Rosania, SU e RC: Un Progetto di sviluppo per la Piana del Sele

L’idea di Sinistra Unita e Rifondazione: Uniamo le singole vertenze di lotta della Piana del Sele. Lanciamo un progetto per lo sviluppo della Piana!

La Sinistra alternativa, il nucleo storico dei comunisti ebolitani, con il suo leader incontrastato, l’ex Sindaco Rosania, mette in campo un Grande Progetto della Piana del Sele, per rilanciare la “vertenza lavoro” e affrontare la “Crisi del sistema industriale” della Piana.

Gerardo Rosania

Gerardo Rosania

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA/EBOLI – “Uniamo le singole vertenze di lotta della piana del sele. Lanciamo l’idea di un  progetto per lo sviluppo della piana!” Questa è il “grande” progetto politico che la Sinistra alternativa di Eboli, il nucleo storico di Rifondazione Comunista e Sinistra Unita, il Movimento del quale ne è leader l’ex Sindaco Gerardo Rosania, vuole mettere in campo per rilanciare la “vertenza lavoro” ma anche la “Crisi del sistema industriale” della Piana del Sele. Le grandi emergenze intorno alle quali la crisi ruota e stringe fino a sfiancare ogni resistenza umana e lasciare a terra tramortiti migliaia e migliaia di persone, milioni in Italia, che espulsi dal lavoro non trovano più collocazione.

Il Progetto che da un nuovo impulso al popolo della sinistra, sembra coincidere con le dimissioni da Consigliere comunale dell’ex Sindaco di Eboli, di quella stagione che loro stessi definirono “La primavera ebolitanaGerardo Rosania, il quale avendo assunto un ulteriore incarico di reggenza da Segretario comunale è incorso nell’incompatibilità e necessariamente ha dovuto rassegnare le sue dimissioni. Dimissioni che saranno formalizzate nel prossimo Consiglio comunale e che consentiranno a Carmine Caprarella di sostituirlo nell’assise cittadina.

Sembra che la circostanza abbia dato fiato alle trombe dei coministi locali, anche se al momento a quei “fiati” mancherebbero i “Fagotti” di SEL, i quali, tra l’altro, hanno visto sempre nel leader Rosania, un ostacolo ad un qualsiasi processo di unificazione della sinistra, manco come se fosse la carica di consigliere comunale a rendere ingombrante Rosania, e non il suo “peso” politico. La circostanza passa anche attraverso altri fattori, oltre a quelli politici di area, che non escludono le condizioni drammatiche in cui versa l’intera piana del Sele, minata nel suo cuore economico e produttivo, e la crisi che attraversa le due grandi Città di Eboli e Battipaglia: La prima mortificata da una gestione amministrativa che Rosania nel suo ultimo comizio come San Francesco, rivolgendosi agli alberi e agli uccelli, ne ha evidenziato limiti e responsabilità; La seconda mortificata per la 5^ volta da una gestione commissariale sotto il pesante sospetto di probabili infiltrazioni camorristiche.

Gerardo Rosania

Gerardo Rosania

Di quì il progetto di Rifondazione Comunista e Sinistra Unita che individua nella lotta di questi mesi dei lavoratori della PAIF, di quelli della TERMOPAIF, prima ancora di quelli della BTP ex ALCATEL, a Battipaglia, come i venti di preoccupazione della PEZZULLO ad Eboli, mentre il processo di “desertificazione industriale” di quello che solo 15/20 anni fa era uno dei poli industriali più avanzati della intera Campania, la Piana del Sele, non solo ha già lasciato sul campo decine di aziende che hanno chiuso i cancelli abbandonando nella disperazione decine di lavoratori e di famiglie, ma ha logorato l’intero tessuto produttivo dell’area ed ha fatto anche venire meno  quei presidi di democrazia che, storicamente, le fabbriche rappresentano.

– Il 25 febbraio i rappresentanti del mondo agricolo della Piana sono in assemblea nell’aula consiliare di Eboli per esprimere lo stato di disagio di quello che rimane uno dei punti di forza dell’economia della nostra area, per i suoi livelli di qualità, per l’ampiezza e la fertilità di terreni che ne fanno una delle ultime grandi zone agricole della Campania;

– la crisi profonda delle società di Servizi Comunali, sicuramente legata alla situazione economica nazionale, ma accentuata dalle scelte miopi e scarsamente lungimiranti di chi governa le nostre città, e per una gestione tecnica insufficiente se non incapace e asservita al potere politico, oggi mette in discussione in modo reale  il futuro di decine di lavoratori ad Eboli come a Battipaglia, come in altri centri della Piana;

– la crisi del Commercio nei centri abitati dell’area si traduce nella chiusura di centinaia di attività commerciali, piegate senz’altro dalla portata storica della crisi economica nazionale, ma duramente colpite anche dal sorgere delle grandi strutture di vendite, senza che una classe politica locale, imbelle e priva di capacità di analisi, fosse capace di mettere in campo misure di salvaguardia del tessuto commerciale urbano;

Alcatel

Alcatel

–  l’attacco ai servizi pubblici dei centri della Piana, a partire dalla Sanità con il duro colpo inferto dalle scelte del Direttore Generale dell’ASL, che lede quello che la Costituzione annovera, ancora, come un diritto fondamentale, “il diritto alla salute“, alla soppressione, fra l’indifferenza generale, della sede staccata del Tribunale di Eboli, ci parla di un impoverimento complessivo della Piana sul terreno della “civiltà”;

– lo scippo delle infrastrutture della Piana, indispensabili per lo sviluppo dell’intera area: dal Polo Agroalimentare all’Interporto, agli svincoli autostradali nelle zone industriali, da un aeroporto che non riesce a svolgere un ruolo positivo per l’economia della zona alla mancanza dei “momenti” di commercio della nostra produzione alle condizioni pietose in cui versano le arterie stradali che la attraversano, alla chiusura delle stazioni ferroviarie ed ad una metropolitana che non s’inoltra nella Piana, alla mancanza di una qualsiasi realtà portuale turistica (che sia compatibile con l’ambiente), così che si vede un “vuoto” nel tratto costierotracciabilità,prodotto,marchio, tra Salerno ed Agropoli, pone con forza il problema della infrastrutturazione dell’area;

– l’esplodere della vicenda ” Terra dei Fuochi ” ha inferto un colpo durissimo all’economia della Piana che, in mancanza di una tracciabilità del nostro prodotto o di un marchio che lo contraddistinguesse, ha finito per pagare un prezzo altissimo alla sfiducia ed alla paura dei consumatori insorta verso il prodotto campano, nonostante le condizioni nella nostra area sia completamente diversa;

è drammaticamente evidente la fragilità idrogeologica di un territorio che, ad ogni pioggia un po’ troppo insistente, finisce per contare i danni per gli allagamenti e per le frane nelle zone collinari come conseguenze di una cronica incapacità di controllo dell’ambiente o  di fare i conti con una impermeabilizzazione esasperata del suolo;

– la mancanza di una seria politica di stimolo verso il turismo non ha consentito il pieno decollo di una fascia costiera di circa 20 Km, da Capaccio a Pontecagnano, che andrebbe opportunamente bonificata, liberata di orpelli edilizi e di pseudo lidi balneari, con il ripascimento delle spiagge (che non si traduca in una serie di ” pennelli”  che corrono il rischio di trasformare il nostro mare in un malsano stagno a causa dell’interferenza con le correnti marine);

PAIF-M5S

PAIF-M5S

– non solo i nostri centri antichi versano in  stato di abbandono, ma lo sono anche la cultura e le tradizioni delle nostre genti che potrebbero rappresentare, davvero, una grandissima opportunità per le nostre terre.

Questo ed altro ancora dà l’idea  da un lato delle condizioni drammatiche in cui versa oggi la nostra economia, che ha come immediata conseguenza un processo migratorio spaventoso dei giovani, dall’altro lato  delle potenzialità enormi che quest’area vasta che e’ chiamata Piana del Sele possiede, fino a potersi candidare, a buon ragione, a svolgere il ruolo di volano motore dell’economia dell’intera regione.

Questo quadro drammatico e queste potenzialità enormi, allora, richiedono  un grande livello di mobilitazione unitario dei lavoratori, dei giovani, degli uomini di cultura, degli stessi operatori economici, dei cittadini tutti. C’è la necessità di mettere al centro del dibattito politico, regionale e nazionale una vera e propria “vertenza Piana del Sele”, che parta dalle ricchezze  incredibili che questa terra presenta .

Questa e’ la sfida che lanciamo alle forze politiche cittadine, alle organizzazioni sindacali, alle associazioni di imprese, al mondo creditizio, al mondo della cultura, alle associazioni professionali: riuscire a mettere in piedi un progetto per la piana del sele.

Per questo Rifondazione Comunista di Eboli E Sinistra Unita, nell’esprimere la piena solidarieta’ ai lavoratori delle fabbriche che da giorni presidiano i loro stabilimenti e lottano perche’ sulle loro tragedie non cada il silenzio, nell’invitare quei lavoratori a non indietreggiare ed anzi ad unire le loro lotte e le loro forze perche’ uniti si e’ piu’ forti, LANCIANO UNA PROPOSTA: la “costruzione” di un appuntamento  di valenza  regionale, in cui le analisi di tutti questi elementi di crisi  possano trovare spazio e dignita’ e le “parziali” soluzioni  possibili  possano confluire in un grande progetto di sviluppo dell’intera  piana del sele, la cui realizzazione non puo’ essere piu’ rinviata !

Nella costruzione di questo appuntamento non escludiamo nessuno! A noi interessa arrivare, ed a questo lavoreremo nelle prossime settimane, ad un momento in cui tutti, operatori economici, operatori creditizi, forze sindacali, imprenditori, mondo della cultura, organizzazioni ed associazioni professionali, mondo delle istituzioni, forze e movimenti politici, semplici cittadini, possano confrontarsi ponendo al centro di tale confronto IL FUTURO DELLA PIANA DEL SELE !

Eboli, 26 febbraio 2014

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente