Giornate intense per Cuomo e Centrosinistra: Avanti tutta tra Liste e candidati

Il Centrosinistra è partito, una per volta le Liste aprono i loro comitati elettorali: “La mia città” con Morena, ”Uniamo Eboli” di Infante e Marra ed è il turno anche di Cicia.

Eboli, una “tre giorni” di inaugurazioni delle sedi collegate al candidato di centro sinistra Antonio Cuomo: Un centro sinistra molto attivo questa settimana e montano le polemiche ma si delineano anche gli schieramenti..

Presentazione liste centrosinistra con Antonio Cuomo

Presentazione liste centrosinistra con Antonio Cuomo

di Marco Naponiello
per (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Una settimana di fervore per la coalizione e di centro sinistra, capeggiata dal candidato sindaco, vincitore delle primarie, onorevole Antonio Cuomo, difatti dopo l’apertura della sede della lista di Vincenzo Consalvo, “Eboli 3.0” lunedì 4, (come da questo sito riportato), è stata la volta martedì della lista del Partito Democratico, la vera porterei del raggruppamento, che sul viale ha aperto le porte a tutti i simpatizzanti.

Marra-Cuomo-Infante

Marra-Cuomo-Infante

L’ex sindaco Donato Guercio ha fatto gli onori di casa, verso le d 18, nel centralissimo viale Amendola alla presenza dei tanti big di partito cittadini, come i conosciutissimi: Tonino Conte, Carmine Campagna, Vito Capaccio, Giuseppe Piccirillo, Adolfo, Lavorgna Antonio Petrone, Armando Cicalese, Luigi Laurino, solo per citarne alcuni. A seguire al calar del sole, è stato il turno della lista del dirigente asl Luigi Morena, anch’egli un passato da amministratore cittadino, denominata ”la mia città” e che è allocata nella centralissima piazza della repubblica, la quale annovera il più volte consigliere Francesco Rizzo tra le sue fila, composte da molti professionisti per la prima volta avvicinatisi alla politica attiva; il giorno dopo, in via Gonzaga la prima e in via Lodato la seconda invece, si sono avvicendate “Uniamo Eboli” di Pierino Infante e dal leader Api, Arturo Marra, entrambi un passato di amministratori comunali,e la sede elettorale dell’ex vicesindaco Cosimo Cicia, corroborato della partecipazione del noto imprenditore della logistica Gerardo Motta e dell’ingegnere Nicola D’Anza In tutti questi casi sempre alla presenza immancabile del candidato sindaco PD Antonio Cuomo, le varie liste di centrosinistra “battezzano” la loro campagna per le comunali 2015, in un assoluto bagno di folla di amici e sostenitori.

Morena-Cuomo-Gaudieri

Morena-Cuomo-Gaudieri

Molti apprezzamenti per tutti i capilista, ma in special modo per Cosimo Cicia, da parte di Cuomo, per la fresca nomina di presidente del Coordinamento Interregionale (Campania – Molise – Basilicata ) dell’IPASVI, ente pubblico non economico che ha la rappresentanza a livello nazionale degli infermieri professionali, un segno tangibile di riconoscimento all’impegno politico oltre le mura cittadine di Cicia. Cicia incoraggia Cuomo e gioisce per la sua probabile vittoria, vedendone in lui una speranza concreta e fattiva per fare ripartire la nostra città, come di concerto mostra una espressione di viva gratitudine verso Gerardo Motta, imprenditore battipagliese che ha delocalizzato i suoi impianti di logistica Enel nella nostra zona industriale, dimostrazione concreta che in questi anni, vi è stata anche una classe politica anche capace di attrarre investimenti cospicui da parti di operatori economici.

L’ex vicesindaco, ha stigmatizzato come prioritario per la coalizione siano i temi dell’ambiente, della legalità, del turismo ed istruzione, ed in particolar modo dello sviluppo lavorativo, nodi gordiani questi, su cui si sono soffermati tutti i capilista in tali giorni di presentazioni, prosegue Cicia: ”..la politica non deve dare lavoro, ma creare le giuste condizioni per lo stesso, un messaggio di speranza collettivo, come di speranza sia lo sforzo il 31 maggio nel votare Vincenzo De Luca governatore campano, che verrà qui poi a chiudere la campagna elettorale affiancandoci al ballottaggio, che sicuramente con il suo apporto sarà nostro, vista anche la filiera di rappresentatività del PD, da Roma fino ad Eboli.”.

D'Anza-Cuomo-Cicia

D’Anza-Cuomo-Cicia

Riassumendo i vari interventi cdi Antonio Cuomo, in pochi ma compendiosi passaggi nella suo tour ebolitano: questa è indubbiamente a detta degli osservatori oltre che del candidato a primo cittadino, una campagna elettorale molto sentita, come sentito è il ruolo del sindaco dal 1993, anno di entrata in vigore della legge 142/1990, quella che ha ridisegnato il ruolo del sindaco, il quale oggi è un vero e proprio manager pubblico, basti vedere cosa ha fatto Vincenzo De Luca: ”..Salerno era una anonima città meridionale, dopo venti anni è una riconosciuta città turistica a livello continentale, con la kermesse luci d’artista mutuata da una sua esperienza torinese,si è consacrata in tale settore, ha portato in otto anni il sindaco della città di san Matteo, i turisti da 25.000, a 2.500.000, centuplicandone le presenze, e suscitando quella che io chiamo “curiosità positiva”, anche da parte dei mie colleghi parlamentari del nord Italia, se è riuscito De Luca, esempio di cosa può ottenere un sindaco capace, perché non si può trasferire una tale esperienza anche nella nostra Eboli?”.

Comitato elettorale cuomo-PD

Comitato elettorale cuomo-PD

Cuomo, ha anche sottolineato che la passata amministrazione ha fatto cose buone, ma che nel complesso tranne pochi bravi amministratori come Cosimo Cicia, si poteva fare molto di più, ciò detto e senza volontà di polemica nei confronti di Martino Melchionda, ripete un concetto a lui caro, quello che Eboli ha la potenzialità per superare in pochi anni i fatidici 50.000 abitanti, (soglia e mezzo per ottenere finanziamenti UE senza doversi consorziare con altri municipi) facendo tornare gli ebolitani residenti nei comuni viciniori per motivi economici, una diaspora di qualche migliaio di concittadini che hanno preferito dimorare altrove, e conseguenzialmente dai comuni limitrofi, attrarre quell’ interesse che avevamo, una centralità storica, ma che ora non sortisce effetto; dunque rifacendo scegliere, in breve periodo la nostra città come meta di residenza, o di divertimento da parte dei nostri “vicini”, riacquistando quella centralità (e cita la sciagurata perdita di imprenditori di caratura nazionale come i Pezzullo e i De Martino) che ora è ad appannaggio di Battipaglia.

Comitato elettorale Cicia- 1

Comitato elettorale Cicia- 1

Prosegue Cuomo ”..Battipaglia, città che ammiro da sempre, per la sua innata vitalità, nonostante le tre fasi commissariali, ma che noi potremmo superare in pochi anni di buona amministrazione della cosa pubblica, permettetemi un ringraziamento e un plauso sentito, anche da parte mia per Gerardo Motta leader della logistica nazionale, ed il suo coraggio ad investire ad investire in loco, auspicando che anche nella pubblica amministrazione si preso nei prossimi anni, ad esempio di produttività, il piglio e l’abnegazione imprenditoriale verso il lavoro. – A seguire, il candidato sindaco del centro sinistra, declama un altra sottolineatura per il suo omologo candidato Governatore, il quale ha sempre definito le tre doti di un buon amministratore pubblico: 1 la passione, 2 la capacità, 3 il coraggio:virtù- continua Cuomo- che ho sempre dimostrato di possedere, per passione faccio politica da ragazzino, iniziando come attacchino di manifesti, la capacità penso di averla dimostrata con i miei diversi ruoli, dal comune al parlamento, passando per la regione ,il coraggio pure, ho affrontato le primarie e se avessi perso mi sarei messo con onestà ed impegno alla causa comune, in lista come un normale candidato per rispettare gli accordi presi davanti a Nicola Landolfi, un vero politico, ricordatevi amici, serve e non si serve delle istituzioni.” Poi un doveroso elogio delle primarie cittadine, che sono state da, quando Romano Prodi le istituì il 14 ottobre del 2007, quelle con la più alta percentuale di votanti in proporzione alla popolazione residente, il 12% con ben 5135 votanti,un palese trionfo della partecipazione popolare, ma come doveroso contraltare un allarme sulle ferite cittadine, reali cartine di tornasole del decadimento attuale, vedi l’area ex Pezzullo, che da 26 anni, cioè dalla delocalizzazione dello storico opificio nel lontano oramai, 1989, giace inutilizzata.

Cuomo-Consalvo-lista 3.0

Cuomo-Consalvo-lista 3.0

Per l’ex parlamentare PD, occorre recuperarla anche con un project financing, in massimo tre anni, pena le dimissioni del primo cittadino per manifesta incapacità, stesso discorso vale per il parco Fusco –Pesce, una zona da 37 anni inutilizzata, con scheletri di palazzi ormai imputriditi, uno sconcio al centro della città vergognoso simulacro alla burocrazia imperante, che secondo Cuomo la prossima amministrazione si deve attivare presso gli organi competenti (curatela fallimentare) affinché si risolva la questione annosa. Poi il racconto di un episodio increscioso alla platea,ma sintomatico dello status quo.. qualche giorno fa raccolsi la confidenza di un amico, il famoso imprenditore del catering Emidio Trotta, che mi diceva come avesse perso una grossa commessa con l’estero, perché un facente funzioni di una società interessata alle forniture, passando sulla statale che lega Eboli a Battipaglia è rimasto inorridito del deposito a ”linea continua” su entrambi i lati di cumuli di spazzatura, questo mi è costato il recesso dal contratto, un danno economico non di poco conto, che deve essere reso ad esempio della situazione dell’intero comprensorio.

Al netto dei ricordi, per Antonio Cuomo, se collazioniamo, paragonando la situazione al 1982, anno della prima candidatura dell’esponente piddino ad oggi, per esempio in campo meramente mercantile, constatiamo che la situazione attuale è di una moria inarrestabile di esercizi e serrande abbassate, tenute aperte solo nella sporadica occasione, (ben 35) durante il breve periodo elettorale, che possiede almeno il toccasana di far riprendere di un poco l’economia eburina, poi un doppio rapido passaggio, uno sul centro storico ed il castello colonna visti come volani di marketing d’areed enograstronomica, e il secondo su l’ex primo cittadino Martino Melchionda, il quale a mezzo stampa dice di non appoggiare per nulla il candidato Massimo Cariello, dissociandosi ipocritamente, ma che nei fatti è smentito, data al presenza della sua principale collaboratrice di studio Matilde Saja tra le fila del rappresentante del Nuovo PSI.

Antonio Cuomo-Comizio-2

Antonio Cuomo-Comizio-2

In conclusione, l’accorato appello ai presenti in sala :”..faccio questo per amore della mia città, e come detto precedentemente dall’amico Cosimo Cicia, anche per me sarà l’ultima sofferta battaglia politica, perché ritengo doveroso dare spazio alle giovani leve; son fiducioso però nelle mie liste, in specie di quella del Partito Democratico, che è fortissima e sarà l’ariete che ci condurrà alla vittoria, con un mix sapiente di giovani e veterani, professionisti e gente della società civile, forse non prevarremo al primo turno per dispersione di consensi dovuta alla presenza di tanti candidati, ma sarà di sicuro, una buona base per superare in scioltezza il ballottaggi, una volta superate ci sono le condizioni tutte per costruire una squadra armoniosa che lavori al meglio per la collettività.

“La lista Uniamo Eboli-API – dicono Infante e Marra – nasce dalla voglia comune di cambiare la Nostra Città partendo dalle periferie fino ad arrivare al centro cittadino. Il territorio ebolitano parte dai monti ed arriva fino al mare. Per favorire lo sviluppo economico a nostro avviso bisogna puntare su due direttrici di sviluppo Turismo e Agricoltura sfruttando i fondi comunitari previsti dalla nuova programmazione 2015-2020 con grande attenzione alla qualità dei progetti.

La nostra lista è stata formata inserendo le migliori figure professionali e produttive operanti sul territorio cittadino. Sono presenti infatti le principali categorie impegnate ogni giorno nel tessuto economico e sociale ebolitano dai lavoratori dipendenti, alle casalinghe, agli studenti universitari, agli imprenditori agricoli, ai liberi professionisti“.

Le cinque liste collegate ad Antonio Cuomo, presenteranno attraverso anche i loro coordinatori, programmi e i candidati domenica prossima alle ore 19.00 in piazza della repubblica,  in un comizio al quale oltre a Cuomo parteciperà anche il candidato al Consiglio Regionale nella Lista del PD l’ebolitano Federico Conte.

Liste Cuomo-presentazione

Liste Cuomo-presentazione

………………………..  …  ………………………….

Lista PARTITO DEMOCRATICO (13 maschi 11 femmine)

1. Calò Manuela Emily,
2. Corrado Rossella,
3. Di Candia Teresa,
4. Di Cosmo Concetta,
5. Ferrara Esmeralda,
6. Giovine Raffaela,
7. Massarelli Paola,
8. Nigro Assunta,
9. Nigro Mariagiovanna,
10. Polito Lucilla,
11. Scorzelli Rosalba,
12. Ardia Damiano,
13. Campagna Carmine,
14. Capaccio Vito,
15. Cicalese Armando,
16. Cicia Cosimo,
17. Conte Antonio,
18. Cuomo Gaetano,
19. Di Donato Mario,
20. Guarnieri Ivan,
21. Laurino Luigi,
22. Lavorgna Adolfo,
23. Petrone Antonio,
24. Zottoli Antonio detto Tony.

Lista LA MIA CITTA’ Cuomo Sindaco (17 maschi 7 femmine)

1. Altieri Vito,
2. Avallone Concetta,
3. Brenga Cosimo,
4. Ciaglia Mario,
5. Contaldo Maria,
6. Cuomo Davide,
7. Di Stefano Sabrina,
8. Formicola Maria Rosaria,
9. Gatta Marco,
10. Lembo Nicoletta,
12. Luongo Remo,
13. Merola Marcia,
14. Mirra Nevina,
15. Naponiello Vittorio,
16. Niglio Cristiano,
17. Pannullo Luigi,
18. Rizzo Francesco,
19. Sagaria Donata,
20. Simonetti Antonio,
21. Soriente Angelo,
22. Turi Vito,
23. Verderame Antonio,
24. Villani Claudio.

Lista UNIAMO EBOLI- API (13 maschi 11 femmine)

1. Albano Concettina,

2. Boccia Annalisa,

3. Bottiglieri Francesco,

4. Caiazzo Vittorio,

5. Cerrato Domenico,

6. Cicalese Rossella,

7. Cioffi Pantaleone (detto Gino),

8. De Martino Franco,

9. Del Fiore Anna,

10. Di Matteo Katia,

11. Di Stefano Valeriano,

12. Faenza Anna,

13. Falanga Anna,

14. Ferrara Davide,

15. Infante Pasquale,

16. Latronico Emanuele,

17. Malandrino Ruggiero,

18. Marra Arturo,

19. Pagano Fabiana,

20. Petrillo Fiore,

21. Ragosta Immacolata,

22. Salerno Michele,

23. Tenza Chiara,

24. Volpe Elena.

 

Eboli, 7 maggio 2015

 

6 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Cuomo ha la Vittoria a portata di mano

    • ah si certo ! e gli altri stanno a guardare…ma per favore…questo Cuomo farà un flop enorme…solo così si potrà rendere conto che è ora dio godersi “i vitalizi” prima che gli vengano tolti !!

    • xcerto, di certo è la sconfitta della destra, come sempre e tradizionalmente avviene, e nn fara’ eccezione neanche questa volta, se tu conoscessi un po l’andamento dei flussi taceresti, ma meglio cosi, sarà piu’ simpatico rintuzzartelo il 14 a sera,e poi un buon san Vito per tutti!

  2. Lista “La mi città” 7 femmine? Non è regolare! È possibile che il candidato n.13 (Merola Marcia) sia una femmina? Credo di sì, altrimenti dovrebbero essere cancellati dalla lista i candidati 22 – 23 – 24.

  3. Marcia, più comunemente Marzia, come la seconda moglie di Catone. La prima si chiamava Francesca, detta Checca.

    • Sei un comico affermato, adesso vuoi fare il polemico ed il puntiglioso. 5 anni fa scrivevi cosa dovevano dire Massimiliano Atrigna alias Micione e pepp a brocc. Quando farai una canzone anke su di loro ? E su cariello e melchionda ? Anche da comico potresti comportarti da uomo 🙂

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente