Per il Nuovo Psi il Parcheggio di via Adinolfi è una farsa. C’é dell’altro?

Parcheggio di via Adinolfi: la farsa continua… dimettetevi. O Sindaco e Giunta chiudono il contratto e riavviano i lavori oppure ripristinino il parco giochi e la viabilità.

La risoluzione di questo caso è legata ad altre risoluzion? E’ “un’operazione””matematica che risponde al 2+2=4? L’Husing Sociale Fontanelle + il Parcheggio Interrato di via Adinolfi fa come risultato il “Caso Aracne”? Forse poiché non c’è mercato si pensa al chi prima inizia prima vende?

Parcheggio interrato Via Adinolfi

EBOLI“I parcheggi”  di via Adinolfi – scrivono in una nota politica il Gruppo consiliare del Nuovo Psi-MCD, composto da Massimo Cariello, Ennio Ginetti e Santo Venerando Fido, e il segretario sezionale Cosimo Pio Di Benedettoper l’Amministrazione Melchionda restano ancora un problema da poter rimandare a data da destinarsi.

Il gruppo consiliare del Nuovo PSI-MCD ed il coordinamento cittadino del Nuovo PSI di Eboli – prosegue nella sua nota il Nuovo Psi – hanno sempre, fin dall’inizio, manifestato forti dubbi sulla reale realizzazione del parcheggio interrato di via Adinolfi, tante sono state le interrogazioni presentate in questi anni, l’ultima nel mese di luglio, ma solo ad ottobre e la cosa non è normale, abbiamo ricevuto una risposta nel Consiglio comunale, nella quale si comunicava che la ditta Cogemal srl, mandataria dell’ATI Parking Company Eboli, è fallita, e che intanto  hanno provveduto a  presentare una  richiesta per  sostituire l’impresa mandataria con un diverso operatore economico indicato dagli altri componenti sempre del raggruppamento  dell’ Ati, soprattutto di sostituire la Cogemal con la società, GIN srl,  in possesso dei requisiti, che garantirebbero il prezzo bloccato di vendita dei box auto riportato nel piano finanziario iniziale.

Ginetti-Fido-Di Benedetto-Cariello

Tutto ciò – aggiungono – avrebbe far dovuto muovere qualcosa, come da loro assicurato, nel giro di 10/15 giorni. Ad oggi sono  passati altri 2 mesi e nulla si è mosso. Ad oggi si ha l’impressione che la situazione sia completamente sfuggita di mano, e i fatti parlano da soli, il cantiere è diventato terra di nessuno, abbandonato a se stesso, la gente lamenta che una parte di recinzione è stata smantellata consentendo a chiunque di entraci dentro e fare quello che vuole.

A ciò si aggiunge il fatto che appena arriva il maltempo, le folate di vento, come già è accaduto, fanno volare le lamiere che stanno la senza alcuna protezione, intanto il fosso accumula  sempre  più acqua molta della quale tende a stagnarsi, emanando odori sgradevoli, siamo molto preoccupati per coloro che hanno sborsato i soldi e che ora rischiano di vedersi sfumata la possibilità di avere un box auto, peggio ancora di perdere una cospicua somma di denaro. Tanti sono i negozi che hanno tirato giù la saracinesca e i restanti fanno fatica a tirare avanti. La scuola è priva di spazi, mentre una volta le mamme sapevano dove poter portare i loro figli e lasciarli giocare in sicurezza, i disservizi sono tanti, ma quelli che se la passano davvero brutta sono i residenti, perché privati del  parcheggio e la scarsissima viabilità non aiuta il commercio se non lo danneggia addirittura.

Housing Sociale Loc Fontanelle render fotoinserimento dell’intervento sul lotto

Noi del Nuovo Psi-Mcd – concludono Cariello, Ginetti, Fido e Di Benedetto vogliamo fatti concreti e non parole al vento, siamo stanchi di questa inerzia sostenuta da una cinica indifferenza addobbata di un freddo menefreghismo. Ora Basta, ed è con forza che chiediamo al Sindaco Melchionda e alla sua maggioranza bulgara un atto di coraggio: o questi signori chiudono il contratto e avviano nel giro di venti giorni i lavori oppure ripristinano il parco giochi e la viabilità e poi si dimettono e vanno a casa”.

Un “ultimatum” quello di Cariello, Ginetti, Fido e Di Benedetto, che fanno al Sindaco di Eboli Martino Melchionda, alla maggioranza, alla società GIN srl, che è subentrata alla fallita Cogemal srl, mandataria dell’ATI Parking Company Eboli,e a tutti i soggetti interessati perché si risolva il caso del Parcheggio interrato di Via Adinolfi.

Sfugge al gruppo del Nuovo Psi che la risoluzione di questo caso è legata ad altre risoluzioni, trattandosi di un’operazione, simile ad un’operazione matematica, semplice molto semplice, che dà “4“, perché è il risultato della somma tra 2+2. E se “2” potrebbe ricondurci al Parcheggio interrato di via Adinolfi, l’altro “2” dovrebbe riportarci alla così detta “Vertenza Aracne“.

Project Financing Porta San Giovanni Redering del Progetto

I numeri sono numeri e perché “l’operazione” sia giusta e dia un risultato corretto è indispensabile che quei numeri siano giusti così il risultato della somma è senza nessun equivoco “4”, e se fantasiosamente si è associato ai due addendi le sopracitate due qustioni politiche importanti, quel “4” potrebbe essere l‘Housing Sociale di Fontanelle, recentemente oggetto di parere favorevole da parte degli organi competenti ed in attesa di finanziamento.

Usando sempre la fantasia e rendendola sempre più fervida si comprende come queste tre questioni siano indissolubilmente legate tra loro, e aggiungendo la circostanza come in più di un’occasione hanno evidenziato i vari gruppi politici di opposizione nelle loro interrogazioni, Riformisti intesta, i soggetti dei due “addendi” sembra siano gli stessi del Caso Aracne. Se lo dicono i riformisti, che su questi argomenti sono molto preparati c’é da crederci e se c’è da crederci allora si comprendono come vi sia stato un particolare attivismo “statico” su alcune vicene urbanistiche, ma ci riviene in mente una questione mai chiarita che purtroppo a quanto pare starebbe condizionando sia lo sviluppo della Città che le Casse del Comune, poichè a seguito delle quali vi sono state sentenze di condanna che hanno stravolto il rapporto finanziario dell’Ente.

Nessuno ci ha mai chiarito a proposito del Caso Aracne e della Vertenza oltre che dell’accordo:

  • Perché mai l’Aracne dopo che si era accordata in un incontro ufficiale con la Commissione Comunale per la somma di € 10.082.617,50 a titolo di risarcimento per la perdita di change e poi, dopo un rocambolesco incarico di valutazione affidata ad un tale ing. Siano, il quale quantifica il danno in € 3.665.447,16 più € 809.619,00 per spese progettuali e perché si fece prima l’accordo e poi la perizia?
  • Perché mai l’Aracne dopo aver concluso l’accordo avrebbe accettato la proposta avanzata dal Sindaco e dalla Giunta di 1.800.000 euro?
  • Nella cronologia dei fatti vanno inseriti altri quesiti mai risposti, chi ha indicato, l’avvocato difensore del Comune tale Antonio Rizzo, chi gli ha dato l’incarico, con chi ha concordato la linea difensiva e perché ha comunicato la sentenza di condanna solo dopo 4 mesi, e la cosa ancora più grave, tra l’altro comparente sia come avvocato difensore e sia come accusatore del Comune?

In tutto questo sorgono spontanee altri quesiti: La desistenza della Società Aracne e della GIN Srl, rispetto al risarcimento di oltre 10milioni per l’una e di circa 800.000 per le spese progettuali per l’altra, è legata all’Housing Sociale e al Parcheggio Interrato?

PUA-area- Fontanelle

Se fosse così non ci sarebbe nulla di male, si tratterebbe di aver concluso un accordo per il bene del Comune, restando appese sole le questioni legate alle varie responsabilità, naturalemte politiche, ma se l’attivismo urbanistico, al contrario si legherebbe ad altre vicende che potrebbero significare rallentamenti per altre questioni urbanistiche come nel caso del Project Financing “Porta San Giovanni” (ex Mattatoio) e magari il PUA Fontanelle, tra l’altro oggetto di diverse osservazioni da parte degli interessati, osservazioni alle quali il Comune ha risposto notevolmente in ritardo.

Un ritardo che potrebbe dar luogo a qualche dubbio che ci riconduce sempre a quell’operazione del 2+2=4. Dubbio già avanzato in altri articoli che porterebbe ad una sola verità: quella che chi prima realizza prima vende, atteso che non ci sarebbe mercato per tutti quegli alloggi. Di quì ne deriverebbe l’accellerazione magari sul PUA Pescara e l’Housing Sociale Fontanelle, e il rallentamento magari del PUA Fontanelle, rispetto a determinate domande, ma siamo sempre nel campo delle ipostesi, ma poiché è difficile crederci ci piacerebbe che al contrario il Comune, la Giunta, i tecnici e tutti i soggetti  che hanno l’autorità specifica sulle varie autorizzazioni, ivi comprendendo la Provincia e la Regione Campania, dessero risposte celeri, univoche, disinteressate e possibilmente seguendo percorsi limpidi  anche in ossequio al principio di quella “Passeggiata Antirachet” che solo l’altro ieri si è tenuta a Eboli e che ha visto la partecipazione insieme al Sindaco Melchionda di Tano Grasso, del <prefetto di Salerno Gerarda Pantalone, del Questore di Salerno Antonio De Iesu.

Eboli, 22 dicembre 2012

7 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Non ci sono parole …..di tutto questo squallore e non si fa niente per rimediare …….

  2. in tutto questo schifo l’unica cosa positiva e che i disservizi maggiori sono a carico dei notabili di eboli che abitano la zona e che hanno sempre le mani nel comune

  3. volevo segnalare a questi simpatici amministratori ebolitani che cè una simile situazione nel area di circa 2000mq compresa fra via caduti civili di campagna e via gonzaga ove dovrebbero costruire parco urbano e box interrati(da 2anni cè una tabella con tanto di progetto permesso di costruire) ma ad oggi solo erbacce cumuli di terra e buche anche di 2 metri che ad ogni pioggia si riempiono d acqua lasciando uno sgradevole odore una recinzione fatta con un telo ormai rotta in + punti consentendo a persone incivili di depositarvi qualsiasi tipo di rifiuto il degrado ormai regna in tutta la zona dando ancora una volta x eboli un immaggine di citta mal amministrata ed abbandonata….vergogna!!

  4. VERGOGNA VERGOGNA VERCOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA …………………………………………………………………………………………………………………………..BUON NATALE HA DIMENTICAVO VERGOGNA ……………..

  5. LADRIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

  6. potentia pumicibus in

  7. CHI MANEGGIA FESTEGGIA…….BRAVO SINDACO

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente