Comunicati Stampa del 7 novembre 2010- Salerno: USB CUB- Eboli: SEL; Sindaco Melchionda; Nuovo PSI

COMUNICATI STAMPA

del 7 novembre 2010

Da oggi, i Comunicati Stampa, saranno riportati tutti insieme e senza aggiungere nessun commento, sulla base dei quali poi, POLITICAdeMENTE, se lo riterrà opportuno li citerà o ne parlerà negli articoli.

In ogni caso, con la loro pubblicazione integrale, POLITICAdeMENTE assicura l’informazione, la divulgazione e i relativi commenti.

La decisione è scaturita dal fatto, che POLITICAdeMENTE vuole assicurare come sempre ha fatto l’informazione a 360°, assicurando a tutti una vetrina, ma nello stesso tempo è da sottolineare che spesso, il ricorso al comunicato è ingiustificato, così come sminuisce le azioni e annulla l’interesse dei lettori, i quali ne vengono tempestati.

La notizia, quando è interessante, non ha bisogno di essere “promossa”, diventa naturale, per chi è deputato alla informazione diffonderla e commentarla a suo modo e secondo la propria linea editoriale, pertanto si suggerisce che sarebbe più opportuno un impegno reale più che una “promozione” di un impegno “annunciato”.

………………  …  …………….

Federazione Provinciale di Salerno
USB– Unione Sindacale di Base

COMUNICATO STAMPA

A Salerno si costituisce il Comitato di difesa della Sanità Pubblica: subito una petizione popolare e un ricorso al TAR

USB Salerno

Sabato 6 novembre 2010, presso la Tenda in Via Fieravecchia a Salerno, si è tenuto un incontro pubblico promosso dall’Unione Sindacale di Base. Hanno partecipato rappresentanti di varie organizzazioni, sociali, politiche e sindacali, nonché singoli cittadini ed operatori sanitari.

L’iniziativa ha raggiunto l’ambizioso risultato di costituire un comitato di difesa in ambito provinciale che metta insieme un’ampia coalizione, di forze sociali, politiche e sindacali, per resistere alla devastazione del Servizio Sanitario Pubblico in Campania. L’ampia ed articolata discussione ha messo il dito nella piaga denunciando l’enorme disastro provocato dal decreto n. 49 del 27 settembre 2010, pubblicato sul BURC n. 65 del 28.9.2010. Il decreto prevede su tutto il territorio regionale la soppressione di 2400 posti letto, la chiusura di 9 Ospedali e la dismissione per altra destinazione di altri ben 23 Ospedali. Inoltre il decreto impone il pagamento del ticket sulle prescrizioni farmaceutiche e per l’accesso al pronto soccorso.

Hanno costituito il Comitato di difesa della Sanità Pubblica:

Associazione AVDICAF onlus – Associazione culturale Hop-Fro – Associazione Radicale salernitana “Maurizio Provenza” – Circolo SEL “Sandro Pertini” Salerno – Comitato Acqua Pubblica Salerno  – Comitato di difesa dell’ospedale di Agropoli – Comitato di difesa dell’ospedale di Cava De’ Tirreni – Comitato di difesa dell’ospedale di Castiglione di Ravello – Costituente Comunista Salerno – ISEA – PdAC Salerno – Popolo Viola Salerno – PRC Salerno – Rete dei Comunisti Salerno – SEL Salerno – Sinistra Critica Salerno – Tribunale per i diritti dell’ammalato – USB Salerno – Viola per Salerno – Giuseppe Vitiello, Presidente del Comitato Provinciale ANPI di Salerno

Il Comitato di difesa della Sanità Pubblica, così costituito, ha condiviso l’esigenza di organizzare e promuovere, con urgenza, la partecipazione popolare attraverso una petizione in città e in tutta la provincia salernitana. Il Comitato ha approvato il testo della petizione popolare che viene allegato al presente comunicato. Il Comitato ha approvato la proposta di presentare un ricorso al Tar per bloccare il decreto regionale n. 49 del 27 settembre 2010. Il Comitato ha convocato la prima riunione organizzativa per venerdi 12 novembre, alle ore 18,30,  presso la sede provinciale USB sita in Via Giuseppe Centola 6 a Salerno.

100.000 FIRME IN DIFESA DELLA SANITA’ PUBBLICA IN CAMPANIA

PETIZIONE POPOLARE

I sottoscritti cittadini della Campania chiedono che siano ritirati tutti i provvedimenti varati dall’Amministrazione Regionale, in materia di Sanità, che ledono il diritto alla Salute, in particolare il decreto n. 49 del 27 settembre 2010, pubblicato sul BURC n. 65 del 28.9.2010 che prevede su tutto il territorio regionale la soppressione di 2400 posti letto, la chiusura di 9 Ospedali e la dismissione per altra destinazione di altri ben 23 Ospedali.

Inoltre chiedono il ritiro dei provvedimenti regionali che hanno deliberato il pagamento del ticket sulle prescrizioni farmaceutiche e per l’accesso al pronto soccorso.

Pertanto i firmatari della presente petizione non sono disponibili a pagare, ulteriormente, il disastro finanziario e strutturale, del Servizio Sanitario Pubblico in Campania e non accettano che i costi economici siano scaricati sulla pelle dei ceti popolari, in particolare dei lavoratori e dei pensionati.

…………………………..  …  ……………………………..

Sinistra Ecologia e Libertà
Circolo “La Sinistra” di Eboli

Comunicato stampa

Il programma che … non c’è

.

L’ultimo Consiglio Comunale è stato chiamato a recitare una “farsa” unica nella storia amministrativa di Eboli: approvare lo stato di attuazione dei programmi.
Si tratta, normalmente, di un atto di estrema importanza (non a caso la legge prevede la procedura di scioglimento per i Comuni inadempienti), col quale il Consiglio, appropriandosi per intero del suo ruolo di controllo e di verifica dell’azione amministrativa, verifica a che punto è la programmazione dell’Ente, (approvata col bilancio di previsione) e apporta gli opportuni correttivi lì dove si evidenziasse un qualche squilibrio che potrebbe compromettere la programmazione stessa.

Questo nei Comuni normali.

Ma Eboli è ormai una realtà a sé. La mitica “repubblica delle banane”, che Melchionda e soci stanno costruendo giorno dopo giorno.

In effetti questo appuntamento è stato per intero svuotato di significato da parte di un’Amministrazione che approva il bilancio ad agosto inoltrato e che, dopo neanche tre mesi, è chiamata a verificarne lo stato di attuazione.

Ed eccoli, allora, i numeri che danno per intero l’idea del dramma della nostra città:

PROGRAMMA PERCENTUALE-DI ATTUAZIONE
– politiche sociali,istruzione 57,25 %
– governo del territorio ed ambiente 22,83 %
– gestione dei beni demaniali e patrimonio 7,52 %
– sviluppo economico 98,91 %
– servizi amministrativi 34,89 %
– politiche finanziarie e tributarie 14,53 %
– offerta culturale 71,45 %
– polizia municipale 89,08 %
TOTALE ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI 26,36 %

In sostanza, al 31/ottobre, a 2 mesi dalla chiusura dell’esercizio finanziario, è stato attuato meno del 27% di quanto messo nel bilancio di previsione.

Il dato diventa, poi, allucinante, se si considera soltanto la partita dei lavori pubblici: a fronte di circa 40 milioni di euro previsti in bilancio, sono stati impegnati 220.000 euro, pari allo 0,6% di quanto programmato.

Questi i dati numerici.

Il dato politico è quello di una Città che ormai si è fermata completamente in ogni settore: da quello dello sviluppo economico, a quello culturale, a quello sociale, a quello di programmazione.

Siamo dinanzi ad una città in agonia.

Ed il dato potrebbe essere ancora più drammatico, perché a fine ottobre siamo ancora una volta fuori al patto di stabilità di circa 5 milioni di euro.

E anche stavolta, come nel 2009, non c’entrano né il contenzioso Mazzitelli, né il contenzioso Aracne (contenziosi gestiti malissimo da questa Amministrazione!), che pesano su quello sforamento per 1,8 milioni di euro.

A cosa sono dovuti gli altri 3,2 milioni di sforamento del patto?

Noi di Sinistra Ecologia e Libertà, da forza politica attenta e responsabile, abbiamo suggerito al Sindaco Melchionda una strada: dismettere arroganza e presunzione (segni caratterizzanti di questa Amministrazione!), venire in consiglio “nudi”, senza pacchetti pre-confezionati, ma accettando una discussione a “tutto tondo”, per mettere nelle mani del Consiglio Comunale la gestione dell’emergenza finanziaria e facendo in modo che i dirigenti discutano direttamente con i consiglieri e che la strategia di rientro sia il frutto di un confronto vero.

Tutto nel rispetto delle posizioni: chi fa l’opposizione, continuerà a collocarsi contro questa Amministrazione, chi sta al governo continuerà a farlo, ma con un rapporto più stretto con il Consiglio, che interviene direttamente anche nella gestione, essendo convocato in permanenza.

Riusciremo a farlo?

Sinistra Ecologia e Libertà – partito nuovo che nasce per rompere gli schemi, partito responsabile e capace di accettare la sfida del governo della Città, ma anche di fare l’opposizione dura quando e quanto occorre – aveva il dovere di avanzarla.

Sinistra Ecologia e Liberta

Circolo “La Sinistra” – Eboli

………………..  …  ………………..

Ufficio Stampa del Sindaco di Eboli
Martino Melchionda

COMUNICATO STAMPA

Martino Melchionda

Presso il Municipio di Eboli, si è tenuto l’altra sera un incontro tra i sindaci del territorio sul tema del nuovo piano ospedaliero. Erano presenti i sindaci di Eboli, Serre, Campagna, Olevano sul Tusciano, Corleto Monforte, Roccadspide, Agropoli, Buccino, Bellosguardo ed Oliveto Citra, oltre al vicesindaco di Eboli.

Dall’incontro, sono emersi alcuni punti condivisi, così sintetizzati: il piano ospedaliero penalizza Alto Sele, Medio Sele e l’intera Piana del Sele; solo su cinque ospedali si concentrano tutti i tagli alla sanità ospedaliera della provincia e cioè gli ospedali di Eboli, Battipaglia, Roccadaspide, Oliveto Citra ed Agropoli; i cinque Comuni sede degli ospedali impugneranno davanti al Tar il piano ospedaliero regionale, come atto soprattutto politico; si punta ad organizzare un consiglio comunale congiunto tra i cinque Comuni sede di ospedali, allargato ai sindaci dei 30 Comuni del comprensorio interessato ed una conferenza stampa di tutti i sindaci in Provincia.

EBOLI, 5 NOVEMBRE 2010

………………………..  …  ……………………..

Nuovo PSI Eboli

LA PAROLA AI CITTADINI

Comunicato Stampa

Massimo Cariello

Si terrà domattina 8 novembre 2010, alle 11,30, in piazza della Repubblica ad Eboli, il comizio del Nuovo Psi. Interverranno:

–         Cosimo Pio Di Benedetto, Coordinatore cittadino Nuovo Psi

–         Massimo Cariello, Consigliere Provinciale e capogruppo consiliare Nuovo Psi Eboli

Saranno presenti, inoltre, i consiglieri comunali Santo Venerando Fido ed Ennio Ginetti.

Nuovo Psi Eboli

………………..  …  …………………


2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Concordo e condivido la scelta di Admin di non commentare i comunicati stampa che ci piovono addosso ogni giorno se non contengono qualcosa di utile per il lettore. Nell’80% dei casi si tratta non di informazioni utili per i cittadini o di azioni compiute a loro beneficio, ma di schermaglie che chiamarle politiche spesso è un complimento. Andare alla ricerca di una vetrina di visibilità magari può essere anche comprensibile, però spesso questi finti rappresentanti dei cittadini spenderebbero meglio il loro tempo a compiere qualche azione più confacente al compito per cui sono pagati, dai cittadini stessi.

  2. Ringraziamo il Direttore per la pubblicazione integrale del comunicato, come lo ringraziamo e ci complimentiamo per l’opera informativa a 360°che contraddistingue il giornalismo vero da quello schierato e subordinato che va ben oltre ogni legittima, autonoma e caratterizzante linea editoriale. Nel nostro caso, per la notizia contenuta nel comunicato, dobbiamo “tranquillamente” denunciare una particolare ma significativa convergenza degli organi di stampa (locali – con una sola eccezione) che hanno censurato l’incontro non inviando nessun “giornalista”. Nel caso specifico, quantomeno, un “giornalista” ne avrebbe sentite di cose interessanti :-). Interessanti ? Interessanti per chi ? … beh, questa è tutta un’altra storia 🙂 Cordiali saluti e buon lavoro.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente