Eboli: Il Consiglio comunale approva la variazione di Bilancio

Con 5 assenti, 15 voti favorevoli, 3 contrari e 2 astenuti il consiglio comunale ha approvato la variazione di bilancio.

Il consiglio comunale, tra una schermaglia preliminare Cardiello (FI) – Lenza (FDI) sul piano di zona; l’abbandono dell’aula del gruppo PD, le “aperture” al dialogo di Cuomo, la presa d’atto di Cariello, approva la variazione di Bilancio.

Massimo Cariello-Riequilibrio di Bilancio

Massimo Cariello-Riequilibrio di Bilancio

Il reportage di Marco Naponiello
per (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Va in scena ad un insolito orario il secondo ed ultimo consiglio comunale novembrino del comune di Eboli, l’assise cittadina infatti è stata convocata inopinatamente di lunedì dopo che si era precedentemente disposto che il venerdì fosse il giorno deputato alle riunioni e in aggiunta ad un orario singolare: le 16 per la canonica discussione delle interrogazioni (di solito proposte dalle opposizioni) e successivamente alle 17.00 dell’unico capitolo posto all’ordine del giorno, ovvero la variazione del bilancio sia dell’anno in corso che pluriennale, inerente il prossimo biennio.

Consiglio Comunale-Riequilibrio

Consiglio Comunale-Riequilibrio

Un agguerrito, ma non è una novità, Damiano Cardiello, capogruppo di  Forza Italia, aveva già preannunciato nei giorni scorsi sui social l’oggetto delle sue reprimende politiche da esporre preliminarmente al punto del consiglio vero e proprio: Soget, Piano di Zona e bando per l’assistenza specialistica Zona a traffico limitato nel centro storico, fallimento Multiservizi, convenzione tra comune di Eboli – Amesci, queste ultime tre non verrano trattate in aula per mancanza di tempo e la prima del la triade per l’assenza dell’assessore al ramo; dunque un parterre ricco che faceva intravedere difatti una partenza ça va sans dire briosa della pubblica assemblea per discutere il seguente OdG concordato con le varie forze istituzionali e calendarizzato normalmente con autorevolezza consumata, dal presidente del consiglio Fausto Vecchio:

  • Fausto Vecchio-Massimo Cariello-Riequilibrio Bilancio

    Fausto Vecchio-Massimo Cariello-Riequilibrio Bilancio

    ore 16.00: Interrogazioni: Soget, zona traffico limitato, piano di zona.

  • ore 17.00: Variazione di bilancio di previsione anno 2015 e pluriennale 2015/2017 – art 175, comma 3, d.l.vo 18 agosto 2000, n.267. (T.U.E.L meglio conosciuto come il Testo Unico degli Enti Locali).

Si inizia calle 16.00 con le interrogazioni e specificamente, con delle inconsuete risposte scritte,da trasmettere ex post, per la interrogazione riguardante la zona ZTL data la assenza come detto, dell’assessore al ramo della sicurezza e traffico, Armano D’Aniello, poi si passa nel vivo delle discussioni, con Damiano Cardiello che aveva chiesto la revoca in autotutela della proroga delle assegnazioni dei servizi sull’affidamento dei servizi sociali alle cooperative sociali preesistenti.

Lazzaro Lenza-Consiglio riequilibrio

Lazzaro Lenza-Consiglio riequilibrio

Lazzaro Lenza assessore di riferimento, interviene con piglio contestualizzandole emergenze che insistevano già da prima l’insediamento di questa giunta che erano a rischio decadenza le erogazioni finanziarie oltre che la consequenziale mancata somministrazione di servizi, i quali potevano dar luogo come in passato a condanne di risarcimento danni a carico dell’Ente e la contingenza delle scadenze contrattuali lavorative che riguardavano i lavoratori del settore, che come conseguenza avrebbero dato luogo, rimarcandolo di nuovo, alla mancata erogazione del servizio: «Non potevamo permettere questo, io sono attento al dato umano più che da peloso leguleio a quello tecnico-giuridico,dovevamo dare ai cittadini l’assistenza domiciliare e l’ascolto che su tale problematiche siamo investiti,riprendendo le tematiche sociali ai sensi del dettato della legge 104 per servizi ai bambini disabili e nel rispetto del codice degli appalti:continua l’assessore Lenza il piano di zona per chi non ne fosse a conoscenza è un piano concertato tra tanti comuni,otto per l’esattezza,dunque non dipende solo da noi, altresì, abbiamo voluto assicurare ripeto la continuità all’assistenza domiciliare affinché non vi fossero disagi, mancava a noi ancora il decreto ufficiale di finanziamento, ecco la causa della proroga ed il sistema dei Voucher che io apprezzo è oggettivamente di difficile contabilizzazione, come anche sul cambio di destinazione d’uso di tre  immobili a Santa Cecilia a fini dell’accoglienza degli immigrati secondo i parametri della Sprar, cioè Il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e costituisce una rete di centri c.d. di “seconda accoglienza” destinata ai richiedenti e ai titolari di protezione internazionale,oltre al centro già operante a Serracapilli siamo stati ligi al rispetto dei protocolli di legge».

Cardiello-Riequilibrio Bilancio

Cardiello-Riequilibrio Bilancio

Alle argomentazioni espresse dall’esponente della maggioranza ha replicato immediatamente il consigliere proponente le interrogazioni, il forzista Damiano Cardiello che oltre a non condividere metodi e meriti delle procedure proposte, si è lamentato di una certa “volontà dilatoria” dell’assessore nelle questioni per far trascorrere il tempo e non rispondere segnatamente ai punti in oggetto inerenti le ATI (associazione temporanea di imprese) che dovrebbero svolgere le mansioni riscontrando al contempo una pluralità di anomalie al riguardo: «Mi chiedo perché non ci si è aggiornati sulle direttive del 2014 riferenti al decreto regionale in materia? Perché Il bando non pubblicato sull’albo pretorio, ma su di esso cosa diversa ovverosia la determina di avvio della procedura? io vedo un certo centro affari in tutto questo! Abbiamo iniziato male finiamo peggio, sarà l’Anac (autorità nazionale anti-corruzione) eventualmente a mandare le carte in procuraprosegue concludendo il giovane esponente azzurro – qui siamo ad un paradosso, della proroga della proroga, una emergenzialità che copre irregolarità procedurali,visto che per legge tali questioni non rientrano tra quelle indifferibili, la sfido poi sul centro di accoglienza a dimostrare che i presenti in quel di Serracapilli non sono 58 come dice lei ma bensì 78, oltre la soglia di tolleranza, non ci sono le condizioni legali!»

Fausto Vecchio-Riequilibrio

Fausto Vecchio-Riequilibrio

Terminate le interrogazioni senza soluzione di continuità il presidente Fausto Vecchio introduce l’ordine del giorno consiliare, ovvero le variazioni di bilancio 2015 e 2015-2017,preliminarmente specificando il perché alcune mozioni non siano state ricevute: sicurezza e politiche giovanili saranno trattate prossimamente in consigli monotematici, la mozione ospedale del PD è molto simile alla delibera del 6 agosto, delibera approvata unitariamente sulla necessità di edificare un Ospedale Unico Del Sele, dunque per i tempi e i modi di presentazione, il presidente la considera una mera superfetazione da rimandare sine die, e questo scatenerà la reazione dura accompagnata da una nota di agenzia del gruppo consiliare del partito democratico che a nome di Antonio Conte ritirerà la sua delegazione (Petrone, Conte Di Candia), infatti Conte stigmatizzerà la situazione con queste parole: «Siamo molto delusi ed amareggiati per la mancata immissione della mozione e visto che non ci è data la possibilità di interloquire sulla questione del nostro nosocomio e non sappiamo con certezza neanche la data su quello che dovrebbe riguardare l’altro monotematico  da noi proposto, abbandoniamo la seduta per protesta, un vulnus grave al regolamento comunale si è consumato stasera».

Cosimo Pio Di Benedetto-Riequilibrio

Cosimo Pio Di Benedetto-Riequilibrio

Dopo questo “colpo di teatro” Cosimo Pio Di Benedetto, vice sindaco e assessore al bilancio ha preso il microfono per relazionare tecnicamente sui capitoli di bilancio da assestare nell’anno solare in corso e nei due che seguiranno; specifichiamo che la tutela del principio del pareggio è altresì garantita dal sistema di salvaguardia degli equilibri del Bilancio, disegnato dallo stesso d.l. 77/95 ed integrato a d.l. 342/97. Anche per questo aspetto la disciplina dell’ordinamento contabile degli Enti Locali non è stata oggetto di modifiche da parte del T.U. 267/2000 già citato. La salvaguardia degli equilibri è garantita dall’obbligo posto a carico del Consiglio di procedere, almeno una volta ogni anno, alla ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi economico-finanziari; l’esito negativo dell’accertamento fa scattare l’obbligo, a carico del Consiglio, di adottare i provvedimenti necessari per il ripiano dell’eventuale disavanzo di amministrazione o di gestione (che può essere dovuto, per esempio, da acquisizioni di beni e servizi in violazione delle regole dettate art. 35 d.l. 77/95 per l’assunzione di impegni e per l’effettuazione di spese) utilizzando tutte le entrate e le disponibilità, ad eccezione di quelle provenienti dall’assunzione di prestiti e di quelle aventi specifica destinazione per legge, nonché i proventi derivanti da alienazioni di beni patrimoniali disponibili il tutto entro il termine perentorio del 30 novembre nel rispetto della previsione delle spese correnti. Cosimo Pio Di Benedetto : il riequilibrio delle poste di bilancio fatto con flussi finanziari, volta all’esecuzione di delle opere per non incappare nella decadenza amministrativa, e alla verifica delle voci di entrata abbiamo un ammanco totale da compensare di 809.000 euro, dovendo assestare in ragione di ciò i capitoli di bilancio».

Pasquale Infante-Riequilibrio

Pasquale Infante-Riequilibrio

Per il gruppo dei “democratici per Eboli” ha relazionato velocemente Pasquale Infante, che con il suo stile sornione ha esordito: «Questo consiglio mi sembra un 118, si lavora in perenne emergenza! Difatti non vediamo come opposizione riconosciuti i nostri diritti ad un chiaro contraddittorio, insufficienti a nostro avviso le fonti di copertura, la mala gestio ricadrà sui contribuenti. Si parta con la Soget da una seria lotta all’evasione sui tributi, con controlli seri tramite il miglioramento del servizio accertamenti e riscossioni,per il resto su tutte le vicende, primo fra tutti l’operazione mare sicuro non vi è stata una seria programmazione, sui cittadini, ripeto ricadranno le nefaste conseguenze».

Cosimina Cennamo-Riequilibrio

Cosimina Cennamo-Riequilibrio

Un veloce passaggio ha interessato la consigliera di ascolto cittadino, Cosimina Cennamo neo presidente della commissione bilancio, la quale si è scusata per alcuni passaggi in commissione non accompagnati da adeguata allegazione cartacea, riproponendosi di migliorare in futuro il servizio, e raccogliendo il plauso generale dell’assemblea. Di nuovo il forzista Cardiello è intervenuto, auspicando in primis, una allegazione degli atti contestuale alla convocazione in consiglio e poi ha polemizzato con il presidente Vecchio, reo a suo argomentare, di ledere le prerogative della minoranza umiliando il dibattito (in violazione degli art 25 e 35 dello Statuto) e dando manforte lo stesso Cardiello ai piddini sulla loro sofferta scelta di lasciare anticipatamente l’aula, poi proseguendo ha stigmatizzato come la società che gestisce i parcheggi al Palasele, anni ’60,stia ben lucrando privatamente sugli introiti a discapito dell’erario cittadino, e sottolineando come ci siano state anomale assunzioni alla Soget, la società di riscossioni dei tributi comunali.

Antonio Cuomo-Riequilibrio

Antonio Cuomo-Riequilibrio

Successivamente è intervenuto il deputato del partito democratico, Antonio Cuomo, che in prima battuta anch’egli si è lamentato dell’andamento dei lavori consiliari e della giunta, come anche la gravità amministrativa della “proroga della proroga” ai servizi di assistenza sociale e continuando ha fatto un singolare parallelo con i lavori delle camere parlamentari: «Io ho avuto il piacere da tre mesi di tornare a Montecitorio, dove il premier Renzi sta imprimendo una svolta che piaccia o meno su tante tematiche nazionali:diritti di cittadinanza, concorrenza,beni culturali etc, ma quando torno il fine settimana vedo una città morta, da cinque mesi registro che non si è prodotto nulla! Tristemente si va di emergenza in emergenza aspettando l’ultimo momento utile,ma la svolta la vogliamo realmente imprimere? – ed ha aggiunto Cuomo leader dei democrat – mi si accusa strumentalmente di stare lontano e di non aver fatto nulla per questa città, ma io dal consiglio manco come cariche istituzionali dal 1990, ricoprendone altre aventi diverse funzioni e bacino elettorale diverse,consiglio al nostro sindaco di amministrare in proprio il sistema parcheggi, una vera miniera d’oro in altri comuni come potrebbe essere per il nostro, non si sprechi questa occasione, e mi dolgo per le lamentele di un cittadino (Vito Iorio presidente dell’associazione Eboli nel futuro NdR.), per la mancata concessione dello spazio in piazza dove da anni egli dispone di un mercatino artigianale e dell’antiquariato, kermesse che lui organizza anche in altri comuni, non vorrei che fosse una vendetta post elettorale solo perché il suddetto si è candidato nelle mie fila? Caro sindaco la campagna elettorale è finita da tempo!E l’On. Antonio Cuomo conclude lapidario Eboli patisce molte criticità, io rinnovo per l’ultima volta il mio appoggio per quel che riguarda le stesse: ospedale, Ises, Multiservizi e tanto altro ancora, mi spiace per le periferie versino ancora abbandonate e tanto altro ci sarebbe da dibattere, le voci in città non sono positive e sarebbe d’uopo organizzarci per altri consigli monotematici come la ex Pezzullo od il parco Fusco, cattedrali dello spreco in bella mostra da lustri, ma attendo di essere interpellato,al fine di porre in essere una costruttiva opposizione che porti dei risultati a tutta la collettività».

Carmine Busillo-riequilibrio

Carmine Busillo-riequilibrio

Dopo l’intervento del parlamentare è intervenuto nuovamente il presidente Vecchio che ha apprezzato le parole di disponibilità dell’on. Cuomo, ma ha anche spiegato la mancata inserzione nell’ordine del giorno della mozione piddina, considerandola una ripetizione di un oggetto trattato e già presente in unadelibera della giunta, poi ha attaccato duramente Cardiello : «per la sua smania di protagonismo, volta a creare sensazionalismi mediatici ed ostruzionismo in aula, senza essere una tale atteggiamento un u qualcosa che porti frutto».

Giuseppe La Brocca-riequilibrio

Giuseppe La Brocca-riequilibrio

A seguire Busillo di Insieme per Eboli, oltre ad esprimere il voto positivo si congratula con il presidente e la giunta per le scelte poste in essere, lamentandosi al contempo della mancata volontà collaborativa di alcuni parti della minoranza in assise, gli ha fatto eco repentino  La Brocca del neo costituito gruppo misto, dopo la fuoriuscita da Forza Italia, invitando le forze presenti ad impegnarsi meno nelle schermaglie procedurali e più sulle criticità presenti nel territorio, con un dovuto occhio di riguardo al problema dell’evasione fiscale e della riscossione tributaria.

L’ultimo intervento come sempre ad appannaggio istituzionale del primo cittadino Massimo Cariello, il quale con il solito aplomb che lo contraddistingue, ha ringraziato i suoi consiglieri ma anche le coloro che siedono nei banchi dell’opposizione per la loro volontà manifestata e reiterata di collaborazione, fatta eccezione per il gruppo del PD e la loro scelta “aventiniana” che lo stupisce.

Massimo Cariello-Consiglio Comunale-con-Vecchio-Di Benedetto

Massimo Cariello-Consiglio Comunale-con-Vecchio-Di Benedetto

Continuando con una menzione speciale ai dipendenti comunali che pur se sottorganico di ben 80 unità, mostrano volontà e polivalenza nei compiti attribuitigli, e fa una carrellata degli interventi cui la sua giunta si sta impegnando, come i parcheggi al Palasele ed al Dirceu, la Multiservizi l’Ises, Ospedale, centro storico e periferie (queste ultime saranno illuminate il giorno della Immacolata) ed afferma: «Per la viabilità sperimenteremo il doppio senso in via Ripa, la strada del comune ed in via Matteotti, ringrazio l’on Cuomo per la disponibilità, ma in merito alla vicenda dei mercatini penso che la location della piazza principale sia inadeguata ed effettivamente era un luogo di ‘no tax area’, nel senso che si evadeva la Cosap a fronte di tanti espositori irregolari e talvolta per lo sgombero è intervenuta la forza pubblica,ma ovvieremo – concludendo il sindaco Cariello per l’operato della Soget saremo vigili, ma fonti dirigenziali interne, snocciolano un dato preoccupante noi non abbiamo un censimento certo dei residenti sul territorio, ci sono circa tremila ‘fantasmi’, irregolari sul territorio stesso che sfuggono ai controlli, dunque una situazione da porre rimedio, io poi come amministratore locale trovo sempre disponibilità in regione Campania come anche dialogo bene con altri sindaci PD, di contro ci stiamo attivando per l’area PIP,il collettore fognario, la facciata del palazzo di città che no era stata toccata, mi sembra dal 1922,abbiamo evitato la chiusura del reparto di radiologia che avrebbe significato l’ automatica chiusura del pronto soccorso, il tutto il nostro operato volto in una  ottica di trasparenza ed efficienza amministrativa».

In appendice di discussione è stato proposto un emendamento al bilancio voluto dal sindaco in persona, ammontante a 1.730 €, da destinare a finalità sociali, approvato con 19 voti favorevoli ed un astenuto; per la cronaca la variazione di bilancio oggetto della seduta è passata con 15 voti favorevoli,3 contrari e 2 astenuti, la seduta si è  poi sciolta alle venti in punto.

Eboli 1 dicembre 2015

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Quattro ore di chiacchiere.

  2. E’ da tempo che vado chiedendo se i tre facenti capo all’on.le Cuomo appartengono o meno al Partito Democratico. Cortesemente qualcuno me lo potrebbe spiegare? Sono tanto vecchio e non vorrei morire portandomi nella tomba questo amletico dubbio. GRAZIE

    • Campa Cavallo che l’erba cresce.
      Il PD Ebolitano è costituito da DC De Mitiani, ex Socialisti opportunisti, Comunisti fasulli e alcuni ex Fascisti. Una miscellanea esplosiva a cui ora si aggiungerà buona parte dell’attuale Maggioraza Consiliare. Tutti con Renzi, tutti con De Luca, tradendo il preciso mandato del popolo Ebolitano. A noi vecchi restano solo i ricordi e le belle Ideologie. Il Ducetto Renzi, saldamente protetto dagli Imperialisti Occidentali (Usa, Francia, Germania, Inghilterra e loro satelliti), dall’alta Finanza speculativa e dai Banchieri usurai, elargisce somme a tutti ( € 80,00 a chi già lavora, € 500,00 ai diciottenni ecc.) tranne ai Pensionati, ai disoccupati, ai poveri e agli ammalati.
      La cosa, da una parte è lodevole, dall’altra è una vigliaccheria. Il peggio è che tali somme vengono sganciate solo per motivi elettorali e non per lo sviluppo e l’occupazione.
      Questo di tanta speme, oggi mi resta….

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente