Cardiello in piazza: “La ricreazione è finita” e attacca Cariello, Cuomo e Squillante

Secondo comizio tutto di attacco per Damiano Cardiello. I temi: I fallimenti di Melchionda; I suoi principali avversari Cariello e Cuomo.

Indica il duo Cuomo-Conte come “la vecchia politica“. Denuncia l’ambiguità di Cariello che non solo si allea con Melchionda dopo averlo criticato per 5 anni, ma imbarca anche la “triade” Vastola-Rotondo-Salviati; Sull’Ospedale di Eboli e la Sanità accusa Squillante e chiede a Caldoro “più rispetto per Eboli“.

Damiano Cardiello-Comizio

Damiano Cardiello-Comizio

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – La campagna elettorale è entrata proprio nel vivo. I partiti e le Coalizioni ormai “assaggiata” la Piazza ora cercano di approfondire i temi per conquistare l’elettorato, per caricare i propri supporters e incoraggiare i propri candidati. E così è stato per il giovane Candidato Sindaco del Centrodestra Damiano Cardiello, il quale dal palco invoca un forte cambiamento di metodi e generazionale e rivendica l’operazione “Liste pulite” a lui ben riuscita, lasciando intendere che per gli altri così non è stato.

Damiano Cardiello-Comizio-Eboli

Damiano Cardiello-Comizio-Eboli

Un comizio bene impostato e ben posto ai suoi elettori e a chi sotto il palco, con gli scroscii di applausi mostra di condividere i passi del suo discorso che ovviamente, valutando l’applausometro sono aumentati in maniera esponenziale e prolungatamente quando Cardiello ha attaccato a testa bassa l’Amministrazione Melchionda e i suoi principali competitor Massimo Cariello e Antonio Cuomo entrambi candidati a Sindaco: il primo a capo della “Casa delle Idee“, una Coalizione di cinque Liste, tre Civiche, più il Nuovo Psi e FdI; Il secondo con una coalizione di centrosinistra composta da cinque liste di cui il PD è altri partiti minori (Psi, UDC, API) dislocati nelle altre 4 liste civiche che lo sostengono; e soprattutto quando rivendicando la propria autonomia ha attaccato i vertici dell’ASL Salerno e principalmente il Direttore Generale Antonio Squillante.

Sulla Eboli Patrimonio e la Multiservizi: “Saremo intransigenti. La ricreazione è finita. Chi ha rubato deve andare in galera. Ma bisogna comunque salvaguardare i posti di lavoro e garantire a loro e alle  loro famiglie sicurezza e tranquillità“.

Pasquale Aliberti-Eboli-Comizio Cardiello

Pasquale Aliberti-Eboli-Comizio Cardiello

I problemi politici che sono sorti, secondo Cardiello, sono solo il frutto di una gestione scellerata della cosa pubblica, e se la Eboli Patrimonio ha prodotto solo oltre 700 mila euro di debiti, non è da meno la Multiservizi, usata a supporto dell’amministrazione con assunzioni temporanee, 70 solo nelle scorse Elezioni Amministrative del 2010, finalizzate a garantirsi voti e preferenze.

C’è n’è per tutti e Damiano Cardiello punta i riflettori soprattutto sulla Sanità e chi l’ha gestita e la gestisce, uomini e politiche che ci riconducono attraverso Squillante all’On. Edmondo Cirielli e al suo Partito Fratelli d’Italia, che ha letteralmente disamministrato ASL, Sanità e Ospedali:Riguardo alla Sanità e all’Ospedale di Eboli. – rivolgendosi al Governatore Caldoro come se fosse lì e lo stesse ascoltando – Pretendiamo rispetto, e indipendentemente dai partiti, bisogna cambiare metodi, girare pagina ed evitare di assumersi responsabilità per colpa di qualche imbecille che governa la sanità alle spalle di Caldoro.

Domenico Di Giorgio-Eboli-Comizio Cardiello

Domenico Di Giorgio-Eboli-Comizio Cardiello

E’ il turno del Sindaco del centrosinistra e della sua coalizione: “Cuomo-Conte, insieme assommano a 145 anni. Sono l’espressione della vecchia politica che predica bene razzola male. È arrivato il momento di mandarla a casa”.

Le bordate più forti Cardiello le riserva al suo ex alleato Massimo Cariello e denuncia: Il gioco ambiguo di Cariello è stato smascherato, e così assistiamo che dopo egli ha condotto un’aspra opposizione e violente critiche a Melchionda, ora si allea con Melchionda.

Una insalata condita dal potere.

Noi diciamo “No”. Dobbiamo evitare che questi diventino i padroni della città. NO alla santa alleanza Cariello-Melchionda e alla triade Mauro Vastola-Vincenzo Rotondo-Pasquale Salviati.

“Bisogna cambiare registro. – dice Damiano Cardiello a termine del suo comizio testimoniato anche dagli interventi dai Sindaci Di Montecorvino Puglino Domenico Di Giorgio e di Scafati Pasquale Aliberti, lo “sponsor” lo sponsor che ha determinato la nomina di Martino Melchionda a Presidente del Consorzio Intercomunale delle Farmacie, in cambio si dice di un appoggio alla candidata regionale Monica Paolino, moglie di Aliberti e candidata nella Lista di Forza Italia,  in cerca di riconferma. – La ricreazione è finita. C’é bisogno di una ventata di aria nuova. E noi ci presentiamo con una squadra di qualità, con Liste composte da persone per bene. – chiude con una frase ad effetto che gli procura una standing ovation – L’operazione liste pulite a noi è riuscita”.

………………………  …  …………………………

Foto Gallery

Damiano Cardiello-Comizio-Eboli

Damiano Cardiello-Comizio-Eboli

 Damiano Cardiello-Comizio 2

Damiano Cardiello-Comizio 2

Damiano Cardiello-Comizio-3.

Damiano Cardiello-Comizio-3.

Damiano Cardiello-Comizio-4

Damiano Cardiello-Comizio-4

Damiano Cardiello-Comizio-5

Damiano Cardiello-Comizio-5

Damiano Cardiello-Comizio-6

Damiano Cardiello-Comizio-6

Damiano Cardiello-Comizio-1

Damiano Cardiello-Comizio-1

Eboli, 11 maggio 2015

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente