Eboli: Presentazione del Libro “Sola con te in un futuro aprile”

14 maggio 2016, ore 10:30, Auditorium Liceo Classico Eboli, ore 18:00 Auditorium di San Bartolomeo incontro con la storia e le stragi di mafia.

Margherita Asta incontrerà gli studenti degli Istituti Superiori di Eboli per raccontare quel2 aprile 1985, quando un’autobomba espose a Pizzolungo (Trapani) e rimasero vittime il Giudice Carlo Palermo la madre e i due fratelli.

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Quel giorno era il 2 Aprile del 1985, un’autobomba esplode a Pizzolungo (Trapani), e da quel giorno il destino ha voluto legare per sempre Margherita Asta, allora bimba, scampata all’attentato e alla morte a Carlo Palermo, un giudice che nella sua professione quotidiana combatteva il crimine e la mafia.

Carlo Palermo-strage-pizzolungo

Carlo Palermo-strage-pizzolungo

Una strage di mafia e come tante altre che nel tempo hanno sporcato di sangue innocente la vita degli italiani e del Paese, che ci dice come quella guerra contro le Mafie, le Camorre, le Ndranghete e qualsiasi altra organizzazione malavitosa sia ancora in corso e come lo Stato deve assolutamente vincerla per liberare il Paese e tacitare i cuori e le sofferenze di tante persone che a vario titolo sono state coinvolte.

Nell’attentato, che doveva eliminare un Giudice scomodo, il dott. Carlo Palermo, ha invece massacrato una giovane madre, Barbara Asta ed i suoi due gemelli, Giuseppe e Salvatore Asta di appena sei anni.

Margherita-Asta

Margherita-Asta

Si salvò miracolosamente la piccola Margherita di otto anni, che in quel funesto 2 aprile  decise di andare a scuola in macchina con la sua amica vicina di casa, modificando il suo destino.

Margherita Asta, una vita dedicata al ricordo di questo tragico evento ripercorso con l’Associazione Libera di Don Luigi Ciotti.

Doppio appuntamento con Margherita Asta che incontrerà il 14 maggio 2016 alle ore 10:30 gli studenti degli Istituti Superiori di Eboli presso l’Auditorium del Liceo Classico Enrico Perito, e alle ore 18:00 presso l’Auditorium di San Bartolomeo.

Palermo-Voza

Palermo-Voza

Insieme a Margherita Asta ci saranno il Giornalista Rino Giacalone de La Stampa e di Libera Informazione, il Sen. Mario Michele Giarrusso Membro della Commissione Antimafia del Senato della Repubblica, Annamaria Torre, figlia del Sindaco Marcello Torre ucciso l’11 dicembre 1980 dalla Camorra a Pagani, Nino Melito Petrosino, pronipote del Tenente Italo Americano Joe Petrosino della Polizia di New York, ucciso dalla mafia a Palermo il 12 marzo 1909.

L’incontro sarà preceduto da un saluto del Sindaco di Eboli Massimo Cariello e dall’Assessore alle Politiche della Scuola Angela Lamonica.

Al termine dell’incontro Margherita Asta incontrerà la Stampa. 

Presentazione Libro-Margherita Asta-Eboli

Presentazione Libro-Margherita Asta-Eboli

Eboli, 12 maggio 2016

2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Ho avuto sempre pudore nel parlare di eventi della mia vita trascorsa che mi hanno cambiato.
    Ora, con il tempo e con l’età, affiorano dall’anima ricordi che rivivo con enorme malinconia.
    Il mio vissuto in Terra di Sicilia è stato uno spartiacque tra due mondi.
    Pochi giorni fa ero in attesa di una telefonata. L’attesa è stata di quelle dove il cuore non sai mai quale funzione avrà.
    In serata squilla il mio telefono e dall’altra parte: “ Ciao buonasera, sono Margherita Asta ”.
    Gli ho chiesto di darmi solo qualche secondo prima di rispondere per evitare che il cuore, l’anima e la gola andassero in conflitto.
    “Buonasera Margherita, l’ultima volta che ti ho visto eri piccolina, tanti anni fa.”
    Sono riuscito a scacciare indietro le lacrime come in quel maledetto 2 aprile del 1985. Trent’anni trascorsi chiuso nei miei ricordi.
    Quel maledetto tratto di strada che ho percorso più volte con il Giudice Carlo Palermo nei giorni precedenti. Quel maledetto tratto di strada che ha trascinato tra gli Angeli i suoi fratellini Giuseppe e Salvatore e la Sua mamma, la Signora Barbara.
    L’hanno chiamata “La strage di Pizzolungo”, io l’ho sempre considerata “La codardia degli infami e dei senza cuore”.
    La piccola Margherita l’ho vista pochi giorni dopo nell’affollata Cattedrale, abbracciata al Suo papà, davanti ad un’altare che proteggeva quelle anime innocenti.
    Piccola, troppo piccola per vivere quell’inferno governato da bestie senza meta.
    Ora è qui, dall’altro capo del telefono. Vorrei abbracciarla e dirle che ho vissuto la mia vita successiva a quel maledetto giorno portando nel cuore tutti i ricordi di quel tempo.
    Il suo libro arriverà a giorni sulla mia scrivania e lo leggerò con il cuore in gola perché, in silenzio, ho camminato parte di quel sentiero.
    Ho invitato Margherita a presentare il suo libro nella nostra città. Nella città del “Cristo si è fermato ad Eboli”, dove gli Uomini di un Carlo Levi trascurato dovrebbero riappropriarsi dell’essenza Umana e ripristinare i Valori del vivere civile.
    Grazie Margherita per l’onore che mi hai concesso e per quello che tu hai ceduto ad una civiltà che ha smarrito i valori fondanti dell’esistenza.
    Ti abbraccio.

    Angelo Voza

  2. Oggi, 2 aprile 1985
    Da due giorni avevamo passato la consegna della scorta autorità ai colleghi della Squadra Mobile di Trapani. Era una mattina senza sole, ma calda.
    Con i miei colleghi ero davanti alla Caserma di via Valona ed ad un tratto riconosco dietro di me il rumore del motore della Fiat 132, la blindata assegnata al dottor Carlo Palermo.
    L’autista Rosario Maggio si ferma scende e come sempre mi saluta con un abbraccio e un bacio alla siciliana maniera. Segno di stima ed affetto che ancora conservo verso persone che stimo.
    “Angioletto sto andando a prendere il dottore. Fra mezz’ora ci vediamo sotto il Tribunale per il caffè”.
    “Va bene Rosario mio, ci vediamo lì”. Il rito del caffè era giornaliero con chi condivide con te quel percorso di vita.
    Salgo in ufficio, le carte di indagini sono sempre tante e cerchi di dare sempre il meglio di te stesso. Poi i colleghi che ho sempre reputato fratelli, il Comandante, un fratello maggiore. La nostra era una Squadra molto affiatata.
    Sguardo veloce ad un fascicolo e con i colleghi decidiamo cosa fare. Appostamenti, ricerche di collegamenti. Uno sguardo veloce al calendario: 2 aprile ……………..
    Mentre ci scambiavamo delle idee sul da farsi, giunge un fortissimo boato. I vetri tremano. Noi fermi a fissarci negli occhi.
    Non era la prima volta che sentivamo “botti” perché a qualche chilometro da noi c’erano le cave di marmo di Custonaci e la direzione dello scoppio era la stessa. Ma questa volta era troppo forte.
    Qualcosa non mi convince. Scendo con il mio fraterno amico alfista e arrivo davanti al portone. Tutti avevano sentito l’esplosione.
    Nel mentre giungo sulla strada sento delle sirene arrivare. Mi giro ed erano le auto della Polizia che passano veloci direzione Bonagia dove abitava il dottor Carlo.
    E’ una frazione di secondi, attimi. Arriva di corsa fuori la caserma verso di me il collega della Sala Operativa: “Angelo c’è stato un attentato al dottor Palermo”.
    Pochi secondi e sono in macchina. Sirene, veloci …………….. altre auto dei Carabinieri e ancora Polizia tutti nella stessa direzione.
    Arriviamo a Pizzolungo. Strada bloccata da pattuglie. Passiamo senza neppure rallentare. Iniziamo a fare zig zag tra pezzi di motori e lamiere di auto sparse sull’asfalto già molti metri prima del luogo dell’attentato.
    Arriviamo vicino alla Fiat 132 tutta deformata. Dietro la Ritmo dei colleghi con tutti i vetri frantumati.
    Odore di esplosivo brillato. Giubotti antiproiettili sull’asfalto insanguinati.
    I colleghi della Polizia e l’autista Rosario tutti seriamente feriti, tutti in ospedale.
    Il dottore Carlo ha avuto la forza di andare prima in ufficio in Procura ma poi l’hanno trasportato in ospedale.
    Giro in quell’inferno terrestre tra colleghi con sguardi smarriti, attoniti. Troppo scempio.
    Una dinamica atroce. La macchina con una giovane madre ed i suoi due gemellini ha fatto da scudo nell’esplosione alla blindata del magistrato ed è stata disintegrata. Scomparsa, volatilizzata.
    “Bastardi, bastardi” mi ripetevo. Averli tra le mani quei bastardi. Esseri ignobili ed infami.
    Noi, con le nostre scelte di vita e con un giuramento lo mettiamo in conto che un giorno come il 2 aprile potrebbe arrivare ed essere l’ultimo. Noi l’abbiamo scelta questa vita, ma la signora Barbara, no. Salvatore e Giuseppe di sei anni, no.
    Quella villa dista quasi cento metri ed ha una facciata bianca rivolta verso il mare. Rivolta verso il punto dello scoppio. Sulla parete bianca in alto c’è una strana macchia rossa. Di un rosso troppo intenso e forte.
    Ci avviciniamo e vedo dei colleghi con le lacrime. Per terra, in corrispondenza della macchia posta in alto, brandelli umani. Era uno dei gemellini, per terra sparsi c’erano dei quaderni di scuola con dei disegni che gridavano “perché”.
    Via radio la Centrale non smette di dare direttive: “Portatevi subito in Ospedale. Sicurezza al dottor Palermo”.
    Sulla strada per l’Ospedale c’era la mia casa. Chiedo al mio collega alfista Tommaso di fermarsi un attimo. Salgo di corsa la rampa di scale. Mia moglie mi chiede cosa era successo. Aveva avvertito lo scoppio e le sirene. A quel tempo niente cellulari e neppure il telefono in quella casa dove abitavo da poco.
    Non parlo e lei capisce. Vado dritto in camera da letto dove nella culla dormiva la nostra piccola Lucia. Aveva pochi mesi. Era nata a gennaio. L’accarezzo e piango in silenzio. Dei bambini, due gemellini di sei anni, come lei volevano vivere ma da quel giorno non c’erano più. L’ho accarezzata come fosse la prima volta e nello stesso tempo come se fosse l’ultima.
    Mi giro per andare. Mia moglie mi abbraccia in silenzio. Non sa quando mi avrebbe rivisto perché quei giorni sarebbero stati senza tempo.
    Era il 2 aprile. Un giorno che ha cambiato la mia esistenza, la mia vita e quella di tante altre persone.
    Ha segnato lo spartiacque di una scelta. La nostra vita per difendere un ideale di giustizia e la speranza per una nuova primavera.
    Ho portato sempre nel mio animo questi ricordi. Ho vissuto con Uomini che hanno scritto pagine di storia. La nostra storia, quella fatta di Eroi semplici che hanno lasciato tracce indelebili nel cuore di chi ha avuto l’onore di condividerne i momenti.
    In questo nuovo 2 aprile un mio pensiero ed una preghiera per la signora Barbara e per i gemellini Salvatore e Giuseppe, anime innocenti sacrificate da esseri scellerati e senza Dio.
    Belve ben descritte da Peppino Impastato e che condivido fermamente: “La mafia è una montagna di merda” ed io aggiungo “ i mafiosi, i camorristi e ‘ndranghetisti ne sono la materia prima: merda”.
    Oggi 2 aprile 2016 …………….. oggi 2 aprile 1985.

    Angelo Voza

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente