del Blog, senza inutili insulti e cazzate varie.
    Date a Cesare… e parlate solo se conoscete i fatti ed i misfatti. Io ho amministrato con passione e con la massima onestà, cosa che poso affermare per tutti i Socialisti della Prima Repubblica Solo chi non opera non fa errori e se ho fatto qualche errore, certamente non è stato per ignoranza o cattiveria. Vi invito a leggere attentamente quel che scrivo, vi troverete la chiave di qualsiasi vostro dubbio sul passato.
    Gentile ed acculturato Dott. “blazer”, preciso che scrivo solo la verità e contro tutti gli attori dello sfascio Ebolitano (Città Dormitorio).
    Se poi volete parlare di Organizzazioni Criminali, commentate l’articolo di Draghi, così potrete leggere cose a voi non note.
    Il Centro Destra Ebolitano, pur avendo uomini di indiscusso valore, è destinato a perdere nella rincorsa verso la conquista dell’Amministrazione Comunale, come avvenne quando consegnarono il Comune nelle mani di uno Staliniano.
    Il Centro Sinistra non è più affidabile, dopo lo spettacolo offertoci in cinque anni di Camaelontismo, affari, assunzioni clientelari (Prima la Torta delle assunzioni, veniva divisa tra tutti i partiti – cosa assai riprovevole -, ora se la pappano solo i Neo Pdostà e qualche Assessore loro amico) e faide intestine. Analizzando con imparzialità, rimane valida solo (a mio avviso) la proposta di Massimo Cariello che con la semplicità, l’impegno e l’onestà ha attirando sulla sua persona la meritata simpatia degli Ebolitani e dei giovani di qualsiasi appartenenza. Massimo Cariello è il nuovo della Politica Ebolitana che senza macchie e molte lodi. Qualcuno lo accusa di trasversalismo, ignorando che le ideologie sono sorpassate e tutto si fonda sul Programma e sulla capacità operativa del futuro Sindaco.
    Se questa mia succinta analisi, non è condivisa, tutto si può analizzare in un franco e sincero dibattito.
    A qualche Giustizialista di turno, rconsiglio di leggere con la massima attenzione i miei commenti precedenti.

  20. X Blazer 67, avevo fatto una precisa domanda ai lettori di questo blog. Qualcuno ha mai pagato tangenti ad Angelo Conte ?
    The Dandy, mi ha detto che sono un sempliciotto e nn conosco gli atti del processo a carico di Angelo Conte.
    Io ingenuamente gli ho detto che nn sa con chi ha a che fare solo xkè conosco molto bene Angelo Conte, e mi ha voluto far passare quasi x un delinquente che minaccia le persone.
    Il sempliciotto a questo punto è lui.
    Il Dott. Presutto insieme ai suoi amici socialisti, tra i quali anche l’ex assessore Conte, possono aver commesso anche degli errori, ma sicuramente hanno a modo loro cercato di far del bene x la comunità, può darsi con un poco di arroganza politica ma comunque hanno cercato di farlo.
    Avevano un notevole pacchetto di voti (PERSONALI), voi volete farmi capire che le persone li votavano perchè erano dei delinquenti e facevano paura ?
    Oggi ancora ad Eboli ci sono persone che stimano sia il Dott. Presutto e sia Angelo Conte, ditemi oggi queste due persone che hanno circa 70 anni ancora vengono ascoltati e stimati perchè fanno paura e perchè delinquenti ?
    A me personalmente il loro modo di fare politica nn è che piaceva molto, xò erano altri tempi e si dovevano comportare in quel modo e forse apparivano anche arroganti, xò quando si mettevano in testa di fare qualcosa la facevano, erano caparbi nel loro fare. E cercavano di essere fra di loro corretti. Nn andavano daccordo politicamente ma se lo dicevano in faccia senza mezze misure. Oggi chi lo fà ?

  21. “La speranza è un astuto traditore più perseverante perfino dell’onestà.”
    (Sören Kierkegaard) CARMELO C. GRAZIE DI ESISTERE!!! P.S. GRADIREI UN TUO PARERE, SE TI VA’, SU QUANTO DA ME SCRIITTO OGGI NEL POST: ROSANIA A TUTTO CAMPO…GRAZIE

  22. Rimaniamo su sponde e convinzioni diverse, ma comunque ti ripetto e son certo che hai fegato e buona fede!! cii siamo TROPPO allontanati dall’articolo in cui scriviamo!! Mi preme SOLIDARIZZARE con il Dr. PRESUTTO che politicamente non mi aggrada molto, ma loSTIMO come uomo e buon padre, NON E’ IL MIO UN ATTO DI PIAGGIONERIA, MA ESPRESSIONE SINCERA DI QUEL CHE SENTO,L’INTERESSATO, DA UOMO SAPIENTE SONO CONVINTO APPREZZERA’!..

  23. Monsignor Della Casa, a sentire queste smancerie e falsità, se la sta ridendo a crepapelle : questi mielosi bloggers si spruzzano addosso nettare ed ambrosia e si impastocchiano, o meglio, si invischiano e si affogano in complimenti sdolcinati ed alla fine condividono e giustificano situazioni e personaggi e parteggiano per condannati per fatti di camorra . Voglio sperare che sia a causa della sindrome di Stoccolma dalla quale siete stati colpiti. Non a caso ho nominato Monsignor Della Casa , con quei nomignoli!

  24. 126 commenti ah pero’………..vai dibenedetto vola alto!!

  25. Vedi, Gianfranchino, usare un linguaggio e dei modi educati, non significa scolorire le propie convinzioni,caro amico non confondiamo la lotta politica ed il piano umano, altimenti l’imbarbarimento e’ dietro l’angolo con conseguenze del tutto impensabili! Poi se NOn USASSIMO UN “GALATEO GRAFICO” il nostro Admin, a ragione, censurerebbe gli interventi. ORBENE PREFERISCI INVEIRE AL NULLA, O FARTI ASCOLTARE DA QUALCUNO? A te la risposta,mio caro collega…

  26. X GIANFRANCHINO…LA “SINDROME DI STOCCOLMA” E’ TIPICA DEI PRIGIONIERI, IO MI SENTO UN UOMO LIBERO IN SPECIE NELLA MENTE…SPERO TU POSSA DIRE ALTRETTANTO, LA FORZA NON DEVE ESSERE APPARENTE,OVVERO IN MOLTI CASI SIMULATA, MA REALE E DUNQUE INTRINSECA! CAPISCI?

  27. NEWS: L’Avv. CLEMENTE ANCHE LUI TRA I PAPABILI: CI MANCAVA SOLO UN REO-CONFESSO DI TANGENTOPOLI E STIAMO A POSTO!

  28. ahuuhauhauhahu

  29. Ma quante corbellerie state dicendo. State inanellando sciocchezze su sciocchezze. Io sono abituato a dare alle cose il giusto nome. Un camorrista e’ sempre un camorrista. Soprattutto quando e’ ritenuto tale da un collegio giudicante di un Tribunale della Repubblica italiana. Se facciamo passare il vostro modo di pensare, alla fine passera’ il convincimento che Giovanni Brusca, essendosi pentito e collaborando con la giustizia, si sia ripulito degli orrendi delitti di cui si e’ macchiato, tra i quali spicca l’omicidio e lo scioglimento nell’acido del piccolo Di Matteo .
    Dandy mi devi spiegare perche’ sei garantista a singhiozzo, perche’ apprezzi un condannato per fatti di camorra e non ” il reo confesso di tangentopoli” ? I reati commessi sono diversissimi tra loro .Non sono nemmeno lontanamente paragonabili! Forse perche’ uno dei due e’ un vostro alleato ?
    P.S. Admin e’ persona intelligente ed esperta non potrebbe censurare i miei interventi, sapete perche’ ? Perche’ quello che scrivo e’ la verita’!

    • Per Gianfranchino-
      Le verità vanno dette ma bisogna stare attenti a come si dicono perché spesso possono far male a chi ci circonda, tuttavia l’associazione con Brusca non è appropriata. Per il resto anche chi è condannato ha diritto di una nuova chance, sta alla società saper recuperare ogni suo elemento non a ca so nel nostro ordinamento è prevista la riabilitazione.

  30. Esimio ed ignorante Gianfranchimo.
    Lei ignora, da giovane poco informato e svogliato nel leggere che, come ampiamente desritto in questo Blog, nessun politico Ebolitano è stato, per ora, condannato per fatti Camorristici. La invito, pertanto, a leggere con attenzine e meditare quando scrive. Le consiglio, prima di scrivere, di riflettere, come dice il detto delle 10P, a me trasmesso dalla Dotta e Carissima Prof.ssa Sisto: Prima Pensa, Poi Parli, Perchè, Parole, Poco Pensate, Producono Pentimento. Scrivo solo per trasmettere ai giovani parte della Memoria di Eboli e non per ricevere encomi, riconoscenze e conforti, di cui non ho bisogno, consapevole dei miei atti Pubblici e privati. Ringrazio, comunque, sinceramente chi esprime solidarietà per i Perseguitati Politici, come il sottoscritto.

  31. Admin mi ha anticipato, non dimentico ma non condanno, non aprrezzo, ma non odio. La giustizia s,il giustizialismo no! potresti essere tu sottoposto a procedimento penale, pur essendo estraneo ai fatti ed allora come ti sentiresti? Per il GRANDE CARNELUTTI la semplice notizia di essre indagata e’ per una persona sensibile… E’ GIA PENA, una lezione di alta CIVILTA’ GIURIDICA! Con questo, condivido la’azione dei Magistrati del POOL DI MILANO, xke’ i fatti odierni ci dicono che la corruzzione ed il malaffare sono presenti a tutto spiano, xro’ ci vuole attenzione nel sottoporre a procedimento penale le persone, dove in alcuni casi , si è trattata solo una di una tetra SCENOGRAFIA.Buone Cose a tutti!!! P.S. per l’Avv. Clemente, penso che sia una situazione INOPPORTUNA la candidatura, lo renderebbe facile bersaglio, ma l’uomo nonostante gli errori, è pur sempre da rispettare….i Santi dimorano solo nei cieli!

  32. Esimio Forcaiolo, Giustizialista, Delatore, Simil Criminale e Ruffiano, nascosto dietro il pseudomino di Gianfranchino, non ho tempo per rispondere ad un Fascista ma ritrasmetto, se concessomi da “admin” , alcune mie rivelazioni.
    Dott. Luciano Pignataro.
    Navigando su internet ho appreso involontariamente che s’interessa dei Vini prodotti in Campania, e nelle altre regioni del Sud, ben sponsorizzato (?) dalle Regioni, dalle Province, dai Comuni e dai grossi produttori. Ha fatto bene, meglio assaggiare il Vino, che raccontar fregnacce(stronzate su innocenti Politici).
    Tramite il Fumetto “il giornalibro sud” (£ 2.550 a copia), mi appioppò il sinonimo di Ras, ignorando che Ras (dall’arabo ra’s, ‘testa’) era un titolo tradizionale etiope, dapprima attribuito ai signori feudali delle maggiori province ed in seguito ai dignitari di rango immediatamente inferiore al negus. Dopo la conquista dell’Etiopia da parte dell’Italia fu uso comune denominare ras i capi delle squadre d’azione fasciste e, in seguito, i gerarchi locali del Partito Nazionale Fascista, che di solito rivestivano la carica di segretario federale. (^), cosa che non calza ad un Socialista, nato in una famiglia antifascista e di Sinistra (mio Padre, autodidatta, fu uno dei fondatori meridionali dei Circoli Mazziniani).
    (^) Wikipedia
    Tale appellativo si adatta perfettamente alla Sua persona, quando, unitamente a Tarsia, Santonastaso, Ferraioli e Liguori, speculava sulle procurate disgrazie altrui, per sfogare la sua e l’altrui sete di potere, al servizio di ignoranti Pubblici Giustizialisti ed al soldo degli Stalinisti Italiani e della “De Mita & Prodi & Scalfaro Company” (^)
    «Un recensore anonimo è un furfante che non vuole rispondere di ciò che comunica. Negli attacchi il signor Anonimo è senz’altro il signor Mascalzone. Prima di tutto dovrebbe essere eliminato l’usbergo di ogni furfanteria, l’anonimato. […] Ogni volta che si fa riferimento, sia pure di passaggio e magari senza biasimo, a un recensore anonimo, bisognerebbe servirsi di epiteti come “il vile pezzente anonimo” o il “camuffato furfante anonimo”. Questo è davvero il tono conveniente e appropriato con cui apostrofare simile gentaglia, affinchè passi loro la voglia di fare quel mestiere». (^)
    (^) Il Blog ?
    Oltre ai Vini, s’interessa di Gastronomia, così può sfamare la sua invidia per quelli che consumavo nei ristoranti Salernitani, con la differenza che Lei mangia gratis, mentre io dovevo pagare il conto e la mancia.
    Dopo aver fallito nella Nobile Arte del Giornalismo, fa l’Imprenditore nel ramo Vitivinicolo, ed il Trattore con ottimi guadagni, spero, e con la soddisfazione di essersi sostituito a qualche vero Ristoratore e Vinaiolo.
    Ho appreso anche che invece di vendere esclusivamente i vini della Campania e del Sud, promuove la vendita di quelli prodotti in altre regioni del Centro-Nord, con lauti guadagni.
    Fortunato Lei che vive sobriamente (Vino Vinello, quanti soldi porti nel mio borsello?) la nuova vita, senza i dovuti controlli della Finanza, degli Enti Pubblici e degli sponsor; Certamente è gioiosa e bella, anche se Lei è brutto come un Rospo.
    Il Suo ex collega, Clodomiro Tarsia, è stato meno fortunato di Lei. Munito di macchina da cine-presa, di festoni in Carta Arcobaleno e di Fiori campagnoli, è costretto a propagandare, con i soldi (?) della Regione, della Provincia, dei Comuni e Comunità Montane le bellezze della provincia di Salerno, con ri-prese, Raduni e Feste di Piazza.
    Che fine hanno fatto il Direttore Pietro Ferraioli ed il Fotografo Giovanni Liquori? Qst’ultimo, con grande professionalità, annovera il record della più bella foto di Giovanniello Maiale, il mio intimo amico, come falsamente e volutamente inventato dai suoi amici Pubblici Giustizialisti.
    Questi singolari personaggi, tutti appartenenti alla Loggia Magister, le fornivano il materiale per la diffusione (libera stampa e diritto di cronaca) di molte cazzate, scritte sul succitato Fumetto.
    1/a Cazzata = Processo del Benzinaio. Stranamente la 1/a Sezione Penale del Tribunale di Salerno, Presidente un ex Gip che aveva firmato la mia Prigionia nel Campo di Fuorni, l’ha chiuso per decorrenza dei termini. Oimè, i miei processi, dove avevano qualche flebile indizio di colpevolezza, si sono conclusi tutti nei termini di legge. Il Benzinaio, se si vuole la verità, doveva essere condannato per la tentata estorsione e pagare tutti i danni procuratomi. Il solerte Presidente della 1/a Sezione mi tolse tale facoltà. Avrei potuto oppormi a tale decisione, ma ero, ormai, al limite della povertà Africana.
    2/a Cazzata = Processo Matonti. Dopo tre mesi di Prigionia in quel di Fourni, per costringermi, tramite il mio Legale (50 £milioni) a parlare contro l’ex Ministro Carmelo Conte (vedi mio articolo su “Cronache” ) fui assolto in Cassazione per non aver commesso Turbativa d’Asta ma condannato ad un anno di reclusione, per uno strano reato che, nonostante la mia ignoranza, ho capito che mi avevano legato le mani per non farmi richiedere i danni allo Stato, a Matonti, al Mattino, al Roma ed a tutti i pseudo scribacchini come Lei. Non fu il Dott. Caporale ad accusarmi ma il Dott. Catello Matonti, il quale, per questioni di tentate Corna, tentò di agganciare, alla mia storia, quella del Fratello dell’ex Ministro, il quale, a sua volta, data la somma ignoranza in fatti amministrativi e la conosciuta avversione per il sottoscritto, certamente non poteva raccomandarmi al lui. Nulla poteva darmi il Dott. Matonti, in considerazione della sua somma ed incolpevole ignoranza in Bonifica Igienico-sanitaria, come per tutti i Laureati in Medicina. Perché non chiesero al mancato C…(per l’onestà della moglie), cosa era successo con il suo concorso a Dirigente Sanitario, pur essendoci come Cattedratico, nella Commissione, un suo amico Prof. della Università di Milano? Quali erano i suoi rapporti con l’Avvocato Giovanni Clemente, De Mitiano puro sangue? (vedi mio articolo su “Cronache”)
    3/a Cazzata = la Licenza di Costruzione . Mi fu rilasciata dal Sindaco Guercio, per la ristrutturazione del mio rudere ed era conforme alla normativa Urbanistica Comunale e dichiarata legittima dal TAR di Salerno. Se fosse stata illegittima, certamente avrebbero imprigionato il Sindaco Socialista e tutta la Commissione Edilizia, al par di quello che fece un certo Pubblico Giustizialista di nome di nome Russo, che imprigionò il costruttore Ebolitano, Carmine Quaranta, Segretario Comunale Bianchini ed a tutta la Commissione Edilizia del Comune di Capaccio con il conseguente fallimento di Quaranta. Furono tutti assolti con Formula Piena. Il processo, sempre per non farmi richiedere i danni, fu smarrito nei meandri della dimenticanza. Per tranquillizzare tutti i miei detrattori, comunico che il rudere non fu ristrutturato (gioite) e che il Banco di Napoli lo confiscò per rientrare dello scoperto di C/C che vantava dall’Ecochimica, sempre a Rosso per pagare (20% del fatturato) Tangenti a Camorristi, a Politici del Napoletano, a Componenti del CORECO di Napoli e campagne Elettorali di personaggi non Ebolitani ( Campagna, Milano, Napoli), sempre dopo aver pagato, secondo contratto e secondo legge, le retribuzioni delle maestranze (45% del fatturato), assunte nel massimo rispetto della LEGGE 20 maggio 1970, n. 300 (Statuto dei lavoratori) e con le Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell’attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento 4/a Cazzata = L’Impero Chimico di Presutto (vedi “Il Mattino” di Napoli). Che sberla prese lo Stato, dovette sostenere le spese dei Telefoni sotto controllo ( il mio portatile, pagato personalmente, tutti i telefoni dell’Ecochimica, delle abitazioni della famiglia Presutto ed associati, con annessi e connessi), trasferte in tutta Italia, per svariate decine di Finanzieri, per controlli presso Industrie Chimiche Italiane e presso Ditte di Commercializzazione dei Pesticidi, controllo x 3 mesi della contabilità dell’Ecochimica, da parte di tre tra i migliori Marescialli della Finanza. Che fine ha fatto il Colonnello ed il Giustizialista? A chi sono state addebitate le ingenti spese? 5/a Cazzata = Processo La Torraca. La più grande stronzata, costruita abilmente dai Pubblici Giustizialisti. (Vedi allegato). 6/a Cazzata = Assunzione di Giovanniello Maiale. Come espressamente dichiarato dal Sig. Ercole Andreani, Amministratore Unico dell’Ecochimica, l’assunzione di tale soggetto, sotto minacce ed estorsioni, avvenne con la massima trasparenza e nel rispetto di qualsiasi norma. Fu licenziato su mia insistenza, dopo aver appurato la sua presenza tra gli operatori della Ditta. L’Ecochimica, fallita la Zucchet, era diventata la più grossa struttura, per le Bonifiche igienico-sanitarie, esistente in Italia, con Consulenti Tecnici ed Amministrativi di valore Internazionale, con Direttori Tecnici Laureati in Biologia e Scienze Agrarie (non il sottoscritto), con Capi Cantiere ed operatori altamente specializzati. Spettava al Capi Cantiere, quindi, controllare la presenza e l’incolumità del Personale che operava nelle varie zone. L’Ecochimica vinceva le gare solo ed esclusivamente per la sua struttura organizzativa e Tecnica, con la capacità professionale nel formulare offerte rispondenti alle vere esigenze di una corretta ed efficace Bonifica igienico –sanitaria di qualsiasi territorio. Erano i vari politicanti da strapazzo locali (Agro Nocerino e Napoletano) a servirsi della Società, con richieste di assunzioni, compensi in danaro ed appoggi elettorali. Gioite, anche con l’apporto delle vostre stronzate, l’Ecochimica è stata dichiarata fallita. Lo scandalo vero è quello del mancato intervento della Magistratura che, dopo sicura informativa da parte delle Forze di Polizia, continuava a permettere, a tali feroci delinquenti, di scorazzare liberamente, su lussuose macchine Ferrari, nella nostra Città ed in tutta la valle e la pianura del Fiume Sele, disseminando morte e soprusi. 7/a Cazzata = Achille Pirozzi. Impiegato Comunale, intelligente e capace, era stato il mio autista e delegato alla Dirigenza e Presidenza dell’Associazione Calcio Ebolitana. Non era certamente a conoscenza, né mai prestanome, delle mie attività Politiche e Professionali e di quelle Imprenditoriali della famiglia Presutto. La telefonata fatta al La Torraca, in cui parlavano di trenta Milioni di lire, fu volutamente scambiata per un’illegittima richiesta di tangenti. Tutti hanno ignorato che il La Torraca, da Vice Presidente delle Squadra di calcio, doveva alle casse della Società la somma di £ 30.000.000, quale suo contributo di partecipazione, sottoscritto nel verbale di nomina (voluta dal suo referente politico di Campagna). 8/a Cazzata = La mia attività Politica. Ha ben detto che ero un punto di riferimento Politico nella provincia di Salerno, non nel senso, però, di cosa ha scritto e divulgato impunemente, con oltraggio e derisione, ma come operatore Politico Amministrativo di grosso ingegno e capacità manageriali. Faccia, ancora oggi, un’indagine tra i cittadini Ebolitani e tra gli Operatori Sanitari della provincia di Salerno, così si renderà conto chi Lei ha diffamato e chi i Pubblici Giustizialisti e la sfortuna hanno distrutto. Lei, sempre gratuitamente ed impunemente, ha nominato mia moglie ed i miei figli, come facevano i Nazisti con le famiglie Ebree. Mi auguro che abbia dei figli, ai quali auguro tutto il bene del mondo, così potrà comprendere il male fatto a dei poveri innocenti e nobili (di animo) giovani, quando on la mia azione costante e con l’aiuto di Dio, riuscirò a far provare, a Lei ed ai suoi colleghi, la gogna mediatica. I mie incarichi Politici ed Amministrativi, sempre svolti in compagnia dei Comunisti, erano dovuti esclusivamente al mio Curriculum Professionale ed alla mia capacità dirigenziale. Perché non s’interessa dei novelli Podestà, adesso anche armati e lautamente pagati (altro che raddoppio del mio compenso), che ne combinano di tutti i colori, al pari di Assessori Provinciali e Regionali (vedi allegati).
    9/a Cazzata = I nuovi Reparti Ospedalieri Non ho mai inaugurato nuovi reparti, li ho solo realizzati, con saggezza, onestà e managerialità, trasformando l’Ospedale in San Leonardo, da Provinciale a Regionale, dotandolo di Reparti altamente specializzati, come la Cardiochirurgia, la Neurochirurgia, la Rianimazione, l’Acceleratore Nucleare, l’ammodernamento, con dotazione di moderne attrezzature, del Reparto di Cardiologia e Pronto Soccorso e tantissimi altri provvedimenti al Da Procida e sul territorio. Non ho mai pilotato gare, ho assistito solo passivamente (mea culpa), quale Presidente di Commissione, ai Concorsi per Primari, Aiuti e Dirigenti Sanitari. Nella mia vita politica, non ho sistemato mai miei parenti e tantomeno voluto e provveduto a farli falsi invalidi. Ho operato sempre con la massima trasparenza, anche quando da Sindaco ho assunto Spazzini (ora operatori ecologici) e personale della Guardia Medica, da me inventata sul modello Svizzero, con Ordinanza Sindacale, quando nel Sud non esisteva alcuna legge istitutiva di tale Servizio. Non trova strano che non sono stato mai incriminato o condannato, per fatti avvenuti nella Pubblica Amministrazione, durante tutta la mia lunga attività? Solo fandonie e cazzate inventate dai Pubblici Giustizialisti, alla Di Pietro, e dai pseudo giornalisti come Lei. (vedi allegato) 10/a Cazzata = La Camorra. Contrariamente a quanto falsamente costruito sulla mia persona, questi sciocchi e frustati Pubblici Giustizialisti, pur ottenendo la mia condanna da un Tribunale compiacente, avevano volutamente ignorato la mia collaborazione con i Carabinieri di Eboli (vedasi mio allegato), contro i delinquenti che, per delle falsità dette, secondo loro piacimento, ora sono liberi di scorazzare per le vie Italiche, a spese dello stato. Quale è stato il contributo di questi delinquenti, che incutevano terrore anche ai Pubblici Giustizialisti, per meritare tanto? Lo sa Lei che, in tutta la provincia di Salerno, sono l’UNICO POLITICO condannato in Primo Grado? Questo è il risultato ottenuto dai Funzionari o Impiegati dello Stato, di cui Lei era confidente, i Dott. Leonida Primicerio (in Prigione mi notificò un reato inesistente, su denuncia del Gruppo DC di Eboli. Non conosceva la legge che regolava la costituzione delle ASL? Ignorante come i Consiglieri DC di Eboli, o scaltro accusatore che cercava di terrorizzarmi, per indurmi a dire qualche fregnaccia contro l’ex Ministro Carmelo Conte, come fece il mio difensore ?) (^), Ennio Bonadies (molto amico di uno dei miei ex Avvocati Difensori, il quale mi consigliò di scrivergli una lettera, sparita poi dagli atti del Processo e consegnata certamente ad un magistrato Ebolitano che, leggendosela, ha avuto l’ardire di venire a testimoniare contro di me, raccontando cose non vere e certamente non a sua conoscenza ), Luigi Apicella ed Ermanno Addesso (vedasi processi dei parenti) Cosa hanno pagato, dopo aver fatto spendere allo Stato Miliardi di lire ed ottenuto la mia sola (Agnello Sacrificale) falsa Condanna? Del dott. Vincenzo Di Florio, veda la mia lettera a Di Pietro, trasnessa in allegto (^) Vedasi mio articolo su Cronache.
    11/a Cazzata = La Finanza e l’Ecochimica.
    La informo che la Finanza, mediante il suo Colonnello, fece il più grosso buco nell’acqua, con lo spreco di ingenti capitali dello Stato. Il loro rapporto sull’Ecochimica diceva cosa a conoscenza di tutti e fatte nel più completo rispetto delle Leggi sul Collocamento. Era facile allora trovare tra la manodopera assunta anche parenti di malavitosi, onesti operai, però, che nulla avevano a che fare con i loro parenti delinquenti, tanto che da mia indagine, risultò essere, questi sfortunati cittadini, i lavoratori più seri ed attaccati all’Azienda. L’Ecochimica non aveva bisogno di protezione, per il semplice fatto che subiva l’estorsione camorristica in tutte le zone ove vinceva legittimamente gli appalti, senza alcun intervento della Magistratura a difesa delle Aziende private che operavano nelle svariate zone camorristiche (Eboli, Agro Nocerino Sarnese, Napoletano). Tutta la verità si evince chiaramente dalla mancata incriminazione o condanna per i fatti verbalizzati dal Colonnello che reggeva il Comando della Guardia di Finanza di Eboli. Che fine ha fatto, quel bel colonnello che, invece di acciuffare gli Evasori Fiscali, perdeva tempo, al servizio dei Pubblici Giustizialisti, con l’utilizzo di ingenti somme di danaro dalle casse dello Stato? Lo sa Lei che costui, senza alcun rinvio a giudizio di Ercole Andreani (assolto da qualsiasi reato), scrisse alle Banche di chiudere i conti dell’Ecochimica? Con quali poteri ed in base a quale Legge, tale Colonnello agì, iniziando a provocare la debacle dell’Ecochimica e di diecine di famiglie? In questa Società allo sbando, in cui primeggiano personaggi come “Antonio il Forcaiolo” e Falsi Giornalisti come Lei, Tarsia, Santonastaso, Ferraioli, Manzo & Company, Lei naviga col vento in poppa.
    Come si fa a sbugiardarvi? Come si fa a farvi provare cosa è la gogna mediatica e la miseria più nera?
    Sappia che i Pranzi, i Telefonini, i Vestiti, le Scarpe, le Auto, i Viaggi, erano frutto della mia onesta, intelligente e grande Preparazione Professionale, svolta in Italia ed in tutto il Mondo
    Le Cazzate sono infinite e mi fermo, restando solo nell’attesa di leggere sui giornali la sua condanna morale e quella di tutti i soggetti che hanno operato ed operano, passando sul corpo di onesti cittadini, solo per scopi di Potere Politico e Finanziario (De Mita, Prodi, Scalfari, Occhetto, i Pubblici Giustizialisti, la Loggia Magister, i prezzolati Scribacchini, gli ex Comunisti e tutti i Giustizialisti Italiani). Sadici, siete tutti sotto osservazione spinta del sottoscritto e, fino al mio sotterramento, lotterò per inseguirvi e tentare di colpirvi con le stesse armi che a me riservaste.
    Cordiali Saluti.
    Elio Presutto, il Morto Errante.
    p.c. Ministro Finanze p.c. Presidente Giunta Regionale p.c. Assessore Turismo Regionale p.c. Presidente Commissione Bilancio Regionale p.c. Assessori Provinciali Turismo p.c. Quotidiani Italiani ed Europei p.c. Procura della Repubblica dei Tribunale Napoli, Salerno e Potenza p.c. Quotidiani – On line

  33. Devo confutare una dichiarazione di Elio Presutto. I condannati ci sono anche se solo in primo grado e per i quali vige la presunzione d’innocenza sino alla sentenza definitiva, non per reati di camorra strictu sensu ma per reati comuni aggravati dall’art. 7 L. 203/91 ( circostanza aggravante ad effetto speciale che sanziona , con una pena + grave rispetto al reato semplice, chi commette delitti finalizzati all’agevolazione un’associazione mafiosa o avvalendosi della stessa) . Lui stesso nel processo California è stato condannato per un reato di questo tipo. Altri lo sono stati in altri processi ma non voglio farne i nomi perchè lo ritengo superfluo e non inerente perchè scrivo solo per amore di verità e non per giudicare le persone. Resto del parere , si leggano altri miei precedenti post, che il processo California sia stato uno scandalo e scandalosa è stata la richiesta di assoluzione di Carmelo Conte , persona sulla quale era imperniato tutto il processo e la contestuale richiesta di condanna per Presutto ed altri. A Elio Presutto esprimo nuovamente la mia solidarietà e gli auguro di poter vivere abbastanza per poter veder riconosciuta la sua estraneità ai fatti con una sentenza definitiva.

  34. Uno alla volta, per carita’
    Ho appreso su questo Blog che ad Eboli vi è, oltre al sottoscritto ed al Dott. Prf. Preside Domenico Palladino, un collegha che conosce approfonditamente l’Entomologia (Branca della Zoologia che tratta di Insetti). Lui parla delle Zanzare che durante l’estate infestano il nostro territorio e di Disinfestzione, pensando di avermi colpito con il suo missile terra-terra. Ad Eboli esisteva la capolfila della olding Nazionale “Union Chemie” ed “Ecochimica”che annoverava, nel suo staff, Biologi, Entomologi, Chimici, Laureati e Diplomati in Agraria, Operai altamente Specializzati e Meccanici Specializzati sulla microdiffusione delle particelle di H2O.
    Tale organizzazione dettava legge in Italia ed all’Estero (Arabia Saudita, Marocco, Tunisia, Algeria, Egitto, Venezuela, Iugoslavia,
    Spagna, Libano, Isole Caraibiche) in merito alla Ricerca, Sperimentazione e lotta ai Vettori (Insetti, Ratti, Volatili) di moltissime Nalattie Infettive. Le maestranze impegante ammontavano a circa 50, tra Ebolitani e forestieri (pochi), con la potenzialità di arrivare ad oltre 100. Improvvisamente tutto
    tarvolto dai Pubblici Giustizialisti che, pur di colpire me, devastarono il tutto con controlli spietati, Conti Bancari chiusi, sequestro di documentazione Tecnica e contabile. Il fallimento fu innescato, con incoscienza e senza salvaguardare una struttura di alta Specializzazione.
    Se vuole acculturarsi, incominci a visitare la voce Scienze di questo Blog, alla voce Influenza A.
    Non mi dilungo, le allego solo una mia lettera.
    Cordiali saluti.
    ON. Dott. Antonio Di Pietro,
    Lei crede veramente in quel che dice? Non penso, senza meriti politici, cavalcando e sfruttando “Tangentopoli”, di cui fu la “Testa di Ariete” (testa dura da sfondamento), fu candidato, dai suo amico, il “Giustizialista Rosso” (nd D’Alema), in una “Fortezza Rosso viva”, giungendo, così, al Parlamento Italiano. La Sua azione(?) politica(?), fallimentare, è stata mirata solo al “Posto di Comando”, continuando a cavalcare, senza stile e con rozzezza, la strada indicatagli dai Suoi amici “Pubblici Giustizialisti”, che continuano ad essere i Suoi Registi, spronandola a lottare (?) per imporre, in modo strisciante, la loro politica “Forcaiola” e “NaziFascista”. I Suoi comportamenti, simili al peggiore “Mussolini”, tradiscono chiaramente le Sue idee e lo scopo cui mira. Lei si tradisce facilmente, anche in Parlamento, mettendo in evidenza lo scopo della Sua missione(?), tanto da essere smentito dal Presidente Fini, in occasione della richiesta di messa sotto accusa Penale di alcuni “Veri Parlamentari”. Lei va dove spira il vento del “Potere Giustizialista”, senza esitazione, senza umanità, come per la legge sugli “Immigrati” e, quando, si tenta di salvare dal baratro, con la Legge sulle intercettazioni telefoniche la vera “Giustizia”. La libertà d’intercettare, senza limiti e senza alcun controllo, non può essere concessa ad uomini assetati di “Potere Politico” e di “Protagonismo”. Si ricordi che gli uomini, nessuno escluso, sono portati a sbagliare: 1) Involontariamente; 2) Volontariamente, per motivi personali; 3) Costrettovi da: “Lobbie”, “Logge”, “Associazioni di Categoria”, “Associazioni Delinquenziali”, cui hanno aderito. Ritornando alle intercettazioni telefoniche. Le racconto un episodio della mia travagliata vita di “Perseguitato Politico”.
    Negli anni 92/93, il mio telefono fu messo sotto controllo dalla Magistratura Salernitana, senza raccogliere un cavolo. Furono impegnate diecine di Guardie della Finanza, con viaggi, a coppie, in tutta Italia, al solo scopo di incastrarmi, per la mia incisiva attività politica. Fu setacciata la mia abitazione, il mio garage, la mia auto e quella di mia figlia, il mio ufficio, le sedi dove avevo amministrato Enti Pubblici e Privati, le sedi di moltissime Industrie Chimiche e Ditte di prodotti chimici. La sede ed il capannone dell’Azienda familiare, furono messe sotto controllo spinto, per tre mesi, da tre Marescialli di Finanza, il solito quotidiano “Il Mattino”, pilotato dal sospetto(?) amico dei “Camorristi Napoletani”, residente in un bellissimo paesino dell’Avellinese, mi onorò(?) di un bellissimo articolo ( L’Impero Chimico di Presutto) ed il “ROMA” inneggiò, come se stessero indagando sul “Capo della Camorra” . Furono interrogati diverse diecine di personaggi, furono tormentati i miei cari FIGLI, NIPOTI, FRATELLI, GENERI, DISCENTENTI E COLLATERALI, innocenti, ricchi di educazione esemplare, nobili di animo e di azioni, come i suoi FIGLI, MOGLIE e PARENTI. Dopo aver speso milioni e milioni di lire, per intercettazioni telefoniche ( allora i miei telefoni, con numeri non variabili e non variati, erano continuamente in attività, sia per lavoro e sia per la politica), l’impiego di uomini delle varie Forze Pubbliche (si salvò solo l’Esercito Militare), di viaggi costosissimi, l’impegno di Impiegati dello Stato (Magistrati , Cancellieri, Segretari, Dattilografi, uscieri) e del Comune di Eboli, il
    “RISULTATO”
    fu: L’Arresto domiciliare di Presutto Elio (vedi “Il Mattino”, “Il Roma”, con foto della mia abitazione e giornalisti che chiedevano di affacciarmi alla finestra di casa ), il “Reina di Eboli”, per una telefonata, intercorsa con un mio amico, il Prof E.B., dalla quale, leggendola, non si evinceva alcuna attinenza con i motivi dell’ arresto, anzi sbugiardava gli
    “ Ematofagi”.
    Il processo, stranamente, fu accantonato per decorrenza dei termini, cosa che accettai, solo su pressione del mio Legale di Fiducia, che era pagato dallo Stato (altre spese), per la mia estrema povertà, cui mi avevano portato, per dare sfogo alle loro incapacità ed irresponsabilità.
    “Che Figuraccia”
    Cosa ha pagato il Suo ex collega, “Pubblico Giustizialista”? La promozione, da parte dei “Capi Loggia”, ad una carica superiore, pur di sbarazzarsi della sua ingombrante presenza, perché era stato sbugiardato dai fatti?
    Ed ancora, cosa ha ottenuto il Suo ex collega di Potenza, dopo aver sconvolto il “Mondo dello spettacolo” e del “Calcio”, con notevolissime spese, a carico dello Stato e di moltissimi cittadini?
    “NULLA”
    Solo il rinvio a Giudizio di un bellimbusto che non arrecava, forse, danno ad alcuno, se non a se stesso.
    Ludwig
    Trasmessa il 08/06/08

  35. Per “admin”.
    Scusami, approfitto troppo del tuo Blog.
    Grazie
    Elio

  36. Gentile Avvocato Antonio.
    La ringrazio per l’attestato di stima e per gli auguri.
    Il Suo intervento chiarificatore è mancate di un anello, perchè il reato di Partecipazione esterna Mafiosa è inesistente, come applicato dal “Clan Magister”. Il California, per chi conosce gli Atti, è il pattume della Giustizia Italiana. I super pagati Inpiegati dello Stato (Magistrati), che operano a loro piacimento, senza alcun controllo, hanno montato, pilotando famosi e feroci Assasssini, hanno accumulato una montagna di carta scritta, pur di annientare i Socialisti. Legga gli atti e si rennderà conto che sono stati capaci solo di stringere, in fondo, una manciata di MOsche. Il verdetto in primo grado, mi fa solo sorridere, perchè basato sul nulla e sulle false testimonianze.
    Ho già ampiamente trattato, su questo Blog, cosa è la Giustizia Italiana.
    Sinceri e cordiali saluti.
    Allego solo una dele mie riflessione.
    Dott. ELIO PRESUTTO
    Ricerche Entomologiche Ricerca e sperimentazione sui Biocid Ricerche e consulenze in Bonifiche Ambientali

    IPOCRISIA

    Fassino, D’Alema, Franceschino, Bersani, Marino, Prodi, Napolitano, unitamente alla pletora dello IDV, fingono di ignorare che tramite il loro esercito dei Pubblici Giustizialisti, in modo strisciante, determinano i destini di qualsiasi cittadino che ostacoli il loro progetto di “Golpe”?
    Si assiste, con indifferenza, che, un Pubblico Giustizialista di Potenza, incrimina Fini e, dopo che il Presidente della Camera, rinunzia al Lodo Alfano, cadono le accuse e l’accusatore ritira la sua richiesta di Procedimento Penale, senza che Fini lo denunci per diffamazione, abuso di potere e destabilizzazione degli Organi Superiori dello Stato.
    Si assiste all’oltraggio del Presidente della Repubblica (Vile, colluso con i Mafiosi), da parte del Macellaio Di Pietro, senza che i CattoComunisti del PD e la stampa di Sinistra (?) lancino un allarme di tentativo di Golpe NaziFascista, da parte di quest’incolto signore.
    Gli Eroi sono pochi, tanto che sono decorati con Medaglia d’Oro. Essi, pur conoscendo il pericolo, offrono il loro petto al fuoco nemico, pur di salvare l’onore della Patria o innocenti cittadini. Berlusconi, pur essendo un Eroe, sa benissimo che andando in Tribunale per affrontare i suoi aguzzini, morirebbe con certezza, anche se difeso dal meglio della Scienza Forense, senza aver salvato la Patria e la gente che soffre. Al contrario favorirebbe il progettato “Golpe” dei CattoComunisti e del Forcaloio Naziskin.
    D’Alema e Fassino, sono stati salvati dalla “Casta Magister” nel caso Unipol.
    Fassino è stato salvato nel caso Iugoslavia.
    Prodi, Mancino e Mastella sono stati salvati nel caso di Catanzaro.
    Che fine hanno fatto i CattoComunisti incriminati a Genova, a Firenze, a Napoli, a L’Aquila, a Bari, a Potenza ed in tutto il territorio Nazionale?
    Che fine ha fatto l’incriminazione di Di Pietro Junior, accusato di scambio di voti e di Concussione?
    Come sta il CattoComunista Presidente del Porto di Genova?
    Ipocriti e delinquenti, al pari dei Mafiosi e dei Camorristi, i CattoComunisti, non si sono resi conto che gli Italiani hanno capito il gioco e che, come per Craxi, falliranno, anche se Berlusconi si farà sgozzare sugli innalzati Patiboli.
    Parlano di libertà di stampa, mentre tra Carta Stampata, TV ed internet, i CattoComunisti, ben protetti dalla Casta Magister, offendono, condannano e svergognano tutti, senza alcun’etica e senza alcuna prova.
    Altro che libertà di stampa, questa è libertà d’oltraggio.
    Il lardoso De Benedetti, ricco di Miliardi, guadagnati senza lavorare, acquistando, invece, aziende decotte e vendute per buone allo Stato od a sottomessi imprenditori già falliti, specula, come un qualsiasi strozzino, sullo stato e sulla povera gente. Con l’aiuto e la concussione di Prodi s’impossessa delle Aziende dell’IRI, riqualificandole con gli aiuti monetari dello Stato, per poi rivenderle al migliore offerente, con colossali guadagni.
    Domandate a D’Alema cosa avvenne quando, alcuni anni or sono, il PM del Pull Antimafia, per interrogarlo e non far trapelare all’esterno l’affare, dovette concordare con l’On. Violante, la data, l’ora ed il luogo dell’incontro.
    Che fine ha fatto la mia rivelazione su De Mita, per la sua collusione con la Camorra?
    Non sono un Giustizialista ma un Giustiziato abusivamente, non devo porgere gli auguri d’assoluzione ai CattoComunisti, saranno tutti salvati, li faccio, invece, al Presidente del Consiglio, perché continuano a perseguitarlo, con spudoratezza e viltà.
    Eboli 13/10/09

    ____________________________________________________________________________
    Dott. Elio Presutto – Largo 4 Agosto 1943, n° 4 – (84025) EBOLI (SA). Tel. 0828/333452 Fax 0828/366420 – Cellulare 320/0823326
    E.mail: elcaribe7@gmail.com

  37. Per Elio Presutto. Lei continua ad ingolfare il blog con chilometriche dissertazioni sulla sua innocenza, buttando veleno su chi non la pensa come lei, che si affida solo ai dati di fatto : alle sentenze!
    E poi non ho mai sentito di un condannato che ha definito giusta la sua condanna.
    Io non sono giustizialista nè tantomeno ruffiano o simil criminale . Lei non vuole capire ciò che le ha detto anche Antonio, il quale ha confutato le sue dichiarazioni . Confutare significa : dimostrare validamente la falsità di una tesi, respingere gli argomenti di una persona ,quindi, ha respinto le sue argomentazioni, infatti, Antonio dice testualmente : “i condannati ci sono anche se solo in primo grado e per i quali vige la presunzione di innocenza sino alla sentenza definitiva, non per reati di camorra strictu sensu, ma per reati comuni aggravati dall’art. 7 L.203/91 (cicostanza aggravante ad effetto speciale che sanziona, con una pena più grave, rispetto al reato semplice, chi commette delitti finalizzati all’agevolazione un’associazione mafiosa o avvalendosi della stessa)”.
    Mi vuole dire perchè dovrei vergognarmi: non sono camorrista, non sono simil criminale, non sono ruffiano perchè dovrei?

  38. In diritto penale le circostanze, dal latino circumstantia (circum-stare, stare attorno), sono elementi non costitutivi del reato che, accedendo a una fattispecie già perfetta, comportano un inasprimento o una mitigazione della pena edittale.

    Circostanze ad effetto comune, circostanze ad effetto speciale e circostanze ad efficacia speciale: le prime comportano un aumento o una diminuzione della pena fino ad un terzo; le seconde comportano un aumento o una diminuzione della pena superiore ad un terzo; le circostanze ad efficacia speciale comportano invece una pena di specie diversa rispetto a quella prevista per il c.d. “reato base”.

  39. “L’avvocato è un galantuomo che salva i vostri beni dai vostri nemici tenendoli per sè.”
    (Heinrich Heine)

  40. scrivo solo per quelli come Lei che, anche se sanno scrivere, non comprendono quello che leggono.
    Mi trovo su questo Blog occasionalmente e solo per segnalare ad “adim” una sua dimenticanza, in un articolo. Fui assalito e sbranato da alcuni Lupi famelici che frequantano questo Blog e che scrivono come Lei. La verità vi scotta assetati Ematofagi, Giustizialisti e Forcaioli al pari di DiPietro e dei Pidiellini. Ad Eboli, solo io sono stato, tra i politici locali, incriminato dai Pubblici Giustizialisti Salernitani senza prove e senza alcuna motivazione, basandosi sulle falsità dei pentiti e sulla menzogna di un Magistrato Ebolitano, mai riscontrate.
    Se le scoccia quel che scrivo, cambi Blog e faccia come me che scrivo su Blog Nazionali ed Internazionali e su quotidiani di tiratura Nazionale. Si abitui a leggere con attenzione, se è dotato di un minimo di “Intelligenza” e di scernimento. Io mi onoro di dialogare, su questo Blog, con giovani che, pur se preparati ed intelligenti, sanno essere modesti e gentili con chi parla di Polita.
    Contnui pure a buttare fango sulla mia persona, troverà ossa dure per Lei ed i suoi suggeritori. Nascondetevi nei vostri sarcofagi, codardi pieni di odio e di voglia di Sangue, al pari dei
    Vampiri.
    Continui a scivere ma impari a leggere.

  41. Uno per GIANFRACHINO e uno per tutti.
    Mi trovo a commentare su questo Blog solo per comunicare ad “admin”una sua dimenticanza, nello scrivere un articolo.
    Fui subito aggredito da Lupi famelici, al par Suo. Con la differenza che essi, dotai di “Intelligenza” e capaci di discernere quello che leggevano, sono da accogliere paternamente.

  42. Per “Gianfranchino”.
    Lei raglia e ha la testa dura come un Mulo.
    Senza saper leggere, pur sapendo scrivere, voule togliermi la libertà di parlare e di rispondere Lei ed ai suoi suggeritori. Per i Giustalisti come Lei, esiste solo la verità del Clan dei Pubblici Giustizialisti e del Clan Camorristico Ebolitano che, per me, pari sono. Non ho bisogno di difendermi, la rerità vi fa male, immondi Vampiri, assetati di sangue umano che, nascosti nei vostri Sarcofagi, vi lanciate sulle vostre innocenti vittime. Su questo Blog scriverò fino a quando lo consentirà il mio amico Massimo Sel Mese. H ragione solo di una cosa, scrivo molto perchè non sono in grado di fare la sintesi, avendo fatto solo studi Tecnici.. Massimo sarò più conciso, perchè non conosco la capacità di contenimeto di un Blog.
    Spellacchiati Vampiri, le vostre dita sono troppo piccole per nascondere le vostre Carcasse. Un giorno, ora sono accupato, devo vestirmi da Bianco Cavaliere, per affrontare i miei Avvoltoi di Corso Garibldi, a Salerno. Un giorno, vi racconterò quanti scheletri stanno negli armadi dei vostri Casati.

  43. Per la coscia posteriore stagionata del suino. Quando si vestira’ a guisa di “Sceicco Bianco”, non si faccia vedere e non vada girovagando per Corso Garibaldi, altrimenti la condurranno al servizio di Igiene Mentale. La qualcosa sarebbe triste ed indecorosa per uno che di quella Azienda e’ stato manager, immagini il divertimento degli avvoltoi ivi appolaiati.

    P.S. non usi il bianco perche’, con l’aggiunta della paglietta, potrebbe essere confuso con uno chansonnier napoletano, non e’ da lei , lei ha avuto a che fare con uomini di pancia, uomini che, a suo dire, hanno terrorizzato la Campania intera.

  44. RAGAZZI RIMANIAMO SUL TEMA, SIAMO TUTTI BLOGGERS CHE SCRIVIAMO A FIN DI BENE, NON AVVELENIAMOCI! SERENO WEEK-END A VOI TUTTI.P.S. ENTRAMBI AVETE LE VOSTRE VALIDE RAGIONI, OGNUNO POI SA IL SUO.

  45. Gianfranchino scusami se mi permetto, lei è un maleducato, nella tua vita purtroppo x te e i membri della tua famiglia nn avrai mai l’onore di avere a che fare con le persone con cui trattava e faceva politica il Dott. Presutto.
    Faccio una premessa il Dott. Presutto anche se nello stesso partito, era nemico di mio padre politicamente, e nn voglio stare qui a difenderlo, perchè nn ne ha bisogno.
    Nn ho condiviso in toto il loro modo di fare politica, ma erano altri tempi…….
    Però lei deve imparare a rispettare le altre persone, in special modo persone che hanno amministrato Eboli.
    Sig. Gianfranchino xkè nn incomincia lei a fare politica e ci insegna come farlo nel miglior modo possibile.
    Perchè, come giustamente dice il Dott. Presutto nn ci dice chi lei è. Così da poter vedere se anche lei, che è un uomo quasi paragonabile a Padre Pio ha degli scheletri nell’armadio ?
    X kè nn la smette di fare il moralizzatore come in molti fanno?
    Se dici il tuo nome, più di me il Dott. Presutto poichè ha qualche anno in più, potrebbe quasi scrivere un libro.
    Smettetela, rimboccatevi le maniche e fateci vedere a tutti noi socialisti ( lo rimarremo fino alla morte) come si amministra e fa politica.

  46. SCUSAMI PER LA PROVOCAZIONE,CARMELO FIGLIO DI ANGELO, MA DOVE RA IL SOCIALISMO NEL p.s.i. anni ANNI ’80 Lo stesso Pertini, che schifava l’establishement del partito, sulla bara volle LO STENDARDO DEL PARTITO ANNI ’20 COLLA FALCE ED IL MARTELLO, ED E’ STORIA QUESTA, PROVA A CONFUTARLA, visto che il vostro P.S.I. era composto di imprenditori “improvvisati”, faccendieri,pregiudicati. e altra fauna poco gradibile! UN TEMPO CARO CARMELO C. (FORESE TU NON NE SEI EDOTTO PER VIA DELLA GIOVANE ETA)’,PRIMA DI TUO ZIO E DEL SUO “CAPO” BETTINO, DEFINIRSI SOCIALISTA ERA SINONIMO DI PERSONA PERBENE, NELLA VITA CIVILE E NEGLI AFFARI! QUANDO CRAXI NEL ’92 FESTEGGIO’ IL CENTENARIO DEL PARTITO IN CONCOMITANZA DI MANI PULITE(effetto della corruttela di cui il vostro partito era leader nazionale), STRIDEVA IL DI “ALLORA ” PRESENTE, CON LA STORIA E I PERSONAGGI FONDATORI,TURATI,NENNI, AUTENTICI GALANTUOMINI. SE OGGI AVETE TALE NOMEA CI SARA’ UNA CAUSA…INCOLPARE GLI ALTRI E’ FACILE ALIBI. FATE AUTOCRITICA. MA VOI SIETE SOCIALISTI COME IO E GIANFRANCHINO MARZIANI. P.S. PER TE ED IL GENTILE PRESUTTO, MOLTI DIRIGENTI NAZIONALI ARRESTATI HANNO CONFESSATO (Giallombardo docet) O SONO TUTTI PAGATI DAI GIUDICI “comunisti”,SAREBBE POCO VEROSIMILE!

  47. Corsera del ’94:si e’ consegnato alla frontiera di Ventimiglia: deve rispondere di concussione, corruzione e violazione del finanziamento dei partiti
    Giallombardo in cella non s’ arrende
    in carcere Giallombardo Mauro, segretario di Craxi Bettino, che ammette di essersi prestato poche volte a cercare contributi e respinge le accuse su ENIMONT e fa scudo all’ ex leader PSI. oggi sara’ in aula

    ————————- PUBBLICATO —————————— Si e’ consegnato alla frontiera di Ventimiglia: deve rispondere di concussione, corruzione e violazione del finanziamento dei partiti TITOLO: Giallombardo in cella non s’ arrende L’ avvocato: “Ammette solo di essersi prestato in pochissime occasioni a cercare contributi” Rinchiuso a Busto Arsizio, oggi sara’ in aula Il segretario di Craxi respinge le accuse su Enimont e fa scudo all’ ex leader psi – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – MILANO . Non e’ una resa. Mauro Giallombardo, l’ ultimo capo della segreteria particolare di Bettino Craxi, si e’ costituito l’ altra notte alle dieci e mezzo. Si e’ presentato alla frontiera di Ventimiglia. La stessa dove un anno fa ricompari’ un altro fedelissimo dell’ ex leader socialista, Silvano Larini. Ma se il rientro di Larini era stato un terremoto, questo non promette grandi sorprese: Giallombardo ha scelto lo stesso avvocato di Craxi, Enzo Lo Giudice. E nel primo interrogatorio ha protetto l’ ex presidente del Consiglio. Giallombardo respinge ogni accusa sulla vicenda Enimont: non sa nulla dei miliardi di Cct passati dal Vaticano al Lussemburgo. Spiega l’ avvocato Enzo Lo Giudice: “Ammette solo di essersi prestato in pochissime occasioni a cercare contributi per il Psi nell’ ultima campagna elettorale. Il segretario amministrativo Vincenzo Balzamo gli aveva svelato: “Il partito non ha una lira”. E gli aveva chiesto di dargli una mano”. Diversa la convinzione dei magistrati milanesi. Contro di lui vengono firmati due ordini di cattura: concussione, corruzione e violazione del finanziamento dei partiti. Il primo mandato a febbraio. Da quel momento Giallombardo sparisce. Una fuga che passa in secondo piano. Soltanto i giudici belgi, alle prese con lo scandalo Agusta e l’ omicidio del ministro Cools, continuano a dargli la caccia. Da Bruxelles arriva l’ accusa: “E il tesoriere dell’ “Internazionale socialista delle tangenti”. Poi con il processo Cusani il suo nome comincia a prendere peso. Udienza dopo udienza, Di Pietro mette a fuoco la figura di questo funzionario dell’ Europarlamento. Fino a farne il cardine del teorema dell’ accusa: Cusani uguale Giallombardo uguale Craxi. Almeno sei imprenditori dichiarano che era lui l’ uomo incaricato di raccogliere i fondi per Craxi. Poi vengono scandagliate le sue societa’ . Per prima arriva la “Merchant Italia”, il salotto del socialismo trionfante. C’ e’ Sergio Cusani, ci sono Nicola Trussardi, Salvatore Ligresti e Gianfranco Troielli. Poi la Merchant International e la Merchant Europe in Lussemburgo. I “contribuenti” spiegano in aula che Giallombardo gli offriva di trasformare i finanziamenti in contratti di consulenza. Il suo segreto? “Era stato capogruppo socialista al Parlamento europeo . svela Lorenzo Panzavolta .. In questa veste aveva potuto visitare anche Paesi dell’ Est, conoscere capi di Stato e responsabili di enti economici pubblici”. “Insomma . sintetizza Di Pietro . poteva aprire le porte…”. Ma Giallombardo non ci sta. In cella si difende a tutto campo: “Si e’ parlato moltissimo della Merchant . dicono i suoi avvocati . ma non e’ mai stato utilizzato ne’ il gruppo ne’ i conti per passaggi o depositi di somme provenienti da tangenti”. Anzi: “Fu proprio lui che mise sull’ avviso Craxi e gli parlo’ della condizione del Psi rispetto agli altri partiti in Europa, convincendolo che era circondato da una pletora di mercanti. Ha cominciato a collaborare con Craxi per liberarlo dai nani e dai ballerini”. E il mezzo miliardo chiesto a Panzavolta e finito sui conti di Cusani? “Non esiste”. Il tutto documentato in un voluminoso memoriale difensivo. Dove era finito Giallombardo? Le leggende sono state molte. La stampa fiamminga si e’ scatenata: sterminate tenute in Costa Rica, ville da favola alle Baleari. “Non era in vacanza ne’ in luoghi di villeggiatura . spiegano i legali . e’ sempre rimasto in Europa”. Piu’ facile infatti che sia rimasto nel Lussemburgo dove vivono la moglie, le due figlie e il fratello. Ma pure quel santuario e’ stato violato. Una settimana fa l’ irruzione di Di Pietro. Ed anche la patria delle societa’ piu’ inaccessibili ha aperto i forzieri al giudice di Mani Pulite. Che e’ tornato carico di documenti sulla Banca Internazionale del Lussemburgo e gli ha fatto terra bruciata intorno. E a questo punto che Giallombardo si costituisce. All’ aeroporto di Nizza lo attende Salvatore Lo Giudice, figlio e assistente di Enzo, e con un taxi raggiungono la frontiera. Si incontrano con il magistrato a pochi metri dalla linea di confine. Loden verde, occhiali da intellettuale Giallombardo non parla molto. Dicono fosse teso, molto nervoso. Impaurito. O forse soltanto stanco. A lui pensano gli uomini del nucleo di polizia tributaria che lo ammanettano e lo portano nel carcere di Busto Arsizio: cella d’ isolamento. Il magistrato riprende la corsa: Milano e Ventimiglia andata e ritorno in quattro ore. Poi tre ore di sonno e di nuovo in aula. Per annunciare in diretta tv: “Si e’ consegnato a me Mauro Giallombardo”. Il gip Italo Ghitti parte subito per la convalida dei mandati. Cinque ore, poi all’ uscita Ghitti sentenzia: “Per me e’ finita”. Oggi l’ ex ricercato numero uno arriva in aula. Si prevede battaglia.

    Arachi Alessandra, Di Feo Gianluca

  48. AVVISO IMPORTANTE a tutti i partecipanti ai Forum di POLITICAdeMENTE
    E’ il caso di ricordare a tutti voi che è importante attenersi strettamente alle discussioni dei temi proposti ed evitare offese gratuite e interventi con contenuti che potrebbero urtare la suscettibilità di chi interviene. Bisogna sicuramente criticare, ma bisogna comunque rispettare i propri interlocutori.
    Vi prego di non lasciarvi andare e di abbassare i toni della discussione. Se vogliamo continuare a “giocare”, evitiamo di distruggere il “giocattolo”.
    Grazie

  49. Per Admin. Come mai e’ intervenuto solo ora?
    Perche’ non e’ intervenuto prima? Io in un recente passato vi avevo invitato a discutere del tema : centodestra nel pantano, ma qualcuno ha incominciato a parlare di ebolitana e di vicende giudiziarie .. e ci siamo inpantanati . Lo sceicco bianco insieme al suo correligionario Carmelo C, mi hanno offeso in continuazione e voi tutti zitti. Voglio dire a Carmelo C. che nella mia famiglia non ci sono stati mai avanzi di galera, la mia e’ una famiglia di onesti lavoratori e l’educazione e’ stata, in ogni occasione, la nostra bandiera, all’altro e’ meglio non rispondere. Infine consiglio a Carmelo C., vivamente, di astenersi dal parlare di socialismo, quello vero, perche’ materia a lui sconosciuta e solo parlandone si macchia di blasfemia. Penso che questo sia, se pubblicato, il mio ultimo intervento, non si puo’ restare qui e subire passivamente gli sproloqui di qualcuno e non avere il diritto di replica. Scusatemi

    • Per Gianfranchino-
      Perchè non sto sempre vicino ad un computer e perchè la mole dei commenti è tale che può anche sfuggire qualche cosa, poi anche perchè avendo dato il passi dopo aver letto molti dei vostri interventi, in un certo senso mi fido.

  50. Per Gianfranchino e gli altri. Si sta eccessivamente scadendo nell’offesa personale e gratuita, l’intervento da te commentato va proprio nella direzione di evitare che la discussione degeneri. Da questo momento tutti i commenti gratuitamente offensivi saranno moderati proprio per venire giustamente incontro alle rimostranze dei tanti come te che chiedono a gran voce che i toni restino pacati e si continui a discutere sui fatti senza scadere nella volgarità.

    p.s. se non dovessimo notare interventi lesivi è in virtù della gran mole di commenti. Potete inviarci una mail segnalandoci commenti ritenuti offensivi e qualora risultassero davvero tali provvederemo immediamente a moderarli.

    Grazie

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente