PD a congresso: E’ emergenza morale …..e non solo

SPECIALE CONGRESSO PD

Marino scopre la pentola della questione morale del PD e la “casta” gli da addosso.

A Eboli, chiuso il Partito per “questione morale”, ad Agropoli si rifiuta la tessera a ex SL.

Ignazio Marino

Ignazio Marino

Ignazio Marino, il medico ricercatore che ha sfidato gli apparati e si è candidato alle primarie del PD, sfidando l’ex Ministro Pier luigi Bersani e Dario Franceschini, mettendo il dito nella piaga ha scoperchiato la pentola della questione morale nel Partito Democratico.

“E’ evidente che nel Pd abbiamo una questione morale grande come una montagna” – spiega Marini – e riferendosi a Luca Bianchini, accusato di essere lo stupratore seriale di Roma – “è incredibile che coordinasse un circolo” – e ancora sul tesseramento – “C’é un’altra questione morale che mi preoccupa anche su un piano diverso e riguarda il tesseramento gonfiato di Napoli e della Campania. Mi rivolgo agli altri candidati alla posizione di segretario del Pd: non accettiamo una gara con i trucchi e le furbizie. Mi auguro che Franceschini e Bersani dichiarino, come faccio io, di rifiutare il sostegno di persone o gruppi che non siano sinceramente interessati a costruire un nuovo partito e che abbiamo preso la tessera del PD in maniera non legittima” -.

E’ altrettanto evidente che se esiste una questione morale nel PD, non può essere ignorata né sottovalutata e Marino l’ha presa per le “corna”, scatenando l’ira di entrambi i suoi avversari. Dario Franceschini, Pier Luigi Bersani, Rosy Bindi, Debora Serracchiani, in maniera diversa, ma tutti, gli hanno “sparato” addosso, ritenendo irresponsabile mettere in evidenza una vicenda oscura come quella di Roma e attribuirla al PD, facendo sorgere una questione morale in generale.

Allora tutti gli episodi di cronaca, mescolati a quelli politici, che sono stati oggetto di interesse della magistratura, di interesse di cronaca e ancora di semplice malcostume politico, che vanno dalle vicende dell’Abbruzzo, agli scandali della Sanità in varie Regioni italiane, o l’affare Romeo di Napoli, dei rifiuti e degli appalti in mano ai Casalesi, ivi compreso i vari tipi di coinvolgimenti, che nel corso degli ultimi mesi hanno interessato il PD e non solo il PD, non sono esistiti secondo i vari Bersani e Franceschini è veramente una bufala.

Gli episodi di corruzione e di malcostume, sono trasversali alle forze politiche che si alternano alla guida di Governi centrali e periferici, ma un partito e per giunta nuovo, che porta in se 150 anni di forti tradizioni storiche e politiche, che si richiama altresì a valori etici e morali che non sono secondi all’onestà e alla trasparenza, non può consentire che suoi dirigenti siano sfiorati da semplici dubbi.

Pier Luigi bersani

Pier Luigi bersani

E’ vero anche, che non è facile governare in alcune aree del nostro paese, per la forte presenza di organizzazioni malavitose. Ma proprio per questo, bisogna stare attenti e non guasta farlo anche nella selezione della classe dirigente, ma non si può insorgere se si fanno forti riferimenti a questi principi fondamentali  e a questi valori inalienabili, insomma le mafie, le camorre, i corruttori, il malaffare non stanno mai all’opposizione e l’attenzione non è mai troppa.

E’ questione morale? Se partita la campagna per il tesseramento nel Pd si sono verificati alcuni casi a dir poco incresciosi come nel caso di Prato, Agropoli o di Eboli dove il segretario ha chiuso il partito per “questione morale”, allora è questione morale.

Infatti un caso è scoppiato ad Agropoli dove a quattro ex militanti di Sinistra e Libertà (Tonino Marino, Carmine Parisi, Michele Passaro e Maria Pia Tamasco) è stato impedito di tesserarsi con il Pd; un vero e proprio Caos, invece è successo a Eboli dove il Segretario Donato Guercio si è visto costretto a chiudere letteralmente la sezione del PD.

Il secondo giorno di un tesseramento presidiato da due opposte fazioni: da una parte l’ex Ministro Carmelo Conte e il Sindaco Martino Melchionda; dall’altra all’Onorevole Bindiano Antonio Cuomo. Dietro lo scontro delle tessere, la contesa del sindacato per l’anno prossimo.

La cronaca del venerdì di tesseramento è raccontata dagli episodi che si sono susseguiti. Era nell’aria una tensione che si poteva affettare con un coltello. A presidiare la sezione gli Assessori Carmine Campagna e Luca Sgoia, i dirigenti Ilario Massarelli e Liberato Martusciello da una parte; Donato Guercio, Vincenzo Occhiofino, Damiano Capaccio, Giovanni Tarantino dall’altra. Arrivano a gruppi per tesserarsi e si accalcano nelle scale e nei corridoi, raccontano di aver riconosciuto la “provenienza”: prima la Multiservizi (società di servizi comunale); dopo la Sarim (raccolta differenziata); la Pegaso (soc di vigilanza); si riconoscono i comunali; poi le zone rurali con imprenditori Agricoli con il seguito; poi non si capisce più niente, evidentemente qualcuno preso da un “eccesso di zelo” ha voluto esagerare è ha “raccolto” senza scrupoli inducendo il segretario a chiudere la sezione e il giorno successivo recarsi a Salerno dai Dirigenti Provinciali.

Sede PD Eboli

Sede PD Eboli

Arrivo, faccio qualche domanda. Incontro Campagna e gli chiedo se sono rientrati, lui mi risponde di no ammiccando un sorriso. Nelle scale chi sale, chi scende. Un giovanottone sale e si incrocia con un altro che di tutta fretta scende, il primo chiede – “hai fatto” – l’altro risponde – “Si, ma dei 50 € se ne trattengono 15” – il giovanottone in pantalone e camicia beige – ” ma che partito è di destra o di sinistra” – l’altro che scende – “ma che te ne fotte a te” – si salutano. Intanto nella stanza del tesseramento qualche discussione che sfocia in bagarre. Occhiofino dopo dirà che ha avuto paura, Guercio invece si dice sconcertato, gli altri preoccupati.

L’ex consigliere Provinciale Giovanni Tarantino ha raccontato alla stampa – “Sono 40 anni che faccio politica e non ho mai visto certe scene. C’era un imprenditore agricolo di Santa Cecilia che accompagnava ad iscriversi decine di persone, pagandogli la tessera” (il Mattino) -. L’ex assessore e medico Damiano Capaccio allo stesso modo tiene a sottolineare – “Ho visto un dipendente comunale che accompagnava in sede decine di persone”. (Il Mattino) Altri invece chiedono l’anonimato, il clima è di paura, e raccontano che fino a che si è trattato di persone che, anche se per “ringraziare” del proprio lavoro si iscrivono al partito, è niente, ma vedere “quello” (riferendosi all’imprenditore) che pagava ad una ad una le tessere, e a un altro funzionario che consegnava i soldi prima di entrare nella stanza è stato veramente brutto. “Quello” pare che sia stato oggetto di un’inchiesta, che la nota trasmissione televisiva di Rete 4 Password ha messo in onda, inchiesta che riguardava lo sfruttamento di extracomunitari nella Piana del Sele, pare sia lo stesso che tiene a vario titolo i terreni dell’Istituto Orientale e che il Comune recentemente ha rinunciato agli usi civici.

In genere le vicende politiche si risolvono politicamente, ma quando si parla la stessa lingua, quando si usano regole certe, quando invece si usano sistemi di questa specie allora non ci sono speranze. Bell’inizio per un Partito politico che aspira ad essere punto di riferimento nella società e antagonista alla destra di Berlusconi. Questi episodi danno ragione a Ignazio Marino. Altro che facciamoci del male. Per allontanare il dubbio che si usano questi sistemi, perché si vuole salvare posizioni e garantire chissà che cosa,  bisogna prenderne le distanze.  Se questa non è questione morale, allora i dirigenti tutti, nessuno escluso, Consiglieri Comunali, Sindaco, Onorevoli e quanti altri si dissocino e ripristinino la fiducia che con questi episodi è stata seriamente minata.

19 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Cmq, oggi come si suol dire nn si è certamente fatta la scoperta dell’acqua calda, tutti i tesseramenti dei partiti sono stati fatti sempre in questo modo. Almeno per quanto riguarda alcuni partiti di sinistra, infatti personalmente ho assistito negli anni passati a tali tesseramenti, ed in alcuni di essi ho partecipato in prima persona.
    Purtroppo la politica è questa, anche se in teoria nn lo dovrebbe essere.
    Il DIO denaro è quello che più di tanti fattori oggi come ieri influisce nella politica e nelle decisioni che vanno ad incidere sulla vita sociale.
    Come avevo preannunciato in miei diversi interventi su questo blog, l’on. Conte e l’on. Cuomo nn vogliono ragionare e quindi mediare l’uno con l’altro (spero vivamente che prima o poi lo facciano).Se continueranno così sarà una tragedia per il PD di Eboli che volente o nolente è il maggiore partito della sinistra ebolitana. Ed inevitabilmente ci saranno anche delle ripercussioni in ambito provinciale.
    Farà la fine dello SDI di 10 anni fa, infatti vi fù lo stesso metodo di tesseramento e di rimando lo stesso scontro, che nn portò a niente all’epoca così come sicuramente nn porterà a niente oggi.
    Ecco perchè, secondo il mio modo di intendere politica, in più di una occasione avevo fatto il nome di Manzo.
    Poichè Antonio è un porfessionista molto valido e colto, con un alto valore cattolico e con questi onorevoli ha avuto modo di avere a che fare a vario titolo negli ultimi 20 anni.
    Quindi potrebbe essere un ottimo collante tra le due diverse fazioni.
    Spero che l’on. Cuomo riesca a capire tutto ciò e quindi fare un passo indietro, e nn per debolezza, anzi. Ciò gli porterà ancora più stima da parte dei cittadini.
    L’appello lo faccio a lui poichè ha un’altro modo di interpretare la politica ed i problemi dei cittadini.
    Mentre x Carmelo Conte nn ci sono speranze, nel senso che difficilmente tornerà sui suoi passi, infatti lo ha dimostrato ripetutamente negli ultimi anni. Però essendo una persona intelligentissima, spero riesca a fare almeno un piccolo tentativo di coesione con Cuomo.
    Purtroppo però questi sono personaggi che difficilmente ascoltano i consigli degli altri, sentendosi una spanna su tutto e tutti.
    Nei prossimi giorni vedremo se effettivamente tali personaggi tengono alla città di EBOLI.

  2. Non vedo la firma sotto l’articolo immaggino che sia tuo caro massimo, ti ringrazzio innanzi tutto per la cortesia delle tue email e mi scuso per non conoscere bene il tuo blog. In merito alla questione miorale del PD di Eboli è un articolo brutto, l’azione di guercio ha origini diverse che risiedono nell’antagonismo poliitico. La sezione è aperta tutte le sere per solo due ore ed è bello invece vedere che nel 2009 c’è ancora gente che fa la fila per ore per potersi tesserare con il PD.
    E’ già successo, ma non è vero che non ha portato a niente, i tesserramenti fatti fisicamente cementano creano spirito di appartenenza e partecipazione ad un progetto plitico, c’è anche chi , dopo la sconfitta cambia partito portandosi però dietro chi si è tesserato sempre fisicamente realizzando sempre e comunque un nuovo progetto politico. Quando c’è la partecipazione di tanta gente per un unico obbiettivo non è mai inutile anzi il contrario. Scusami se sono frammentario e poco sequensiale nel ragionamento, ma sto cercando di non entrare nella polemica.
    Per quanto riguarda nel generale la questione morale dico solo che se c’è va affrontata e risolta tutti insieme lavorando per cosruire partiti nuovi. La storia degli ultimi 20 anni ci ha insegnato che chi fa il moralizzatore è solo per arrivare prima al potere poi…
    Ti saluto con affetto salvatore di dio

    • Per Salvatore Di Dio –
      Caro salvatore, l’articolo è senza firma non perché mi voglio nascondere, ma perché il blog POLITICAdeMENTE è il blog di Massimo Del Mese. A breve ci saranno dei collaboratori e in quel caso è giusto che ognuno si firmi. Tornando al tuo commento, e alla questione morale del PD, certo non l’ho inventata io.
      Nel dire che questo articolo è brutto, forse tu volevi dire che non ti piace, che è cosa ben diversa. Poiché non sono di parte e non mi interessa sapere il giudizio che ognuno di voi ha dell’altro, mi baso solo sulle cose di cui ne sono a conoscenza, limitandomi ad osservare i vostri comportamenti, in quanto uomini pubblici.
      Quale è che sia l’azione di Guercio a me poco interessa, quello che è invece da rilevare è che Guercio si è preoccupato dell’andamento delle iscrizioni, tanto da chiudere la sezione per “emergenza morale”. La sua preoccupazione sottointende un non coinvolgimento, ne suo e ne evidentemente della sua parte, rispetto all’andamento del tesseramento. Allo stesso modo ti posso dire che condivido quelle preoccupazioni e se non sono anche tue, lasciatelo dire, mi preoccupa notevolmente.
      Che si iscriva al PD tanta gente non può che farmi piacere, è un segnale che c’è voglia di partecipazione, che si porti ad iscrivere persone che con questo nobile scopo non hanno nulla a che vedere, come quelli che ho visto io e che hanno visto come me Guercio, Occhiofino, Tarantino, Capaccio, Massarelli, Martusciello, Campagna e Sgroia, tra l’altro quest’ultimo, esponente anche provinciale di questo Partito e che respira aria di “giustizia vera” in famiglia, mi preoccupa.
      Sono sicuro, conoscendoti da bambino, per quanto di parte tu possa essere, se avessi visto quelle scene ti saresti dimesso come ha fatto Giovanni Tarantino. Vedere gente di poco conto, ripeto pagati, e gente che senza nemmeno farsi scrupolo, pagare d’avanti alla commissione decine di tessere, è stato vomitevole. Ascoltare giovani che non sapevano nemmeno per chi si tesserassero e se il PD fosse un partito di destra o di sinistra è stato sconvolgente.
      Noi viviamo in una Regione che è condizionata nel suo sviluppo morale, politico ed economico dalla presenza della Camorra. Leonardo Sciascia parlando della Mafia, coniò il termine “mafiosità“, per sott’intendere il coinvolgimento “ambientale” dei siciliani rispetto a quel fenomeno. Allo stesso modo ti dico che alimentare quei comportamenti a cui faceva riferimento Sciascia e che io mi permetto di coniare, imitandolo, “cammorrosità“, mette a rischio i partiti e ne mina la credibilità, oltre al fatto che se non si interviene, si potrebbero condizionare le scelte dei partiti stessi che si prestano a queste operazioni, sia perché consapevoli sia perché in qualche modo subiscono passivamente questo processo.
      Caro Salvatore, la storia dell’uomo è lunga, si perde nella notte dei tempi, quella dell’uomo libero dovrebbe avere la stessa durata, ma per la prepotenza di alcuni, che hanno voluto esercitare il dominio sugli altri (homo homini lupus), la storia dell’uomo libero è ancora nell’agenda democratica di tutti i paesi civili.
      Ti invito a riflettere e ti invito, come estendo l’invito a quanti non condividono questo sistema a dissociarsi. Questa presa di distanza è indispensabile, senza se e senza ma, per capire da quale parte si è, ma che tenda anche ad individuare, isolare ed allontanare chi di questi metodi vive.
      Ti ringrazio sinceramente del tuo intervento.

  3. X Salvatore Di Dio,
    questo modo di fare politica ha portato questo:
    – Cacciare dallo SDI Cuomo e tutto il suo seguito, a causa di ciò ne continuiamo a pagare le conseguenze, infatti Cuomo giustamente si contrappone all’on. Conte, ed in modo particolare x il comportamento poco corretto che qualche nipote di Carmelo Conte ha nei riguardi di Antonio Cuomo.
    – Non candidare Infante alla provincia nello SDI come gli fu promesso, per fare spazio a Tonino Conte, che da allora nn è stato mai più eletto. Infatti in tutte le elezioni successive era candidato anche Infante, che giustamente si è ripromesso come suo unico obbiettivo di togliere i voti alla famiglia Conte.
    E questo soltanto x citarne alcuni degli errori commessi.
    Risultato,
    Il PD ad Eboli spaccato, Infante nell’UDC ( circa 500 preferenze in meno per il centro sinistra).
    Quello che è rimasto è che da grande risalto al PD di EBOLI è l’imprenditore agricolo di S.Cecilia che accompagna i suoi operai a tesserarsi nel partito democratico.
    Complimenti!!!!!!!!

  4. lo asserivo in altri commenti precedenti.Povera sinistra ebolitana.E’ caduta cosi in basso.Vorrei sapere cosa hanno costoro più di sinistra.E’ oggi sinistra CUOMO CONTE MELCHIONDA DI DIO INFANTE BISOGNO MASTROLIA POLITO ROTONDO giusto SEMPLICI QUALUNQUISTI. la sinistra è tutta altra cosa ROSANIA CARIELLO .E’ la vera sinistra che dovrà reggere le sorti di eboli per il prossimo futuro.

  5. la …………………più si rivolta e più puzza. ADMIN condivido a pieno il tuo articolo e la tua risposta.Il buonsenso suggerirebbe di stare zitti.L’arroganza è troppa.

  6. Ti ringrazzio per la risposta che condivido nei contenuti che sono anche i miei principi, non condivido la tua lettura della storia, Cuomo non è stato cacciato, è andato via, come è andato via da molti altri partiti, non so quale politica incarni e non voglio entrare nel merito questo lo lascio a te.
    In ultimo perdonami non ero presente e non posso contestarti le cose che hai detto ho notizie diverse, comunque il guaio è da che posizione e con quale animo si guardano le cose.
    I cognomi non contano Cuomo Conte Del Mese Di Dio ci sarà sempre uno di questi che viene preferito e gli atri che perdono se non hanno scuola politica e ambizioni di potere se ne vanno è questo che secondo me va anche detto.
    Scusami è lultimo, non farò più polemica
    ciao Salvatore Di Dio

  7. Io incarno la politica dell’essere CORRETTI; quando si fanno degli accordi preeletorali, tali accordi vanno mantenuti.
    Mio padre questo mi ha insegnato.
    Io personalmente quando ci furono le elezioni per l’europarlamento nel 99 ( se nn misbaglio) ho votato CRAXI e CUOMO dello SDI, e nn CRAXI e RINALDI come il resto dei socialisti ebolitani. E di questa mia scelta fatta quando ero più giovane ne vado fiero così come del resto tutti i ragazzi che come me votarono CUOMO.
    Adesso di questi tre nomi che ho fatto chi è rimasto nel PD, con chi si può parlare? Spiegami o quanto meno chieditelo.
    La prima volta che Antonio Conte è divenuto consigliere comunale, Infante nn si candidò poichè gli fu assicurata la candidatura alla provincia, cosa che nn avvenne.
    Anche se sò che chi all’epoca promise adesso si è dimenticato e sicuramente negherà.
    Chiedetevi perchè a S.Cecilia nn vi ‘è più un solo giovane che voti a sinistra come invece facevano sino a 5 anni fa.
    I giovani di S.Cecilia hanno pienamente ragione quando si rivedono in Massimiliano Atrigna e Giuseppe La Brocca.
    Questo lo sai perchè accade, perchè questi signori stanno in mezzo a loro, senza essere arroganti e provando ad ascoltare i loro problemi e nn facendoli sentire delle nullità, come invece fanno altri.

  8. Caro Massimo, è del tutto evidente che chi ha coscienza civile deve dissociarsi da episodi di malcostume politico, ed io ovviamente me ne dissocio, laddove questi fossero realmente accaduti (non c’ero, e quindi ne ho preso conoscenza dalla stampa). Ma chi ha coscienza politica e non appartiene al partito dei faziosi (e ovviamente non mi riferisco a te) dovrebbe denunciare con altrettanta forza denunciare altri episodi spiacevoli che pure sono accaduti ed accadono in questi giorni: tessere fatte nei bar della periferia ebolitana, ad esempio. Oppure senza la presenza degli iscrivendi. Ed io a questi altri episodi di gravissimo malcostume ho assistito di persona, perché nel bar in questione ero andato a prendere un caffè. In effetti, è a questo che sono destinati per loro natura i bar, al caffè o all’aperitivo, non al tesseramento sottobanco fatto da chi non riesce a convincere le persone che condividono con lui idealità e programmi politici a recarsi nel circolo a chiedere la tessera al Partito Democratico. Immagino converrrai con me su questa analisi.
    Con stima

  9. Caro carmelo jr. L’arroganza del potere a Eboli, ma prima ancora a santa cecilia, è nata con “TUO PADRE”. Certo tu eri piccolo, vedevi tuo padre come tutti i bimbi “un eroe” non capivi la “politica” nei tuoi ricordi
    solo bagliori di feste che si susseguivano di freguente, ad ogni vittoria di “TUO ZIO CARMELO” grande intuitore politico che tutti guardavamo con ammirazione e ne saggiavamo la carriera apicale nel PSI.
    Quando tuo padre “IMPOSE” la sua candidatura “ricattando tuo zio” dicendo che i voti li controllava lui in nome e per conto di Carmelo, ma li controllava in modo capillare distribuendoli dietro lauto compenso ad altri candidati (4 preferenze) tuo zio non poteva fare altro, non potendosi muovere in prima persona, che accettare la situazione (in questo frangente volò uno scappellotto che lo zio rifilò a tuo padre) così tuo padre fu candidato. Da questo momento in poi siamo al “declino”. Tu conosci bene “ANGELINO”?
    Credo di sì, allora non conviene risvegliare “certi ricordi” rimarresti tu per primo “esterrefatto”. Tuo padre non ha potuto trasmetterti la dote della “correttezza” perché “semplicemente “ non la possedeva.
    Non la possiede neppure oggi che si schiera con “CUOMO” anzichè con il fratello. Non entro nel merito poi
    Di chi era “TONINO CUOMO” all’interno del PSI e cosa pretendeva, di certo nessuno l’ha cacciato, se né andato volontariamente perché “LA STAR GIA’ C’ERA “ e due non potevano convivere. Cavalcando il malcontento di tuo padre lo ha strumentalizzato facilmente mettendolo ulteriormente contro il fratello-
    Io sò solo che è stato la causa di tutti i mali di tuo padre perciò mi stupisce di come parli di quest’uomo che semina zizzania ovunque mette piede promettendo “aria fritta” . Per venire al tema delle tessere del PD, per chi non l’abbia capito in balio ci sono “ le terre dell’orientale” e la “LEADERCHIP” della sezione del pd di Eboli è il crocevia per arrivare ad esse. Avete fatto caso che hanno cambiato solo “sigla” gli ex socialisti si sono appropriati del PD di Eboli !!! e i “CATTOKOMUNISTI” dove sono finiti?…. Melchionda, Conte da una parte con il seguito …dei tenutari le terre dei cinesi, che pagano ogni loro sottoposto 50 euro a tessera il resto mancia. La spesa ne vale la candela in quanto l’assegnazione di queste terre è discrezionalità comunale e il colpo è grosso Melchionda sindaco Conte avvocato e conoscitore degli usi civici e il gioco è fatto. Dall’altra Cuomo, Guercio consalvo e tutto il resto contrapposto a Conte da sempre ma che lottano contro i mulini a vento o volere o volare Conte li brucerà in partenza. Queste Diatribe ricordano gli anni della prima repubblica quando le sfide non si facevano più a colpi di “fioretto” ma di “scrivanie” sui piedi.

  10. X Ivan.
    Purtoppo nn ti conosco e nn so neppure di cosa stai parlando.
    Da quello che so Angelo Conte non fa più politica dal 1992.
    Poi se è schierato oppure no con Cuomo, questo nn lo sò.
    Se è così avrà i suoi buoni motivi.
    Se all’epoca vi era arroganza si parlava degli anni 80 e nn del 2009.
    Dal modo di esternare il tuo pensiero mi rendo conto del perchè il PD ad Eboli prenderà sempre meno voti.
    Poi dovresti essere quasi contento se un arrogante come Angelo Conte, se è vero quello che dici, si è schierato con Cuomo e nn con il fratello.
    Porterà all’on. Conte un grande vantaggio in termini di immagine e di preferenze elettorali.
    Ti permetti il lusso di parlare di correttezza, io nn mi sono mai permesso di parlare con il tuo tono su questo blog ed in particolare verso le persone che conosco.
    Ed in ogni caso a me piace più parlare con delle persone poco corrette come Angelo Conte, Antonio Cuomo ed anche Infante che con gente come te, che ribadisco nn so neanche chi sei.
    Tu dici di conoscermi, di conoscere Cuomo ed Angelo Conte se questo fosse vero sicuramente nn parleresti così.
    E te che sei così saccente, ancora nn mi hai spiegato del perchè a S. Cecilia i giovani nn votano più a sinistra.
    Ah dimenticavo, è colpa di Angelo Conte e del suo nucleo familiare.
    Gli chiederemo pubblicamente di cambiare residenza così il PD di Carmelo Conte prenderà più voti.
    Se questo fa stare bene te e qualcun’altro ben venga. L’importante e che ti rilassi e stai calmo, poichè l’innervosirsi fa male alla salute.
    Vedremo con il tempo chi ha ragione.

  11. … a proposito di regole e democrazia, caro Massimo, perché non parlare poi della volgare gazzara – condita da insulti, minacce, ed infine violenza fisica su giovani dirigenti del Pd – scatenata ad opera di manutengoli prezzolati al congresso dei Giovani Democratici di Salerno?
    Uomini provenienti dalle società miste, 40enni che ovviamente nulla hanno a che fare coi movimenti giovanili e spero neanche col PD, hanno impedito lo svolgersi pacifico di una assemblea provinciale di giovani militanti. Tutto questo non merita una condanna ferma? e agivano – ovviamente credo e spero che non sia vero – a loro detta in nome di De Luca…

  12. A proposito di questo congresso dei Giovani Democratici a Salerno vorrei vederci chiaro. Leggevo che è il secondo congresso convocato. Che il primo (con sconfitta dei Bassoliniani) è stato invalidato. Perchè ?

    Cioè in questo partito democratico di vero ci sono solo le botte ? mentre ovunque ci sono tesseramenti farsa e congressi farsa ?

    Mi permetto di chiedertelo visto che sicuramente saprai darmi una risposta e chiarire questa situazione incresciosa per il PD che mi fa essere d’accordissimo con Carmelo. Così non si va da nessuna parte.

  13. che questo Pd stia messo male è fuor di dubbio! Circa il congresso dei giovani, ovviamente non ho notizie di prima mano perché tanto giovane – ahimé – non lo sono più e quindi non vi ho partecipato (a differenza di altri 40enni violenti). Da amici carissimi e di cui ho piena fiducia – dirigenti della giovanile – ho potuto apprendere che la prima assemblea dei delegati (non congresso) non era stata ritenuta valida dagli organismi nazionali perché non convocata in modo conforme a statuto e regolamento (e in questi casi – tu mi insegni – la forma e sostanza). Ma, al di là di questo, caro Gab, qui non si è trattato – e sarebbe stato lo stesso deprecabile ma meno grave – di un litigio violento fra dirigenti dei giovani democratici, ma di un intervento violento di persone esterne all’organizzazione (gente di 40/50 anni), svolto in presenza della Digos, con pestaggio sistematico di dirigenti e anche di del caporedattore de ‘Il Mattino’! Tanto ti basta per condannare questo scempio, o qui si condannano tutte le nefandezze (anche quelle supposte) fuorché quelle compiute dal ras salernitano?

  14. Stamattina lo schifo dello schifo…mi ha fermato una signora in mezzo alla strada chiedendomi…scusi sa dove si trova il pd di mario conte???e io: signora guardi che il pd è unica sede… lei: che me ne frega voglio sapere dv’è perchè mi hanno dato dei soldi dicendomi che mi devo tesserare…sa com’è…io lavoro all’elaion…’chell gent m da ra mangià’…è il minimo che posso fare…la domanda è:che schifo è questo?questi folli ebolitani-carmelitani pensano di stare a sinistra??????ma quale sinistra???qll del clientelismo…carissimi signori…andate a quel paese…questo è un comportamento Berlusconiano…andatevene dall’altra parte…qui non servite!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  15. Cari ragazzi ormai siamo arrivati alla frutta.
    Questa è la prima volta che leggo questo blog, vedo che si parla di tutto ( numeri, persone, cognomi, nomi) ma qualità zero.
    Ormai in questo paese, si parla solo del numero di tessere.
    QuanTe ne fai…..chi porta più gente.
    Eboli è un paese alla deriva.
    La colpa???? carmelo, cuomo, rosania, melchionda……ecc ecc ecc…..
    Ma nessuno ha il coraggio di guardare in avanti e dire basta con il passato.
    Viviamo in una città (paese) dove ci amministrano infermieri e venditori di cartuccie.
    Dove l’Assessore alla Cultura è un professore di cucina all’alberghiero di Contursi e la delega al Turismo un ex venditore di Mobili.
    Ditemi se possiamo continuare con queste persone di fare politica, dove gente come Mastrolia si limita a prendere la presenza per raccattare il gettone di presenza ( € 50.00) e abbandonare discussioni fondamentali per la comunità, manovrato dal puparo di turno.
    Ditemi voi se possiamo mai avere un consigliere comunale che ricatta per i voti………protestati di turno…!!!!
    Però ve ne diamo atto, siete stati capaci di svuotarci da ogni energia per ribellarci al sistema.
    Abbiate il buon senso di staccare il culo da quella maledetta poltrona…………………..
    Però la cosa che mi fà più rabbia………………è vedere tutti i miei figli……..( i ragazzi di Eboli)………che non credono più nella propria città……….e si allontanano senza più ritornare.

  16. Sicuramente tutti noi i nn ci siamo messi daccordo nell’esporre i fatti che sono accaduti in questi giorni, oppure mi sbaglio?
    Però ci sono delle persone ( vedi Ivan) che vogliono parlare di politica, correttezza, moralità. Ogni tanto scrive un commento e poi si nasconde, come sono abituati la maggiore delle persone che sono come lui.
    Io quando facevo il tesseramento, almeno le signore le accompagnavo personalmente e le indottrinavo su come comportarsi. Almeno lo facevo in modo intelligente, poichè mi reputo una persona intelligente e CORRETTA.
    Sono contento di quello che sta accadendo ( anche se dentro di me provo tanta vergogna, poichè tutti i valori in cui credevo sino all’altro ieri uno dopo l’altro sono svaniti), poichè le persone devono toccare con mano l’alto grado di immoralità a cui si è giunti.
    Posso capire e comprendere l’arroganza da parte di persone nn istruite nel 1983, ma nn nel 2009 fatta da persone che per il solo fatto di avere una laurea credono di essere migliori degli altri, ma si comportano peggio degli ignoranti con un fare davvero riprovevole.
    VERGOGNATEVI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    P.S. Cercate di assumervi le responsabilità per quello che sta accadendo, e nn incolpate sempre gli altri.

  17. Caro carmelino, visto che mi hai citato dispregiativamente come se il mio chiarissimo articolo in cui riportavo fatti di cronaca passata molto precisi citandoti personaggi che tu conosci bene e fatti altrettanto precisi a conoscenza di tutti, voglio dirtene ancora una e poi smetterò di dialogare con te.Tu credi di sfruttare il tuo “”NOME ALTOSONANTE”” per incuotere in qualcuno il dubbio o il sospetto “è lui o non è lui” sfatiamo questo dubbio tu non sei LUI, non sei neanche chilometricamente vicino a LUI. Io uso uno pseudonimo per difendermi dagli ignoranti e gli “schizzati che hanno i paraocchi e chi la pensa diversamente da loro è un nemico e và isolato e a volte punito con sfregi alla macchina e altro. Ti voglio raccontare un episodio che mi è capitato personalmente per farti capire dove siamo arrivati con l’odio politico: Mi trovavo con un gruppo di amici ad un convegno sindacale, entrammo in una edicola per fare la scorta di riviste per la sera, comprammo giornali riviste ecc. io non ho guardato cosa hanno comprato gli altri, ma uno di loro responsabile sindacale ha visto che prendevo alcuni giornali Repubblica, Cor-sera , Libero, e il Giornale di Indro Montanelli. Apriti cielo, perché leggi questa stampa di destra, fai del bene a Berlusconi, mi diedero tutti addosso. Qui capii la faziosità becera di alcuni uomini della sinistra Ultramassimalista che non vanno oltre il loro naso. Con questo ti voglio dire che è pericoloso oggi esternare le proprie idee a persone che non possono avere la stessa tua maturità. Siamo diventati come “ISLAMICI e INFEDELI. Allora caro caro Carmelino, tu non puoi fare lo spadaccino su questo sito, dici la tua io dico la mia senza offendere nessuno , Quando ho parlato di correttezza mi sono riferito precisamente a una persona che tu dici di NON conoscere, allora perché offenderti? Se poi ti “reputi” “INTELLIGENTE E CORRETTO perché accompagnavi le signore al tesseramento ? La tessera è una cosa volontaria non c’è bisogno di accompagnamento altrimenti diventa “PILOTATA” e INTERESSATA AL PROPRIO TORNACONTO “”F A M I L I A R E ) Perciò Carmelino (a proposito Auguri ovunque tu sia) conviene ABBOZZARE a volte è meglio tacere che esternare LOGORROICAMENTE una volta una cosa una volta un’altra il contrario di quanto detto prima: Se non sei tu il CARMELINO che penso TI CHIEDO SCUSA, ma se invece sei proprio TU voglio darti un consiglio: Fermati qui non andare oltre.

  18. X IVAN ( il terribile)
    Secondo me hai realmente qualche problema, io ho detto di nn conoscere te e nn Carmelo Conte ed il fratello.
    Tu che parli di moralità e correttezza e partecipi anche ai convegni sindacali, ma dimmi i tesseramenti dei socialisti negli ultimi 30 anni come avvenivano?
    Tu ti permetti di chiamarmi CARMELINO e mi fai anche gli auguri, ribadisco ancora una volta IO NN TI CONOSCO.
    Carmelo Conte nn si fa ricattare da nessuno, ne tantomeno dal fratello. Se lo candidò fece una sua valutazione politica.
    Ti nascondi per paura di ritorsioni, dai un grande esempio ai giovani, così si deve fare, bravo.
    Consigli nn puoi darmene, fidati.
    Qualche consiglio lo posso accettare soltanto da mio padre.
    Il suo più grande insegnamento è stato quello di farmi vedere come si ci comporta con persone che la pensano come te.
    Ti permetti di scrivere ( Carmelo Conte facogiterà tutti, ….trema De Luca) bravo, bravo. Questi secondo me sono termini che usano le persone di strada, i camorristi, e che nn possono essere accomunate alla personalità di Carmelo Conte.
    Il grande errore politico di Carmelo Conte è stato quello di essere attorniato da persone come te, che parlano di legalità, comprano quotidiani e passeggiano sul viale amendola.
    Spero che questo nn accada più.
    Carmelo Conte ed Antonio Cuomo la mattina alle 7.00 sono già svegli, gli altri dormono sino alle 11.00. Questo è il problema della politica ebolitana.
    Io nn sfrutto nessun nome, chi mi conosce mi vuole bene per quello che sono, gli errori che ho commesso ma anche per le cose buone che ho fatto, sia essa di sinistra o di destra.
    Tu che mangi a colazione pane e volpe, chiediti come mai abbiamo preso soltanto 2.400 voti, quando noi socialisti nel peggiore dei casi ne abbiamo presi sempre minimo 3.000.
    Io faccio gli interventi per cercare di far capire alle persone che nn tutti i socialisti ebolitani sono dei corrotti, dei delinquenti e delle persone votate soltanto al clientelismo, che nn sono delle pecore ed hanno anche una propria testa.
    E se nn sono daccordo dissentono, e nn fanno come al congreso del PDL, che tutti all’unanimità sono x Berlusconi.
    Io accompagnavo le persone a tesserarsi ed anche a votare, lo facevo, adesso nn lo faccio più.
    IO HO CAPITO!!!!!!!!!!

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente