I Motta precisano: L’appoggio a De Luca e Alfieri? Perché sono bravi amministratori

Vincenzo e Gerardo Motta smorzano le polemiche e chiariscono: L’appoggio a De Luca e Alfieri, perché hanno dimostrato di essere bravi amministratori.

La loro collocazione politica, alle elezioni amministrative cittadine, Regionali a parte, è equidistante dai due poli e avrà carattere Civico. E mentre il PD locale si agita, il 13 aprile alle 16.00 Vincenzo De Luca parteciperà ad un meeting politico presso l’Azienda Motta.

Gerardo Motta-Vincenzo Motta-Vincenzo De Luca-Franco Alfieri

Gerardo Motta-Vincenzo Motta-Vincenzo De Luca-Franco Alfieri

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – “La lettura dei giornali di oggi – ci spiega telefonicamente Vincenzo Motta rispetto ad alcune informazioni di stampa – mi obbliga ad una doppia precisazione: Per me e per conto di mio fratello Gerardo. La mia precisazione è dettata anche dal fatto che mio fratello non è un utilizzatore di Facebook, e conseguentemente non potendolo comunicare con immediatezza, come invece ho fatto sulla mia pagina personale, chiarendo le voci divulgate e divenute anche notizie di stampa, riguardo alle interpetrazioni distorte attribuite alle nostre scelte, tra l’altro chiare e lineari e abbondantemente precisate in altre circostanze da Gerardo, che vanno in tutt’altre direzioni rispetto alle divulgazioni giornalistiche.

Vincenzo Motta

Vincenzo Motta

Scelte inequivocabili – aggiunge Vincenzo Mottache da cittadini della Campania e da imprenditori, anche e soprattutto rispetto ai risultati fallimentari riscontrati nella gestione della cosa pubblica, sia a livello regionale che provinciale dell’ultimo quinquennio, ci hanno indotto a prendere una decisione volta a sostenere personalità politiche, che nella loro vita da amministratori pubblici hanno dimostrato di avere a cuore le loro città e i loro cittadini e hanno dato prova di buona amministrazione, oltre al fatto che hanno contribuito a dare un impulso economico alle comunità che hanno amministrato.

Pertanto, – prosegue nei chiarimenti – per dirla in modo chiaro e altrettanto inequivocabile, come ha fatto in più di un’occasione Gerardo, la scelta di votare per il Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca e quello di Agropoli Franco Alfieri, prescinde da qualsiasi loro collocazione e qualsiasi loro militanza partitica, perchè hanno dimostrato nel corso di questi anni di essere stati davvero capaci, affrontando e risolvendo i mille problemi quotidiani dei cittadini, sapendo altresì coniugare sviluppo e territorio, imprimendo una svolta economica alle loro Città, con risultati amministrati ampiamente riconosciuto dagli elettori, i quali hanno ricambiato con un consenso quasi assolutistico.

Gerardo Motta

Gerardo Motta

Tale scelta – tiene a sottolineare – è stata subito “abbinata” alle prossime elezioni amministrative, inventando di sana pianta un inspiegabile e fantasioso “accoppiamento” con il PD, partito a cui non siamo iscritti e Gerardo meno che mai. – e così come ha postato su facebook ci ribadisce scherzando ipotizzando un Gerardo Motta in versione di sinistra – non ce lo vedo con il colbacco e la balalaika – Gerardo nel corso di questi giorni e rispondendo alle varie domande che gli sono state rivolte, ha risposto sempre con chiarezza, precisando e senza equivoci che la partecipazione alla prossima tornata elettorale ammnistrativa comunale avverrà ma seguendo un progetto civico e senza alcun “patrocinio” politico né di destra né di sinistra, dei quali ritiene di non avere bisogno, anche alla luce delle vicende che hanno travolto la nostra Città.

Invito quindi – conclude la sua chiacchierata con POLITICAdeMENTE l’Imprenditore e Vice Segretario Nazionale degli Autotrasportatori Vincenzo Mottaanche i politologi e gli ideologi, che con le loro scelte hanno già arrecato danni irriparabili alla nostra città, di parlare di altro e semmai di interessarsi delle proprie vicende politiche, dei propri problemi e di quelli che hanno i loro partiti, ribadendo, senza per questo voler aprire una discussione che non appassiona affatto, poiché qualsiasi decisione spetta a nio fratello Gerardo, il quale a tempo e debito e nelle forme che più riterrà opportune, compierà scelte opportune e ponderate“.

Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca

Manca più di un anno e non è detto che le elezioni amministrative non subiranno ancora un ulteriore rinvio, tanto è stata scassata questa Città, e già si ipotizzano scenari politici futuri riconducibili ad alleanze e a schieramenti che vedrebbero coinvolti vari personaggi politici, in verità poche sparute persone, che in qualche modo non sono state travolte dal ciclone “scioglimento” per infiltrazioni camorristiche, tanto da ricorrere a precisazioni come ha fatto Vincenzo Motta.

Ma evidentemente le fibrillazioni sono dettate dalle imminenti regionali e ovviamente, gli accordi di oggi si rifletteranno inequivocabilmente sui risultati di domani e si proietteranno sulle scelte di “dopodomani”, al di la di quello che i singoli dirigenti del PD locale cercano di minimizzare o magari arginare i percorsi con steccati che varrebbero un bel niente, nel momento in cui il PD riceve un risultato politico ragguardevole, attraverso i suoi candidati che non potranno prescindere affatto dai consensi che giungeranno su di loro.

Intanto sia Gerardo Motta in altre interviste, che il fratello Vincenzo con queste sue dichiarazioni, hanno ribadito che la loro collocazione politica, rispetto alle elezioni amministrative cittadine è equidistante dal centrodestra e dal centrosinistra, e assumerà il carattere di una coalizione Civica. Al contrario, rispetto alle elezioni regionali del prossimo 31 maggio, la loro scelta, facendo una valutazione politica e imprenditoriale, è basata sulle capacità amministrative indiscusse dei due Sindaci De Luca e Alfieri, ritenendo che l’aver saputo amministrare  sia un merito e quindi siano meritevoli di essere eletti a Governatore della Campania e a Consigliere Regionale.

Franco-Alfieri-sindaco-Agropoli

Franco-Alfieri-sindaco-Agropoli

La preoccupazione per nulla peregrina, è che ponendo sul “tavolo” possibili scenari politici e possibili discese in campo, in questo caso sia di Vincenzo che di Gerardo Motta, sia il tentativo di bruciare i percorsi e semmai mettere i due fratelli contro, di quì la valenza delle dichiarazioni rilasciate al nostro sito, ma anche quello di “allarmare” i vertici locali del PD per modo che questi facessero fuochi e fiamme, del tutto inopportune, atteso che il loro coinvolgimento è stato più che conclamato con l’appoggio alle Primarie. Appoggio che verrà suggellato, anche se nessuno si è fatto scappare dalla bocca niente, il prossimo 14 aprile quando Vincenzo De Luca parteciperà ad un meeting politico presso l’Azienda Motta.

In verità negli ultimi mesi le attività dei singoli partiti sono state pressoché nulle, alcuni sostengono che sia una strategia per allontanare ogni possibile associazione alla rovinosa esperienza dell’Amministrazione Santomauro e alle altrettanto rovinose esperienze maturate negli ultimi 30 anni che hanno contato più Commissari Prefettizi che Sindaci eletti e che hanno procurato non pochi problemi alla ricca ed opulenta Battipaglia. Contrazione di attività che ha lasciato lo spazio alle Associazioni  e ai movimenti cittadini come: Civica Mente; A 717 Battipaglia e Oltre; Etica per il Buon Governo; Movimento 5 Stelle, aggiungendovi, nell’ultima fase, anche l’azione del giovane segretario del PD Davide Bruno.

L’assenza politica però non ha impedito ad alcuni Partiti, che tanta responsabilità hanno avuto negli anni scorsi, di rompere il silenzio e certo non per raccontare i fallimenti locali e quelli provinciali e regionali a cui hanno partecipato a pieno titolo, ma per proporsi e “presentare” candidature, facendo leva sull’Ormone della dimenticanza politica che prende gli elettori, e così tra Fernando Zara, Carmine Pagano, Vincenzo Inverso, da una parte, Enrico Farina dall’altra, si delineano scenari politici che vanno ben oltre l’appoggio dei Motta a De Luca e Alfieri e si raccomanda ai giovani “imprudenti” dirigenti battipagliesi del PD di non indebitarsi troppo con la bocca, perché il 13 aprile prossimo alle ore 16.00 presso lo stabilimento Motta, ci saranno anche loro presso l’Azienda Motta a sostenere Vincenzo De Luca, e si accorgeranno che oltre a De Luca e Alfieri ci sarà tutto lo stato maggiore provinciale e regionale del PD e i baci e gli abbracci non si conteranno così come non si conteranno gli applausi e le strette di mano che tutti tributeranno i due Candidati e i due organizzatori.

Battipaglia, 30 marzo 2015

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente